• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 74
  1. #1
    isaefrenk
    Ospite non registrato

    La vecchia e la nuova psichiatria

    La vecchia e la nuova psichiatria


    La moderna psichiatria, provando con l’esperienza scientifica che il modo di essere dell’individuo, cioè la personalità , come l’umore, come le facoltà mentali, sono dipendenti da certe cellule cerebrali( al punto che anche gli stimoli ambientali ed educativi si imprimono nella personalità solo perché condizionano i processi biochimici di quelle cellule) ha dato un colpo alla interpretazione spiritica dei fenomeni medianici . se infatti la personalità è strettamente legata alle cellule cerebrali , come per esempio lo è la memoria , a tal punto che l’una può cambiare e l’altra può sparire in conseguenza di lesioni dell’encefalo , come potrebbe la personalità rimanere intriga dopo la morte del corpo?
    Se uno spirito comunicante si presenta in una seduta medianica con la personalità che aveva in vita e ricordando episodi accadutigli , e se in vece la psichiatria ha dimostrato che tali qualità mentali sono strettamente connesse al cervello fisico , cervello che lo spirito non ha più , due sono le soluzioni : o lo spirito non è uno spirito, ma semplicemente una drammatizzazione , una ricostruzione di una tale personalità che il medium opera impiegando le proprie facoltà chiaroveggenti ; oppure c’è qualcosa , nel meccanismo cervello-personalità-anima, che ancora non è stato compreso.


  2. #2
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711

    Re: La vecchia e la nuova psichiatria

    Originariamente postato da isaefrenk
    La vecchia e la nuova psichiatria

    Se uno spirito comunicante si presenta in una seduta medianica con la personalità che aveva in vita e ricordando episodi accadutigli , e se in vece la psichiatria ha dimostrato che tali qualità mentali sono strettamente connesse al cervello fisico , cervello che lo spirito non ha più , due sono le soluzioni : o lo spirito non è uno spirito, ma semplicemente una drammatizzazione , una ricostruzione di una tale personalità che il medium opera impiegando le proprie facoltà chiaroveggenti ; oppure c’è qualcosa , nel meccanismo cervello-personalità-anima, che ancora non è stato compreso.

    C'è una terza possibilità: gli spiriti non esistono e chi dice di poterli evocare è un truffatore, che vive alle spalle del dolore della gente. Come è stato ampiamente dimostrato.
    Sono cose che con la psichiatria hanno ben poco a che fare.

    Ma mi fate capire una cosa? Voi studiate psicologia o siete dei semplici appassionati? Perchè tendete a fare un pò di confusione. Sicuramente in buona fede, ma sempre confusione è.
    Non credo che basti aver consultato degli psicologi per risolvere i propi problemi, per poter poi dire quali sono le differenze fra la nuova e la vecchia psichiatria.



    Madò! Mi sto facendo odiare! Ma ci partecipo solo io a 'ste discussioni?
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  3. #3
    No, Antopsi...se ti va mi faccio odiare anch'io... PERCHE' SOTTOSCRIVO TUTTO CIO' CHE HAI DETTO!!!

  4. #4
    isaefrenk
    Ospite non registrato
    Antopsi , be se qualcuno ha fatto del male a qualcun'altro noi non possiamo farci nulla se non quella di valutare con chi abbiamo accheffare, e fare di tutta l'erba un fascio è da non ragionevoli.
    ti possiamo fare esempi di medianità genuina che aiuta chi vuole comprendere, ma non vogliamo allontanarci dal discorso.

    dimmi tu cos'è la psicologia fino ad ora ne abbiamo parlato noi, e vedrai che non si allontana da ciò che abbiamo affermato anzi cose nuove abbiamo iserito.

    se sapessi da dove viene quello scrito ti pruderebbe la lingua.

    vai dicci cosa è per te la psichiatria e la psicologia
    Ultima modifica di isaefrenk : 07-12-2004 alle ore 19.44.41

