• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1

    Pubblicizzarsi: una delucidazione

    ciao, sento tantissime persone psicologi che per pubblicizzarsi fanno seminari, corsi, progetti, ecc ma se una persona non è brava a parlare in pubblico o non vuole, e' comunque obbligata a farlo? Nel senso: possibile che, come canali x pubblicità, siano solo quelli? (Oltre biglietti da visita e brochure?).. Io ho un master specifico in un settore con tecniche applicabili ad un orientamento che ho acquisito dallo stesso, un altro master in una nuova dipendenza molto utile, mi sto aprendo uno studio è, ovunque chieda in giro, tutti mi dicono di buttarmi sui corsi o seminari cosa che non voglio fare! Cosa pensate di questo? Cosa mi dite?

    Grazie

  2. #2
    L'avatar di crissangel
    Data registrazione
    11-09-2006
    Residenza
    Veneto [behind an unbreakable window]
    Messaggi
    2,888
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Pubblicizzarsi: una delucidazione

    Ciao
    L'obbligatorietà nel tenere delle serate, ovviamente, non c'è. E' una delle strategie per farsi conoscere sul territorio, sia se stessi come professionisti, ma soprattutto per farsi conoscere come risorsa sul territorio; infatti le serate a tema dovrebbero essere svolte una volta che si è individuato un argomento specifico e che possa essere di interesse per la cittadinanza e i bisogni della stessa.
    In alternativa ci sono, come dicevi giustamente, brochure e biglietti da visita (da lasciare, a medici di medicina generale/pediatri, farmacie, centri ecc preferibilmente previo appuntamento in cui ci si fa conoscere); sito internet e blog per iniziare a farsi conoscere anche su larga scala (possibilmente cercando di fare rete con altri colleghi che potrebbero avere delle richieste da parte di persone lontane da loro geograficamente ma vicine a te, in modo da poter fare invii); iniziative di vario genere...per esempio, per un mese mettersi a disposizione per un primo colloquio gratuito (questo io lo farei appunto per un periodo ristretto, perchè mettere il primo colloquio gratuito sempre potrebbe diventare un'arma a doppio taglio, giusto per vedere il livello di risposta delle persone che abitano in zona).
    In effetti molti usano le serate e talvolta questo porta vantaggi in termini di accessi in studio e di riuscire a farsi conoscere, ma sono molti i colleghi che le propongono e se non ci si guarda attorno si rischia di creare una sovraesposizione magari su temi già proposti da altri o di organizzarne su argomenti che non interessano trovandosi poi senza richieste o a fare una serata di approfondimento per 4/5 persone.
    Rimane il fatto che una serata a tema, ben organizzata, può essere un buon mezzo per pubblicizzarsi
    Sei un professionista? Servizio Supervisioni e E-book per professionisti

    Per la tua formazione post laurea, dai un'occhiata alle proposte di Opsonline:
    Corsi d'aula
    Corsi on line
    Webinar

    Regolamento Forum



    Innanzitutto, l'uomo normale è solo un'astrazione

  3. #3

    Riferimento: Pubblicizzarsi: una delucidazione

    Grazie per la risposta. Io non sono né brava e ne portata a parlare in pubblico, mentre potrei farmi pubblicità come dicevi tu, valutando le altre alternative. Sito, blog, biglietti da visita, brochure, conoscenze e articoli penso siano sufficienti. Cosa dici? Grazie

Privacy Policy