• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12
  1. #1
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834

    Psicologi sveglia!!! La vecchiaia è sotto il ponte...

    Per chi non lo sapesse, l'ENPAP (http://www.enpap.it ) è il nostro ente di assistenza e previdenza (l'equivalente dell'IMPS).
    Quello che si occuperà delle nostre pensioni e della nostra vecchiaia...

    Magari lo sapevate, quindi vi stimolo su quest'altra questione: dopo aver versato per 35 anni i contributi (da oggi fino al 2039) ci spetterà di pensione la bellezza di 200,00euro al mese... ed un alloggio gratuito sotto il ponte

    Avete capito bene: 200 euro al mese. Questa sarà la pensione di chi versa all'enpap 35 anni di contributi!

    In termini nominali un pensionato di 65 anni si ritroverebbe dopo 35 anni di contribuzione a percepire una pensione annua che non raggiunge 2.500 euro dell’attuale potere d’acquisto, di gran lunga inferiore ai minimi pensionistici e all’ assegno sociale

    In compenso l'Enpap, si sta acquistando la nuova sede in zona Porta Pia (Roma). E' un palazzo d'epoca di svariati piani
    Però non vi preoccupate: almeno a Roma hanno già fatto una convenzione con Ferrovie Italiane: gli angoli della stazione Termini verranno adeguatamente attrezzati con cartoni e per gli Psicologi è prevista la distribuzione di un cornetto caldo ogni domenica mattina... per 35 anni

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ghiretto
    Data registrazione
    15-11-2004
    Residenza
    nell'orbita di Anarres
    Messaggi
    3,359
    Caro Nico, certo che è uno spettacolo leggere cotanta bellezza! Rivaluto l'INPS che da pubblica impiegata mi fornirà più o meno il doppio! però dopo 40 anni che per me vuol dire alla rispettabilissima età di 72 primavere.... mi/ci augurano lunga vita ( scaramanzia) Bah!!!
    Porterò io il caffè per il cornetto.....
    " E se scruti a lungo un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te" Nietzsche


    dai un'occhiata a questo sito www.altrapsicologia.it

    per usufruire del servizio contattare la scrivente per pattuire il compenso

  3. #3
    Ospite non registrato
    Ma pagando quanto all'anno di contributi avremo la bellezza di 200 euro al mese??

  4. #4
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da isotta80
    Ma pagando quanto all'anno di contributi avremo la bellezza di 200 euro al mese??
    beh... il minimo previsto dagli studi di settore è di circa un migliaio di euro all'anno, ma su questo spero di avere conferma da colleghi liberi professinisti...

    noi di ops, in quanto "imprenditori" stiamo sotto IMPS...

    gli studi di settore sono un sistema previsionale che ipotizza (in base ad una serie più o meno corretta di calcoli) che tu, Psicologo, devi guadagnare ALMENO un tot all'anno e su quella cifra si regola di conseguenza...
    ogni professione ha i suoi "studi di settore" ad hoc...

    colleghi, fatevi vivi: quanto versate annualmente all'ENPAP?
    questo silenzio è dovuto al fatto che spesso si è costretti a lavorare in nero?!?

  5. #5
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Il bollettino n° 14 dell'ENPAP dice che uno psicologo medio, con 1.500euro al mese di retribuzione (e già qui si potrebbe discutere sulla veridicità di tale media ), dopo 35 anni di versamenti prenderà una pensione media di 200euro.
    E' altresì detto che in realtà questi sono valori ottimistici perchè prenderemo molto meno.
    Calcolate inoltre che la pensione sociale è di 400euro, data a chi non ha mai lavorato ed è indigente.

    Questa, ragazzuoli miei, è la situazione nuda e cruda...