  5. #5
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711
    Lo sapevo che finiva così, certe volte esagero e lo so ma non ci posso fare niente.
    Cos'è la psicologia? E' una disciplina che da circa 100 anni cerca di staccarsi da vecchi concetti derivanti da una conoscenza del mondo quasi "magica" (per favore prendete questo termine in senso lato, sul momento non me ne viene uno migliore), per diventare una Scienza a tutti gli effetti. Non entro nel merito di discorsi epistemologici del tipo "cos'è la scienza" ecc., mi limito a dire che la penso come Popper (Karl Popper, non Henry....), nel senso che credo che le scoperte che si fanno in un determinato ambito scientifico vanno innanzitutto corroborate da dati, e poi falsificate. Se la teoria resiste al processo di falsificazione può ritenersi valida. Per approfondimente vi rimando allo stesso Popper.
    Obbiettivamente con la psicologia un percorso popperiano di ricerca è difficile, visto che il nostro ambito di studio è l'uomo, con tutte le sue sfaccettature che spesso non sono visibili. Sicuramente non è facile studiare in maniera rigorosa concetti pressochè astratti come la personalità, ma si può fare senza fare riferimento per forza a cose ancora più astratte.
    Quello che penso, è che la psicologia non si ferma a Freud e agli psicoanalisti, che molte volte (loro sì) non sono aperti al dialogo scientifico. Tanto per fare un esempio, lo stesso Freud quando qualcuno iniziava ad uscire dal seminato della sua teoria, e di ciò che lui insegnava, riprendeva i suoi "discepoli" dicendo che in lui vedeva una figura paterna con la quale non erano riusciti a risolvere adeguatamente il loro complesso di Edipo!
    Guarda che io studio a Palermo, che ha il corso di laurea in Psicologia più conservatore e Psicodinamico d'Italia. Da noi ci sono prof che se gli tocchi Freud.....
    Eppure non è così, la Psicologia può benissimo essere una scienza rigorosa, e lo dimostrano le più recenti ricerche in ambito cognitivista. Tutto il mondo ormai si muove in questa direzione, e non credo propio che si possa rimanere ancorati a concetti vecchi come il cucco, che andavano bene in un'epoca in cui non esisteva (per esempio) la TAC.

    Qual'era l'altra domanda? Cos'è la psichiatria?
    Una branca della medicina che studia i disturbi mentali. La differenza fra la psichiatria moderna e antica, a mio modesto avviso, e posso anche sbagliare, sta soprattutto nel rapporto col paziente. Ai tempi di Bleuler, Charcot e Kraepelin non si facevano molte distinzioni: c'erano soltanto i pazzi. Che venivano rinchiusi, spesso aggravando la situazione. Per fortuna le cose a poco a poco sono cambiate, e bisogna dirlo, anche grazie al lavoro di Freud. Oggi c'è un contatto più umano con il paziente che viene visto come una persona sofferente. La Psichiatria viene anche supportata dalle moderne tecniche diagnostiche, e i farmaci (sul cui uso ci sarebbe da discutere, ma c'è gia un tread aperto) sono più selettivi e hanno un pò meno effetti collaterali.

    Ora, non per essere polemico, ma cosa è per VOI la psichiatria? E cosa c'entra coi fenomeni medianici (ai quali io non credo, ma ciò non toglie ognuno è libero di crederci)?
    Per me c'entra solo con il fatto che chi dice di vedere i fantasmi, o di parlare con gli spiriti dei morti, se è in assoluta buona fede e sente veramente le voci, per me potrebbe avere qualche disturbo di carattere psichiatrico. Oppure è stato truffato, magari credendo veramente a ciò che vedeva, da persone con pochi scrupoli.

    Per curiosità lo scritto di cui parlate nel post precedente quale sarebbe? E da dove lo avete preso? Così vediamo se mi prude la lingua.....
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  6. #6
    isaefrenk
    Ospite non registrato
    Antopsi
    Utente super esperto
    prima di tutto ti abbiamo chiesto cos'è la psicologia e non la sua storia.
    come l'applichi se l'applichi?
    e non vogliamo essere noi a suggerirtelo visto che la studi, ma descrivilo con tue parole.
    la psichiatria inizia dove la psicologia non arriva.

    ma poi nemmeno la psichiatria ci arriva a certe patologie anzi alla maggior parte.

    in fatti quando non ci arrivono li riempiono di farmaci ,vedi john nash (beautiful mind) ed è stato premio nobel e ne è uscito da solo, quindi il miglior psicologo o psichiatra è un vero amico e cioè se stessi .
    il post sopra viene da sedute medianiche 37 anni di sedute tutte registrate e scritte su libri con testimonianze di psicologi psichiatri scienziati ecc ecc. che non hanno potuto negare l'evidenza.
    parliamo sempre quando possiamo provare quello che si dice e non come fanno certi, per sentito dire

    cià

  7. #7
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711
    Beh, mi dispiace, ma la lingua non mi prude lo stesso.

