• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 12 di 12
  1. #1

    Tatta-tara-tara-tatta-tara...il circo

    Ok, prendo spunto dalla puntata di ieri sera di Cronache marziane in cui era ospite Moira Orfei (personaggio alquanto raccapricciante,sia per mestiere che per aspetto esteriore)
    Dunque, attaccata da un'animalista in studio la signora si difendeva dicendo che NOSSIGNORE,i suoi elefanti non stanno rinchiusi in gabbie di 2x2,ma hanno BEN 150 mq per passeggiare....praticamente come un bell'appartamento. Il tutto ovviamente delimitato da del cavo a 12v altrimenti i suddetti se ne andrebbero chissà dove. (certo, se gli bastano 150 mq come mai dovrebnbero avere l'esigenza di andare oltre?)
    Ora io penso che stò cercando casa con un giardino ad uso esclusivo del mio cane, una taglia media di circa 30 kg , che non sia meno di 100 mq (il minimo per non soffocarlo).Tutto questo tenendo in considerazione che avrebbe COMUNQUE bisogno durante la settimana di correre libero in qualche prato, un dovere al quale non potrei sottrarmi.
    Ma il cane pur avendo bisogno di muoversi non è certo un animale migratore, contrariamente agli elefanti che si spostano tutta la vita e macinano km e km al giorno.
    Ma se sentite Moira i suoi animali sono felicissimi di stare con lei (Ma perchè stare nella savana o in quelle terre lontanissime dell'India?non è forse + bello fare su e giù per l'europa comodamente trasportati su 4 ruote?)Eh già.

