• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 11 di 11
  1. #1
    wolla
    Ospite non registrato

    sul concetto di 'RESILIENZA'

    Salve cari colleghi,
    volevo chiedervi se potete darmi una dritta sul concetto di resilienza...libri,link o altro.
    Grazie

  2. #2
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  3. #3
    marisarb
    Ospite non registrato
    grazie mille ,li vedrņ il prima possibile!

  4. #4
    marisarb
    Ospite non registrato
    purtroppo willy non so lo spagnolo, ci sono siti tradotti in italiano?ma io sono wolla non marysarb, ogni tanto il portale non mi riconosce!

  5. #5
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Tradotti in italiano quasi nulla! Purtroppo, a differenza degli altri europei (ma non solo, anche australia e brasile se la cavano bene) gli italiani non mettono quasi nulla in rete. Si tengono stretto per loro quel che sanno, cosģ nessuno saprą mai che lo sanno... Poi ci si lamenta perché l'Italia conta poco...

    Buona traduzione (anch'io ho dovuto imparare un po' di lingue per capire).

    Lunga vita e felicitą

    Guglielmo
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  6. #6
    wolla
    Ospite non registrato
    ok...grazie lo stesso...l' italia e l'italiani ci deludono tanto sotto questo aspetto e la nostra professione č una delle pił spietate secondo me....bye

  7. #7
    lauhvian
    Ospite non registrato
    Ciao ecco qlcosa che ho trovato:


    RESILIENZA

    Cosa significa Resilienza? Questa parola non é molto conosciuta perció conviene andare a consultare2 il vocabolario.

    - Diccionario Enciclopédico Salvat (Salvat Editores, Madrid, 1973): Fisica, resistenza che pongono i corpi, specialmente i metalli, alla rotura per urti o colpi.

    - Lo Zingarelli (Zanichelli, Milano, 1995): Capacitį di un materiale di resistere a urti improvvisi senza spezzarsi.



    Se consideriamo questo concetto in rapporto alle Scienze Sociali, possiamo dire che “la resilienza corrisponderebbe alla capacitį umana di affrontare le avversitį della vita, superarle e uscirne rinforzato o, addirittura, trasformato” (Grotberg, 1996).



    Da questo punto di vista la parola viene associata sempre con tensione, stress, ansietį, situazioni traumatiche che ci colpiscono durante la nostra vita. Gli esperti segnalano che si tratta di qualcosa che corrisponde alla natura umana, ma che non sempre si mette in atto e, anche se a volte si attiva, non sempre riesce a generare situazioni positive. Questa misteriosa possibilitį ha una base innegabile, e cioé, l“ evidenza che gli elementi costitutivi della resilienza sono presenti in ogni essere umano e la loro evoluzione accompagnerį le diverse fasi dello sviluppo o del ciclo vitale dell“ uomo: sarį un comportamento intuitivo durante la infanzia, poi si rinforzerį fino ad essere volitivo nella adolescenza, e dopo ancora sarį completamente incorporato alla condotta propria dell“ etį adulta.



    La resilienza é piś della semplice capacitį di resistere alla distruzione proteggendo il proprio io da circonstanze difficili, é pure la possibilitį di reagire positivamente a scapito delle difficoltį e la voglia di costruire utilizzando la forza interiore propria degli essere umani. Non é solo sopravvivere a tutti i costi, ma é avere la capacitį di usare l“ esperienza nata da situazioni difficili per costruire il futuro.



    Le caratteristiche della resilienza sono sette:

    · “insight” o introspezione: la capacitį di esaminare sé stesso, farsi le domande difficili e rispondersi con sinceritį

    · Indipendenza: la capacitį di mantenersi a una certa distanza, fisica e emozionale, dei problemi, ma senza isolarsi

    · Interazione: la capacitį per stabilire rapporti intimi e soddisfacenti con altre persone.

    · Iniziativa: la capacitį di affrontare i problemi, capirli e riuscire a controllarli.

    · Creativitį: la capacitį per creare ordine, bellezza e obbiettivi partendo dal caos e dal disordine.

    · Allegria: disposizione dello spirito all“ allegria, ci permette di allontanarci dal punto focale della tensione, relativizzare e positivizzare gli avvenimenti che ci colpiscono.

    · Morale: si riferisce a tutti i valori accettari da una societį in un“ epoca determinata e che ogni persona interiorizza nel corso della sua vita.



    Anche nell“ area della psicologia é stato adottato il concetto di resilienza, in un primo momento nel contesto individuale, e dopo, la sua inclusione nella strategia del lavoro socio-comunitario ha ampliato grandemente la sua importanza, permettendo la sua applicazione in diversi campi dello sviluppo umano.



