• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13
  1. #1
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834

    Qualcosa Vi Sta Disturbando? Segnalatelo...

    Ho avuto segnali deboli circa alcuni malumori interni a questa stanza di discussione e a quella di Psicologia Clinica...

    Essendo, appunto, segnali deboli, prima di attivarmi vorrei sapere da tutti voi che frequentate questa stanza se state riscontrando cose che vi disturbano, ovvero se state incontrando partecipanti che "rendono complicato" il buon andamento delle discussioni e dei dibattiti...

    Vi prego di scrivermi in forma privata alla mail n.piccinini @ opsonline.it.
    Queste comunicazioni rimarranno private e forniranno indicazioni per intervenire su eventuali criticità

    Grazie per la collaborazione
    nicola

  2. #2
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    ringrazio per le segnalazioni

    neppure dico l'account indicato perché mi pare scontato ed intuibile... dico solo che se non cambia modalità di partecipazione ai forum di OPs, a questo account verrà rimosso l'accesso

    patti chiari e partecipazione lunga
    nicola

  3. #3
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Carissimo Nico

    Nella stanza "Il fine ultimo della psicoterapia", ho pstato quanto segue:

    Si, e abbiamo una grande esperienza sperimentale in psicofarmacologia. Codice Binario viene dalla sperimentazione animale di laboratorio..e poi verificata (clinicamente) nel singolo e nel gruppo..””

    Ipse dixit agex. Peccato che nessuno abbia mai visto una sua (loro?) pubblicazione! Ma già, se la citassero, i cattivi mod di OPS la stroncherebbero perché costituirebbe pubblicità. Curiosa tecnica, vero? Si basa su questi passaggi:

    1) Fare affermazioni non verificabili
    2) Rifiutarsi di portare dimostrazioni di quanto si afferma
    3) Sostenere che è colpa degli altri se non si può dimostrare quanto si afferma
    4) Se si viene bannati protestare perché gli avversari sono non-democratici ecc. ecc. ecc.

    Ora, fare flaming può anche essere divertente per voi agex. Subirlo non è altrettanto divertente per me. Prima vi firmavate Mattio, ora agex, tra qualche mese cambierete nome e ricomincerete con le vostre affermazioni su codici binari dei quali nessuno ha mai sentito parlare (Nè su medline, né su psycholit esistono articoli citati che parlino di codice binario. Né in inglese, né in francese, né in spagnolo, né in portoghese, né in tedesco né in italiano. Se avete pubblicato qualcosa in thailandese antico o in fulba o in un dialetto maori fatecelo sapere!)
    Quanto poi alla vostra tecnica di non discutere mai nel merito le affermazioni di chi interviene, ma di inserire noticine a pié di pagina e glosse che dovrebbero servire a dimostrare la vostra suprema intelligenza e l'ignoranza di chi ha tentato di rispondervi, che vi devo dire, assomiglia molto a quello che - in clinica - si chiama "dare risposte di traverso". Come quando si chiede: "Dove vai?" e ti viene risposto "Beh, non vedi? Sono cipolle".

    Io, francamente, mi sono stancato di affermazioni non verificate né verificabili, di giri di parole, mezze frasi e mezzi insulti. Chiedo cortesemente a tutti coloro che sono d'accordo con me di intervenire presso Nico o Haruka o chiunque altro e mettere termine a questa buffonata. Gli USA, pur essendo un paese democratico, la II Guerra Mondiale l'hanno combattuta, eccome! Essere democratici non significa lasciare che quattro sconosciuti che si piccano di essere degli Einstein mandino in vacca un buon forum.

    Ciao a tutti

    Rottigni Guglielmo
    Via Padre Leon Dehon, 9
    24021 Albino (BG)
    340-6014937

    L'indirizzo sopra riportato è vero. Lo riporto perché sono abituato a non nascondermi dietro una sigla quando chiedo di intraprendere un'azione. Questo non autorizza nessuno ad utilizzarlo per scopi commerciali o di spamming o di flaming o, comunque, non inerenti questa discussione.

    Ciao
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  4. #4
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Bene, a questo punto direi proprio che il richiamo ad Agex (o Mattio) è ufficiale.
    Se non si cambia registro da subito, scatta il ban e sarà definitivo ed a vista

    In altre parole:
    - Mattio è già stato bannato dopo un travagliatissimo iter
    - Agex è stato già invitato ultimamente in privato a smussare i toni e gli approcci, ma anche diverso tempo fa

    Essendo il comportamento ed i personaggi recidivi, un ulteriore ban comporta future ed immediate rimozioni di eventuali nuovi account non appena ci si accorga che sono la stessa persona.
    Per verificare ciò ci sono vari modi, ma due sono veramente semplici:

    1) fare un match degli IP da cui gli utenti scrivono
    2) sgamare i codice binario, che pare essere l'unica argomentazione possibile

    Ovviamente, non seguendo costantemente le due stanze, chiedo a tutti voi di segnalare se vi è o meno qualche cambiamento, così da poter intervenire adeguatamente e subito