    Una disciplina non si può comprendere se non se ne osserva la storia e l'evoluzione. Vale per la psicologia come per qualsiasi altra scienza. Ho cercato di dare una risposta critica e ragionata alla domanda. Se preferite una definizione banale come "la psicologia è la scienza che studia l'uomo e la mente" che trovi su tutti i libri delle superiori basta dirlo. Ma è riduttiva e inutile per una discussione seria. Volevate sapere cos'è per me la psicologia e ve l'ho detto: una disciplina che sta cercando di andare avanti e adeguarsi alle nuove conoscenze sul mondo.
    Personalmente cerco di evitare l'errore che fanno molti studenti di psicologia, sopratutto nei primi anni, che sarebbe quello di iscriversi in psicologia per cercare di risolvere i propi problemi e giocare allo psicologo senza in realtà esserlo. Non applico le teorie e le cose che studio, nella mia vita quatidiana. Non ne ho bisogno. Se c'è qualcuno che sente questo bisogno sono fatti suoi. Io non sono ancora una psicologo, sono uno studente di psicologia che è molto diverso. Non basta nè una passione nè tantomeno una laurea per esserlo, nè tantomeno per cercare di applicare alcuni metodi della psicoanalisi o della psicologia o quello che volete voi alla vita di tutti i giorni. Quando avrò abbastanza esperienza professionale da poter dire di essere uno psicologo allora FORSE la utilizzerò in maniera diversa.

    Per quanto riguarda John Nash, non basta un film realizzato per far commuovere la gente per poter dire che l'uomo è il miglior psichiatra di se stesso. Nash era una persona estremamente intelligente che, effettivamente, è riuscito con le propie forze (quasi ma non solo) a contenere una malattia debilitante come la schizofrenia, ma prima di comprendere di essere malato ha passato un'esistenza molto difficile. Dalla quale sicuramente non è uscito solo e unicamente con la sua forza di volontà e la sua intelligenza, ma anche grazie ad alcuni farmaci. Ripeto che sull'uso dei farmaci anchio ho i miei dubbi, ma per questo c'è già un tread aperto e siamo abbastanza off topic già così.
    Nash è comunque un genio.Dubito fortemente che una persona normale, con un'intelligenza nella media o anche sotto sarebbe riuscito a contenere la malattia come lui.

    La battuta sull'utente super esperto te la potevi risparmiare. C'è scritto così solo perchè ho scritto più di 300 post, non perchè ho qualcosa in più di te o di qualcun'altro.
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  8. #8
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711
    Dimenticavo. Non parlo mai per sentito dire. Se non so qualcosa non parlo.
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  9. #9
    Super Postatore Spaziale L'avatar di Accadueo
    Data registrazione
    31-03-2003
    Messaggi
    2,536
    per la cronaca.. John Nash è ancora vivo.. ed è ancora schizofrenico.

  10. #10
    isaefrenk
    Ospite non registrato
    Accadueo
    Utente Biblico
    per la cronaca.. John Nash è ancora vivo.. ed è ancora schizofrenico.

    John Nash è ancora insegnante a Princeton e ancora interviste rilascia e nel suo spazio interne dell'istituto dice che prenderà in considerazione qualche teoria dei giochi se gli viene proposto.
    quindi ancora pinpante e sveglio
    ha pagato avvocati per non farsi rinchiudere , poichè la psichiatria di allora era allo stato primitiva.

    ciao

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711
    E quindi cosa vuol dire? Che la psichiatria è inutile ed è meglio non prendere farmaci che ti permettono di non sentire più le voci? E poi non avete risposto alla mia domanda. Che cos'è per voi la psichiatria? E cosa c'entrano le sedute spiritiche con i disturbi mentali? Non lo capisco propio....
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  12. #12
    isaefrenk
    Ospite non registrato
    Antopsi (Una disciplina non si può comprendere se non se ne osserva la storia e l'evoluzione. Vale per la psicologia come per qualsiasi altra scienza)

    questo è soggettivo, non tutti reagiscono ugualmente, ecco la solita espressione che sottovaluta l'umanità.



