• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Neofita
    Data registrazione
    16-08-2014
    Residenza
    Verona
    Messaggi
    12

    Psicologo e psicoterapeuta... quali sono i confini?

    Buona sera a tutti!

    Una domanda (idiota, scusatemi) che mi sto ponendo da un po' di tempo, riguarda il confine tra psicoterapia e colloquio psicologico; mi sembra un confine talmente sottile...

    Voi avete qualche idea a riguardo? :-)

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,846

    Riferimento: Psicologo e psicoterapeuta... quali sono i confini?

    Bella domanda... Il discorso è lungo e complesso ed è domanda che mi sono posto e ho posto più volte a psicologi e psicoterapeuti ricavandone risposte spesso e volentieri contraddittorie, in contrasto e tutt'altro che uniformi.
    Ovviamente chi ha speso migliaia di euro per la propria formazione ti dirà molto facilmente che per trattare qualunque tipo di disturbo necessita di una scuola in psicoterapia.. ciò però non trova corrispettivo in alcuna norma esistente.
    La realtà è che non esiste una demarcazione giuridicamente definita fra intervento psicologico clinico e intervento psicoterapeutico. Non esiste una nettissima distinzione all'atto legislativo fra sostegno psicologico e psicoterapia.

    Ovviamene la psicoterapia è un atto specialistico ed esclusivo di chi è annotato all'ordine degli psicologo e dei medici come psicoterapeuta e quindi ha fatto una scuola di psicoterapia. Quindi solo chi ha queste caratteristiche può definirsi specialista in psicoterapia e fare psicoterapia.
    All'atto pratico il confine è molto labile perchè parliamo non di tecniche e strumenti di tipo strettamente tecnico e definibili operativamente in maniera meccanica ma parliamo di relazioni, di saper essere e di un rapporto terapeutico che è insito sia nell'atto psicoterapeutico che in quello di sostegno psicologico.

    Come distinguere la psicoterapia dall'intervento psicologico? Secondo me è difficile, nel senso che non esistono tecniche specificatamente psicoterapeutiche che non siano in primis tecniche psicologiche, possiamo dire che l'intervento psicoterapeutico è un intervento psicologico specialistico che ha dalla sua una "certificazione" ufficiale di un percorso di ulteriori 4 anni complessivi di lezioni, tirocini, supervisioni..
    Un po' come la differenza fra medico di base e medico specialista. Tu puoi andare a farti curare dall'uno o dall'altro, il primo avrà una formazione base, il secondo specialistica, ma non è detto che il primo non sappia curare un problema, con il secondo diciamo che hai una formazione certificata. Poi c'è lo specialista che non ha una formazione su un determinato argomento mentre magari il medico di base su quell'argomento vuoi per corsi specifici, vuoi per formazione autonoma ecc si.. Quindi ci sta benissimo che il medico di base formato su questo sappia benissimo risolvere il tuo problema mentre lo specialista che non ha magari approfondito tale problematica specifica no... Poi va beh in questo caso lo specialista in dermatologia dovrebbe conoscere tutto relativamente alle problematiche della pelle.. Lo specialista in psicoterapia magari non ha mai lavorato con un tipo di problemi e può non essere perfettamente di aiuto quanto magari uno psicologo che si è formato tramite tirocini, master, corsi, stage, supervisione in anni di studio successivi.
    Ad oggi parlando di tecniche e strumenti l'unica tecnica che può usare solamente uno psicoterapeuta che ha fatto un corso specialistico è l'EMDR.. perchè chi ha portato questa tecnica in Italia ha predisposto che fosse utilizzabile solo da psicoterapeuti, il resto non è definito, non esistono neanche "tecniche e strumenti psicologici" ben definibili... Se fai questa domanda a parte il colloquio clinico, il test.. nessuno ti darà una lista scritta e definita di tecniche e strumenti psicologici e di tecniche e strumenti psicoterapeutici perchè come dicevo prima si tratta di una professione basata sulla relazione dove conta molto il saper essere e la formazione che non è l'insieme delle tecniche apprese ma la capacità di far fronte al problem solving che hai di fronte declinato in ogni ambito.

    Mi ritrovo molto in questo post che ho letto in un blog di uno psicoterapeuta che ti copio e incollo che forse ti chiarirà molto le idee spero.
    1. Lo psicologo può (anzi deve) fare quanti colloqui sono necessari, da 1 a "infinito". Chi afferma il contrario si appella a normative inesistenti o fantasiose;
    2. Lo psicologo si occupa anche di psicopatologia, senza distinzione in base alla gravità. Chi afferma il contrario, come sopra, si appella a norme che non esistono;
    3. Vale la regola aurea di occuparsi solo delle condizioni per le quali si è acquisita formazione e competenza. Questo lo dice il codice deontologico e vale anche per chi è psicoterapeuta, che difficilmente sarà esperto in tutte le situazioni cliniche. Violare questo principio significa andare contro il codice deontologico e il buon senso;
    4. La differenza rispetto allo psicoterapeuta è che quest'ultimo ha ricevuto una formazione specifica e riconosciuta per il trattamento della psicopatologia. Essendo specialista, dovrebbe garantire maggiore affidabilità in questo senso. Se ho bisogno di un antidepressivo per la mia depressione, posso anche farmelo prescrivere dal medico di base. Se decido di recarmi dallo psichiatra lo faccio perché so che è uno specialista in quel campo, quindi sarà sicuramente più affidabile e aggiornato;
    5. Il buon senso e la deontologia impongono allo psicologo di non definire il suo intervento come psicoterapia, in quanto non ha ricevuto la formazione per intervenire in questo senso. Resta il fatto che lo psicologo ha modo di formarsi su una serie di tecniche utili per intervenire: la sua competenza è definita dall'insieme delle tecniche apprese e dall'esperienza maturata. Dunque, il confine tra un percorso psicologico e una psicoterapia è spesso molto labile e sfumato.

  3. #3
    Neofita
    Data registrazione
    16-08-2014
    Residenza
    Verona
    Messaggi
    12

    Riferimento: Psicologo e psicoterapeuta... quali sono i confini?

    Caro Duccio,

    non so proprio come ringraziarti, sei stato veramente molto esaustivo! Grazieeeeeee!!
    Mi hai chiarito alcune cose :-)

Privacy Policy