    Un cordiale saluto e grazie per la collaborazione
    Nicola Piccinini

  5. #5
    io mordo
    Ospite non registrato
    Sono contento che non ti nascondi.
    Vai su google e digita Gianluca Mattioli e facci sapere cosa hai scoperto.
    ciao

  6. #6
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    a parte che non esce nulla di così significativo (una pubblicazione o due non si nega a nessuno)...
    detto ciò, non solo conta il contenuto, ma ancor più le modalità... almeno quelle che vogliamo veder crescere qui su OPs... poi, magari esisteranno pure altre comunità in cui tutti parlano a tutti senza ascoltare nessuno, ma come ho detto... sono ALTRE...

    un saluto

  7. #7
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Dunque. In italiano ho trovato questo:

    Libri
    La nuova frontiera della Psicoanalisi: l'emozione si fa scienza

    sinora le speculazioni teoriche non hanno tenuto conto che l'emozione è espressione del mondo biologico, la nuova frontiera della psicoanalisi è che l'emozione, descritta come un mosaico policromatico che si perde nelle complesse classificazioni filosofiche e socioculturali, si fa scienza, di Gianluca Mattioli

    di Gianluca Mattioli Editore: BORLA Maggio 2000 Gianluca Mattioli è medico neurologo con competenza psicoanalitica. Insieme con Roberto Romano, neurochirurgo, ha lavorato per un lungo periodo sperimentalmente nel campo delle emozioni e dell'epilessia nei Laboratori dell'Università La Sapienza di Roma .Si è dedicato per molti anni alla formazione e aggiornamento degli insegnanti nella provincia di Latina. Attualmente, oltre al lavoro di ricerca, insegna in scuole di psicoterapia. In sintesi il contenuto del libro: sinora le speculazioni teoriche non hanno tenuto conto che l'emozione è espressione del mondo biologico, la nuova frontiera della psicoanalisi è che l'emozione, descritta come un mosaico policromatico che si perde nelle complesse classificazioni filosofiche e socioculturali, si fa scienza. La psicoanalisi, non è letteratura, è una disciplina appartenente in massima parte alla medicina e dunque alla biologia. La sua funzione è quella di integrare le conoscenze del funzionamento cerebrale (di competenza delle neuroscienze) con quelle derivanti dalle scienze umanistiche.

    Le recenti ricerche hanno dimostrato che il comportamento umano è sempre finalizzato alla ricerca del piacere. Il dramma consiste nel fatto che, a livello cerebrale, nel momento in cui si raggiunge la saturazione del sistema del dolore (emozione innata), una ulteriore sollecitazione dolorosa provoca, automaticamente, una risposta paradossale di piacere. Questa particolare forma di piacere, conduce alla formazione del sentimento istintivo (sfida, rabbia, rivalsa, vendetta, euforia e trionfo, perdita del senso del pericolo, attacchi ai legami ecc.). L'altra emozione, il piacere (emozione acquisita) si ottiene dalla tolleranza della frustrazione ed è necessaria per formare a livello cerebrale l'area del sentimento affettivo (formazione di legami, formazione del senso del pericolo, ecc.). Purtroppo, sul piano esistenziale, il piacere istintivo può essere confuso con il piacere affettivo. Da qui il dramma e l'estrema conseguenza, pari ad una fascinazione, dell'istinto: la guerra. Il compito della psicoanalisi è quello di riconoscere nelle modalità comportamentali l'area del sentimento istintivo contenente il piacere paradossale.

    La psicoanalisi nasce con la teoria dualistica "processo primario e processo secondario"riportata nel Progetto di Freud del 1895 sino ad approdare alla teoria pulsionale "di vita e di morte". Mattioli descrive la nuova frontiera: dimostra e conferma che il funzionamento cerebrale è condizionato dalle soglie di due sistemi antagonici integrati. Questi sistemi includono il cervello limbico che viene ad essere ridefinito rispetto alla prima descrizione offerta da Mc Lean e successivamente da Gloor. Il cervello limbico è l'espressione di due emozioni antagoniche (teoria dualistica): la prima, innata, è il dolore ed è quella meglio strutturata filogeneticamente , l'altra, acquisita, è il piacere ed è condizionata dall' apprendimento e dall'ambiente. I risultati scientifici portano alla formazione di un modello che si colloca come ruolo di cerniera fra le conoscenze del funzionamento del cervello relative a quattro liveli di soglia ( I° livello: presenza nel mondo; II° livello: crsi della presenza nel mondo, riflesso limbico o di evitamento; III° livello: crisi convulsiva o antidepressivo biologico quale evitamento dalla crisi della presenza nel mondo; IV° livello: coma reversibile, annullamento come estrema difesa dalla crisi della presenza nel mondo), e i contributi derivanti dalle scienze umanistiche (psicologia, antropologia, etnologia, etologia).

