Ciao a tutti!
Sto facendo una tesi magistrale bibliografica sulla figura della doula, una figura non professionale ma remunerata che accompagna la madre durante la gravidanza, a volte il parto ma soprattutto nel post-parto, fornendo supporto emotivo e pratico (ad esempio facendo le pulizie e preparando i pasti subito dopo il rientro a casa della mamma e del bambino), spesso assisitendo la donna durante la delicata fase dell'allattamento e del riassestamento emotivo.

Quali sono i miei dubbi?

Beh, ho trovato tantissimo materiale su altri Paesi a proposito di questa figura, ma non riesco ad inquadrarla in un adeguato quadro teorico della psicologia della salute o anche di comunità, visto che è il mio indirizzo!

Ho pensato di considerare il poco materiale esistente sulle teorie psicologiche in gravidanza, quale
il corpus di teorie sullo stress e le strategie di coping,
il supporto sociale ed emotivo,
il ruolo delle figure non professionali nelle relazioni d'aiuto,
l'importanza degli eventi di vita topici (la gravidanza lo è nella vita di chiunque) e dell'impatto che hanno sull'adattamento nella genitorialità... Inoltre sarebbe bene infilarci le teorie sull'attaccamento di Bowlby...

ma....

come?


Mi sto perdendo in un bicchiere d'acqua, sono così in ansia da essere paralizzata e non posso fumarmi anche la sessione di ottobre

aiutatemi, per favore