    In ultimo, anche la Teoria Sistemica ha considerato che la resilienza sarebbe di grande aiuto durante il processo di assistenza alla famiglia, dato che la si considererebbe come “la capacitį che ha un sistema per resistere i cambiamenti provocati dall“esterno, per sovrapporsi e superare queste crisi, approfittando il cambiamento cualitativo e mantenendo la coesione strutturale attraverso il processo di sviluppo” (Hernandez Córdoba, 1997). La flessibilitį nell“ adattamento e nell’ azione é un altro principio base partecipe dell“ evoluzione, tanto a livello di ogni singolo come del sistema totale, tenendo conto che, come é stato detto prima, la vita si esprime e si sviluppa per mezzo dei cambiamenti e del progressivo aumento della sua complessitį.



    Principalmente durante una crisi la famiglia trasforma la sua struttura, coesiste per resistere la tempesta: non sa quanto puó durare quella energia. Deve trovare fattori interni ed esterni che possano aiutarla per diventare meno vulnerabile e impedire che la crisi aumenti di proporzione, in principio, e dopo superarla in modo che possa affrontare una ristrutturazione del sistema, che possa uscirne rinforzata e possa trasformarla in un elemento utile al cambiamento e alla crescita positiva.



    La resilienza é un fattore che puó essere accresciuto durante l“ infanzia, nelle diverse tappe dello sviluppo, a mezzo dello stimolo delle aree affettiva, cognitiva e del comportamento, sempre d“ accordo con l“ etį e il livello di comprensione delle diverse situazioni di vita. Il periodo che va dalla nascita fino alla adolescenza sarebbe quello piś opportuno per svegliare e sviluppare questa qualitį interiore che permette di affrontare le avversitį.



    Riassumendo possiamo dire che la resilienza é la capacitį umana per affrontare gli avvenimenti dolorosi e risorgere dalle situazioni traumatiche, principio storicamente dimostrato nei momenti di stragi mondiali e di genocidi provocati dall“ uomo. Ci sono poi possibilitį di sviluppo della resilienza, quelle che sono comprese nelle risorse personali e sociali, in stato di latenza, in ogni individuo. Tra queste possiamo nominare: l“ autostima positiva, i legami affettuosi significativi, la creativitį naturale, il buon umore, una rete sociale e di appartenenza, una ideologia personale che consenta di dare un senso al dolore, in modo da diminuire l“ aspetto negativo di una situazione conflittiva, permettendo il risolgimento di alternative di soluzione davanti alla sofferenza.



    Da una perspettiva psicosociale, si puó arrivare a concludere che la resilienza puó venire incontro al lavoro sociale e psicologico a livello di: prevenzione, riabilitazione, collaborazione in educazione, assistenza alle famiglie e ai diversi gruppi sociali, perché non attinge la sua forza soltanto dalle condizioni naturali degli individui, ma abbisogna pure di un aiuto esterno e di un ambiente che faciliti e appoggi uno sviluppo personale positivo e ricco in esperienze conducenti verso un apprendimento vitale.



    L“ obbiettivo di questo articolo é quello di incominciare a diffondere il concetto di resilienza per contribuire alla comprensione del fatto che ogni persona possiede questa caratteristica ma da tutti noi dipende che possa essere sviluppata, se ci concediamo mutualmente la possibilitį di farlo.

    Ecco il titolo di un libro in itlaiano che se non hai ancora letto potrebbe tornarti utile:

    Speranza e resilienza: cinque strategie psicoterapeutiche di Milton H. Erickson
    Short Dan, Casula Consuelo

  8. #8
    wolla
    Ospite non registrato
    grazie anche se avevo gią questo tipo di informazioni....ma grazie comunque...

  9. #9
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di el loco
    Data registrazione
    24-08-2004
    Residenza
    Lecce - Milano - Parma- Figline
    Messaggi
    1,032
    Blog Entries
    8

    RESI(ST)liENZA

    preso su.." - Diccionario Enciclopédico Salvat (Salvat Editores, Madrid, 1973): Fisica, resistenza che pongono i corpi, specialmente i metalli, alla rotura per urti o colpi ".....

    ...leggendo su pensavo che alla fine, tirando le somme di un convegno lungo tipo 10 ore, il dottore disse: "siamo dannatamente resilienti!!"..(eravamo in 15/20 sui 100 circa iniziali)...mi son detto: ho capito tutto della resilienza!
    salute
    "... per favore Dio, per favore Knut Hamsun, non abbandonatemi adesso." (J. Fante)



    http://youtube.com/watch?v=jjXyqcx-mYY

  10. #10
    Non so se ti puņ essere utile ,puoi trovare qualche indicazione rispetto all'ambito clinico evolutivo anche nel testo:

    "Psicoterapia cognitiva dell'infanzia e dell'adolescenza" Mancini, Isola della Franco Angeli.


    A presto

  11. #11

Privacy Policy