• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 30
  1. #1
    Partecipante Super Esperto L'avatar di scorpione82
    Data registrazione
    27-06-2002
    Messaggi
    507

    mi sto scoraggiando... quasi quasi mollo tutto...

    so che non ne avrei il coraggio però,almeno x ora vi spiego meglio: a febbraio prendo la laurea di primo livello in clinica perciò avevo pensato di fare 6 mesi di tirocinio mentre aspettavo ottobre con i corsi della specilaistica... parto entusiasta al massimo,finalmente un po' di pratica
    aspettative deluse sin dall'inizio... sembra che chiedi di andare sulla luna.... le associazioni sono inondate da richieste di tirocinio e trovare un posto è un'odissea
    x cui mi sono chiesta: se è un dramma x il tirocinio (dove neppure ti pagano) che succederà quando andrò a cercare lavoro???
    sto seriamente pensando di non farci nulla con questa laurea e medito bene sul proseguire con la specialsitica non vorrei buttare via 2anni...
    senza contare il mare di gente che mi dice:il campo è saturo,ormai ti sono passati avanti etc

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di Santiago
    Data registrazione
    27-03-2004
    Messaggi
    471
    Se la passione è forte, continua con la specialistica e apriti nuove strade.. Come?
    Volontariato, analisi personale, master mirati e che ti diano reali competenze, erasmus...
    I soldi?
    Un lavoro part-time, sacrifici e tanto impegno...
    Io sono già esausto, ma è il prezzo da pagare per realizzare i propri sogni...

    Santiago
    "Soltanto i pesci non sanno che è acqua quella in cui nuotano, così gli uomini sono incapaci di vedere i sistemi di relazione che li sostengono" L. Hoffmann

  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di scorpione82
    Data registrazione
    27-06-2002
    Messaggi
    507
    grazie santiago x l'incoraggiamento
    tu a che punto sei? xkè è da quando ho iniziato che lotto,prima contro una facoltà di m...a (firenze),poi ora con le prospettive future... so che posso fare molto x formarmi,pensa che avevo preso info anche sul volontariato... nella mia bella città l'unica associazione che operava con l'infanzia (che a me interessa molto) era un gruppo di sfuttatori di volontari che faceva fare tutto eccetto stare con i bambini (pulire locali,zappare i campi... SOLO questo) da denuncia
    sarà la mia città di m..a a non offire nulla mah,cmq non mi do' x vinta e le tento tutte.... grazie ancora

  4. #4
    tere77
    Ospite non registrato
    che tristezza...mi rendo conto che tutto il mondo è paese!!!!
    Non vorrei scoraggiarti ma io ho fatto tutto ciò che tu vorresti fare...laurea quinquennale, tirocinio post lauream, esame di stato, master post lauream e zero, niente, nada lavoro minimamente serio!!!!Ora tento la scuola di specializzazione perchè non voglio ancora credere che si studi e si sudi per niente di niente ma se continua così faccio un corso per estetista...la mia vicina di casa (estetista) lavora e guadagna più di me!!!!!!!
    Scusa lo sfogo ma credo che qualcuno dovrebbe raccontare ai giovani che il mondo del lavoro non è come ce lo dipinge Berlusconi!

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di scorpione82
    Data registrazione
    27-06-2002
    Messaggi
    507
    oddio tere,ma allora è vero
    tu da quanto cerchi lavoro?? mamma mia che mondo di m..a

  6. #6
    Agatina
    Ospite non registrato
    caro scorpione82.....sapessi come ti sono vicina.......anche io sono in piena confusione. Ho conseguito la laurea breve a luglio e ora.....non sò se iscrivermi o meno al biennio.....certo, con una laurea specialistica si è più competitivi.......però.....
    giorni fa sono andata a trovare un professore e gli ho xhiesto :"mi dica sinceramente: ke possibilità ho di lavorare con una laurea breve??"
    lui mi ha detto, "tutte, poichè quella della laurea junior è un titolo ufficialmente riconosciuto. Vai in giro, impara, fai esperienza e vedrai che prima o poi ti prenderanno: una persona con esperienza ha più possbilità di una che ha solo un titolo di laurea".......
    risposta carina ma assolutamente inattuabile!!!!!!!!!
    non sò ke fa manco io...........
    sò disperata
    Agata De Agatinis
    Immagini allegate Immagini allegate

  7. #7
    Partecipante L'avatar di STAR
    Data registrazione
    13-06-2003
    Residenza
    Brescia
    Messaggi
    35
    leggendo i vostri messggi ho avuto la conferma di non essere l'unica a crearmi questi problemi....
    forse per me è un po presto...non sono ancora laureata...ma alcune cose mi hanno portato a pensare "ma quando lavorerò?"
    e un po mi sto abbattendo perchè sento in giro molte delle cose di cui state psarlando....