    C'è effettivamente bisogno degli animali nel circo?
    Una volta si mettevano in mostra anche gli esseri umani, meglio se con qualche handicap o se prelevati da terre sconosciute.
    Oggi questo ci farebbe raccapricciare, ma gli animali no, loro vanno bene.
    Eppure se ci penso fino a non molto tempo fa nello stadio di Kabul adulti e bambini assistevano alle esecuzioni di donne e uomini con la stessa normalità con cui noi assistiamo agli spettacoli circensi. E allora penso che anche se in occidente ci limitiamo a guardare la sofferenza degli animali (la guardiamo anche se non ci sembra di scorgerla,perchè in realtà lo sappiamo tutti che loro al circo soffrono)perchè è una cosa "normale" potremmo benissimo ricominciare ad assistere agli spettacoli tipo colosseo dove si massacravano le persone. In fin dei conti è questione di abitudine, come siamo abitutati a vedere le scene al tg di gente dilaniata dalle bombe.
    Ma forse, essendo in un paese libero(contrariamente all'Afghanistan sovracitato) ed in un epoca ben lontana dall'antica Roma,essendo ormai gente colta ed informata non torneremo mai a tanto.Siamo liberi di dire basta senza la paura di venire perseguiti per questo.
    Perchè allora gli animali si?
    Penso a mio figlio e a quando dovrò affrontare l'argomento circo e fargli capire perchè non lo porterò a vedere gli animali. Forse capirà ma potrebbe sentirsi emarginato perchè tutti gli altri amichetti ci andranno.Forse si arrabbierà con me per molto tempo.
    Gli daranno i biglietti a scuola o fuori dalla scuola e saprà di non poterci andare perchè "mamma non vuole", "mamma dice che gli animali soffrono", eppure tutti gli altri genitori non la pensano cosi', allora forse "mamma è cattiva,o si sbaglia"
    Penserà questo mio figlio?Perchè io so già che non ne troverò molti di genitori che diranno no al circo, che accettino o meno che ci siano animali, i + penseranno che ormai è normale, che ci siamo andati tutti e che non avranno voglia di sentire i pianti dei loro bimbi.
    Alcuni di voi sono già genitori, gli altri lo saranno un domani,come vi comporterete?
    E innanzitutto, siete favorevoli o contrari ai circhi con gli animali?
    La signora Orfei dice che sechiedi ad un bambino cosa gli è piaciuto di + di uno spettacolo circense ti risponderà "gli animali"
    Ma tralascia un fatto.I bambini nella loro innocenza sono spesso ignari delle sofferenze di questi animali. I bambini credono a quello che vedono e al circo vedono lo spettacolino confezionato ad arte che fa sembrare gli animali contenti. Noi adulti manipoliamo i bambini, loro si formano con le informazioni che noi gli diamo.
    Ma se i bambini potessero sentire il parere degli animali capirebbero subito che stanno meglio liberi nei loro paesi d'origine.
    Personalmente,quando andavo al circo oltre agli animali a me piacevano molto le acrobazie dei trapezisti e dei giocolieri. Sognavo di stare lassù a penzolare come tarzan.
    Una sera vidi qualcosa che mi turbò. Una leonessa che diversamente di tutti quelli che avevo visto precedentemente non sembrava tanto felice di stare li'. Era magrissima,le si vedevano le costole, barcollava ed aveva un muso talmente gonfio che a stento le si vedevano gli occhi. Pur essendo ancora molto giovane ho capito che qualcosa non andava e mi sono sentita terribilmente in colpa di far parte della stessa razza di quegli esseri che l'avevano ridotta cosi'. E' stato l'ultimo spettacolo che ho visto. La mia coscenza cominciava a calcolare certe cose.
    Qualche tempo dopo un'amichetta ed i suoi genitori mi trascinarono allo zoo di Pistoia.Era estate, faceva caldissimo, non c'era praticamente nessuno. Il silenzio era desolante e le strutture lo erano ancora di +. Non mi divertivo per niente, figuriamoci come si divertivano gli animali e quel povero orso bianco in quegli spazi miseri, sporchi e infuocati.
    Prima ed ultima volta.
    I bambini possono capire,basta spiegar loro le cose. Se fossimo meno pigri e dedicassimo + tempo alle spiegazioni potremmo essere in tanti e far finire queste cattiverie.
    Non c'è bisogno di vedere da un metro di distanza gli animali per sapere qualcosa di loro. Abbiamo forse visto ogni specie conosciuta dal vivo?Siamo forse incompleti se ci accontentiamo di vedere gli animali lontani in un documentario che ci mostra la loro vita reale nel loro habitat e ci aiuta a capire veramente come sono e come vivono? E' meglio vederli distesi tutto il giorno sul cemento in attesa che gli vanga lanciato il cibo o a fare stupide piroette che mai farebbero in natura?
    Non è forse bello il circo senza animali, coi giocolieri, i maghi, i trapezisti,i clown etc.....
    Ai bambini basta poco per sognare, non c'è bisogno di divertirli con le sofferenze altrui.
    Just my 2 cents.

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Sono d'accordo... anche se credo sia molto più semplice di quello che sembra convincere i bambini del fatto che gli animali al circo soffrono: basta spiegarglielo, e vedrai che la maggior parte di loro avrà ancora più coscienza di un adulto, e saranno i primi a dire di non volerci andare. Almeno, a me è sempre successo così (a me, ai miei amici e ora ai nuovi bambini, parenti e amici).
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  3. #3
    Guardate bene qua, non è forse come stare in mezzo ai ghiacci dell'artico?basterebbe dare una mano di bianco al cemento....
    Immagini allegate Immagini allegate

  4. #4
    Originariamente postato da Ember
    Sono d'accordo... anche se credo sia molto più semplice di quello che sembra convincere i bambini del fatto che gli animali al circo soffrono: basta spiegarglielo, e vedrai che la maggior parte di loro avrà ancora più coscienza di un adulto, e saranno i primi a dire di non volerci andare. Almeno, a me è sempre successo così (a me, ai miei amici e ora ai nuovi bambini, parenti e amici).
    Si, ma il problema può sorgere lo stesso se "tutti gli altri bambini ci vanno" e quei bambini li' ,poichè non correttamente informati, saranno i primi a prendere in giro o a dare dello sciocco a chi non ci va. Succede anche questo e succede che uno si faccia dei complessi.

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Certo che anche lo zoo non è che sia tanto meglio (anche se a me piacciono gli zoo, soprattutto quelli che hanno un valore storico... animali a parte insomma).
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Originariamente postato da Scarlet
    Si, ma il problema può sorgere lo stesso se "tutti gli altri bambini ci vanno" e quei bambini li' ,poichè non correttamente informati, saranno i primi a prendere in giro o a dare dello sciocco a chi non ci va. Succede anche questo e succede che uno si faccia dei complessi.
    Perchè tutti vanno al circo e lui no? a me sembra un pò eccessivo... poi basta dare al bambino buoni argomenti per controbattere! Penso che già alle elementari un bambino sia in grado di confrontarsi coi coetanei in modo civile...

    Aggiungo che i miei per non farmi pesare troppo certe "privazioni" (che poi in realtà non lo erano, e io magari nno lo capivo) compensavano con altre cose. Tipo, anzichè andare al circo mi portavano a vedere qualche città, oppure al cinema ecc... per dire, così facendo mi sollevavano dal sentirmi "diversa" (anche se in realtà devo dire che non mi succedeva) e mi mostravano cose veramente interessanti.
    Ultima modifica di Ember : 26-11-2004 alle ore 11.48.45
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  7. #7
    Forse sono solo paure mie, ma parlando con altre mamme non trovo quasi mai chi la pensa come me.Vivo in una cittadina,circondata da decine di paeselli, sicuramente in una città grande sarebbe + facile trovare + bambini con genitori che la pensano cosi'.
    Vedremo quando mio figlio andrà a scuola, speriamo bene.
    Ultima modifica di Scarlet : 26-11-2004 alle ore 11.51.43

  8. #8
    Originariamente postato da Ember
    Aggiungo che i miei per non farmi pesare troppo certe "privazioni" (che poi in realtà non lo erano, e io magari nno lo capivo) compensavano con altre cose. Tipo, anzichè andare al circo mi portavano a vedere qualche città, oppure al cinema ecc... per dire, così facendo mi sollevavano dal sentirmi "diversa" (anche se in realtà devo dire che non mi succedeva) e mi mostravano cose veramente interessanti.
    Cercherò di farlo anch'io e se sarà necessario farò km per trovare un circo senza animali o portarlo in qualche riserva naturale.

  9. #9
    Partecipante Super Figo L'avatar di marcheseblu
    Data registrazione
    27-10-2004
    Residenza
    Roma - SudTirol
    Messaggi
    1,635
    Ci sono epoche ed epoche... popoli e popoli... antropologicamente parlando.
    Ad esempio, nell'antica Roma "Il Circo" prevedeva crudeltà d'ogni sorta e tutti conosciamo la storia...
    Ora, ai nostri giorni, "Il circo come lo concepivano gli antichi romani non c'è più"... e non staremmo al passo coi tempi se desiderassimo vedere dei Gladiatori che lottano a sangue, ma per quell'epoca era normale.
    Ora... il punto è... siamo davvero al passo coi tempi nel 2004 considerando "gli animali nel circo" come una cosa normale? NO. Perché, ringraziando il Cielo, il mondo si evolve, la cultura, l'intelligenza analitica e l'etica umana si evolvono... e questa "evoluzione" non può divenire "involuzione".
    Quindi, tra qualche decennio (ancora non credo sia possibile superare l'empasse), si considereranno gli "animali al circo" sullo stesso piano e con lo stesso parametro valutativo di come oggi valutiamo "I Gladiatori nel Circo". Fortunatamente, come in questo caso, il progresso di tanto in tanto occorre... poiché apporta norme comportamentali non dettate da null'altro che non sia lo sviluppo di menti sempre più equilibrate e capaci di discernere quel che è "bruto" da quel che è "consentito".
    Ad esempio... in Perù... tutt'oggi... c'è una festa, durante la quale un Condor, viene legato sul dorso di un toro affinché si dimostri il primato del "Dio Condor" (simbolo del Perù)... e col suo "dolce beccuccio" il Condor dilania il toro fino alla morte... alla fine il Condor verrà liberato di nuovo in cielo perché, appunto... è un simbolo divino...
    Ma potremmo riferirci ad una moltitudine sterminata di riti e feste in tutti i paesi "svantaggiati e poveri" della terrra... e RIPETO... svantaggiati e poveri... e di certo, non troveremmo mai feste simili in paesi evoluti come l'Europa eccetera... (Benché con dovute eccezzioni che comunque son casi isolati...).
    In sostanza... il mio parere è che... l'Italia dovrebbe essere così "avanti" da non permettere più che gli animali vengano "maltrattati" in un circo... perché né io né voi di certo crediamo alle favolette di una panzona esaltata e zingara come la Orfei che dice di trattar bene gli animali...
    ... oppure crediamo che nel circo gli animali vengano addestrati con zuccherini e baci? Forse hanno anche quelli, dopo però aver patito fame, scosse elettriche, frustate e torture d'ogni sorta...
    Speriamo, concludendo che, magari nel 2030 il circo abbia solo trapezisti, maghi, clouns e saltimbanchi vari... ma che gli animali girino liberi per il loro ambiente naturale. E se questa è una "speranza fattibile" per il circo (almeno in Italia), speriamo sia altrettanto fattibile (anche se non credo purtroppo...) per gli Zoo... che sono ugualmente abominevoli, poiché privano gli animali dell'unico diritto che hanno in questo mondo, il "diritto di essere liberi".
    "La voce dell'intelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non trova ascolto"