    Viene inoltre dimostrato che la separazione del corpo dalla mente, postulata inizialmente da Platone e successivamente imposta da Cartesio, è un'operazione arbitraria, strumentale, fuorviante e irreale. Il testo propone un nuovo orizzonte che facilita la conoscenza del funzionamento dell'attività cerebrale attraverso il ruolo svolto dai sentimenti. Si deve ai livelli di soglia del sistema limbico la formazione sia del sentimento contenente il piacere "affettivo", equivalente alla tolleranza della frustrazione e alla formazione del legame (processo secondario, principio di realtà di Freud, posizione depressiva della Klein, funzione alfa di Bion) che la formazione del sentimento contenente il piacere "istintivo" equivalente alla intolleranza della frustrazione (processo primario, principio del piacere, posizione schizo paranoide, funzione beta). Il risvolto pratico del modello riguarda sia l'analisi che l'intrepretazione del sintomo descritto come psicosomatico che per Mattioli è l'equivalente del sogno. In sostanza, la funzione principale del cervello è quelle di informare o non (come nel caso drammatico dell'infarto cardiaco silente: lesione miocardica senza dolore anginoso) il soggetto sul pericolo incombente.

    La comunicazione interna avviene attraverso il processo analitico, in mancanza dell'analisi l'alternativa è attraverso i riflessi di evitamento o per usare la proposta di Mattioli, sia con il il sogno che con il "riflesso limbico" del secondo e terzo e terzo livello di soglia (II° soglia: attivazione vegetativa, sintomo riconosciuto in letteratura come psicosomatico, II° soglia: crisi epilettica, antidepressivo biologico). Particolare attenzione viene rivolta nei confronti di quadri clinici quali l'attacco di panico, la depressione, l'epilessia, ma anche la follia nelle sue svariate forme. Il nucleo portante del contributo sperimentale e clinico riguarda la dimostrazione relativa alle risposte paradossali del tronco cerebrale, per Mattioli struttura responsabile dell'inconscio. La teoria dualistica (emozione:dolore/piacere, sentimento: affettivo/istintivo) proposta riguarda il funzionamento dinamico dei due sistemi antagonici integrati: alla saturazione di un sistema subentra l'attivazione dell'antagonico. Nel caso del sistema del dolore la sua ulteriore sollecitazione conduce al piacere paradossale o istinto in quanto la saturazione della soglia automatica del tronco cerebrale (a cui appartiene il dolore) viene riconosciuta e proposta come la responsabile nel produrre la sensazione piacevole (paradossale, istintiva, psicotica) quale risposta ad uno stimolo doloroso.

    In ultimo: per quanto riguarda l'epilessia il testo di Mattioli offre un'ampia descrizione chiarificatrice sul ruolo antidepressivo della crisi convulsiva e il riconoscimento diagnostico e prognostico attraverso l'utilizzazione dell'elettroencefalogramma vettoriale. Lo studio nel suo complesso permette di fornire elementi illuminanti su alcuni meccanismi che partecipano nelle cause delle morti improvvise e delle condotte suicidarie. La sintomatologia descritta come psicosomatica viene riconosciuta da un nuovo e rivoluzionario punto di vista. Il testo è una lettura fondamentale per lo psicoterapeuta di ogni disciplina ed è consigliato a quanti siano mossi dal desiderio di approfondire la conoscenza del comportamento umano.

    Che sembra essere una buona pubblicità.

    In lingua inglese:
    A meno che non sia anche egittologo, NULLA

    In lingua francese:
    A meno che non sia anche giocatore di Basket, NULLA

    In lingua spagnola:
    Come per il francese

    In lingua portoghese:
    Come sopra

    In lingua tedesca:
    A meno che non sia anche professore di sociohistory: nulla

    Devo continuare?
    Dalle mie parti non basta la pubblicità di un testo per essere definiti bravi. E, comunque, non autorizza a trattare gli altri come pezze da piedi, fare domande idiote e rifiutarsi di fornire prove delle proprie affermazioni

    Ciao

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  8. #8
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Ad esempio, perché non si cerca (su Google, ma si può fare anche su altri motori di ricerca) qualcosa su un certo Christophe Dejours? È praticamente il mio idolo. Ha sviluppato una teoria che apprezzo molto e sulla quale ho costruito la mia tesi di laurea. Ma non passo il tempo a parlare della psicodinamica del lavoro con chiunque chieda di discutere di un argomento qualsiasi. Né interpreto l'intero universo conosciuto con le categorie proprie di quella teoria. Un pochino di umiltà, anche se si è ricercatori famosi, non guasterebbe!

    E con questo chiudo i miei interventi al riguardo.

