• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 67
  1. #1
    Ospite non registrato

    Titoli di studio vari, master vari il mondo del lavoro sempre più esigente.....



    Cari colleghi

    vi propongo un argomento di estrema attualità che coinvolgerà sicuramente ognuno di noi....

    Il mondo del lavoro...

    Oggi il lavoro è a detta della costituzione un'alienabile diritto dell'uomo, ma tutti noi sappiamo che in realtà non è cosi ormai lavorare è un privilegio raro che si conquista a volte tramite raccomandazioni oppure estremi sacrifici...

    Questo mondo misterioso mi che una sorta di vuoto per quanto riguarda il futuro, ormai il posto fisso non esiste quasi più, tutto è precario e per poter lavorare un paio di mesi, ci vuole molte volte la laure con votazione massima!!!!.....

    Ormai il diploma ha preso il posto della terza media e la laurea sostituirà il valore che dieci anni aveva il diploma, di questo passo dove andremo a finire?,

    In Italia il master viene abbondamente richiesto dalla maggior parte delle imprese, ed il costo per poter seguire un master variano da un minimo di 3000 euro a 12000 euro !!!
    spese di vitto e alloggio naturalmente escluse!, certo cisono anche le borse di studio che coprono però solo la metà del costo del master ....ditemi voi come fà un poveraccio, a poter lavorare in futuro, e che dire della situazione nel mezzogiorno italiano? la maggior parte delle persone sopra i 35 anni è in possesso solo della licenza media che futuro hanno loro?....

    Mi piacerebbe sapere e conoscere l'opinione di ciascuno di voi!!!

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359

    Re: Titoli di studio vari, master vari il mondo del lavoro sempre più esigente.....

    Originariamente postato da MD^_^




    e che dire della situazione nel mezzogiorno italiano? la maggior parte delle persone sopra i 35 anni è in possesso solo della licenza media che futuro hanno loro?....


    mentre approvo e sottoscrivo l'estrema difficoltà di pagarsi gli studi superiori ANCHE SE lavori, perchè non è facile mettere da parte tutti questi soldi con l'attuale retribuzione media e il costo della vita, mi sembra errata la tua affermazione sullo stato d'ignoranza del sud, poichè essendo siciliana e avendo vissuto in più di una città meridionale credo di poter affermare che se ciò sia vero certo non accade al sud, poichè per scarsità di possibilità occupazionali precoci i giovani si diplomano quasi tutti, certo non nego che esistano sacche di arretratezza culturale, ma stabilire che sia la parte maggiore mi sembra scorretto e 35 anni è la mia generazione, pertanto.... tu questa idea su quale base te la sei fatta???
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  3. #3

    Re: Titoli di studio vari, master vari il mondo del lavoro sempre più esigente.....

    Originariamente postato da MD^_^
    Ormai il diploma ha preso il posto della terza media e la laurea sostituirà il valore che dieci anni aveva il diploma, di questo passo dove andremo a finire?
    PER FORTUNA, direi!!!

    Andremo verso un'Italia più colta, con più persone che hanno studiato e che sono competenti, competenti anche per la "precarietà" del posto, ovvero ADDIO POSTO FISSO DOVE POTEVO NON FARE UNA MAZZA DALLA MATTINA ALLA SERA TANTO NESSUNO MI LICENZIAVA, ma posto "fisso" solo se saprò distinguermi, farmi valere, essere rispettato...se sarò competente e in gamba, se sarò, insomma, produttivo di sicuro l'azienda non mi manderà a quel paese perchè potrebbe perdere un utile impiegato che potrà finire alla concorrenza!

    Insomma, il modello Americano è un'ottima strada da seguire!

    Se sei sempre sotto "esame" non resti a poltrire davanti allo schermo del pc della tua scrivania a giocare ai solitari, ma ti dai da fare per conservare quel posto e l'economia va avanti!


  4. #4
    Ospite non registrato
    cara amica ghiretto...

    mi dispiace che tu abbia pensato al mio intervento come un attacco alla popolazione del sud, ho l'impressione che abbia forse frainteso le mie parole, 1 chi ha la licenza media, non è un ignorante,2 poi essendo sardo, sono del sud anche io etc, se puoi consultare le statistiche nel sud la maggioranza dei disoccupati in quella fascia d'età hanno que titolo di studio....
    tutto qui... ho voluto sviluppare questo argomento perchè è giusto che ognuno dica la sua e se può faccia qualche cosa per il bene comune.....

  5. #5
    Ospite non registrato
    caro ivan...


