• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 7 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 102
  1. #1
    Ospite non registrato

    Matrimonio o convivenza? cosa scegliere?

    Cari Amici e colleghi inizio un nuovo argomento d'attualità

    Mtrimonio o Convivenza? cosa scegliere?

    Ognuno di noi in base all'educazione ed ai valori insegnatogli, ha una concezione del matrimonio ed una concezione della convivenza.

    Il matrimonio dal mio semplice punto di vista, è una promessa d'amore e di cammino a 2 che dura tutta la vita, non lo vedo solo come un contratto che si può sciogliere come vuole, non è come una maglietta che cambi come vuoi ma un impegno in cui i 2 sono una cosa sola un frutto d'amore. Questa è solo la mia personale opinione.
    Gli ultimi dati statisti e sondaggi accertano che il matrimonio è in calo aumentano i divorzi di solito i motivi possono essere molto futili, a volte gravissimi, il matrimonio viene vissuto come opportunità di sistemarsi come moda, i fenomeni che sono alla base sono fenomeni di compensazione, cioè io sposo lei perchè è ricca etc poi appena mi rompo tanto c'è il divorzio, è una triste realtà col matrimonio acquisici dei diritti legali che non percepisci con la sola convivenza.

    Le convinvenze sono in aumento, si convive per svariate ragioni, la causa principale è per conoscere meglio il partner e vedere se si è capaci di poter superare gli ostacoli, personalmente condivido questa opinione, nel senso che una persona la si conosce solo standoci assieme 24h su 24h affrontando i disagi che una vita normale presenta, scaricifici economici risparmiare rinunciare agli svaghi per pagare le spese, etc .

    Molti dicono ma io il mio o la mia partner la conosco bene, sono stato in vacanza con lei molte volte! Niente di più vero si conosce il partner meglio ma non saprò mai come reagirà io una normale vita domestica, sacrificarsi a volte comporta frustazione e stress come si comporta la mia partner in merito?

    Affronta con decisione e nervi saldi lo stress? oppure reagira con rabbia oppure botte verso di me e verso i figli?


    Molti dicono che la convivenza non serve per il matrimonio molte coppie convivono per 10 anni e dopo 1 anno di matrimonio si lasciano! purtroppo è vero anche questo, la convivenza implica sempre una via d'uscita per altri il matrimonio è prigionia e senza via di scampo, forse non riescono a reggere l'idea ed ecco che si lasciano !

    Io sono per la convivenza prematrimoniale, anche per la convivenza perchè i soldi per il matrimonio non ci sono!

    Cosa ne pensate in merito?

    Siete per il matrimonio o la convivenza?

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di el loco
    Data registrazione
    24-08-2004
    Residenza
    Lecce - Milano - Parma- Figline
    Messaggi
    1,032
    Blog Entries
    8

    posta...

    il saggio zio Nino diceva:
    "Innamorarsi sempre, fidanzarsi qualche volta, sposarsi mai!"

    la domanda è mal posta....tipo sono per il celibato ad libitum.
    "... per favore Dio, per favore Knut Hamsun, non abbandonatemi adesso." (J. Fante)