    Hai dato un'occhiata al Regolamento di Ops? Clicca [Quì] o [Quì]

    *Die schöpferische Gestaltung des Ganzen ist mehr als die Summe der einzelnen Teile*


    *Il mio spazio* sulla "Cucina Giapponese"
    Visita il sito di Altra Psicologia

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di stillmad
    Data registrazione
    28-07-2004
    Residenza
    peripezie mentali
    Messaggi
    3,577
    gli animali devono stare nel loro habitat.
    gli animali soffrono nell'essere violentemente addestrati a fare cazzate du cui non gliene po' fregà de meno.
    la colpa è dei genitori ignoranti,perchè la lav è andata nelle scuole a sensibilizzare i bimbi sugli animali nei circhi e loro stessi hanno collaborato con la lav nella stesura di volantini dal titolo"bello il circo ma senza gli animali"
    i bambini amano molto gli animali e sono sensibili ai loro problemi.
    neanche un umano sano di mente starebbe bene in compagnia di quel mostro della Orfei(gran maleducata per giunta e bugiarda)figuriamoci dei poveri animali che vi sono costretti.
    sono una degli animalisti che è andata a protestare fuori dal circo (scortata dalla Digos...è sì è proprio umana quella donna e il suo enturage....)e vi assicuro che la gente non ne sa niente delle torture che subiscono gli animali e rimane a bocca aperta...(pure questi però mi fanno un po' inka...)
    per me il circo o chiude o lo fanno senza animali.non è civile uno schifo del genere.appena ho tempo vi posto come vengono addestrati.
    mi fanno imbestialire ste cose abbasso quella cicciona mascherona butrillona cafona della Orfei...odiosa
    Ultima modifica di stillmad : 26-11-2004 alle ore 18.04.27

  11. #11
    Partecipante Super Figo L'avatar di marcheseblu
    Data registrazione
    27-10-2004
    Residenza
    Roma - SudTirol
    Messaggi
    1,635
    Dai un'occhiata quì http://www.unhappyanimal.org/
    "La voce dell'intelligenza è una voce sommessa, ma non tace finché non trova ascolto"

    Hai dato un'occhiata al Regolamento di Ops? Clicca [Quì] o [Quì]

    *Die schöpferische Gestaltung des Ganzen ist mehr als die Summe der einzelnen Teile*


    *Il mio spazio* sulla "Cucina Giapponese"
    Visita il sito di Altra Psicologia

  12. #12
    albertodid
    Ospite non registrato
    ABBASSO IL CIRCO!!!!!!! La signora Orfei ha dichiarato in TV di vivere in una casa semovente (camper è riduttivo) di circa 300 metri quadrati!!!!! Il doppio dei suoi poveri elefanti. Mi viene voglia di !!!! Diceva che era il minimo per potersi sentire a proprio agio e vivere con decenza (ha una famiglia numerosa, poverina)! Che ipocrisia gente!!!

Privacy Policy