    Ciao

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  9. #9
    Partecipante L'avatar di ellea
    Data registrazione
    21-10-2003
    Messaggi
    35
    Per quel che vale, ho apprezzato molto l'intervento accorto di nico a disposizione di chi avesse qualcosa da segnalare.Trovo giusto che la moderazione tuteli il forum da eventuali comportamenti disarmonici rispetto al contesto: tale tutela è una garanzia di libertà che rende ancora più piacevole questo posto.
    grazie.
    ---
    ellea

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739
    vorrei solo esprimere il mio dispiacere
    agex era (ed è) un utente intelligente, che ha scritto messaggi che trasparivano una grande e rara sensibilità
    questo prima di prestare il nick a mattioli

    spero che Ale legga, se non altro per ricordarsi che qualche "vecchio" utente che lo ha stimato e si dispiace per tutto questo, c'è ancora...
    scusate la franchezza, ma io non sono abituata a girarci troppo attorno alle cose
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  11. #11
    agex
    Ospite non registrato
    Nella stanza "Il fine ultimo della psicoterapia", ho pstato quanto segue:

    ”Si, e abbiamo una grande esperienza sperimentale in psicofarmacologia. Codice Binario viene dalla sperimentazione animale di laboratorio..e poi verificata (clinicamente) nel singolo e nel gruppo..””

    In sostanza è stata proposta una teoria “codice binario” che fa riferimento alla biologia del cervello e dunque al funzionamento dello stesso, sono state fatte pubblicazioni e libri che lo descrivono: chi vuole saperne di più si documenti. Il contenuto della teoria “codice binario” affronta il tema della malattia e del sintomo con particolare riferimento alla funzione del sogno. La matrice originaria è nel “modello psicoanalitico” proposto inzialmente da Sigmund Freud, da Melaine Klein e da Wilfred Bion, che non sono la verità, né il “verbo”, ma semplicemente degli autori come lo sono gli autori del codice binario che risulta essere l’attualizzazione e un contributo attuale al corpus freudiano (medici, neurologi con competenza psicoanalitica riconosciuti dalla Repubblica Italiana).

    Forse a Willy non piacciono i ricercatori che si occupano di malattia, sintomo e sogno????


    »Ipse dixit agex. Peccato che nessuno abbia mai visto una sua (loro?) pubblicazione!”

    Basta avere la’utorizazione della Redazione alla citazione dei testi.

    “ Ma già, se la citassero, i cattivi mod di OPS la stroncherebbero perché costituirebbe pubblicità. Curiosa tecnica, vero? Si basa su questi passaggi:

    ”1) Fare affermazioni non verificabili”

    a noi non ci risulta, basterebbe guardare i risultati dei nostri interventi, noi ci confrontiamo con i dati, non ci serve la pubblicità ma i risultati: perché il buon Willy non legge la stanza dei sogni????? E’ la stanza clinica per eccelenza, per noi non è il bar dello sport… è il forum di OPS che merita attenzione e rispetto..

    “2) Rifiutarsi di portare dimostrazioni di quanto si afferma”

    Quando sono state richieste le abbiamo sempre fornite: fuori i dati in cui ci siamo rifiutati di fornire dimostrazioni. Il buon Willy ci dica la sua nel merito di malattia-sintomo e sogno..allora la aspettiamo…..

    “3) Sostenere che è colpa degli altri se non si può dimostrare quanto si afferma”

    abbiamo chiesto l'autorizzazione della Redazione non ci siamo rifiutati!!!!!!



    “4) Se si viene bannati protestare perché gli avversari sono non-democratici ecc. ecc. ecc.”

    se si viene bannati conviene pensare ad altro..per esempio a degli interessi che possono essere intaccati se si parla di malattia-sintomo e sogno….il buon Willy sa per esempio che al confusione fra sintomo e malattia è alla base del’abuso farmacologico di antidepressivi..un mercatino rionale in sintesi…

    ”Ora, fare flaming può anche essere divertente per voi agex. Subirlo non è altrettanto divertente per me.”

    A noi sembra invece che si voglia impedire il dibattito e la crescita sui concetti di malattia-sintomo e sogno…siamo pronti a ricrederci se ce ne offrite le prove…

    “ Prima vi firmavate Mattio, ora agex, tra qualche mese cambierete nome e ricomincerete con le vostre affermazioni su codici binari dei quali nessuno ha mai sentito parlare (Nè su medline, né su psycholit esistono articoli citati che parlino di codice binario. Né in inglese, né in francese, né in spagnolo, né in portoghese, né in tedesco né in italiano. Se avete pubblicato qualcosa in thailandese antico o in fulba o in un dialetto maori fatecelo sapere!)”

    Di certo non abbiamo pubblicato con i soldi dell’industria farmaceutica….né abbiamo come scopo di favorire il consumo e l’abuso di farmaci eccitanti…

    “Quanto poi alla vostra tecnica di non discutere mai nel merito le affermazioni di chi interviene, ma di inserire noticine a pié di pagina”

    forse ti stai confondendo..le noticine sono della redazione…

    “ e glosse che dovrebbero servire a dimostrare la vostra suprema intelligenza e l'ignoranza di chi ha tentato di rispondervi, che vi devo dire, assomiglia molto a quello che - in clinica - si chiama "dare risposte di traverso". Come quando si chiede: "Dove vai?" e ti viene risposto "Beh, non vedi? Sono cipolle"

    Appunto cosa è per voi sintomo-malattia-sogno????