    http://youtube.com/watch?v=jjXyqcx-mYY

  3. #3
    Postatore Compulsivo L'avatar di LUTHIEN
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    grosseto
    Messaggi
    3,501
    Io ho già un pò espresso il mio parere sugli attuali matrimoni nel thread sulle adozioni gay: fondamentalmente quello a cui assistiamo oggi è un grande calo del matrimonio, in cui dobbiamo però distinguere matrimoni in chiesa, in consistente calo, e matrimoni civili, anch'essi leggermente in calo. Di contro aumentano unioni di fatto, cioè convivenze che si protraggono all'infinito, addirittura persone che stanno insieme (ne conosco un paio), ma che continuano a vivere ognuno in una propria casa e poi si vedono la sera a casa di uno dei due. Mi sembra moltro squallida come cosa, oltretutto considerando che le persone in questione hanno 45 anni. Ovviamente aumentano drasticamente i divorzi e le separazioni.
    Questa tendenza può essere solo valutata, perchè certamente non si può imporre alla gente di sposarsi se non vuole, di avere figli se non vuole, di sposarsi in chiesa o in comune (semmai metterei dei limiti ai divorzi selvaggi...). In ogni caso di certo questa tendenza è preoccupante e denota un certo calo di responsabilità nelle persone dell'attuale generazione. Il matrimonio implica grandi impegni e sforzi che le persone non se la sentono di sobbarcarsi: la vita facile e comoda piace, la mancanza di un'unione ti può permettere di fare come ti pare, se ti sei stufata di un partner tanto lo cambi, non ci sono problemi di sorta. Molti psicologi appunto parlano di mancanza diffusa di responsabilità, impegno e sacrificio nella società del consumismo e dell'apparente benessere, dato che le attuali generazioni boicottano il benessere interiore e psicologico con quello materiale. Nella società dell'apparente benessere i genitori non aiutano i figli ad affrontare la vita, che, sempre meno seguiti o sempre troppo iperaccuditi, escono di casa (oltretutto molto tardi per svariati motivi) e si trovano spaesati in un mondo che non se la sentono di affrontare. NOn si ha voglia di sobbarcarsi problemi e crucci e quindi si evita volentieri un matrimonio che certo non è una passeggiata. Purtroppo l'idea del sacrificio oggi diventa un miraggio sempre più evanescente...
    Per quanto riguarda le convivenze prima del matrimonio possono essere utili per conoscerti meglio col partner, ma non è assolutamente vero che risolvono sempre le cose. La visione della coppia che si ha durante la convivenza è spesso distorta, primo perchè non c'è un legame impegnativo come quello che si crea col matrimonio, secondo perchè entrambi i partner sono come "accecati" dall'idea del più o meno vicino matrimonio e vedono tutto molto più rosa. E infatti il non trascurabile numero di persone che divorziano ugualemtne dopo una convivenza non può che dimostrare questo. Certi psicologi li hano anche chiamati "gli effetti che dormono", ma che poi comunque si risvegliano appena compaiono i primi stress.
    "Sono un viandante sullo stretto marciapiede dela terra e non distolgo il pensiero dal Tuo volto, che il mondo non mi svela..." Karol Woitila
    +Luthien Tinuviel+

  4. #4
    Ospite non registrato
    Cara Luthien in sostanza abbiamo detto le stesse cose!
    anche se con un linguaggio differente

  5. #5
    Io trovo "molto squallido" sparare giudizi di sorta, ahimé. Non faccio la cattodifensora della morale, ma vorrei ricordare una cosa.

    Matteo 7:1-5

    Non giudicate, per non essere giudicati; perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati. Perché osservi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio? O come potrai dire al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell'occhio tuo c'è la trave? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di claudina
    Data registrazione
    15-08-2002
    Residenza
    *persa ...e basta :D *
    Messaggi
    3,055
    Originariamente postato da LUTHIEN
    Di contro aumentano unioni di fatto, cioè convivenze che si protraggono all'infinito, addirittura persone che stanno insieme (ne conosco un paio), ma che continuano a vivere ognuno in una propria casa e poi si vedono la sera a casa di uno dei due. Mi sembra moltro squallida come cosa, oltretutto considerando che le persone in questione hanno 45 anni.

    squallida?!?
    ma ognuno sarà libero di fare cosa ritiene meglio nella vita?!?di vivere il suo rapporto d'amore come vuole?!matrimonio,convivenza,ognuno a casa sua ...io non trovo nulla di squallido in nessuna di queste scelte

    Alcune cose ci sfuggono perchè sono così impercettibili che le trascuriamo. Ma altre non le vediamo proprio perchè sono enormi.

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di el loco
    Data registrazione
    24-08-2004
    Residenza
    Lecce - Milano - Parma- Figline
    Messaggi
    1,032
    Blog Entries
    8

    bene bravo bis

    ...tipo mi sembra di leggere molto spesso profeti, opinioni troppo sicure, giudizi portati con lance e fruste, sommari, comportamenti messi all'indice alla grande...io parto dalla pari dignità di tutto ciò che è uomo.
    Per quanto mi riguarda credo non potrò mai essere uno psicologo, come intendo io, dando dei giudizi sommari di valore a quello che mi capita davanti..
    fatevobis
    salute
    "... per favore Dio, per favore Knut Hamsun, non abbandonatemi adesso." (J. Fante)



    http://youtube.com/watch?v=jjXyqcx-mYY

  8. #8
    Ospite non registrato
    vorrei fare una premessa non si giudica nessuno ma in questo caso si esprimono solo opinioni e possibili ipotesi i sondaggi sono prove perciò si parla anche con cognizione di causa, lungi da me giudicare la vita privata degli altri, sarebbe poco ortodosso e carino farlo, ma questo è un fenomeno di attualità la convivenza sta diventando costume dominante anche in Italia, perciò è giusto esprimere le proprie opinioni in merito

  9. #9
    Affermare che la scelta di una persona è squallida, per me, secondo me, equivale a un giudizio (un giudizio di valore, per essere pignoli). E non è costume né attualità, si parla di Vita, di Persone: mi sembra ci si dimentichi di questo, spesso e volentieri.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  10. #10
    Ospite non registrato
    La parola squallida può esser sfuggito nella foga del discorso magari non ci pensi in quell'istante ma nei miei post non ho espresso alcuna forma di giudizio solo opinioni, comunque è da ammettere che la convivenza sta diventato ampio fenomeno di costume di questo non puoi darmi torto Mia Wallace

