• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin

Visualizza risultati del sondaggio: LAUREATO SI...LAUREATO NO....MA..DOPO3 ANNI...COME MI CHIAMO?

Partecipanti
24. Non puoi votare in questo sondaggio
  • LAUREATO

    4 16.67%
  • TECNICO PSICOLOGO

    5 20.83%
  • DOTTORE

    10 41.67%
  • DIPLOMATO

    0 0%
  • PSICOLOGO JUNIOR

    5 20.83%
  • ALTRO

    0 0%
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    littledott
    Ospite non registrato

    Come si chiama il triennalista? LAUREATO?

    Salve a tutti...... vista la problematica importante, pongo a vostro giudizio questo DUBBIO che nessun docente o amministrativo sa sciogliere.:
    noi frutti di una laurea fast-time , dopo i tre anni,
    come ci chiamiamo?
    LAUREATI? TECNICI?
    DOTTORI? DIPLOMATI?
    PSICOLOGO JUNIOR è giusto?

    A VOI L'ARDUA SENTENZA!!!

  2. #2
    littledott
    Ospite non registrato
    DAL FORUM DI UNI.CE__JD SCRIVE__http://www.istruzione.it/prehome/comunicati/2004/091104.shtml

    Università/Nasce il percorso a Y. Il Ministro Moratti: "Un sistema più flessibile per rispondere alle esigenze degli studenti e del mercato del lavoro"

    Il titolo di dottore ai laureati triennali

    (Roma, 9 novembre 2004) Con la registrazione da parte della Corte dei Conti si è chiuso l'iter del Decreto che modificherà l'ordinamento didattico universitario con l'introduzione del percorso a Y per la laurea triennale. Dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, prevista per i prossimi giorni, il provvedimento diventerà operativo e permetterà la rivisitazione delle attuali classi di laurea di primo e secondo livello, per le quali sono già in corso i lavori di sei tavoli tecnici.

    "Abbiamo raggiunto un'altra importante tappa per rendere il sistema universitario più efficiente e rispondente alle esigenze di una società in sempre più rapida trasformazione", ha commentato il Ministro Letizia Moratti. "Con la revisione del Decreto che ha istituito il 3+2 sarà garantita una maggiore flessibilità alla progettazione formativa e saranno, al tempo stesso, riqualificate le lauree in modo da potenziare il raccordo con il mondo del lavoro e consentire più opportunità di sbocchi professionali. L'Università italiana", ha concluso il Ministro, "ha ora gli strumenti per assicurare ai nostri giovani sia la qualità dell'offerta formativa sia titoli maggiormente spendibili sul mercato del lavoro".
    Il Decreto prevede tra l'altro nuove qualifiche accademiche: il titolo di dottore spetta ai possessori della laurea triennale, mentre a chi consegue la laurea magistrale e il dottorato di ricerca spettano, rispettivamente, le qualifiche di dottore magistrale e dottore di ricerca. La qualifica di dottore magistrale compete anche a coloro i quali hanno conseguito la laurea secondo gli ordinamenti didattici previgenti al decreto 509/1999.
    A completamento della rigida architettura di sistema del cosiddetto "3+2", potrà essere introdotta una struttura di primo livello a "Y" con due percorsi paralleli e distinti, adeguatamente progettati. Dopo un primo anno, dove si frequenteranno attività didattiche comuni, lo studente potrà scegliere tra il percorso professionalizzante che conduce alla laurea triennale (1+2) ed il percorso metodologico per gli studenti che dopo la laurea triennale intendano conseguire anche la laurea magistrale (+2).

    In particolare, dopo un primo anno comune, pari a 60 crediti, a forte contenuto di base, lo studente, conscio delle proprie capacità e sulla base delle attitudini dimostrate potrà, dunque, proseguire per altri due anni, per un numero complessivo di 180 crediti:

    in un percorso professionalizzate e, quindi, entrare nel mercato del lavoro con una preparazione adeguata. In sostanza, un percorso triennale "razionalizzato" che porterà ad una laurea più chiaramente orientata all'inserimento nel mondo del lavoro rispetto all'attuale. Il percorso di laurea sarà maggiormente caratterizzato dalla presenza di stages e attività di tirocinio;
    in un biennio "metodologico-formativo" che non fornisce una preparazione specifica per il lavoro perché è finalizzato al conseguimento di una solida preparazione metodologica di base più consigliabile a coloro che intendano proseguire gli studi in un successivo ed ulteriore biennio (120 crediti), al cui termine si conseguirà la Laurea Magistrale (nuova denominazione della "Specialistica"). Si svolgerà, quindi, complessivamente un ciclo di studi quinquennale, che condurrà ad ottenere un titolo di peso specifico più elevato rispetto all'attuale.
    Con la revisione del "3+2" gli atenei godranno di maggiore autonomia e flessibilità per quanto riguarda la determinazione dei crediti. Infatti i crediti vincolati a livello nazionale scenderanno per i percorsi triennali dall'attuale 66 per cento al 50 per cento e per il biennio magistrale al 40 per cento e soltanto per le discipline di base e caratterizzanti.