  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di almaserena
    Data registrazione
    02-11-2002
    Messaggi
    114
    L'EMPAP si prende la belleza del 10%
    di quello che denunciamo

    Almeno questa è la dritta che mi ha dato una mia collega...
    insomma, se vai a fare un conto, tra l'IVA, l'EMPAP, e spese varie,
    conviene lavorare a Progetto e pagarsi qualche polizza privata...
    In parte la salute mentale è una forma di conformismo.
    John Nash

  7. #7
    Partecipante L'avatar di orie
    Data registrazione
    04-07-2004
    Messaggi
    40
    Ciao a tutti, come ho già scritto in altre discussioni, io da libero professionista e opratore risorse umane ho sempre pagato l'INPS che, oltre ad essere solo proporzionale al guadagno (senza fisso minimo obbligatorio anche per chi non guadagna), ha previsioni un po' meno tragiche riguardo i futuri assegni di anzianità. Questo discorso non può valere per i clinici purtroppo che sono obbligati ad iscriversi all'ENPAP, e per chiunque svolga attività di PSICOLOGO. Come noto, purtroppo - o per fortuna - per lavorare nelle risorse umane non è indispensabile essere psicologi, si può avere P. IVA come gestione personale. Ora ho un contratto di lavoro come dipendente in ambito orientamento e valgono le stesse cose che per selezione e formazione (sono l'unica laureata in psicologia tra tutti gli operatori dell'orentamento del mio centro e non era neppure richiesto)
    ciao!

  8. #8
    samy
    Ospite non registrato
    l'italia fa pena...si lavora per non avere niente...ti succhiano soldi e tu lavori per la gloria

  9. #9
    Beh la situazione è grosso modo questa e non solo per gli psicologi.
    Con il passaggio del sistema di determinazione della pensione da retributivo a contributivo siamo tutti più o meno sulle stesse cifre ergo è altamente consigliabile (per non dire obbligatorio) dotarsi di un fondo integrativo

  10. #10
    Partecipante Assiduo L'avatar di ghostchild
    Data registrazione
    08-11-2007
    Messaggi
    213

    Riferimento: Psicologi sveglia!!! La vecchiaia è sotto il ponte...

    Riprendo questa vecchissima discussione, è quello che ho trovato cercando "pensione ENPAP"..
    Purtroppo le cose sembrano, se possibile, ulteriormente peggiorate

    Dal sito ENPAP:

    se a 65 anni hai accumulato 100.000,00 euro, avrai una rendita annua di 5.435,00 euro
    cioè una pensione di circa 450 euro mensili, dopo aver versato 100mila euro di contributi, cioè mooolto di più di quanto la maggior parte di noi può versare normalmente...

    Più realisticamente, stiamo parlando di "pensioni" di 100/200 euro mensili!!!

    Non vi sembra allucinante?!? nessuno dice niente? nessuno alza la voce? ci siamo già rassegnati a una "vecchiaia sotto il ponte", come dice il titolo del 3d??

    Diventa necessario muoversi con pensioni e fondi integrativi.... Voi ci state pensando? Come vi state muovendo??
    Confrontiamoci!

    p.s. se ci sono 3d più adatti e recenti di questo, segnalateli pure...io non li ho trovati

  11. #11
    Partecipante Esperto L'avatar di nudaveritas
    Data registrazione
    24-06-2008
    Messaggi
    323

    Riferimento: Psicologi sveglia!!! La vecchiaia è sotto il ponte...

    Guarda, io non guadagno praticamente nulla; diciamo che quanto porto a casa va semplicemente ad arrotondare lo stipendio del mio compagno (senza il quale non riuscirei a pagare nulla!). Molte volte sono stata contattata da varie agenzie per aprire fondi pensionistici, ma la mia risposta è sempre stata la stessa: "Purtroppo non posso permettermi di investire proprio nulla!". Perchè il guaio è esattamente quello: non si guadagna a sufficienza, quindi non si può risparmiare per il futuro....
    Nudaveritas
    La morte è insopportabile per chi non riesce a vivere

  12. #12
    Partecipante Esperto L'avatar di nudaveritas
    Data registrazione
    24-06-2008
    Messaggi
    323

    Riferimento: Psicologi sveglia!!! La vecchiaia è sotto il ponte...

    Altra cosa, più che l'ENPAP, dovrebbe muoversi lo STATO! Garantendo dei contributi per i professionisti che non raggiungono un guadagno mensile sufficiente alla vita! Solo perchè abbiamo una p.iva, non possiamo accedere ad alcuna agevolazione: no disoccupazione, no assegno familiare, no assegni sociali, ecc. Non so voi, ma io avrei tutti i requisiti per ottenerle, se non fossi una libero professionista...
    Nudaveritas
    La morte è insopportabile per chi non riesce a vivere

Privacy Policy