    Ti ringrazio per avermi risposto e partecipato a questa mia discussione, tuttavia purtroppo mi sembra esagerato che come alla UPIM per far le cassiere ci vuole la laurea triennale!, d'accordissimo per lo sviluppo culturale italiano, anzi è un diritto inalienabile dell'uomo, ma come si sa purtroppo questo tenderà a discriminare alcuni rispetto ad altri, il posto fisso? no? beh, tu mi hai elencato il lato negativo che sicuramente esiste non sempre, ma il lato buono è? poter fare progetti a lunga scadenza, col lavoro precario come fai?

  6. #6
    Beh, io sono per la meritocrazia, quindi davanti a tutto ci vuole il titolo di studio!

    Per quanto riguarda progetti a lunga scadenza, beh secondo te in America non ne fanno? Bisogna solo entrare nell'ottica del "cambio lavoro": insomma, bisogna capire che se si perde il lavoro non è più una tragedia perchè sarà più facile trovarne un altro!

    Poi, se sei una persona che vale, non ti fai di questi problemi!


  7. #7
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    MD^-^ non l'ho affatto presa per un offesa, ma come una conversazione, che la maggior parte dei disoccupati del sud abbia come titolo di studio la terza media è esattamente in linea con quanto da me espresso, non ci sono fabbriche e industrie in cui lavorare a 14 anni per cui se non ti diplomi stai senza lavoro mentre al nord i terzomedisti vanno in fabbrica, tutto qui.
    per il problema del posto fisso credo che questo tipo di mercato abbia lati positivi e negativi così come enumerati da te e da psicoivan, da un alto non fa adagiare le persone dall'altro crea molta più insicurezza, il punto è che molto altro del sistema deve innovarsi insieme al mercato del lavoro ad esempio l'accesso al credito che al momento è appannaggio di coloro i quali possono garantire (con un lavoro a tempo indeterminato) garanzie di rimborso, oppure il fatto che le aziende per tutta una normativa fiscale, favoriscono solo l'accesso ai giovanissimi, quindi non c'è da innovare solo una mentalità, ma anche le fattive possibilità a cui i giovani e i meno giovani in cerca di primo o nuovo lavoro possano accedere.
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di marcheseblu
    Data registrazione
    27-10-2004
    Residenza
    Roma - SudTirol
    Messaggi
    1,635
    Sottoscrivo e quoto la Meritocrazia.
    Del resto la Società deve fondarsi su solide basi e occorre gente preparata.
    ... Purché non si dimentichino gli svantaggiati e coloro che - per un motivo o per l'altro - non hanno modo di realizzarsi pienamente.
    Ad esempio, in Giappone, chi non è reputato idoneo allo studio da preparate equipes di Psicologi, riceve - nel peggiore dei casi - un piccolo appartamento sul mare ed una piccola imbarcazione per avviarsi alla pesca... e via dicendo per gli altri mestieri...
    Quindi ok al discorso della Meritocrazia. Ma una Società che si rispetti deve, da un lato premiare i migliori, e da un altro tutelare gli svantaggiati, i poveri e le altre minoranze.
    "La voce dell'intelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non trova ascolto"

    Hai dato un'occhiata al Regolamento di Ops? Clicca [Quì] o [Quì]

    *Die schöpferische Gestaltung des Ganzen ist mehr als die Summe der einzelnen Teile*


    *Il mio spazio* sulla "Cucina Giapponese"
    Visita il sito di Altra Psicologia

  9. #9
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Di quale meritocrazia stiamo parlando? Di quella che vedo tutti i giorni nella mia quotidianità? Spero di no, perchè se è vero che in teoria essa sarebbe da sottoscrivere in pieno, con la tutela ovvio per gli altri così come sottolineato da marcheseblu, essa nella realtà non mi pare si svolga su un piano così oggettivo..... perlomeno non sempre. Il Giappone per la cronaca è una delle nazioni a più alto tasso di suicidi....
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  10. #10
    Partecipante Super Figo L'avatar di marcheseblu
    Data registrazione
    27-10-2004
    Residenza
    Roma - SudTirol
    Messaggi
    1,635
    Diciamo che ci vuole equilibrio da parte delle Istituzioni. Sia per valorizzare il "Merito" degli uni, sia per risolvere lo "svantaggio" degli altri.
    Quello del Giappone era un esempio tanto per rendere orientativamente l'idea di come si dovrebbero tutelare le persone. Che poi il Giappone sia una delle nazioni a più alto tasso di suicidi, non è detto che questo sia da attribuirsi allo specifico del discorso occupazionale naturalmente... comunque questi sono altri problemi...
    Comunque, il discorso è sempre lo stesso. Tutela di tutti, dei diritti di tutti, nel rispetto della condizone di tutti. Anche perché tutti hanno potenzialità. Il laureato così come l'analfabeta. Ma occorre dare solide opportunità.
    ...Ammazza sembro un sindacalista
    Ultima modifica di marcheseblu : 16-01-2005 alle ore 17.01.55
    "La voce dell'intelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non trova ascolto"