    Da sottolineare inoltre che si passa da una concezione "verticale" dei percorsi formativi a un modello trasversale: in pratica, adottando un criterio multidisciplinare della formazione si potrà conseguire una laurea triennale umanistica e proseguire in un biennio "magistrale" nel settore scientifico e viceversa, ovviamente dopo una verifica, da parte dell'ateneo, della preparazione e degli eventuali debiti formativi da colmare. Tale possibilità viene garantita allo studente attraverso il ricorso alle cosiddette "passerelle".

    Molto importante è la modifica dei percorsi finalizzati alle professioni legali di magistrato, avvocato e notaio. Ciò consentirà di costruire un modello a "ciclo unico" - di 5 anni (300 crediti formativi universitari) - che garantirà maggiore organicità, unitarietà, completezza e qualità nella formazione. Verrano definiti comunque percorsi triennali per quanto riguarda le classi di laurea non correlate alla formazione delle professioni legali classiche.

    Specifiche disposizioni transitorie prevedono che la nuova normativa si applichi dopo la ridefinizione delle classi dei corsi di laurea e di laurea magistrale, con la possibilità di una fase di sperimentazione che consenta agli atenei che lo vorranno di applicare l'ordinamento didattico a "Y" nonché gli attuali ordinamenti delle lauree specialistiche sulla base di 120 crediti fin dall'anno accademico 2004-2005.

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di paky
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Napoli
    Messaggi
    6,026
    bè, più che fare un sondaggio, credo che sia importante informarsi sui fatti, carte alla mano

    la legge che hai pubblicato, stabilisce che i laureati triennali di qualsiasi corso di laurea, siano dottori.
    in più, per i laureati in psicologia, c'è una legge del 2003 [170/2003] che ho già riportato in diverse occasioni sia sul forum di caserta che nella dolce vita, che all'articolo 3 sostiene che
    1-ter. Al fine di consentire lo svolgimento degli esami di Stato per l'accesso ai settori previsti nella sezione B dell'albo professionale degli psicologi dall'articolo 53, comma 3, lettera b), del decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328, nella predetta sezione B sono individuati i seguenti settori:
    a) settore delle tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro;
    b) settore delle tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunita'.

    1-quater. Agli iscritti nei settori di cui alle lettere a) e b) del comma 1-ter spettano, rispettivamente, i titoli professionali di "dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro" e di "dottore in tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunita", in luogo del titolo di "psicologo iunior" previsto dall'articolo 50, comma 3, del decreto del Presidente della Repubblica 5 giugno 2001, n. 328.
    quindi, per noi laureati triennali di psicologia era già previsto - una volta iscritti all'albo B - il titolo di "dottore" la legge della moratti non fa altro che confermare la cosa [oltre che ad estenderla a tutti i corsi di laurea] anche per chi non si iscrive all'albo
    ...love is passion, obsession, someone you can't live without.
    I say fall head over heels.
    Find someone you can love like crazy and who'll love you the same way back.
    How do you find him? Well, forget your head and listen to your heart.
    'Cause the truth is that there's no sense living your life without this.
    To make the journey and not fall deeply in love... well, you haven't lived a life at all.
    But you have to try, because if you haven't tried, you haven't lived.

    Meet Joe Black

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di stillmad
    Data registrazione
    28-07-2004
    Residenza
    peripezie mentali
    Messaggi
    3,577
    grazie Paky!quoto tutto!!!!!!!!!!!!!!!

  5. #5
    littledott
    Ospite non registrato
    quindi ci chiamiamo in definitiva dottori in tecniche bla bla bla................................e il titolo di psicolgo arriva dopo il quinto anno e l'esame di stato
    Ultima modifica di littledott : 13-11-2004 alle ore 15.09.55

  6. #6
    psiche junior
    Ospite non registrato
    mi sono laureata ada ottobre a Palermo e sono stata proclamata dottoressa in scienze e tecniche psicologiche della personalità e delle relazioni d'aiuto

  7. #7
    littledott
    Ospite non registrato
    auguri vivissimi!!!!!!!!!!!
    Ultima modifica di littledott : 16-11-2004 alle ore 22.04.07

  8. #8
    Postatore Compulsivo L'avatar di stillmad
    Data registrazione
    28-07-2004
    Residenza
    peripezie mentali
    Messaggi
    3,577
    Originariamente postato da littledott
    quindi ci chiamiamo in definitiva dottori in tecniche bla bla bla................................e il titolo di psicolgo arriva dopo il quinto anno e l'esame di stato
    :sisi.cmq anke prima il titolo di psicologo arrivava solo dopo l'esame di stato...prima eri dott.in psicologia...

Privacy Policy