• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6

Discussione: voglia di coccole?...

  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di stefanocif
    Data registrazione
    24-09-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    220

    voglia di coccole?...

    Cuddle party: torna la voglia di tenerezza
    Arriva da New York. Contro la solitudine metropolitana ecco il momento delle coccole collettive: abbracci, carezze e toccatine ma niente sesso. E il fenomeno si diffonde

    «Accarezzami. Baciami. Stringimi». Non si tratta del classico soliloquio di un film a luci rosse, ma di un "cuddle party", l'ultima moda a stelle e strisce per combattere la solitudine delle grandi metropoli. I tanti che si sono stancati del traffico da ora di punta nelle affollatissime stanze virtuali delle chat, ora si possono rifare con il "cuddle party", la festa delle coccole, reali questa volta: tutti si abbracciano distesi per terra, in un'innocente e casta ammucchiata tutta all'insegna del contatto fisico e della tenerezza.

    Per soli 30 dollari è possibile partecipare a un "party delle coccole". Chi pensa di approfittare dell'occasione per realizzare l'orgia tanto agognata ma mai realizzata, ha sbagliato indirizzo. Come si può leggere nel sito web Cuddleparty.com, ci si deve attenere a regole ferree: al bando sesso e alcol, e prima di toccare gli altri partecipanti bisogna chiedere il permesso, che può essere accordato o meno. Buontemponi e amanti dell'hard, meglio astenersi.

    L'affettuosa iniziativa è nata dalla mente di Reid Mihalko, 36enne, cintura nera di karatè dal cuore tenero. Apparse per la prima volta a New York, le feste delle coccole fanno ora proseliti anche in California, Canada e persino in Inghilterra. Segno che il "mostro delle coccole", come lui stesso ama definirsi, ha visto giusto. Mihalko riceve generalmente i partecipanti nel suo appartamento di Manhattan. Tutti indossano un pigiama e nessuno se lo deve togliere perché «questa è una festa senza sesso» assicura il karateka. Se a qualcuno viene in mente di allungare la mano con troppa decisione e la situazione si fa troppo "hot", il maestro della festa fa suonare un campanello d'allarme che separa i "contendenti" e dissolve la carica erotica eccessiva.

    Agli scettici dal sorriso facile che considerano la festa come l'ultima delle buffonate di una città alla perenne ricerca di nuove mode, Mihalko risponde indignato: «I cuddle party sono un modo per guarire l'alienazione provocata dal vivere metropolitano». Insieme con la sua compagna Marcia Baczynky, il fondatore della "Flannel Revolution", la rivoluzione di flanella come lui stesso l'ha battezzata alludendo ai pigiama dei partecipanti, vuole ridare agli adulti quanto è concesso solo ai bambini: il diritto alle manifestazioni di affetto senza secondi fini.

    Oltre alle feste Reid e Marcia propongono lezioni e corsi su relazioni di coppia, comunicazione e sesso. E se poi si vuole strafare, si possono esportare i cuddle party in altre città: sono infatti previsti corsi di addestramento per futuri guru della coccola. Stando alle informazioni presenti sul sito, Hawaii e le Isole Vergini sarebbero state contagiate dal fenomeno. Che siano proprio quelle le ultime spiagge della tenerezza?

    Tutto il piacere dell'Amore è nel cambiamento.
    (Molière)
    Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze.
    (Paul Valery)
    Nulla è mai perduto per sempre
    perchè ciò che avrai perso
    potrai donarlo agli altri.
    (Stefanocif)

    Il mio "spazio interiore"

  2. #2
    Peter Pan
    Ospite non registrato
    Negli Stati Uniti stanno davvero male!!!!

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di Bianca
    Data registrazione
    03-04-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    914
    Originariamente postato da Peter Pan
    Negli Stati Uniti stanno davvero male!!!!
    Concordo...


    NON E' PERCHE' LE COSE SONO DIFFICILI CHE NOI NON OSIAMO FARLE. E' PERCHE' NOI NON OSIAMO FARLE CHE LE COSE SONO DIFFICILI.

    Lucio Anneo Seneca

  4. #4
    Partecipante Assiduo L'avatar di stefanocif
    Data registrazione
    24-09-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    220
    questo fenomeno mi fa pensare alle tecniche cognitivo-comportamentali usate per le disfunzioni ed i disturbi della sessualità... non so.... forse io non la demonizzerei del tutto, almeno per quanto possa servire a "riavvicinare" (uso il termine sia in senso figurato, sia in senso materiale) le persone; altro aspetto che mi ha favorevolmente colpito è la regola di chiedere il permesso, prima di poter toccare un'altra persona, quindi in definitiva significa rieducarsi a tenere presente l'altrui volontà, che può corrisponderci o contraddirci; ma, in ogni caso, la si accetta.

    stefano

    Tutto il piacere dell'Amore è nel cambiamento.
    (Molière)
    Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze.
    (Paul Valery)
    Nulla è mai perduto per sempre
    perchè ciò che avrai perso
    potrai donarlo agli altri.
    (Stefanocif)

    Il mio "spazio interiore"

  5. #5
    Partecipante
    Data registrazione
    25-10-2004
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    47
    Ciau! Neanke a me sembrano tanto da condannare qsti party! Forse qsti momenti di tenerezza possono essere utili per conoscere meglio sè stessi e contemporaneamente gli altri! Abbiamo bisogno di tenerezza, soprattutto in qsti anni! L' unica cosa ke non mi convince è ke per partecipare si debbano pagare 30 dollari! Ma è possibile ke si debbano comprare anke i momenti di dolcezza!?! Spero ke Mihalko non stia speculandoci un pò su.......
    Roby

  6. #6
    Partecipante Assiduo L'avatar di stefanocif
    Data registrazione
    24-09-2003
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    220
    Credo che nel caso di specie occorra focalizzare l'attenzione sul referente, cioè qual'è l'oggetto del pagare? Il fatto di ricevere coccole, in tal caso mi sembra una cosa assimilabile ai rapporti mercenari. Ma in quel contesto le carezze, i gesti affettuosi, si ricevono, ma si danno anche, e quindi si instaura un proto-dialogo, una situazione comunicativa parietaria, in cui non vedo nulla di mercenario o di opportunistico.
    L'oggetto del pagamento allora non è tanto il dare o ricevere coccole, ma è la prestazione professionale del sig. Mihalko o chi per lui, in quanto ha messo a disposizione un suo metodo "terapeutico", ed assiste dal vivo i partecipanti, separando all'occorrenza le persone allorché rileva delle situazioni che stanno evolvendo in modo non previsto.
    A questo punto si potrebbe introdurre un altro discorso, che è relativo al "quantum": quanto "è giusto" che si paghi per partecipare a queste sedute? (o per meglio dire "sdraiate"... )

    stefanocif

    Tutto il piacere dell'Amore è nel cambiamento.
    (Molière)
    Arricchiamoci delle nostre reciproche differenze.
    (Paul Valery)
    Nulla è mai perduto per sempre
    perchè ciò che avrai perso
    potrai donarlo agli altri.
    (Stefanocif)

    Il mio "spazio interiore"

Privacy Policy