    ( Se preferite una definizione banale come "la psicologia è la scienza che studia l'uomo e la mente" che trovi su tutti i libri delle superiori basta dirlo. )

    a noi interesa il tuo approccio alla psicologia , come la pensi tu, tu come persona, ne parli così male che non si capisce perchè l'hai intrapresa.


    la psicologia moderna e per tanto qui si parla di elementarità, la usano tutti consciamente o incosciamente, non riconoscere questo movimento da uno che studia psicologia è un modo per dire sempre il contrario di quello che gli si propone.



    ( Personalmente cerco di evitare l'errore che fanno molti studenti di psicologia, sopratutto nei primi anni, che sarebbe quello di iscriversi in psicologia per cercare di risolvere i propi problemi e giocare allo psicologo senza in realtà esserlo. )

    perchè fino ad ora cosa hai fatto?
    mai hai parlato di te, e questo è sintomo o di fanatismo o di aver paura di mettersi in discussione e pensare di essere già arrivati, esperienze tue per valutarle come facciamo noi non ne hai mai tirate fuori, come un psicologo che fa parlare il suo paziente , non si sbilancia e si attiene alle tecniche che gli hanno insegnato, senza averle esperimentate su se stesso e quindi teoriche.



    ( Non applico le teorie e le cose che studio, nella mia vita quatidiana. Non ne ho bisogno. ) o sei incosciente e quindi questo è falso, o sai già come funzione la vita.




    ( Quando avrò abbastanza esperienza professionale da poter dire di essere uno psicologo allora FORSE la utilizzerò in maniera diversa.)
    anzichè provere su sestesso passo per passo aspettiamo di provarlo sui pazienti, e le usiamo come cavie?


    ( John Nash è ancora insegnante a Princeton e ancora interviste rilascia e nel suo spazio interne dell'istituto dice che prenderà in considerazione qualche teoria dei giochi se gli viene proposto.
    quindi ancora pinpante e sveglio
    ha pagato avvocati per non farsi rinchiudere , poichè la psichiatria di allora era allo stato primitiva.)



    quando non si conoscono i fatti è meglio tacere, leggiti la sua biografia.



    ( Nash è comunque un genio.Dubito fortemente che una persona normale, con un'intelligenza nella media o anche sotto sarebbe riuscito a contenere la malattia come lui. )


    questo è soggettivo.




    ciao

  13. #13
    isaefrenk
    Ospite non registrato
    Antopsi(E quindi cosa vuol dire? Che la psichiatria è inutile ed è meglio non prendere farmaci che ti permettono di non sentire più le voci? E poi non avete risposto alla mia domanda. Che cos'è per voi la psichiatria? E cosa c'entrano le sedute spiritiche con i disturbi mentali? Non lo capisco propio....)

    le medicine sono la sostituzione della mancanza della psichiatria, dove non arrivano danno i farmaci,"lui sente ancora le voci" quindi come le sento io , anche lui le sente e la psichiatria invece di far funzionare ed ampiare le ricerche vai con i farmaci, questo lo devi ammettere che è un limite.


    le voci provengono da entità disincarnate, se queste si sentono fuori di noi, ma non accettando questo si tampona con i farmaci, e si usa il paziente come cavia.

    ciao

  14. #14
    Partecipante Super Figo L'avatar di Antopsi
    Data registrazione
    26-06-2003
    Residenza
    Ribera (AG)
    Messaggi
    1,711
    Antopsi (Una disciplina non si può comprendere se non se ne osserva la storia e l'evoluzione. Vale per la psicologia come per qualsiasi altra scienza)

    questo è soggettivo, non tutti reagiscono ugualmente, ecco la solita espressione che sottovaluta l'umanità
    Non mi sembra di sottovalutare addirittura l'umanità se dico che bisogna studiare la storia per comprendere il tempo in cui viviamo. Anzi, non mi sembra di sottovalutare nulla. Gli studi non si campano in aria, ma si ragionano anche e sopratutto a partire dal lavoro di chi ci ha preceduto.