    ”Io, francamente, mi sono stancato di affermazioni non verificate né verificabili, di giri di parole, mezze frasi e mezzi insulti.”

    Eppure i nostri post sono i più letti…quaranta visite al giorno..sono poche???????

    “Chiedo cortesemente a tutti coloro che sono d'accordo con me di intervenire presso Nico o Haruka o chiunque altro e mettere termine a questa buffonata. Gli USA, pur essendo un paese democratico, la II Guerra Mondiale l'hanno combattuta, eccome! Essere democratici non significa lasciare che quattro sconosciuti che si piccano di essere degli Einstein mandino in vacca un buon forum.”Ciao a tutti
    Rottigni Guglielmo
    Via Padre Leon Dehon, 9
    24021 Albino (BG)
    340-6014937
    L'indirizzo sopra riportato è vero. Lo riporto perché sono abituato a non nascondermi dietro una sigla quando chiedo di intraprendere un'azione. Questo non autorizza nessuno ad utilizzarlo per scopi commerciali o di spamming o di flaming o, comunque, non inerenti questa discussione.Ciao”

    Ovviamente non ti stai facendo pubblicità…..sei un democratico…ma a proposito hai chiesto alla Redazione ciò che noi ti avevamo sollecitato?????? Nò????? E perché????? A già sei democratico…

    “Bene, a questo punto direi proprio che il richiamo ad Agex (o Mattio) è ufficiale.
    Se non si cambia registro da subito, scatta il ban e sarà definitivo ed a vista
    In altre parole: - Mattio è già stato bannato dopo un travagliatissimo iter”

    ma stò Mattio chi è??? Perché non lo raccontiamo al forum chi è e perché stato bannato eprlava di sintomo-malattia-e sogno con competenza..o forse non era un medico neurologo ricercatore??????


    ”- Agex è stato già invitato ultimamente in privato a smussare i toni e gli approcci, ma anche diverso tempo fa”

    Lo racconti anche al forum..o è un segreto?????

    ”Essendo il comportamento ed i personaggi recidivi, un ulteriore ban comporta future ed immediate rimozioni di eventuali nuovi account non appena ci si accorga che sono la stessa persona.”

    Per verificare ciò ci sono vari modi, ma due sono veramente semplici:

    1) fare un match degli IP da cui gli utenti scrivono
    2) sgamare i codice binario, che pare essere l'unica argomentazione possibile

    Ovviamente, non seguendo costantemente le due stanze, chiedo a tutti voi di segnalare se vi è o meno qualche cambiamento, così da poter intervenire adeguatamente e subito
    Un cordiale saluto e grazie per la collaborazione. Nicola Piccinini”

    Insomma siamo tutti contro il dibattito su sintomo-malattia e sogno??? In sostanza il “Codice binario” altro non è che una teoria di orientamento psicoanalitico perchè affronta le problematiche inerenti al dibattito su malattia-sintomo e sogno deve essere mandato al rogo???

    Ed ora vediamo come il buon Willy su suggerimento di Nico ha sgamato il codice binario (una teoria di orientamento psicoanalitico), in sintesi il frutto delle ricerche:

    “Dunque. In italiano ho trovato questo:”

    Dunque ha trovato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    ”Libri
    La nuova frontiera della Psicoanalisi: l'emozione si fa scienza

    sinora le speculazioni teoriche non hanno tenuto conto che l'emozione è espressione del mondo biologico, la nuova frontiera della psicoanalisi è che l'emozione, descritta come un mosaico policromatico che si perde nelle complesse classificazioni filosofiche e socioculturali, si fa scienza, di Gianluca Mattioli”

    ”di Gianluca Mattioli Editore: BORLA Maggio 2000”

    Borla ha una caratteristica: è una delle maggiori Case Editrici Italiane delle Scuole di orientamento psicoanalitico italiane, NON SPONSORIZZATA DA INDUSTRIE FARMACEUTICHE, un dettaglio che la ricerca del buon Willy non riporta.

    “ Gianluca Mattioli è medico neurologo con competenza psicoanalitica. Insieme con Roberto Romano, neurochirurgo, ha lavorato per un lungo periodo sperimentalmente nel campo delle emozioni e dell'epilessia nei Laboratori dell'Università La Sapienza di Roma.”

    Ehmmmm…….

    “Si è dedicato per molti anni alla formazione e aggiornamento degli insegnanti nella provincia di Latina. Attualmente, oltre al lavoro di ricerca, insegna in scuole di psicoterapia.”



    ehhmmmmmm

    “In sintesi il contenuto del libro: sinora le speculazioni teoriche non hanno tenuto conto che l'emozione è espressione del mondo biologico, la nuova frontiera della psicoanalisi è che l'emozione, descritta come un mosaico policromatico che si perde nelle complesse classificazioni filosofiche e socioculturali, si fa scienza. La psicoanalisi, non è letteratura, è una disciplina appartenente in massima parte alla medicina e dunque alla biologia. La sua funzione è quella di integrare le conoscenze del funzionamento cerebrale (di competenza delle neuroscienze) con quelle derivanti dalle scienze umanistiche.

    Le recenti ricerche hanno dimostrato che il comportamento umano è sempre finalizzato alla ricerca del piacere. Il dramma consiste nel fatto che, a livello cerebrale, nel momento in cui si raggiunge la saturazione del sistema del dolore (emozione innata), una ulteriore sollecitazione dolorosa provoca, automaticamente, una risposta paradossale di piacere. Questa particolare forma di piacere, conduce alla formazione del sentimento istintivo (sfida, rabbia, rivalsa, vendetta, euforia e trionfo, perdita del senso del pericolo, attacchi ai legami ecc.). L'altra emozione, il piacere (emozione acquisita) si ottiene dalla tolleranza della frustrazione ed è necessaria per formare a livello cerebrale l'area del sentimento affettivo (formazione di legami, formazione del senso del pericolo, ecc.). Purtroppo, sul piano esistenziale, il piacere istintivo può essere confuso con il piacere affettivo. Da qui il dramma e l'estrema conseguenza, pari ad una fascinazione, dell'istinto: la guerra. Il compito della psicoanalisi è quello di riconoscere nelle modalità comportamentali l'area del sentimento istintivo contenente il piacere paradossale.

    La psicoanalisi nasce con la teoria dualistica "processo primario e processo secondario"riportata nel Progetto di Freud del 1895 sino ad approdare alla teoria pulsionale "di vita e di morte". Mattioli descrive la nuova frontiera: dimostra e conferma che il funzionamento cerebrale è condizionato dalle soglie di due sistemi antagonici integrati. Questi sistemi includono il cervello limbico che viene ad essere ridefinito rispetto alla prima descrizione offerta da Mc Lean e successivamente da Gloor. Il cervello limbico è l'espressione di due emozioni antagoniche (teoria dualistica): la prima, innata, è il dolore ed è quella meglio strutturata filogeneticamente , l'altra, acquisita, è il piacere ed è condizionata dall' apprendimento e dall'ambiente. I risultati scientifici portano alla formazione di un modello che si colloca come ruolo di cerniera fra le conoscenze del funzionamento del cervello relative a quattro liveli di soglia ( I° livello: presenza nel mondo; II° livello: crsi della presenza nel mondo, riflesso limbico o di evitamento; III° livello: crisi convulsiva o antidepressivo biologico quale evitamento dalla crisi della presenza nel mondo; IV° livello: coma reversibile, annullamento come estrema difesa dalla crisi della presenza nel mondo), e i contributi derivanti dalle scienze umanistiche (psicologia, antropologia, etnologia, etologia).

    Viene inoltre dimostrato che la separazione del corpo dalla mente, postulata inizialmente da Platone e successivamente imposta da Cartesio, è un'operazione arbitraria, strumentale, fuorviante e irreale. Il testo propone un nuovo orizzonte che facilita la conoscenza del funzionamento dell'attività cerebrale attraverso il ruolo svolto dai sentimenti. Si deve ai livelli di soglia del sistema limbico la formazione sia del sentimento contenente il piacere "affettivo", equivalente alla tolleranza della frustrazione e alla formazione del legame (processo secondario, principio di realtà di Freud, posizione depressiva della Klein, funzione alfa di Bion) che la formazione del sentimento contenente il piacere "istintivo" equivalente alla intolleranza della frustrazione (processo primario, principio del piacere, posizione schizo paranoide, funzione beta). Il risvolto pratico del modello riguarda sia l'analisi che l'intrepretazione del sintomo descritto come psicosomatico che per Mattioli è l'equivalente del sogno. In sostanza, la funzione principale del cervello è quelle di informare o non (come nel caso drammatico dell'infarto cardiaco silente: lesione miocardica senza dolore anginoso) il soggetto sul pericolo incombente.

    La comunicazione interna avviene attraverso il processo analitico, in mancanza dell'analisi l'alternativa è attraverso i riflessi di evitamento o per usare la proposta di Mattioli, sia con il il sogno che con il "riflesso limbico" del secondo e terzo e terzo livello di soglia (II° soglia: attivazione vegetativa, sintomo riconosciuto in letteratura come psicosomatico, II° soglia: crisi epilettica, antidepressivo biologico). Particolare attenzione viene rivolta nei confronti di quadri clinici quali l'attacco di panico, la depressione, l'epilessia, ma anche la follia nelle sue svariate forme. Il nucleo portante del contributo sperimentale e clinico riguarda la dimostrazione relativa alle risposte paradossali del tronco cerebrale, per Mattioli struttura responsabile dell'inconscio. La teoria dualistica (emozione:dolore/piacere, sentimento: affettivo/istintivo) proposta riguarda il funzionamento dinamico dei due sistemi antagonici integrati: alla saturazione di un sistema subentra l'attivazione dell'antagonico. Nel caso del sistema del dolore la sua ulteriore sollecitazione conduce al piacere paradossale o istinto in quanto la saturazione della soglia automatica del tronco cerebrale (a cui appartiene il dolore) viene riconosciuta e proposta come la responsabile nel produrre la sensazione piacevole (paradossale, istintiva, psicotica) quale risposta ad uno stimolo doloroso.

