• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    L'avatar di Haruka
    Data registrazione
    30-11-2001
    Residenza
    Montreal - Canada
    Messaggi
    12,895
    Blog Entries
    4

    wake up downloadatori!! Hollywood has you!!

    Hollywood: cancellatevi gli hard disk
    Gli studios chiedono risarcimenti record per ogni singolo film scaricato dalla rete e rilasciano gratis il software che studia i computer degli utenti e consente di cancellare file fuorilegge. Vietato ridere


    18/11/04 - News - Los Angeles (USA) - 30mila dollari per ogni file contenente un lungometraggio scaricato da Internet e multe fino a 150mila dollari se chi lo ha posto in condivisione sapeva quel che faceva. Si presenta con queste straordinarie richieste di risarcimento la prima ondata di denunce contro gli utenti Internet americani, volute dagli studios di Hollywood.

    Annunciate nelle scorse settimane (http://punto-informatico.it/p.asp?i=50305) in quanto ritenute l'unica via per porre fine alla libera circolazione dei film e di altre opere audiovisive su Internet, le denunce sono dunque partite. Ma gli studios della MPAA (www.mpaa.org), l'associazione di categoria, non hanno voluto dichiarare né di quante denunce si tratta né dove sono state presentate. Ed è probabile che vogliano rivendersi questa informazione in comunicati che distribuiranno nei prossimi giorni, nella speranza di alimentare una campagna stampa contro il peer-to-peer.

    Scopo dichiarato delle azioni legali contro i singoli utenti, infatti, non è tanto quello di "rientrare" di qualche decina di migliaia di dollari a titolo di compensazione per i film fin qui circolati sulla rete, quanto invece di creare un caso che possa agire come deterrente per gli utenti del P2P, per scoraggiarli dall'usare le piattaforme di scambio. Una strada già percorsa dalla RIAA (www.riaa.com), i discografici statunitensi, che non è però servita a ridurre il fenomeno del P2P (http://punto-informatico.it/p.asp?i=50128), oggi più vitale che mai.

    La MPAA ha poi sottolineato che intende rendere disponibile gratuitamente a tutti il proprio programma di monitoraggio delle reti del P2P, software pensato per individuare quali file contenenti film si trovano sull'hard disk di un computer connesso alle reti di scambio e quali siano i programmi di sharing installati.

    Non solo. Gli studios hanno anche sottolineato che tutte le informazioni che vengono rilevate dal programma possono essere utilizzate anche per cancellare "qualsiasi film o file musicale salvato in violazione della legge", nonché per rimuovere programmi di file sharing installati sul computer. L'idea, dunque, è che gli utenti usino il software per mettersi in regola, cancellando file e programmi.

    La MPAA crede così fortemente nella possibilità che ciò avvenga (e cita i casi di genitori che vogliano assicurarsi che i computer di casa usati dai figli non contengano file fuorilegge), che il programmino spaccatutto sarà pubblicato per download su un sito dedicato alla sensibilizzazione dei consumatori contro la pirateria.

    Il sito farà parte di una imponente campagna di informazione che nei prossimi mesi accompagnerà la battaglia legale degli studios. Sarà anche rinforzata la presenza di spot antipirateria nei cinema prima delle proiezioni, una misura ormai adottata anche in Europa e in Italia, fin qui senza molto successo.

    Va detto che la nuova crociata legale era nell'aria da tanto tempo e se ne avranno l'occasione c'è da scommettere che le major di Hollywood cercheranno di portare la propria guerra al di fuori dei confini americani. È ormai infatti più di un anno che ai provider europei, compresi quelli italiani, arrivano decine di diffide della MPAA per le attività degli utenti nostrani, diffide che non hanno peraltro alcun valore nel nostro ordinamento.

    --


    cioè ma prego signor PincoPallo: entri pure nel mio pc..

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di paky
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    6,026

    Re: wake up downloadatori!! Hollywood has you!!

    Originariamente postato da Haruka
    [B]
    cioè ma prego signor PincoPallo: entri pure nel mio pc..
    ecco, io non sarei mica tanto disponibile...
    aiut'
    ...love is passion, obsession, someone you can't live without.
    I say fall head over heels.
    Find someone you can love like crazy and who'll love you the same way back.
    How do you find him? Well, forget your head and listen to your heart.
    'Cause the truth is that there's no sense living your life without this.
    To make the journey and not fall deeply in love... well, you haven't lived a life at all.
    But you have to try, because if you haven't tried, you haven't lived.

    Meet Joe Black

  3. #3
    SuperManu
    Ospite non registrato
    Qui tocca alzare le barricate altrochè

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di yottasmile
    Data registrazione
    21-07-2004
    Residenza
    Firenze - Rapallo...non ridete, esiste veramente! C'è anche sulla cartina geografica!
    Messaggi
    1,496
    ma parecchio!
    C'è felicità e felicità. Ce n'è una fuggevole e relativa, perchè legata a qualcosa fuori di noi.
    E ce n'è un'altra indistruttibile e assoluta, che si trova dentro ognuno


    Avatar created by *la miaIlapreferita*

  5. #5
    Partecipante Figo L'avatar di (sic)
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Roma-Brindisi
    Messaggi
    845
    Se i prezzi fossero ONESTI, non credo che i programmi p2p sarebbero così usati. Per quanto riguarda la musica, le case discografiche sono talmente affamate di denaro che persino i cantanti/gruppi si lamentano di ricevere molto poco dalle vendite delle PROPRIE opere . In questo "gioco" ognuno cerca di fare gli affari propri...
    "l'equità, la giustizia, la libertà sono più che parole... sono prospettive!"

  6. #6
    Originariamente postato da (sic)
    Se i prezzi fossero ONESTI, non credo che i programmi p2p sarebbero così usati.
    Intanto, non ci credo. (ho molte argomentazioni e sono aperto a discuterne, magari altrove)

    Originariamente postato da (sic)
    Per quanto riguarda la musica, le case discografiche sono talmente affamate di denaro che persino i cantanti/gruppi si lamentano di ricevere molto poco dalle vendite delle PROPRIE opere . In questo "gioco" ognuno cerca di fare gli affari propri...
    ..e poi stiamo parlando di film e non di musica.

    Comunque, come evidenziato dall'articolo, lo scopo di questa campagna è solo quello di rallentare bruscamente la pirateria.
    Per come la vedo io abbiamo ancora un paio d'anni di libertà illusoria, poi sarà bene dimenticare i tempi d'oro. Più o meno a partire da Longhorn saremo tutti in gabbia.
    Remy Lebeau
    Fu Moderatore Dolce Vita e Raduni

    SeeTheLifeIveHad.CanMakeAgoodManBad
    • • • • framtida självmordsoffer • • • •

    [ regolamento del forum ] * [ regolamento de "La dolce vita" ]


  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di (sic)
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Roma-Brindisi
    Messaggi
    845
    Originariamente postato da Remy Lebeau
    Intanto, non ci credo. (ho molte argomentazioni e sono aperto a discuterne, magari altrove)
    Intendevo dire che forse sarebbero usati di meno

    ..e poi stiamo parlando di film e non di musica

    "Non solo. Gli studios hanno anche sottolineato che tutte le informazioni che vengono rilevate dal programma possono essere utilizzate anche per cancellare "qualsiasi film o file musicale salvato in violazione della legge", nonché per rimuovere programmi di file sharing installati sul computer. L'idea, dunque, è che gli utenti usino il software per mettersi in regola, cancellando file e programmi."
    "l'equità, la giustizia, la libertà sono più che parole... sono prospettive!"

Privacy Policy