    ( Se preferite una definizione banale come "la psicologia è la scienza che studia l'uomo e la mente" che trovi su tutti i libri delle superiori basta dirlo. )

    a noi interesa il tuo approccio alla psicologia , come la pensi tu, tu come persona, ne parli così male che non si capisce perchè l'hai intrapresa.
    Il mio approccio alla psicologia, come ho gia detto, è di stampo cognitivista. Non parlo male della psicologia, visto che è uno studio che faccio con passione e che adoro. E' evidente che avete (o hai, non capisco se sto parlando con tutti e due o solo con uno) frainteso il mio occhio critico verso gli aspetti della disciplina che non condivido, ma che conosco e rispetto comunque. Ci sono degli aspetti della psicologia che non mi piacciono (ovviamente), come per esempio il poco rigore scientifico di alcune teorie, o la pretesa che hanno alcuni picoanalisti di creare una teoria solo in base alla loro esperienza personale, anzichè su fatti concreti e osservabili. Per esempio? Freud (sempre lui ) arrivò a teorizzare un concetto fondamentale come il complesso di Edipo, non analizzando più pazienti, ma attraverso l'interpretazione dei sogni du UN bambino. Sogni che gli venivano raccontati dal padre del bambino per lettera.
    La storia della psicoanalisi è piena di esempi del genere, e questo non mi va giù. Perchè vuol dire che qualsiasi bestia può dire quello che vuole, risultando sempre credibile, solo perchè nella propia esperienza hanno visto alcune cose e le hanno interpretate in un certo modo. Se poi quella stessa cosa la applico io e non funziona, magari la bestia in questione mi dice che non ho applicato il metodo in manira corretta.
    Io sono per i dati osservabili. La ricerca cognitivista è molto più seria ed arriva anche a risultati concreti.
    Inoltre, secondo me, la psicologia non ha SOLO lo scopo di aiutare chi sta male o di definire le strutture della personalità, ma anche di comprendere come ricordiamo, perchè ricordiamo certe cose e ne dimentichiamo altre, come avviene lo sviluppo del linguaggio ecc. ecc. ecc.

    ( Personalmente cerco di evitare l'errore che fanno molti studenti di psicologia, sopratutto nei primi anni, che sarebbe quello di iscriversi in psicologia per cercare di risolvere i propi problemi e giocare allo psicologo senza in realtà esserlo. )

    perchè fino ad ora cosa hai fatto?
    mai hai parlato di te, e questo è sintomo o di fanatismo o di aver paura di mettersi in discussione e pensare di essere già arrivati, esperienze tue per valutarle come facciamo noi non ne hai mai tirate fuori, come un psicologo che fa parlare il suo paziente , non si sbilancia e si attiene alle tecniche che gli hanno insegnato, senza averle esperimentate su se stesso e quindi teoriche.
    Non parlo di me perchè non è necessario ai fini della discussione. Non penso di essere un fanatico. Non vivo per gli studi che faccio. Nella mia vita c'è molto altro.
    Non ho assolutamente paura di mettermi in discussione. Se fosse come dici tu avrei troncato questa discussione molto tempo fa, ma siccome il confronto mi stimola sto rispondendo. A costo di sembrare antipatico.

    ( Non applico le teorie e le cose che studio, nella mia vita quatidiana. Non ne ho bisogno. ) o sei incosciente e quindi questo è falso, o sai già come funzione la vita.
    Nessuna delle due. Semplicemente ho vissuto 20 anni della mia vita senza sapere assolutamente nulla di psicologia, e ho vissuto benissimo. Iscrivermi all'università e studiare per 5 anni psicologia non ha cambiato la mia visione del mondo più di tanto. Quello lo fanno le esperienze che ho con le persone. Persone con cui parlo senza cercare di psicoanalizzarle. E' questo quello che intendevo con quella frase. Che mi sembrava anche abbastanza chiara.

    ( Quando avrò abbastanza esperienza professionale da poter dire di essere uno psicologo allora FORSE la utilizzerò in maniera diversa.)
    anzichè provere su sestesso passo per passo aspettiamo di provarlo sui pazienti, e le usiamo come cavie?
    A parte che all'università (purtroppo) non insegnano le tecniche psicoanalitiche e di colloquio (o almeno non praticamente ma solo a livello teorico), non era quello che intendevo. Le cavie non mi piacciono nemmeno nei laboratori farmaceutici, immagina nello studio di uno psicologo. E poi..... ma cosa ti fa pensare che io voglia fare lo psicoanalista? Non è una professione che mi attira, lavoro non ce nè, e in ambito psicologico ci sono un sacco di altri lavor che si possono fare. Per esempio la ricerca.

