• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 14 di 14
  1. #1
    Knight
    Ospite non registrato

    Gli animali hanno un anima?

    http://www.disinformazione.it/uomore.htm

    Articolo decisamente un po' estremo, ma si parla in termini intelligenti, anche se critici, nei confronti della società e delle strumentalizzazioni religiose...

  2. #2
    Partecipante Figo L'avatar di (sic)
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Roma-Brindisi
    Messaggi
    845
    Knight, scusa ma ho visto questo 3d solo oggi.

    Premetto che io penso che l'intelligenza sia un concetto talmente astratto... che quasi non esiste (preferisco parlari in altri termini, a seconda della situazione); sono ateo (quindi non credo nell'esistenza dell'anima); credo fermamente che deriviamo dagli animali e che quindi apparteniamo al loro Regno (la Sistematica parla di 5 Regni: Monere, Protisti, Piante, Animali, Funghi); sono contrario alla caccia (e alla pesca) e alla sperimentazione animale.

    Sono due anni che vivo a stretto contatto con animali (mammiferi), per lo più esotici. Sono un attivista (ormai in... privato) e quando posso mi faccio carico (anche economico) di qualche poveretto malato, abbandonato, ecc.. In questi due anni ho avuto modo di osservare il comportamento di varie specie a noi estranee perchè provengono da altri luoghi (in Italia non è possibile detenere animali italiani). Queste specie sono così diverse tra loro (e da noi), ma tutti abbiamo molte cose in comune. Le somiglianze che ho notato hanno portato al rafforzamento della mia convinzione che noi siamo animali. Dalle cose più semplici, come i gesti affettuosi, usare le zampe per mangiare, pulirsi, litigare, ecc. a quelle come la marcatura del territorio (noi non costruiamo recinti per delimitare ciò che è nostro e per comunicare agli altri che si trovano in prossimità di cose di nostra proprietà?), la gerarchia sociale, la predominanza dei membri di un sesso su quelli del sesso opposto, la divisione sociale dei compiti, ecc. per arrivare a fenomeni di emarginazione e marginalità. Io sono assolutamente d'accordo con l'autore del testo: condanno ogni stratagemma che l'Uomo inventa per poter dominare su ciò che lo circonda (a cominciare dali altri uomini) e non tollero quando si parla di superiorità. Per questo condanno anche tutte quelle dottrine che (per convenienza, secondo me) ci dipingono come figli di del dio X, esseri, quindi, con discendenza divina e considero lo sfruttamento degli animali pari alla riduzione in schiavitù di un essere umano. Lo stesso vale per la compravendita. Sono consapevole della differenza evolutiva che c'è tra il genere Umano e il resto degli animali, però la considero al pari di quella che c'è tra un un cane e un gatto o un uccello o un pesce, ecc.. Quindi non considero gli altri animali intelligenti (per il motivo spiegato all'inizio) o possessori di un anima (idem).

    Questo è il mio punto di vista.
    "l'equità, la giustizia, la libertà sono più che parole... sono prospettive!"

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di (sic)
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Roma-Brindisi
    Messaggi
    845
    Alle cose in comune che abbiamo con gli animali, è da aggiungere anche l'omosessualità (sebbene, credo, in modalità diversa da quella umana)...
    "l'equità, la giustizia, la libertà sono più che parole... sono prospettive!"

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di Ember
    Data registrazione
    22-07-2002
    Residenza
    Urbino
    Messaggi
    11,724
    Poi dipende anche dal concetto che ognuno ha di Anima. Io personalmente ritengo l'uomo "più importante" (ma non fraintendete, intendo più interessante, cioè più coinvolto con me stessa) in quanto appunto io sono un essere umano ma non per altro. ADORO gli animali, vanno amati, rispettati soprattutto perchè innocenti, ma penso anche che facciano parte della nostra catena alimentare sebbene io odii la carne e sia contro la caccia e il maltrattamento degli animali di allevamento.
    *** Homo sum: humani nihil a me alienum puto ***

    oPS-StaNZa Di uRBiNo iL Mio FoRuM



    Anche Ember nella setta dell'ASD *asdatrice musicista*
    [thanks to Angelus, fondatore della setta]

  5. #5
    Knight
    Ospite non registrato
    ... mi sà che non posso rispondere in 5 min come mi ero preposto...
    Scusate ragazzi stò partendo per un "ritiro spirituale" in montagna... quando torno mi ci metto con la testa e vi scrivo quello che penso..

  6. #6
    Peter Pan
    Ospite non registrato
    Non ricordo bene chi lo scrisse...


    "Provate a guardare negli occhi il vostro cane... potreste dire che non ha un'anima?"

  7. #7
    Partecipante Figo L'avatar di (sic)
    Data registrazione
    20-09-2004
    Residenza
    Roma-Brindisi
    Messaggi
    845
    Beh, io non credo all'anima, ma io ormai con certe specie di animali, basta solo che ci vivo insieme per qualche giorno e le capisco dal solo sguardo e loro capiscono me. Gli occhi di un animale sprigionano una vitalità incredibile. Anche loro hanno una mimica facciale come noi (e non solo i cani, ma anche un coniglietto, ad esempio) e con gli occhi ti fanno capire (sempre se hai voglia di capirli) ciò che vogliono che tu capisca.
    "l'equità, la giustizia, la libertà sono più che parole... sono prospettive!"

  8. #8
    Peter Pan
    Ospite non registrato
    Personalmente se un coniglietto cominciasse a fissarmi intensamente mi preoccuperei un poco... ^.^

    Vai a capire cosa può passare in quella testolina sotto quelle orecchie pelose...

  9. #9
    isaefrenk
    Ospite non registrato

    Gli animali hanno un anima?

    Gli animali hanno un anima?

    se l'anima è intesa come spirito o scintilla divina, e cioè quella parte di noi più profonda in ultima analisi.
    poi si passa alla formazione della cosienza che è un'altra cosa dell'anima e che tutte quest'ultime devono formarsi una coscienza per far parte coscientemente del TUTTO UNO ASSOLUTO.
    come si forma la cosienza?
    dal piano minerale, cristalizazzione, piano vegetaei ,sentimenti e desideri, piano animale, istinto, poi umano intelletto.
    quali sono gli ultimi animali che poi passono umani?
    cavallo cane e scimmia.

    sempre secondo noi ,intendiamoci bene

    ciao

  10. #10
    Ospite non registrato
    penso propio di si

  11. #11
    ateo
    Ospite non registrato
    L'anima non esiste.

  12. #12
    isaefrenk
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da ateo
    L'anima non esiste.
    anima,spirito, scintilla divina, non esistono?
    provalo!

    Prima di pontificare è bene conoscere
    Ultima modifica di isaefrenk : 08-01-2005 alle ore 23.48.12

  13. #13
    ateo
    Ospite non registrato
    anima, spirito and company sono frutto dell'angoscia che l'uomo prova per la propria morte. Ti rimando al libro "Lo Shock Primario" di Luigi de Marchi, edito da Rai Eri.
    De Marchi di prove per giustificare la sua tesi ne ha addotte parecchie.... E voi?
    Nel momento in cui si stabilisce che Dio, anima, Paradiso,ecc. sono invenzioni dell'uomo tutto cade, a meno che non ci si intestardisca su concezioni metafisiche, inconoscibili.

    Marco

  14. #14
    io mordo
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da ateo
    anima, spirito and company sono frutto dell'angoscia che l'uomo prova per la propria morte. Ti rimando al libro "Lo Shock Primario" di Luigi de Marchi, edito da Rai Eri.
    De Marchi di prove per giustificare la sua tesi ne ha addotte parecchie.... E voi?
    Nel momento in cui si stabilisce che Dio, anima, Paradiso,ecc. sono invenzioni dell'uomo tutto cade, a meno che non ci si intestardisca su concezioni metafisiche, inconoscibili.

    Marco

    Secondo me la spiritualità è una naturale evoluzione della mente umana, in senso ontogenetico almeno.
    La spiritualità di un soggetto non serve solo a lenire l'angoscia della morte, è un'idea che ha una pesante influenza sul funzionamento mentale.
    E' un'idea, un modo di percepire il mondo che vale la pena di provare, secondo me.
    Vedo la metafisica come uno spazio infinito su cui creare, voglio dire, quello spazio è lì per noi, viene voglia di lavorarci sù... perchè uno spazio vuoto deve essere il mio limite?
    Tu mi dirai: perchè l'inconoscibile è un limite per definizione
    Ok ma senza l'immaginazione non potresti conoscere nemmeno la realtà fisica (la percezione è un processo creativo), perciò penso che l'immaginazione meriti una chance.
    Cosa potrebbe succedermi? Potrei diventare più matto di così?
    E' un po' di tempo che penso che fermare le mie idee soll'orlo dei 2 mondi sia un'enorme limite e sento che mi fa male.
    Penso che la mente debba arrivare alla sintesi finale della realtà, anche se ciò comporta, alla fine, l'assunzione di determinati assiomi, in definitiva, di avere fede (per via dell'inconoscibilità della metafisica);
    Forse, per me, è giunta l'ora di allargare gli orizzonti
    Ultima modifica di io mordo : 10-01-2005 alle ore 03.41.51

Privacy Policy