  11. #11
    Postatore Compulsivo L'avatar di LUTHIEN
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    grosseto
    Messaggi
    3,501
    La parola squallida può esprimere un giudizio personale (per quanto cara Mia, di queste parole, tipo squallido, riprovevole, deprecabile, mi sia capitato svariate volte di sentirlo anche dire da professori che poi sono anche psicologi), quindi se tali parole possono risultare disdicevoli cercherò di farci caso. Ma per quanto riguarda il resto la questione è diversa, perchè si parla di fenomeni, di tendenze sociali, non di parole di giudizio.
    "Sono un viandante sullo stretto marciapiede dela terra e non distolgo il pensiero dal Tuo volto, che il mondo non mi svela..." Karol Woitila
    +Luthien Tinuviel+

  12. #12
    La parola squallida può esser sfuggito nella foga del discorso magari non ci pensi in quell'istante ma nei miei post non ho espresso alcuna forma di giudizio solo opinioni, comunque è da ammettere che la convivenza sta diventato ampio fenomeno di costume di questo non puoi darmi torto Mia Wallace
    Be', il bello di una discussione in un forum è che si scrive, non si parla. C'è tutto il tempo per scegliere le parole da usare, per contare fino a dieci o a cento, anche, prima di cliccare su invia.
    Per il resto non dico niente se non che non hai capito quello che volevo dire, ma non saprei come spiegarlo in modo migliore: forse ci è riuscito el loco, forse ci riuscirà qualcun altro.
    Se poi vuoi la ragione, non ho nessun problema a dartela, figurati. Quando posso, preferisco stare dalla parte del torto, di chi non ha voce, delle minoranze. Accomodati pure.
    Ultima modifica di Mia_Wallace : 01-05-2005 alle ore 15.47.07
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  13. #13
    Originariamente postato da LUTHIEN
    La parola squallida può esprimere un giudizio personale (per quanto cara Mia, di queste parole, tipo squallido, riprovevole, deprecabile, mi sia capitato svariate volte di sentirlo anche dire da professori che poi sono anche psicologi), quindi se tali parole possono risultare disdicevoli cercherò di farci caso. Ma per quanto riguarda il resto la questione è diversa, perchè si parla di fenomeni, di tendenze sociali, non di parole di giudizio.
    E allora? Sicuramente esisteranno anche professori che poi sono anche psicologi che uccidono, fornicano, evadono le tasse o picchiano le vecchiette: mi dovrei sentire meglio?
    Il punto non è avere torto o ragione. Non siamo qui a fare gare dialettiche, credo, ma a confrontarci. Quello che volevo dire (e credo di averlo spiegato in italiano e in modo esauriente) è che trovo spiacevole leggere certe cose. Perché nessuno ha il diritto di giudicare nessuno. Perché, mi ripeto, parliamo di Vita e Persone: e Vita e Persone meritano rispetto.
    Se si parla di fenomeni e tendenze sociali, evitiamole, allora, le parole che esprimono un giudizio. Siamo tutti quantomeno studenti universitari, dovremmo essere in grado di farlo.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  14. #14
    Postatore Compulsivo L'avatar di LUTHIEN
    Data registrazione
    17-10-2004
    Residenza
    grosseto
    Messaggi
    3,501
    E infatti ho detto che crecherò di farci caso, per quanto non siamo solo qui a descrivere fenomeni e a portare dati, poichè essendo esseri umani abbiamo anche delle opinioni da esprimere su tali dati e tali fenomeni. Quindi posso certo evitare parole disdicevoli, ma non opinioni personali.
    "Sono un viandante sullo stretto marciapiede dela terra e non distolgo il pensiero dal Tuo volto, che il mondo non mi svela..." Karol Woitila
    +Luthien Tinuviel+

  15. #15
    Originariamente postato da LUTHIEN
    Sì, non ho capito perchè non mi sembra che avevi espresso opinioni riguardo al resto del post, ma solo alla parola particolare da me usata. Il resto del post è chiaro, mi sembra siano cose che puoi trovare in qualunque testo di psicologia dell'arco di vita, o dela famiglia o del divorzio, oppure nei commenti a qualche sondaggio o ricerca di tendenza.
    Non ho espresso opinioni riguardo al resto del post semplicemente perché non mi va di esprimere opinioni su questo argomento
    I testi di psicologia dell'arco di vita o della famiglia o del divorzio, per me, sono mezzi, non Verità Assolute, e preferisco studiarli e/o consultarli in quanto tali
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

Pagina 1 di 7 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy