• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1

    Psicologia clinica-Neuroscienze cognitive

    Salve. Sono una studentessa alla triennale di Scienze e Tecniche psicologiche.
    Penso spesso a quale magistrale scegliere un giorno e non mi è molto chiara la differenza tra Psicologia clinica e Neuroscienze cognitive. Sono due corsi che danno una formazione molto diversa? Quale dei due corsi darebbe maggiori sbocchi lavorativi?

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: Psicologia clinica-Neuroscienze cognitive

    Ciao Elisadaddio, allora intanto non è proprio esatto parlare di sbocchi maggiori con una o l'altra magistrale in quanto la magistrale o l'indirizzo che scegli dà un indirizzo maggiore, una maggiore specificità alla tua formazione ma in realtà a prescindere dall'indirizzo, dopo la magistrale, l'anno di tirocinio, l'esame di stato e iscrizione all'albo sarai psicologa e quindi con la possibilità giuridica di poter spendere le tue competenze (in un'ottica di una formazione continua e costantemente da aggiornare) in ogni campo della psicologia.. Chiaramente con più o meno competenze e quindi da "recuperare" tramite studio individuale, corsi, tirocini, stage, master ecc..
    Quindi parlare di sbocchi per un indirizzo magistrale anzichè un altro non è corretto alla luce di quanto sopra.
    Relativamente alle differenze fra le due magistrali ti conviene leggere molto bene la descrizione dei due curricula e gli esami proposti..
    Non sapendo a quale città ti riferisci a naso direi che la prima ti prepara più sulla clinica intesa come intervento sul singolo di tipo psicologico, quindi quelle che sono le aree della psicopatologia, l'assessment e diagnosi... visti secondo un ottica biopsicosociale..
    Il secondo ha un approccio maggiormente sperimentale andando a toccare in maniera maggiore l'area delle problematiche neurologiche e cognitive .. quindi diciamo che ha un approccio più psicobiomedico.. Mi dà l'impressione che prepari più per un'area di ricerca che di intervento.. Dipende poi anche dal tipo di esami che ci sono..
    Diciamo che nel primo caso è un indirizzo puramente psicologico e clinico, il secondo va a toccare un'area sempre clinica ma più sul versante cognitivo e neuropsicologico...
    Devi valutare un po' quelli che sono i tuoi maggiori interessi, non c'è un'area con più sbocchi o minori sbocchi.

Privacy Policy