    Hai dato un'occhiata al Regolamento di Ops? Clicca [Quì] o [Quì]

    *Die schöpferische Gestaltung des Ganzen ist mehr als die Summe der einzelnen Teile*


    *Il mio spazio* sulla "Cucina Giapponese"
    Visita il sito di Altra Psicologia

  11. #11
    Ospite non registrato
    meritocrazia? beh io parlerei nel nostro sistema di raccomandacrazia!

    signori tra poco ci vuole la laurea anche per andare a pulire i gabinetti... perchè le imprese cercano il master? per avere il massimo con il minimo dei costi.... quindi devo farmi un culetto cosi tra studi e master per poter aver 900euro al mese? per lo più non sicure? e se vengo sbattutto fuori a 45 anni chi mi prende più?

  12. #12
    ...c'è solo un piccolo problema, nell'esportare qui il modello americano di flessibilità (e non solo quello)...qui non siamo in America! La situazione, il contesto, sono completamente diversi...e i giovani si trovano col culo per terra, a sentirsi raccontare la favoletta della flessibilità.
    Non vedo meritocrazia, in Italia. Vedo sempre di più che chi ha le possibilità economiche riesce a combinare qualcosa, gli altri si attaccano. Non c'è lavoro, e ce ne sarà sempre meno, se continuiamo così. E invidio chi riesce a non preoccuparsi, perché io, ora come ora, del futuro, lavorativamente parlando, ho paura.
    [“Tutte le lettere sono d'amore”]>>Yellow Letters

  13. #13
    Originariamente postato da marcheseblu

    Ad esempio, in Giappone, chi non è reputato idoneo allo studio da preparate equipes di Psicologi, riceve - nel peggiore dei casi - un piccolo appartamento sul mare ed una piccola imbarcazione per avviarsi alla pesca... e via dicendo per gli altri mestieri...
    Mi permetto di
    Non mi pare una prospettiva particolarmente allegra
    E devo dire che le valutazioni di 'idoneità allo studio' da parte di 'preparate equipe di psicologi' non mi convincono tantissimo..

  14. #14
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Beh un tipo che conosco (un gran vagabondo) è andato a vivere in America dove ha studiato grazie ai soldini di papà e ora ha un bell'impiego fisso, solo per aver frequentato quella scuola... come lui un sacco di altri ricconi... non mi sembra sia il massimo della meritocrazia
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  15. #15
    Partecipante Super Figo L'avatar di marcheseblu
    Data registrazione
    27-10-2004
    Residenza
    Roma - SudTirol
    Messaggi
    1,635
    Originariamente postato da Dreamstalker
    Mi permetto di
    Non mi pare una prospettiva particolarmente allegra
    E devo dire che le valutazioni di 'idoneità allo studio' da parte di 'preparate equipe di psicologi' non mi convincono tantissimo..

    Bé...
    Fatto sta che - per lo meno - quelle persone sono seguite...
    Di certo la valutazione degli Psicologi in merito non diviene un'imposizione categorica, bensì un consiglio.
    E poi viene data loro un'opportunità concreta, sia che accettino sia che non accettino di seguire il consiglio degli Psicologi.
    Quel che volevo significare è che, senza meno, vedo in questo una maggiore tutela del futuro lavorativo di quelle persone, tutto quì.
    Poi non credo ci sia da meravigliarsi sulla valutazione d'idoneità da parte degli Psicologi... quì in Italia la selezione del personale da parte degli psicologi è ormai un dato di fatto nella stragrande maggioranza delle Aziende... diciamo che in Giappone viene fatta la stessa cosa però molto prima, ossia a scuola.
    Sì forse l'atteggiamento 'nipponico' in merito a questo "forse precoce" intervento psicologico nelle scuole potrebbe apparire esagerato, ma ci vedo una maggiore tutela del futuro lavoratore, quanto meno un maggior interessamento da parte delle Istituzioni.

    Ultima modifica di marcheseblu : 17-01-2005 alle ore 11.38.43
    "La voce dell'intelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non trova ascolto"

    Hai dato un'occhiata al Regolamento di Ops? Clicca [Quì] o [Quì]

    *Die schöpferische Gestaltung des Ganzen ist mehr als die Summe der einzelnen Teile*


    *Il mio spazio* sulla "Cucina Giapponese"
    Visita il sito di Altra Psicologia

Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy