• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 19

Discussione: tesi e lavoro

  1. #1
    Neofita
    Data registrazione
    13-07-2004
    Residenza
    provincia di torino
    Messaggi
    5

    tesi e lavoro

    Ciao a tutti....
    mi piacerebbe scambiare qualche chiacchera con studenti lavoratori come me...più che altro per capire se anche ad altri capita o è capitato di non riuscire a trovare un argomento di tesi e soprattutto un relatore che comprenda e valorizzi questa condizione piuttosto che scotomizzarla completamente come se non facesse differenza...Io credo che la mia più che decennale esperienza lavorativa (sono fisioterapista) potrebbe essere una risorsa utile anche per la mia tesi di laurea, inoltre ho anche completato una formazione quadriennale come counselor....c'è qualcosa che non va: più mi "formo" come individuo meno mi sembra di esistere , almeno nell'ambiente accademico...
    Dite la vostra.
    Intanto io cerco di riattivarmi un po' e sbloccare la situazione (ho finito tutti gli esami, mi manca solo la tesi!).
    CIAO CIAO
    FISIOPSICO

  2. #2
    Partecipante L'avatar di melaverde
    Data registrazione
    21-07-2004
    Residenza
    genova
    Messaggi
    34
    Ciao fisiopsico
    la mia situazione è simile alla tua, in realtà lavoro part-time solo da due anni e questo mi ha permesso di dare il grosso degli esami e di inserirmi nell'ambiente universitario prima di allontanarmene per il lavoro.
    Quando ho chiesto la tesi (V.O di psico) qualche prof. ha "stortoil naso"sapendo del lavoro, mi sono dovuta accontentare di un argomento che all'inizio non mi piaceva molto, ma poi sono riuscita a darci il taglio che preferivo, e ora mi piace da matti!
    Ti posso dire che bisogna scendere a compromessi, soprattutto con se stessi.....almeno nel mio caso.
    Sono soddisfatta della mia storia universitaria, mi laureo questa estate e grazie al lavoro attuale ho già qualche opportunità nel settore della ps.della formazione e, detto francamente, questo è l'importante .
    In bocca al lupo per tutto!

    Ciao

  3. #3
    Neofita
    Data registrazione
    13-07-2004
    Residenza
    provincia di torino
    Messaggi
    5
    Ciao melaverde, grazie per la tua risposta...
    per la verità la mia situazione è un po' più complessa di come l'ho descritta e comunque mi rendo conto che mi è utile confrontarmi con altri raccontando "la mia storia" per riprendere consapevolezza e responsabilità e...darmi una mossa! Comunque le priorità che finora mi sono data hanno lasciato sempre sullo sfondo l'università e questo ora in un certo senso conta e ha il suo peso...
    Alla prossima.
    CIAO.

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    Ciao melaverde e fisiopsico!
    io sono studente-lavoratrice da quando ho iniziato l'universita'. Sono partita con un lavoro a 8 ore e ora lavoro a 6 ore e, per di piu', e' un lavoro che non c'entra niente ne' con la psicologia ne' nell'ambito sanitario, ma e' un lavoro che mi ha permesso di mantenermi in questi anni di studi. Mi sono vista mettere dei 18 senza nemmeno sostenere l'esame perche' "essendo anche lavoratrice non avrei sicuramente potuto dare di piu'". E per la tesi e' uguale, nessuno mi considera, il mio relatore e' da febbraio che non riesco a incontrarlo. Ma la laurea sara' per me.... non per loro... e quando saro' laureata potro' dire: ho 26 anni, sono laureata, lavoro da 6 anni, ho una casa mia e convivo, cose che , se non lavorarvo non potevo fare, e, soprattutto, sono gia' entrata nel mondo del alvoro con tutto quello che questo ingresso comporta!!
    In bocca al lupo a tutti gli studenti lavoratori!
    Ultima modifica di Megghina : 26-11-2004 alle ore 09.38.02
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  5. #5
    Partecipante L'avatar di melaverde
    Data registrazione
    21-07-2004
    Residenza
    genova
    Messaggi
    34
    Prima di tutto complimenti per la forza cara Megghina! Io lavoro solo da due anni e , se devo essere sincera, forse non sarei stata in grado di superare il biennio lavorando.
    Sai abbiamo molte cose in comune....anch'io ho 26 anni, convivo, da pochissimi giorni ho una casa mia (nostra per precisione)e quasi una laurea! Sai meglio di me la fatica che tutto ciò comporta ma se tornassi indietro rifarei il tutto, sono orgogliosa di me e non è poco!
    Dimenticavo il mio amore, senza di lui sarei ancora su neurofisiologia!!!!!!!!!!!
    Di che facoltà sei?
    Ora scappo........il lavoro mi attende.....
    A presto !

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    Melaverde.. abbiamo davvero tantissime cose in comune!!
    io convivo da 3 settimane in una casa nostra, con il mio ragazzo e il nostro cucciolotto, mi manca un esame e la tesi... e spero che entro novembre massimo saro' laureata!!
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  7. #7
    Partecipante Esperto L'avatar di Gango
    Data registrazione
    30-06-2002
    Residenza
    Sardegna
    Messaggi
    312
    Avrei una curiosità (e non nascondo che vi ammiro molto) su chi, come voi, lavora e studia e poi si laurea anche: in breve, come fate? Dove trovate il tempo e la voglia di studiare?
    "E' più facile spegnere la luce dentro se stessi
    che disperdere le tenebre tutt'intorno."

  8. #8
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    Gango... che domanda difficile!!
    La voglia di studiare c'e', senza dubbio, perche' se no non avrebbe senso faticare cosi'. per quanto riguarda il tempo, e parlo naturalmente solo per me, io studio in tutti i momenti possibili. Al lavoro faccio i turni e a volte esco alle 23, e fino all'una e mezzo/due non riesco mai ad addormentarmi. Invece che leggere una rivista o guardare la tv leggo i libri degli esami. Cosi' come se sono in attesa dal dottore o da altre parti, ogni ritaglio di tempo e' buono (infatti giro sempre con i libri dietro). Certo che, quando non lavoro, dedico la giornata allo studio invece che uscire (magari esco alla sera).
    Non per questo mi manca qualcosa.... ora sto mandando avanti una casa mia, ho tanti amici con cui esco un paio di volte a settimana, e cerco di non farmi mancare gli svaghi. Li riduco, ma non li tolgo del tutto. La cosa che ho tolto del tutto e' del tempo per me, non guardo mai la tv o un film che magari mi piacerebbe, ne' magari ho tempo di leggere libri che non siano per gli esami, o, per dire, fare la maglia.
    Per ora e' cosi'.. uan volta laureata mi riprendero' tutte queste cose!
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  9. #9
    Partecipante Esperto L'avatar di Gango
    Data registrazione
    30-06-2002
    Residenza
    Sardegna
    Messaggi
    312
    Massimo rispetto. Molti che avrebbero tempo unicamente per lo studio ci mettono anni a finire.....questione di voglia e di volontà penso.......e di qualche altra cosa ovviamente.
    Complimenti.
    "E' più facile spegnere la luce dentro se stessi
    che disperdere le tenebre tutt'intorno."

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di Ele*
    Data registrazione
    13-12-2002
    Residenza
    *Campi Bisenzio*[FI]
    Messaggi
    10,523
    Secondo me basta avere una gran forza di volonta'e di andare avanti:ho deciso di lavorare 2 anni e mezzo fa e mantengo questo lavoro che adoro e che a detta di tuti è molto comodo!Faccio la baby sitter(o meglio dire la sorellona maggiore) a una dolcezza di quasi 3 anni(si l'ho presa a 5 mesi!)e mi piace come scelta!la cosa comoda e'che lei sta al piano di sopra quindi ho tutto il tempo x studiare e salire all'ultimo minuto da lei,quando lei dorme riesco a studiare,lavoro meta'giornata quindi l'altra meta' è x me...certo nn ho piu'il tempo libero di prima,ma organizzandomi riesco a vedere le mie amiche,andare al cinema tutte le settimane,leggere i libri,fare la maglia,e ovviamente stare col mio ragazzo...Basta organizzarsi!io sono a -2 esami e la tesi da fare...ma sxo x giugno di aver gia finito tutto!!!


    Questa qua è per te
    e anche se non e` un granché
    ti volevo solo dire
    che era qui in fondo a me.
    Perché sei
    viva viva cosi come sei quanta vita mi hai passato
    e non la chiedi indietro mai

    *Non si vede che col cuore.L'essenziale e'invisibile agli occhi*-Il Piccolo Principe-
    *..per una magia così,dice,vale la pena vivere..*
    //qUeLLe DeL cUrLy PoWeR\\
    Proud To Be A Ciccins
    fondatrice con Rae del f.c.f.c.[fancazziste fan club]con sede in una bella spiaggetta della Croazia...1°adepta:claudina!
    FemminaComeLaVita
    "ah beh, cos'è la vita senza draghi?"
    ..vogliono ballare un po'di piu',vogliono sentir girar la testa,voglio sentire un po'di piu',un po'di piu',le donne lo sanno,le donne l'han sempre saputo..
    La mia Libreria

  11. #11
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    Originariamente postato da Gango
    Massimo rispetto. Molti che avrebbero tempo unicamente per lo studio ci mettono anni a finire.....questione di voglia e di volontà penso.......e di qualche altra cosa ovviamente.
    Complimenti.

    grazie!!!
    io sono a meno un esame dalla fine... e se riuscissi a finire entro luglio sarei super felice!!!!!
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  12. #12
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Ciao lavoratori. Vedo che c'è ancora gente che lavora a tempo pieno e studia pure. Ma con le nuove lauree triennali penso che sarete sempre di meno.
    La mia esperienza, per sommi capi, sperando possa servire a qualcuno di voi.
    Ho iniziato a lavorare nel 1984, come operaio di ultimo livello, nel centro ricerche di una grande industria. Avevo il diploma di perito chimico e parecchia voglia di mettere le mani sulla strumentazione. Sono ancora lì, anche se, nel frattempo, non sono più operaio ma responsabile di un laboratorio, mi sono laureato in psicologia, mi sono separato dalla mia ex-moglie e vivo con il mio nuovo amore da 4 anni. L'anno scorso ci siamo laureati entrambi (lei tre giorni prima di me, ma ha anche tre anni più di me) a febbraio e a marzo è nata nostra figlia Gaia.
    Certo, lavorare e studiare non è stato per nulla facile, considerato anche che negli ultimi sei anni circa metà del lavoro si svolgeva in trasferta, come responsabile della produzione.
    Come abbiamo fatto? Non so ancora bene, ma - ripensandoci a posteriori - mi accorgo che:
    1) Non sappiamo com'è fatto un cinema.
    2) Le cene in pizzeria sono state sostituite da cene tra colleghi/compagni di studio, dove si ride, si discute e ci si scambiano le idee su come studiare una cosa o l'altra.
    3) Si studia assieme e ci si sostiene nei momenti duri. Vale per tutto quel che capita nella vita, ma - almeno per me - avere una compagna che studiava con me è stato importante.
    4) Io ho notato che ero molto meno spaventato dai professori rispetto a chi studia e basta. Forse perché ho alcuni anni in più, forse perché, dopotutto, pensavo, tutto quel che può fare un prof è bocciarti un esame, non ti licenzia mica. Insomma, la mia vita non dipendeva da loro. E questo, credo, loro lo capivano bene.
    5) Credo che chi lavora, magari da un po' di tempo, sia più capace di organizzare il suo tempo e di non perdersi. Lavorare insegna anche questo, a utilizzare il tempo che abbiamo nel modo più efficiente possibile, e questo si riflette anche sullo studio.

    Sono anche stato fortunato. Non ho mai trovato docenti che mi trattassero in modo differenziato perché ero un lavoratore. Non ho dovuto aspettare mesi per avere la tesi. Erano due anni che pensavo a quale tesi fare, l'avevo praticamente nella testa, tranne i risultati sperimentali. Perché il lavoro insegna anche questo, a pensare non per l'oggi, ma per il dopodomani.

    E, comunque, la fatica è stata molta. Gli amici persi anche. Fortunatamente ne ho trovati anche molti di nuovi.

    Non scoraggiatevi. Le mie statistiche personali (valide solo per Padova e per la facoltà di psicologia) mi dicono che le persone che lavorano a tempo pieno e - contemporaneamente - studiano tendono a laurearsi:

    a) prima di altri
    b) con tesi interessanti e collegate in qualche modo al lavoro che fanno
    c) con voti mediamente più alti di altri
    d) con le idee molto più chiare fin da subito su cosa faranno dopo (e non è cosa da poco, date un'occhiata agli altri forum e ve ne accorgerete)

    E poi, vuoi mettere la soddisfazione, quando i prof ti dicono "Ho del lavoro da fare, non ho tempo", potergli rispondere "Beh, anch'io, ma il tempo per venire da lei l'ho trovato". Sapete? Funziona.
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

  13. #13
    Partecipante Esperto L'avatar di Gango
    Data registrazione
    30-06-2002
    Residenza
    Sardegna
    Messaggi
    312
    Ora, oltre a provare ammirazione, vi invidio anche..........in senso buono ovviamente. ;-)
    "E' più facile spegnere la luce dentro se stessi
    che disperdere le tenebre tutt'intorno."

  14. #14
    Postatore Epico L'avatar di Megghina
    Data registrazione
    10-11-2003
    Residenza
    Fornacette (Pisa)
    Messaggi
    5,368
    Originariamente postato da willy61

    Non scoraggiatevi. Le mie statistiche personali (valide solo per Padova e per la facoltà di psicologia) mi dicono che le persone che lavorano a tempo pieno e - contemporaneamente - studiano tendono a laurearsi:

    a) prima di altri
    b) con tesi interessanti e collegate in qualche modo al lavoro che fanno
    c) con voti mediamente più alti di altri
    d) con le idee molto più chiare fin da subito su cosa faranno dopo (e non è cosa da poco, date un'occhiata agli altri forum e ve ne accorgerete)

    ciao!
    con questo, da studente lavoratrice, non sono molto in accordo. Io studio a Firenze, e molto porbabilmente la facolta' e la vita c'entrano molto!
    a) non conosco nessuno che si e' laureato prima di altri lavorando, anzi, conosco persone che hanno faticato tanto per laurearsi con gli altri (non lavoratori)
    b) io lavoro alla Vodafone e faro' una tesi sul teatro
    c) per i voti non lo so... non ho mai visto...

    non dico queste cose come critica, anzi!! ma per far capire il vario modno degli studneti lavoratori, che e' diverso da persona apersona!!
    Se non puoi esser strada, sii sentiero,
    se non puoi esser sole, sii una stella;
    vincere o perdere
    non ha a che vedere con la grandezza
    ma bisogna essere al meglio quello che si è




    docente del corso accelerato di Spigazione
    attendiamo iscritte

  15. #15
    Postatore OGM L'avatar di willy61
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Albino (BG)
    Messaggi
    4,192
    Blog Entries
    281
    Ciao e scusami se riprendo, ma - probabilmente - le situazioni da città a città sono differenti.

    Riprendo il mio caso. Non sono l'unico della mia città (Bergamo) ad essermi laureato continuando a studiare. La prima cosa che ho fatto, dopo l'iscrizione all'università di Padova, è stata quella di chiedere in segreteria didattica se c'erano altri studenti-lavoratori della mia provincia. Risultato: abbiamo formato un gruppo di 12 persone (età variabile tra i 22 ed i 39 anni), ci siamo messi d'accordo per acquistare i testi e poi suddividere le spese ed abbiamo cominciato a studiare assieme.
    Lavoravamo tutti a tempo indeterminato: 4 infermieri/e, 1 tecnico di laboratorio chimico, 1 tecnico di radiologia, 1 educatrice, 1 psicomotricista, 1 educatore professionale, e vari altri.
    Tempo di laurea: su dodici persone 8 in cinque anni, 3 in sette, 1 in otto.
    Voto di laurea, 110/110:1 - tra 100 ed 110: 9 - tra 90 e 100: 2
    Media voti: >28:2 - tra 26 e 28: 7 - tra 24 e 26: 3
    Cosa fanno adesso: psicologi con loro studio: 4
    psicologi in attesa di superare esame di stato 8
    tesi effettuate:
    In linea con il loro lavoro: 10
    in linea con altre loro attività: 2

    Chiaro, vale solo per quel che ho vissuto io. Però a noi è andata così.
    Ciao e coraggio a tutte/i
    Dott. Guglielmo Rottigni
    Ordine Psicologi Lombardia n° 10126

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy