• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4

Discussione: case di riposo

  1. #1
    Matricola
    Data registrazione
    26-06-2004
    Residenza
    Provincia di Verona
    Messaggi
    23

    case di riposo

    Dopo aver provato (inutilmente) a svolgere attività di psicologo del lavoro, ricomincio a credere che ci sia più spazio nell'ambito della psicologia clinica. Da anni sono consulente di un SerT e ora potrei avviare una collaborazione con una casa di riposo per fare colloqui di sostegno con pazienti e familiari.
    Vorrei chiedere a qualcuno che già lavorato nell'ambito, quanto si può chiedere per questo tipo di attività all'ora considerato che farei dalle 10 alle 20 ore a settimana e che non ho alcuna specializzazione in psicoterapia?
    Grazie, Cristian

  2. #2
    Partecipante L'avatar di Doggy
    Data registrazione
    08-12-2004
    Residenza
    piemonte
    Messaggi
    30
    Non so quanto tu possa chiedere....ma sei molto fortunato se riesci ad entrare in una casa di riposo...io ci provo da quando ho finito il tirocinio e non mi considera nessuno! in che zona d'Italia sei?, perchè in Piemonte non esiste proprio questa figura professionale negli istituti per anziani...

  3. #3
    Matricola
    Data registrazione
    26-06-2004
    Residenza
    Provincia di Verona
    Messaggi
    23
    Non credo nella fortuna, nel 2004, ho inviato oltre 200 curricula, ho girato mezza italia a fare colloqui bussando a tutte le porte.

    Io sono della prov. di VR e anche qui la figura dello psicologo in casa di riposo non è diffusa...

    Spero solo che questa sia la volta buona, altrimenti mi rassegnerò a fare altro.

    Sinceramente credo che gli orizzonti della psicologia siano troppo limitati per investirci una vita.


    Ciao, c

  4. #4
    enterprise
    Ospite non registrato
    io mi interesso di psicologia dell'invecchiamento e dell'arco di vita, facendo ricerca in questo campo da tirocinante, dopo aver svolto una tesi sullo stesso argomento.
    il fatto che non esista una figura professionale in questo ambito è dovuto allo scarsissimo interesse nei confronti della psicologia dell'invecchiamento. è un campo ancora del tutto aperto, praticamente quasi tutto da scrivere, in cui esistono ben pochi studi sistematici e poche persone che ne sappiano qualcosa. è ovvio che non esiste, se non in sporadici casi, la figura professionale adeguata.

    la situazione è ben diversa nei paesi del nord europa, ma questa è l'italia.

    saluti.

Privacy Policy