• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 10 di 10
  1. #1
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834

    I medici abbandonano l'E.C.M.!!!

    Riprendo e diffondo una mail di Piero Petrini, postata all'interno di una mailing list per professionisti psicologi e medici

    ---------------------------------------------------------
    Esclusiva: la Fnomceo fuori dall'Ecm

    Del Barone ritira i rappresentanti dell'Ordine dei Medici dalla Commissione Nazionale Ecm e ne chiede lo scioglimento
    Con una mossa a sorpresa e probabilmente "obbligata" il presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici e degli Odontoiatri (Fnomceo) Giuseppe Del Barone scrive al ministro della Salute Girolamo Sirchia una lettera di fuoco in cui annuncia ufficialmente le decisioni prese all'unanimità dal Consiglio Nazionale della Fnomceo in merito all'Ecm:
    Dimissioni immediate dei rappresentanti della Fnomceo dalla Commissione Ecm
    Richiesta di scioglimento della Commissione Ecm e messa in mora di tutto il sistema Ecm
    Avvio di una fase di riflessione sulla formazione in modo da proporre un nuovo modello formativo per il medico adeguato alle esigenze dei pazienti e della società, con la possibilità per gli ordini dei medici di avere gli strumenti per dipanare il conflitto di interesse che così tanto incide sulla formazione del medico
    L'articolo è ripèreso da DOCTOR NEWS
    -----------------------------------------------------

    Vi prego di darne massima diffusione ai colleghi Psicologi!!!

    Dato che come pecore siamo andati dietro ai Medici nell'introdurre il sistema di "Educazione Continua in Medicina", spero che adesso si faccia altrettanto, togliendo di mezzo questo becero modo di ridurre la formazione a mera questione di profitto!

    E ciò con grande soddisfazione personale per tutte quelle scuole di formazione e società (di psicologi) che fondavano il loro business sulla formazione ECM. Dei corsifici basati sul modello del bollino blu della banana ciquita

    Mi farebbe piacere avere vs. feedback a riguardo

  2. #2
    Partecipante Super Esperto
    Data registrazione
    26-07-2003
    Messaggi
    743
    Secondo me gli ECM sono una grossa cavolata, fomentata anche da un pò di ignoranza a riguardo che ha spinto alla corsa verso l'accumulo di ECM (neanche fosse una raccolta premi!)
    Ho visto persone che non erano nemmeno ancora inscritte all'albo informarsi su quanti crediti poteva avere un corso o decidere di iscriversi a costosissimi corsi di dubbia qualità senza nemmeno leggere il programma perchè tanto avevano 50 crediti!!

    Io ha fatto molti corsi, alcuni senza questi crediti ma non per questo meno utili o interessanti... e nella mia formazione ho sempre preferito seguire i miei interessi e ciò che poteva essermi utile a livello pratico e professionale, senza badare a crediti o non crediti.
    Ho notato che ultimamente praticamente tutti i corsi avevano i crediti, anche quelli aperti pure a neo-laureati non iscritti all'albo!
    Peccato che durante questi corsi (o all'atto dell'iscrizione) gli organizzatori non spiegassero il reale funzionamento dei crediti (cioè che NON ERANO OBBLIGATORI), giocando sull'equivoco per raccogliere più iscritti.
    Credo che se non saranno più obbligatori molti enti di formazione cadranno in preda alla disperazione: senza lo specchietto dei crediti alcuni corsi si riveleranno per quello che sono e finalmente si tornerà a giudicare la qualità formativa di un evento dagli argomenti e dai docenti e non dalla bravura nell'ottenere più crediti!
    Vimae

  3. #3
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    ti ringrazio per l'esperienza personale che hai portato ed anche per gli ulteriori spunti di riflessione

    in particolare colpisce lo sfruttamento dei giovani, l'informazione pilotata ad arte per creare terrore ed indurre all'acquisto

    Scuole che vivono sugli ECM formando Psicologi, che poi apriranno altre scuole che formeranno psicologi e così via come una una catena di marketing multilevell... ma alla fine il sistema esploderà?

    Poi c'è anche il caso delle scuole che propongono corsi per formare counselor. Non importa che queste scuole sia gestite da Psicologi e che il Counselor possa entrare nello specifico della nostra professione e del nostro mercato del lavoro... l'importante è formare e, soprattutto, avere una fascia di giovani più larga su cui profittare...

    Mi rattrista vedere così poca partecipazione su un tema invece molto importante... speriamo d sentire altre voci in merito

  4. #4
    psicosimpat
    Ospite non registrato
    Confesso di non sapere che gli ECM non servono praticamente a niente! Ma mi rasserena apprenderlo. In effetti si è scatenata una "corsa ai corsi" e la qualità non viene più considerata ma è valutato "più prestigioso" il corso, a volte anche un semplice seminario, che fornisce ECM. Il tutto a scapito di chi vuole formarsi sul serio. Personalmente mi sono stufata di sganciare fior di soldoni per non apprendere nulla. E di vedere gente che dell'organizzazione dei corsi ha fatto un mestiere redditizio, ma privo di qualunque spessore!
    La cosa grave è che spesso corsi inutili sono organizzati dall'università, che dovrebbe invece rappresentare una garanzia. Spero tanto che questa ulteriore forma di "sfruttamento" di giovani professionisti finisca al più presto, soprattutto spero in una maggiore consapevolezza da parte nostra!

  5. #5
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da psicosimpat
    Spero tanto che questa ulteriore forma di "sfruttamento" di giovani professionisti finisca al più presto, soprattutto spero in una maggiore consapevolezza da parte nostra!
    beh... il tema della consapevolezza mi è molto caro

    Purtroppo le informazioni non vengono divulgate a dovere ed anche noi quasi mai facciamo pressione e pretendiamo ciò che ci spetta... ho l'impressione che si sia formato una specie di circolo perverso in base al quale l'istituzione è sempre meno trasparente per salvaguardare il proprio mantenimento (dis-funzionale) e, così facendo, frustra sempre più la comunità che, disillusa, perde di interesse e, come impotente, lascia che tutto le scivoli addosso senza pretendere ciò che le spetta di diritto: chiarezza, trasparenza, promozione, tutela...

    ma noi, la fascia di giovani psicologi con di fronte un futuro incerto, cosa possiamo fare per prendere coscienza di ciò che accade e reclamare ciò che ci spetta?!?

  6. #6
    lealtà nascoste
    Ospite non registrato
    C'è anche un altro aspetto da considerare: come formatore posso assicurare che la richiesta dell'accreditamento per gli ecm è profumatamente pagata (per intenderci, si paga una quota per ogni accreditato almeno 90 gg prima dell'evento senza certezze sul numero reale di partecipanti). Questo pone in seria difficoltà centri di formazione piccoli, ma magari preparati rispetto alle grandi agenzie di formazione.
    Un affare per pochi, posso garantirlo!
    Spero che i colleghi considerino proprio la qualità della formazione offerta, più che il "nome" di chi la offre.
    A presto.

  7. #7
    Ciao a tutti,

    come psicologo che svolge, fra le altre cose, attività formativa ed organizzativa di corsi ECM, devo dire che l'idea in sè (la formazione continua) non è sbagliata, ed anzi nasce da una esigenza e da una abitudine dei professionisti che finora non era stata formalizzata. Il problema è nelle modalità di realizzazione: progettare e realizzare un corso ecm che sia anche di qualità richiede tempi e costi impegnativi (un docente di buon livello richiede dai 70 ai 100 euro/ora, una sala congressi in affitto almeno 200 Euro al Giorno, e il pranzo per ogni partecipante almeno 10 Euro a persona al giorno).
    A fronte di queste spese, se non ci sono finanziamenti, le quote di iscrizione sono necessariamente alte, e la società organizzatrice spesso non ha margini di guadagno ampissimi (bastano un paio di ritiri di iscrizione all'ultimo minuto per perdere anche 6-700 Euro).
    Inoltre, il sistema ecm è rigido, il progetto del corso è immutabile e ogni variazione richiede tempi di attesa lunghissimi per ottenere l'accreditamento. Se a tutto questo aggiungiamo che la segreteria ecm è quanto di peggio si possa concepire in termini di efficienza (centralinisti incompetenti, responsabili che rimangono nell'ombra, nessun recapito e nessun ufficio aperto al pubblico, nessuna risposta a fax ed e-mail di sollecito) si può capire che per una società di formazione, specie se piccola, i corsi ecm sono più un debito che un guadagno.

  8. #8
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    sulla necessità di fare formazione continua sono pienamente daccordo, mentre sull'efficacia del sistema ECM, come risposta a quest'esigenza, ho moltissimi dubbi...

    vi dirò di più... l'ECM è un sistema nato all'interno del mondo medico ed imposto anche agli psicologi... prima dell'ECM moltissimi corsi per medici erano organizzati e/o sponsorizzati da grandi case farmaceutiche... questi corsi si tenevano in lussuosi hotel o addirittura in famose isole tropicali... il perché è ovvio...
    adesso l'ECM impedisce la collusione tra "formazione continua" ed interessi di parte delle case farmaceutiche e quindi i corsi si tengono in luoghi discreti o, addirittura, internamente alle USL o in ospedali...

    adesso i medici dicono che non credono nella validità del sistema ECM mettendo di mezzo aspetti di "qualità formativa"
    beh... lascio a voi le conclusioni... meglio la USL o una bella spiaggia assolata?!?

    comunque sia ribadisco: gli Psicologi che devono stare sotto ECM sono SOLO QUELLI che lavorano nella Sanità pubblica e privata. Tutto il resto (nel lazio 800 su 11000 iscritti all'Ordine) NO!

    l'ECM è una spesa in più per gli organizzatori e quindi una spesa in più per il corsista
    ci sono corsi ECM di qualità bassissima pagati a caro prezzo, così come strutture (con contatti giusti) che lucrano sull'ECM vendendolo come necessario anche a laureandi!!!! Ma vi pare etica sta cosa?!?

  9. #9
    ottoelf
    Ospite non registrato
    Non sono d'accordo sulla necessità della formazione continua almeno nei termini con i quali è stata proposta fin d'ora, se come psicologi avessimo dei dati di ricerca interessanti e condividibili a livello internazionale questo scambio sarebbe auspicabile ma poichè a mio parere dobbiamo ancora "fare un po' di strada" riguardo la nostra professionalità e soprattutto la nostra capacità di renderla chiara e fruibile da parte di chiunque, concludendo ECM tipo business ci fanno fare una pessima figura come categoria.....

  10. #10
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    abbiamo appena pubblicato un articolo del ministero della salute in cui si fa definitivamente chiarezza sul fatto che gli ECM SONO OBBLIGATORI SOLTANTO PER GLI PSICOLOGI CHE OPERANO NELLA SANITA' PUBBLICA O PRIVATA

    qui trovate l'articolo: http://www.opsonline.it/nephp/?m=show&id=1379

    vi prego di diffondere notizia ai vs colleghi in quanto ci sono strutture organizzatrici di corsi ECM che tuttora continuano a fare disinformazione e terrorismo informativo al fine di vendere un maggior numero di corsi a colleghi poco informati

Privacy Policy