• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    swwetfay76
    Ospite non registrato

    fatti e misfatti nella storia della psicologia italiana

    Dunque dunque...
    ho solo 28 anni quindi sti fatti e misfatti li posso sapere solo perchè mi son stati riportati da altri
    Comunque...

    a un po' di tempo frequento una Mailing list alla quale vi consiglio "caldamente" di iscrivervi (fidatevi che vi conviene davvero!!), all'interno della quale parlano parecchi psicologi e psicoterapeuti italiani, tra cui i vari presidenti dei movimenti professionali (es. MOPI), il presidente dell'ordine degli psicologi, consiglieri degli ordini regionali ecc....
    In questa mailing list si parla di molte cose: si posso chiedere consigli utili a persone più esperte di noi e si discute delle probblematiche della professione, assistendo così al confronto tra le varie posizioni dei vari movimenti e riuscendo quindi a capire le differenze e le analogie degli stessi.

    Credo che, poichè di problemi nella categoria ce ne sono a bizzeffe e prossimamente verremo chiamati alle urne per le votazioni ordinistiche (riellggere gli ordini regionali), è utile almeno saperne qualcosina, per evitare che chi potrebbe stare guadagnando sulla nostra "ignoranza", smetta di guadagnarci.

    Questa mailing list, molto molto utile la trovate sul sito www.appuntidipsicologia.it ed è una mailing list davvero "storica" (una delle primissime in ambito di psicologi)

    Insieme a coloro che, più anziani ed esperti di me, parlano in questa mailing list, ho redatto la "storia del nostro ordine professionale", contenente tutti i fatti e misfatti, le sanatorie, chi ha appoggiato chi e perchè, ecc ecc...
    Se siete interessati (e dovreste esserlo se vi sta un po' a cuore la vostra futura professione! ) potete trovare questo articolo qui www.lauraduranti.it

    Spero vi possa essere utile a capirci qualcosa di più su com'è nata e cresciuta la psicologia italiana e su cosa si sta muovendo ora... qual'è il panorama attuale e quello "futuro"....

    fatemi sapere cosa ne pensate, ok?
    a presto

    fay

  2. #2
    carlacon
    Ospite non registrato
    Complimenti per il suggerimento! non avevo dubbi sulla nascita ridicola del nostro Albo!!!!
    A vedere tanti nostri colleghi penso che rovinino anche la categoria...
    Ciao
    Carla

  3. #3
    swwetfay76
    Ospite non registrato
    Ciao Carla

    Sono contenta che tu abbia letto l'articolo e abbia detto latua!
    Nonostante abbia visto che in parecchi l'hanno letto e si sono quindi voluti informare sui fatti, nessuno aveva osate replicare e commentare ciò che era venuto a sapere, proprio leggendo l'articolo stesso.

    La mia iniziativa era unicamente quella di informare e non dare giudizio in merito alle questioni che hanno portato alla costituzione del nostro albo. Volevo solo che i giovani smettessero di "stare nel limbo dell'ignoranza" e divenissero più consapevoli di ciò che era successo e comprendessero, secondo il loro personale parere, chi li poteva davvero tutelare e chi no.

    Insomma... spesso alle elezioni ordinistiche, vincono sempre gli stessi perchè in pochissimi vanno a votare e molti, che vorrebbero andarci, leggono solo slogan e buoni propositi e non riescono a distiguere chi veramente li rappresenta, da chi invece non lo fa affatto.

    Come ho detto sopra, non volevo dare un valore di giudizio alla storia. Volevo solo informare e aiutare a capirci qualcosa di più su com'è nata e cresciuta la psicologia italiana e su cosa si sta muovendo ora, perchè gli psicologi informati non li si può far fessi!!

    Quindi son contenta che tu abbia gradito il suggerimento e spero che molti altri vorranno seguire il tuo esempio e cercare di "informarsi" prima di tutto!

    a presto e buona serata

    fay :-)

    p.s. se non l'hai ancora fatto, ti consiglio caldamente di iscriverti alla Mailing list di cui parlavo nel precedente post. Così potrai vedere e sentire, molti dei personaggi che sono citati nella storia dell'ordine, dire oggi le loro idee, discuterle con gli altri e quindi capire ancora meglio le difficili dimaniche che sottostanno alla nostra professione

    ciao

Privacy Policy