    In ultimo: per quanto riguarda l'epilessia il testo di Mattioli offre un'ampia descrizione chiarificatrice sul ruolo antidepressivo della crisi convulsiva e il riconoscimento diagnostico e prognostico attraverso l'utilizzazione dell'elettroencefalogramma vettoriale. Lo studio nel suo complesso permette di fornire elementi illuminanti su alcuni meccanismi che partecipano nelle cause delle morti improvvise e delle condotte suicidarie. La sintomatologia descritta come psicosomatica viene riconosciuta da un nuovo e rivoluzionario punto di vista. Il testo è una lettura fondamentale per lo psicoterapeuta di ogni disciplina ed è consigliato a quanti siano mossi dal desiderio di approfondire la conoscenza del comportamento umano.

    Scrive il buon Willy: “Che sembra essere una buona pubblicità.”

    Insomma un libro scientifico con i risultati provenienti da decine di anni di Laboratorio Sperimtale che affronta le problematiche della malattia-sintomo e sogno è solo equivalente a un cartellone pubblcitario…ma quanto è buono lei Dr. Willy!!!!



    Prosegue il buon Willy:

    In lingua inglese:
    A meno che non sia anche egittologo, NULLA

    In lingua francese:
    A meno che non sia anche giocatore di Basket, NULLA

    In lingua spagnola:
    Come per il francese

    In lingua portoghese:
    Come sopra

    In lingua tedesca:
    A meno che non sia anche professore di sociohistory: nulla

    Devo continuare?”

    Si deve continuare e riportare un dimenticanza che ha tralasciato di dire: le pubblicazioni scientfiche di scuole ad orientamento psicoanalitico che affrontano e chiarifcano il ruolo del sintomo e della malattia sono scarse e non godno di ampia visbilità nel mass media, per il semplice motivo che pubblicare “costa”, mentre le scuole ad altro orientamento che favoriscono i fraintendimenti e le confusioni oppure gli equivoci su sintomo-malattia e sogno te le ritrovi stampate anche in papuasia e in tutte le lingue ein tutti i media (TV, radio, ecc.). Perché? A noi viene da pensare che ciò accada non tanto perché sono scientifiche ma solo perchè facilitano l’abuso di psicofarmaci, e abuso nelal spesa farmaceutica vuol dire soldini e il buon Willy certe cose le dimentica!!! Non le dice. I forumisti avranno notato che ci siamo chiesti per pura curiosità se l’alta visibilità di cui gode il Prof. Vittorino Andreoli (che stiamiamo tantissimo) non fosse legata, forse, al fatto che egli è stato colui che ha introdotto il metadone in Italia.

    Il buon Willy dimentica anche gli altri libri degli Agex…..


    ”Dalle mie parti non basta la pubblicità di un testo per essere definiti bravi. “

    Dalle nostre parti invece i libri si leggono e solo poi si confutano….A noi sembra invece di capire che un certo tipo di Re è nudo….

    “E, comunque, non autorizza a trattare gli altri come pezze da piedi, fare domande idiote e rifiutarsi di fornire prove delle proprie affermazioni…””Ciao Guglielmo”

    Cosa possiamo aggiungere? Come Agex sosteniamo che le scuole di pensiero ad orientamento psicoanalitico come è il “Codice Binario” risentono di una forte campagna di ostracismo da sempre e pensiamo anche di aver offerto spunti per una sana riflessione….