    in più non ho ben chiaro quali siano i reali sbocchi....cioè se qualcuno non è portato a fare il classico psicologo da poltrona....che può fare???rimane a piedi???
    bhè spero che la strada risulti un po più semplice...per il futuro!
    in bocca al lupo a tutte
    Fatti non foste a viver come bruti , ma per seguir virtute e canoscenza . ( Dante , Inferno XXVI )
    La religione é un narcotico con cui l'uomo controlla la sua angoscia, ma ottunde la sua mente. (Freud)






  8. #8
    HT Sirri
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da STAR
    leggendo i vostri messggi ho avuto la conferma di non essere l'unica a crearmi questi problemi....
    forse per me è un po presto...non sono ancora laureata...ma alcune cose mi hanno portato a pensare "ma quando lavorerò?"
    e un po mi sto abbattendo perchè sento in giro molte delle cose di cui state psarlando....

    in più non ho ben chiaro quali siano i reali sbocchi....cioè se qualcuno non è portato a fare il classico psicologo da poltrona....che può fare???rimane a piedi???
    Per noi psicologi (in realta' anche per altre professioni) il punto e':
    la stragrande maggioranza dei lavori disponibili sono da libero professionista, mentre la stragrande maggioranza degli psicologi preferisce fare il dipendente.

    Per questo si crea l'impressione che tutti hanno: "non c'e' lavoro".

    Per 1000 posti solo 100 sono da dipendente.
    Mentre per 1000 psicologi 900 vogliono fare i dipendenti.

    Ovvio e' che questi 900, ambendo a soli 100 posti, si trovano in una situazione drammatica.


    La "soluzione" e' relativamente semplice: decidere di lavorare esattamente nell'ambito in cui tu vuoi lavorare, e farlo da libero professionista.

    Ovvio e' che nessuno ti viene a cercare perche' hai la partita IVA, nello stesso modo in cui nessuno ti viene a cercare se vuoi fare il dipendente, ma cosi' hai una serie di possibilita' di lavoro molto maggiori.

    Un abbraccio,

    Stefano

  9. #9
    Matricola L'avatar di shrink
    Data registrazione
    13-04-2004
    Messaggi
    15
    Ciao Stefano
    quello che tu dice è sicuramente vero: noi tutti siamo alla ricerca disperata di un posto "fisso" da dipendente che, purtroppo, non c'è o se c'è è destinato a chi ha la fortuna di avere una raccomandazione...l'unico posto fisso per noi psicologi sembra esserci offerto dai call center!
    il fatto è che quando si è giovani e con poca esperienza (mancanza per lo più forzata!!), è difficile anche proporsi come libero professionista. Inoltre, l'impressione che ho avuto è che anche in questo caso non ci sia molto spazio per noi...poichè mi viene spontaneo pensare che sia io a non sapermi proporre e che comunque non ho le competenze necessarie per farlo, mi dai tu qualche consiglio? io vorrei un giorno lavorare nel privato ma, nel frattempo, come faccio a farmi conoscere? Cosa mi devo inventare per poter finalmente lavorare in modo serio, e non solo con qualche progettino o come volontaria?

    grazie e complimenti: dalle cose che dici e che fai sembri davvero molto in gamba...ma come ci sei riuscito?

  10. #10
    Matricola L'avatar di medea189
    Data registrazione
    11-10-2004
    Residenza
    palermo
    Messaggi
    16

    che confusione!!!!

    Leggendo questi mi messaggi è aumentanto il mio livello di depressione e confusione poichè mi rendo conto che siamo quasi tutti nella stessa barca!!!
    Io mi sono appena laureata ma ho già avuto modo di confrontarmi con la dura realtà! Avevo intenzione di fare un pò di esperienza mediante il volontariato in attesa dell'inizio del tirocinio ma anche lì ho inviato un pò di curriculum e ancora nessuna risposta!
    E' assurdo!!!!Non ci viene data nemmeno la possibilità di fare esprienza non pagati!!!Mi hanno detto che anche per il volontariato privilegiano persone raccomandate!

    Cmq non voglio demordere...continuo a crederci!
    Intanto maturo sempre di più la convinzione che sia meglio mettersi in proprio...anche se sinceramente non saprei proprio da dove partire....
    Baci e In bocca al lupo a tutti!!!!!!

  11. #11
    Partecipante Super Esperto L'avatar di scorpione82
    Data registrazione
    27-06-2002
    Messaggi
    507
    ragazzi grazie a tutti voi che avete scritto,sia con parole di conforto,sia chi come me è in crisi cmq mi auguro e Vi auguro che siano preoccupazioni inutili,nel frattempo xkè non usiamo questo post x tenerci aggiornati su novità che magari abbiamo scoperto,passi avanti fatti,esperienze etc...
    Io studio a Firenze(quella facoltà x descriverla non ci sono parole )e sto aspettando che qualcuno mi chiami x il tirocinio,dubito,ma se dovesse essere vi informerò x primi!!!!!!

  12. #12
    HT Sirri
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da shrink
    Ciao Stefano
    quello che tu dice è sicuramente vero: noi tutti siamo alla ricerca disperata di un posto "fisso" da dipendente che, purtroppo, non c'é
    [CUT]
    il fatto è che quando si è giovani e con poca esperienza (mancanza per lo più forzata!!), è difficile anche proporsi come libero professionista.
    Se vogliamo parlare solo sulle difficolta' a trovare lavoro, mi sembra di capire che la difficolta' ci sia comunque, anzi, come dipendente queste sono maggiori.

    Ma credo che il punto vero sia un'altro.....

    Inoltre, l'impressione che ho avuto è che anche in questo caso non ci sia molto spazio per noi...poichè mi viene spontaneo pensare che sia io a non sapermi proporre e che comunque non ho le competenze necessarie per farlo, mi dai tu qualche consiglio?
    Lo spazio per noi c'e', eccome.

    Ultimamente l'ordine della regione toscana ha effettuato una ricerca sull'immagine dello psicologo.
    Questa ricerca conferma quello che io dico gia' da qualche anno: esiste lo psicoterapeuta, ma esiste anche lo psicologo, e per questo ultimo ci sono molti piu' spazi (libero-professionali).

    Taglio e incollo dalla ricerca:
    "Nell’area rimanente della cultura esaminata, che come vedremo
    rappresenta il 95% della popolazione partecipante all’indagine, la
    figura dello psicologo viene apprezzata, valorizzata e si propone
    una domanda professionale nei suoi confronti, sia pure con modalità
    ed aspettative differenti."
    ...........
    "L’elemento centrale della contraddizione è rappresentato dalla rappresentazione
    della psicoterapia: considerata quale sbocco professionale
    ottimale dalla gran parte degli psicologi, ed al contempo poco presente
    nelle attese attuali (10% circa), come in quelle orientate allo sviluppo
    della professione, nella popolazione toscana."

    Ovvero il 90% delle persone si aspetta dallo psicologo cose diverse dalla terapia.

    Vuoi dei consigli?
    Certo, sono qui.
    Ma come prima cosa sei tu che devi decidere che strada intraprendere.

    grazie e complimenti: dalle cose che dici e che fai sembri davvero molto in gamba...ma come ci sei riuscito?
    Una delle prime cose che ho fatto e' decidere cosa volevo fare, il resto viene di conseguenza.

    Quello che ti sto dicendo e':
    1) organizzati: metti su carta i tuoi obiettivi
    2) scriviti quello che ti serve per raggiungerli
    3) inizia a lavorarci

    Se una cosa non la sai, poco male, puoi iniziare oggi stesso ad impararla, e se oggi la impari, i tuoi obiettivi si avvicinano da soli.

    In bocca al lupo,

    Stefano

  13. #13
    laisa
    Ospite non registrato
    CREDO CHE IL SISTEMA NON CI FACILITI. LAUREA A NEANCHE 24 ANNI (5 ANNI A PARMA), TIROCINIO IN CLINICA PSICHIATRICA, ESAME DI STATO, ESPERIENZA IN UN PRESTIGIOSO AMBULATORIO, ORA ALLA FINE DEL PRIMO ANNO DI SPECIALIZZAZIONE MI VIENE SOLO DA DIRE CHE INTORNO IL LAVORO C'E' MA C'E' SOLO PER ALCUNI.IL SISTEMA ITALIANO SI SA NON E' MERITOCRATICO, E' MASCHILISTA E PIENO DI PREGIUDIZI VERSO I GIOVANI.
    CHI VUOLE INTRAPRENDERE QUESTO LAVORO E' GIUSTO CHE SAPPIA (IO NON LO SAPEVO, PENSAVO SOLO A STUDIARE) CHE ANDRA' INCONTRO A FRUSTRAZIONI E INGIUSTIZIE. PER CHI PUO' CONSIGLIO DI ANDARE ALL'ESTERO. UNA MIA AMICA E' IN AMERICA E TUTTO FUNZIONA DIVERSAMENTE: GROSSI SACRIFICI MA ANCHE GRATIFICAZIONI.
    IN ALTERNATIVA ISCRIVETEVI A QUALCHE ASSOCIAZIONE CATTOLICA O POLITICA!

  14. #14
    HT Sirri
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da laisa
    CREDO CHE IL SISTEMA NON CI FACILITI. LAUREA A NEANCHE 24 ANNI (5 ANNI A PARMA), TIROCINIO IN CLINICA PSICHIATRICA, ESAME DI STATO, ESPERIENZA IN UN PRESTIGIOSO AMBULATORIO, ORA ALLA FINE DEL PRIMO ANNO DI SPECIALIZZAZIONE MI VIENE SOLO DA DIRE CHE INTORNO IL LAVORO C'E' MA C'E' SOLO PER ALCUNI.IL SISTEMA ITALIANO SI SA NON E' MERITOCRATICO, E' MASCHILISTA E PIENO DI PREGIUDIZI VERSO I GIOVANI.
    In alcuni casi puo' essere, ma in molti altri no.

    Bisogna capire COME promuoversi, COME valorizzarsi.

    Certo e' che se andiamo da un collega a chiedere che ci invii delle persone, lui pensera' "perche' lo dovrei fare?".
    Allo stesso modo se andiamo in una coop. a chiedere un'assunzione loro penseranno "e poi?, cosa ti faccio fare? con cosa ti pago?".
    Morale: se ti assumono lo fanno con il ruolo che conoscono bene e che e' gia' previsto al loro interno, l'educatore.

    Uno dei "segreti" e' proprio questo: evitare di chiedere, ma PROPORRE qualcosa.


    Qualche tempo fa parlavo con la presidentessa di una cooperativa, e lei mi diceva: "mi arrivano continuamente CV di neo-psicologi, che io regolarmente non prendo neppure in considerazione.
    Mai nessuno che venga da me con un progetto, un'idea operativa: qualcosa su cui si possa ragionare assieme.
    Se lo facessero potremmo andare in comune o alla ASL per trovare dei finanziamenti."

    Un abbraccio,

    Stefano

  15. #15
    Eowin
    Ospite non registrato
    "Mamma, mamma, quando arriviamo in America?"
    "Zitto e nuota!"

    A me sembra una bella metafora per giovani e meno giovani aspiranti psicologi.

    Non ce n'è per nessuno, e questo per una serie di motivi:

    1° - Non esiste lavoro dipendente (esclusi i call center et similia)

    2° - E VIETATISSIMA qualsiasi forma di pubblicità

    3° - Come diceva Eduardo: "Gli esami (leggi: la formazione) non finiscono mai.

    Ragazzi: E' UNA PROFESSIONE BLINDATATA. Ma che dico blindata? BLINDATISSIMA

    Il PROFESSIONISTA, a parte che deve mettere in piedi una partita iva e trovare (e pagare) uno studio dove esercitare, e tutte le forniture relative, può solo mettere il cognome sulle pagine gialle e una targa fuori dalla porta, ottenute le debite autorizzazioni dall'Ordine.

    Poi incomincia a sperare che qualcuno sbagli numero o lo confonda con qualcun altro.
    E poi? Non può promuoversi in nessun modo. Leggetevi il codice deontologico e le norme sulla pubblicità.
    Proporsi? Ma per favore!

    PROPORRE COSA? A CHI?

    Anima di Guglielmo Marconi, spirito di T.H. Edison, voi sommi tra gli inventori, illuminate questi poveri giovani vittime di un corso di studi senza sbocchi.
    Insufflate loro qualche geniale idea che abbia una possibilità di essere presa in considerazione in questo mondo che gira attorno all'economia, mica al sesso.

    Sono così stufa e stomacata da tutta l'ipocrisia che si fa intorno all'accesso alla professione.
    Non dico che nelle altre professioni siano rose e fiori, ma peggio di così...

    Mi fossi laureata in Giurisprudenza potrei tentare il concorso in magistratura, se non trovassi uno studio che mi facesse lavorare.
    Se fossi medico potrei ambire a diventare medico di base.

    Ma noi che siam psicologi dobbiamo sviluppare la PROFESSIONE CREATIVA, che già di per sè è una gagliarda invenzione.

    Oddio! HT Sirri vive e lavora a Milano, cosa che può sparigliare le carte. Milan l'è 'n gran Milàn, tutto è possibile, se sei brillante, c'hai pelo, maniglie, faccia tosta, sai il fatto tuo e hai un c... così, allora forse qualcosa che ti ripaghi delle spese riesci anche a trovartelo.

    Ma se sei un Cristo normale, che non ha il cappello pensatore di Archimede Pitagorico coi pulcini dentro... il lunario non lo sbarchi, a meno di fare il baby sitter + il dog sitter + il call center + l'affido diurno + il portaborse per lo psicologo della ASL che forse dopo averti usato come tuttofare e averti avuto 4 anni in terapia a pagamento ti fa entrare nella cooperativa che gestisce il Centro Diurno a far l'animatore per un rimborso spese da far ridere i professionisti dell'accatonaggio.

    I have a dream... Io sogno il giorno in cui verranno recepite anche in questa Italia del terzomondo le regole europee sulle professioni e la concorrenza.
    I'm a LIBERAL.

    Baci-baci to you all.

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy