• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8

Discussione: Analisi transizionale

  1. #1
    molly2003
    Ospite non registrato

    Analisi transizionale

    Salve cari opsiani!
    Qualcuno sa darmi qualche utile informazione sull'analisi transizionale e su come questa possa essere usata lavorando nella formazione, nelle risorse umane o nei processi di empowerment?

    Grazie mille

    Molly

  2. #2
    Neofita
    Data registrazione
    23-02-2005
    Residenza
    padova
    Messaggi
    1
    Ciao Molly, ho letto il tuo messaggio ma mi Ŕ un po' oscuro...non capisco se vuoi notizie sull'applicazione dell'analisi transazionale o sulla teoria stessa...io la uso nella formazione e la supervisione di casi con operatori socio sanitari che trattano con pazienti psicotici e non per l'analisi di situazioni problematiche che portano in supervisione. L'analisi transazionale mi Ŕ utile per mettere in luce quale parte del loro io si Ŕ messo in gioco in quella relazione ed analizzare se in quel momento il tipo di risposta fosse utile o meno al rapporto di sostegno degli operatori....cmq rimango a tua disposizione per chiarimenti.
    buon lavoro Alessia

  3. #3
    molly2003
    Ospite non registrato
    Ciao Alessia, grazie per la risposta! Hai ragione il mio post Ŕ oscuro, perchŔ in realtÓ non so niente su quest'argomento da non saper neppure fare una domanda. Ho letto vagamente qualcosa a riguardo, cose teoriche (che comunque non ho certo la pretesa di aver capito al volo, penso che l' A.T. sia complessa per certi versi) e nella domanda volevo sapere le sue possibili applicazioni nell'ambito della psicologia del lavoro, il mio indirizzo e il settore in cui vorrei dirigermi. Per applicazioni intendo come essa possa essere usata come strumento da noi psicologi per ottimizzare i lavori nell'azienda, per migliorare la comunicazione...

    Spero che ora sia tutto pi¨ chiaro!

    Grazie se vorrete aiutarmi a capirne un po' di pi¨!!

    Ciao e a presto, notte a tutti!

    Molly

  4. #4
    Partecipante Affezionato L'avatar di dopocena
    Data registrazione
    07-09-2004
    Residenza
    vicenza
    Messaggi
    111
    ciao! io sono un grande estimatore di AT che uso nella formazione. se ti va di scambiare pareri, scrivimi!
    Buona giornata.
    Mauro

    ______________________________
    ... ogni giorno Ŕ mattino.

  5. #5
    silviamainardi
    Ospite non registrato
    ciao Mauro sono anch'io interessata all'A.T., ma non ne s˛ assolutamente niente ne ho sempre sentito parlare ma non s˛ nemmeno inquadrarla ti faccio una domanda: fa riferimento alla scuola di palo alto o no? La PNL centra qualcosa oppure no? Ci potresti indicare del materiale semplice per conoscerla anche a grandi linee?
    grazie mille

  6. #6
    HT Sirri
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da silviamainardi
    ciao Mauro sono anch'io interessata all'A.T., ma non ne s˛ assolutamente niente ne ho sempre sentito parlare ma non s˛ nemmeno inquadrarla ti faccio una domanda: fa riferimento alla scuola di palo alto o no? La PNL centra qualcosa oppure no? Ci potresti indicare del materiale semplice per conoscerla anche a grandi linee?
    grazie mille
    PNL, Palo Alto e AT sono tutte cose diverse.

    Breve ed incompleta spiegazione.
    L'analisi Transazionale, inventata da Eric Berne, e' uno studio (Analisi) degli scambi comunicazionali (Transazioni).
    Si basa su tre "stati dell'io": Genitore; Adulto; Bambino.
    Ovvero, in ogni momento un individuo che entra in relazione con un altro lo fa assumendo una di queste 3 posizioni, e, spingendo l'altro ad assumerne un'altra nella sua risposta.

    Un altro punto basilare ed importante dell'AT e' lo studio dei copioni, ovvero degli stili ricorrenti delle persone, stili che tendono a determinare le situazioni relazionali in cui la persona andra' a trovarsi (queste strategie da una parte tendono a rendere costante il mondo relazionale della persona, e quindi diviene un mondo esperibile con successo, dall'altro tendono a fissare anche i comportamenti "sgraditi").


    Tra le applicazioni dell'Analisi Transazionale vi sono sia la terapia, sia la comunicazione (e da qui la formazione), la comprensione delle relazioni, l'uscire da schemi inefficaci o deleteri, ecc.

    Tra i vantaggi (notevole) c'e' la modularita' dell'approccio: ovvero per poter applicare con successo qualcosa di psicoanalisi, o di cognitivo-comportamentale (e di tantissimi altri approcci), devi conoscere moltissime cose, devi avere avuto la possibilita' di sperimentare (con impegno e costanza), ecc.
    La modularita' dell'AT ti permette di seguire una lezione di poche ore ed avere gia' in mano degli strumenti operativi da poter utilizzare subito.


    Libri
    Leggiti qualcosa dell'autore (Berne), ci sono molte pubblicazioni sue in italiano, ed anche in edizioni economiche.
    Giusto per lasciare qualche titolo a caso:
    "Ciao, e poi?"
    "A che gioco giochiamo"
    ecc.

    Un abbraccio,

    Stefano

  7. #7
    silviamainardi
    Ospite non registrato
    grazie mille mi hai tolto tanti dubbi !!!

  8. #8
    Ospite non registrato

    AT

    Carissima, visita il sito www.performat.it - ti dice parecchie cose sull'analisi transazionale, che Ŕ una scuola psicologica molto efficace nei campi di lavoro che indicavi, oltre che come psicoterapia; ciao, laura

Privacy Policy