    ( John Nash è ancora insegnante a Princeton e ancora interviste rilascia e nel suo spazio interne dell'istituto dice che prenderà in considerazione qualche teoria dei giochi se gli viene proposto. quindi ancora pinpante e sveglio
    ha pagato avvocati per non farsi rinchiudere , poichè la psichiatria di allora era allo stato primitiva.)

    quando non si conoscono i fatti è meglio tacere, leggiti la sua biografia.
    Questo lo hai scritto tu e non io. E comunque ribadisco quello che ha scritto Accadueo: John Nash è ancora schizofrenico. E lo sarà per sempre, visto che non si guarisce dalla schizofrenia. Che riesca a vivere una vita decente è un altra cosa. Ma sicuramente non sarà tutta rose e fiori.


    ( Nash è comunque un genio.Dubito fortemente che una persona normale, con un'intelligenza nella media o anche sotto sarebbe riuscito a contenere la malattia come lui. )

    questo è soggettivo.
    Non è per niente soggettivo. E' un dato di fatto. La schizofrenia è un disturbo psicotico molto grave. Non so se hai mai conosciuto qualcuno affetto da questa malattia, ma ti assicuro che è invalidante. E non puoi certo dirgli "guarirai, basta che ti guardi dentro, tu sei il miglior psicologo di te stesso". Chi è affetto da un disturbo del genere se si guarda dentro vedo solo i propi fantasmi. Che sono molto lontani dal mondo reale in cui viviamo.


    In conclusione, ribadisco la domanda: cos'è per voi la psichiatria? La mia posizione penso di averla chiarita. E poi, cosa c'entrano le sedute spiritiche con la psichiatria?
    http://s2.bitefight.it/c.php?uid=49195

    Is not dead what it can eaternal live, but in strange eaons even death may die...

    Io ne ho viste cose che vuoi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhauser... e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia. E' tempo di morire.

    Scegliete la vita, scegliete un lavoro, scegliete una carriera, scegliete la famiglia, scegliete un maxitelevisore del cavolo, scegliete lavatrice, macchina, lettore cd e apriscatole elettrici. Scegliete la buona salute, il colesterolo basso e la polizza vita; scegliete mutuo a interessi fissi, scegliete una prima casa, scegliete gli amici. Scegliete una moda casual e le valigie in tinta, scegliete un salotto di tre pezzi a rate e ricopritelo con una stoffa del cavolo, scegliete il fai-da-te e il chiedetevi chi siete la domenica mattina. Scegliete di sedervi sul divano a spappolarvi il cervello e lo spirito con i quiz, mentre vi ingozzate di schifezze da mangiare. Alla fine scegliete di marcire, di tirare le cuoia in uno squallido ospizio, ridotti a motivo di imbarazzo di stronzetti viziati ed egoisti che avete figliato per rimpiazzarvi. Scegliete il futuro, scegliete la vita. Ma perché dovrei fare una cosa cosí? Io ho scelto di non scegliere la vita. Ho scelto qualcos'altro. Le ragioni? Non ci sono ragioni. Chi ha bisogno di ragioni quando ha l'eroina?

    Il mio blog... Venitemi a trovare.

    Avanguardista del F.E.R.U. e Governatore della provincia di Palermo.
    I GATTI DOMINERANNO IL MONDO!

  15. #15
    io mordo
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da isaefrenk


    le voci provengono da entità disincarnate, se queste si sentono fuori di noi, ma non accettando questo si tampona con i farmaci, e si usa il paziente come cavia.

    ciao
    Questo è molto... molto soggettivo
    Se anche tu senti delle voci non significa che sei schizofrenica... e che quindi senti le voci allo stesso modo di uno schizofrenico.


    isaefrenk: oppure c’è qualcosa , nel meccanismo cervello-personalità-anima, che ancora non è stato compreso.

    Perchè hanno già compreso qualcosa della relazione tra cervello e anima??
    Io non credo che l'anima esista senza corpo e anzi, ho seri dubbi anche sull'esistenza dell'anima o comunque sul concetto stesso... essendo stato io psicotico (senza allucinazioni).
    L'anima è il "principio immateriale della vita", io non credo che una cosa, per quanto astratta possa essere, si possa separare dalla materia... rimango un passo indietro, grazie.

Pagina 1 di 5 123 ... UltimoUltimo

Privacy Policy