  12. #12
    agex
    Ospite non registrato
    Ciao Arwen, piacere di risentirti.
    E grazie per i complimenti.
    Ti scrivo solo io, Ale.
    Chiaramente approvo, facendone parte, tutto ciò che viene proposto dal gruppo di lavoro.
    Ma voglio raccontare una storia, prima del probabile ban, più o meno giustificato che sia.
    Sai che nonostante la giovane età ho fatto esperienza teorica e clinica dalla minore età, con il camice del volontariato, dalle comunità psichiatriche ai reparti neurologici all'ambito neoplastico, dalle ASL ai CIM agli SPDC ecc....poi il tutto si è incanalato in una direzione, una chiave di lettura che mi sembrava congeniale e sufficientemente esplicativa, il modello psicoanalitico; ho così proseguito nel mio iter studiorum a testa bassa, confrontandomi umilmente con clinici di varia razza, formandomi con terapeuti di varia estrazione, studiando la diagnostica e mettendola in pratica dopo aver speso tutto il conto in banca per i tests, dal Minnesota al TAT al Wartegg ecc...ho conosciuto la formazione psicoterapeutica psicodinamica e colloquiato con cognitivisti e sistemici, ho pubblicato sulla riabilitazione psichiatrica e sull'epidemiologia; ho lavorato con pazienti teminali e nevrotici, psicotici e tanti altri esseri umani che mi chiedevano un aiuto, con équipe medico-assistenziali e gruppi di lavoro di ricerca....ho sempre cercato, cercato, ammetto talvolta in maniera ossessiva e forse aggressiva, ma la spinta era comunque e sempre il ricordo di quel ragazzo che non ho saputo ascoltare, di quello psicotico che mi ha fregato, di quel paziente che mi è morto d'improvviso.
    Un giorno incontro sto tipo, tal Mattioli, un bell'uomo nonstante l'età, e mi istiga alla riflessione teorica e clinica, con ironia se vuoi, ma non l'ho più mollato: ho seguito lui e il suo gruppo di ricerca, notti insonni a tempestarlo di domande, casi supervisionati sempre gratuitamente e instancabilmente, telefonate per analisi, sogni, sintomi non compresi, e ragionamenti, e sgridate, e urla, e stanchezza...ore di macchina per aiutare una persona, esperimenti, attese......questa è la vita di un ricercatore, di un clinico..questa è la vita di Gianluca, nella quale sono entrato perché la porta era aperta, e non è mai stata chiusa neppure una volta, ogni mia crisi isterica, ogni ferita, ogni dubbio lasciava e lascia sempre spazio ad una parola di comprensione, umana e sientifica.
    La mia non è un'apologia del Mattioli, né una giustificazione; è un pensiero. Ho imparato molto anche da Wrubens, da Santiago, Ghiretto e tanti altri ancora, Accadueo...naturalmente Io Mordo e tutti quelli conosciuti in passato, inutile citarli tutti...con molti abbiamo condiviso esperienze e riflessioni personali...addirittura qualcuno mi ha dato una spalla per poggiarmi nei momenti di stanchezza, e una cena nei continui e sdrenanti viaggi fatti a Roma per lavoro o supervisioni e analisi

    Il mio rispetto per Gianluca è incondizionato, è un maestro per me.
    D'altronde provo del rispetto anche per chi si è risentito per certe dinamiche peculiari comunicative del nostro gruppo di lavoro.
    Non si tratta di terrorismo, né di strafottenza, né di verità assolute. Si tratta di volontà, talvolta tanto forte da fare male allo stomaco, di cercare uno spiraglio per aiutare qualcuno a capire, a confrontarsi, a stare bene. La veemenza di alcuni membri del gruppo è correlata di certo alla consapevolezza del lavoro svolto in decenni di vita, lavoro teso alla ricerca del benessere, e questo non va omesso.
    Non a caso molti forumisti ci interpellano motivati, e di certo non a caso molti ne escono indispettiti se non irosi.
    Se poi il piatto su cui si pone il modello non è d'argento è un altro discorso, e di certo giustifica l'intervento del moderatore che, d'altronde, svolge il suo lavoro, alla luce dei suoi intenti e delle sue motivazioni.
    Sottoscrivo il pensiero di Mattioli, nonché la stima che merita. E lo ringrazio pubblicamente per tutte le ore che ha speso per rispondere ai miliardi di quesiti che gli ho posto ogni giorno da quando lo conosco, da cui la mia fama di cagacazzi.
    Grazie Gianluca,
    a te e a quelli come te che spendono il tempo della loro vita per chi vuole imparare qualcosa di fruibile per il benessere dell'essere umano.
    Il fatto è che ho avuto buoni maestri, con la passione; alcuni delicati, altri mostruosamente aggressivi; ma ognuno mi ha lasciato qualcosa; come io son certo di aver lasciato loro la mia aria di giovane scalpitante e focoso ma di certo attento e sempre molto rispettoso.
    Bene. Auguro a tutti un buon percorso, di vita innanzitutto.

  13. #13
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da agex
    Non a caso molti forumisti ci interpellano motivati, e di certo non a caso molti ne escono indispettiti se non irosi.
    Sottoscrivo il pensiero di Mattioli, nonché la stima che merita. E lo ringrazio pubblicamente per tutte le ore che ha speso per rispondere ai miliardi di quesiti che gli ho posto ogni giorno da quando lo conosco, da cui la mia fama di cagacazzi.
    Caro Alessandro, è proprio questo il punto che in passato non volle capire il dott. Mattio e che oggi spero tu possa comprendere...
    Io non critico assolutamente il "contenuto" che voi portate nel forum, anche perché mi occupo di tutt'altre questioni e non ne avrei conoscenza e competenza
    Quello che critico - e non accetto - è il "modo" con cui state portando avanti le vs tesi ed il "modo" con cui state utilizzando il forum...

    Il fatto che voi mettiate tanta passione nel vs lavoro è rispettabile, ma non giustifica assolutamente il "modo" con cui volete portare in questo forum le vs posizioni

    Quindi, senza alcun rancore o partito preso, sono solo chiamato a svolgere il mio mestiere di amministratore di questa comunità

    Spero di non dover arrivare alla decisione estrema, ma tanto è... quindi a voi la scelta di rimanere cambiando o non cambiare ma andando via da qui

    Un cordiale saluto,
    nicola piccinini

Privacy Policy