• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1

    Reinventarsi un lavoro dopo 10 anni

    Ciao a tutti! Chiedo scusa anticipatamente se la discussione e' aperta nel posto sbagliato. Ero indecisa se scrivere prima nella stanza delle presentazioni ma volevo comunque ricevere un consiglio a livello lavorativo perciò ho aperto qui il thread. Mi presento: sono Maddalena81, ho 34 anni, laureata a pieni voti in psicologia (vecchio ordinamento) nel 2005 in ambito clinico-sociale, abilitata dal 2007 e iscritta tuttora all'albo. Già dai tempi dell'università lavoravo nelle scuole e una volta fatto l'esame di stato mi sono ritrovata a dovere scegliere cosa fare nel senso che, da una parte volevo iscrivermi ad una scuola per diventare psicoterapeuta, dall'altra parte volevo lavorare e mandare avanti il mio percorso personale (famiglia ecc.). A quei tempi lavoravo nei nidi come educatrice e il lavoro mi piaceva moltissimo. Dopo lunghe riflessioni decisi di non fare la scuola. Negli anni non me ne pentii, visto che il lavoro mi piaceva e mi dava una certa stabilità (nel tempo ho vinto il concorso e sono passata a tempo indeterminato). Negli anni, per vari motivi, il lavoro di educatrice di nido ha cominciato a pesarmi, soprattutto dopo la nascita di un figlio. Ho ripensato alla mia laurea nel cassetto, a quanto ci ho creduto, a quanto l'ho desiderata. Ho anche fatto un corso di perfezionamento post-laurea per diventare coordinatrice pedagogica dei servizi educativi ma le ricadute a livello lavorativo sono state poche. Vi chiedo consigli, informazioni e tutto quello che si dovrebbe sapere sulla situazione lavorativa degli psicologi ad oggi. Cosa potrei fare? Esistono master, corsi ecc. che consentono con più facilità di entrare nel mondo del lavoro? L'insegnamento? (Ho letto di chi insegna psicologia nei corsi per parrucchiere, estetiste) Sono aperta ad ogni possibilità nel senso che ho molta voglia di cambiamento, di mettermi in gioco e di usare la mia laurea, la mia abilitazione o comunque di mettere a frutto quello che ho studiato per anni, ma che ho messo per un po' nel cassetto. Tra l'altro sono un dipendente pubblico come educatrice, quindi, in caso si aprisse qualche altra possibilità di lavoro, dovrei chiedere il part-time giusto? Grazie di cuore a chi vorrà rispondere, dare un consiglio, informazioni o qualsiasi riflessione.

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: Reinventarsi un lavoro dopo 10 anni

    ciao Maddalena
    anche io ho lavorato per 8 anni nel mondo dell'orientamento scolastico, e all'improvviso ho dovuto reinventarmi, perchè un taglio del personale mi ha lasciato "miseramente" a casa, con solo qualche paziente per avere inizialmente una piccola entrata è stata durissima !!!!

    allora, inizio col dirti che ad oggi entrare nel pubblico come psicologo è praticamente impossibile, i pochi concorsi sono spesso per psicoterapeuti e in molti casi sono organizzati ad hoc per inserire qualcuno che già lavora lì come collaboratore a p.iva

    l'unica strada percorribile è appunto aprire la partita iva (per cui sì, dovrai chiedere il part time) e provare a promuoverti per avviare qualche collaborazione...una collaborazione unica non basta chi ha partita iva oggi e lavora come psicologo fa tante cose insieme, ad esempio qualche paziente + un progetto in una scuola + collaborazioni presso associazioni o onlus ecc ecc

    fondamentale è l'aspetto del marketing, ti devi fare pubblicità sia per promuoverti per trovare nuovi pazienti, sia per farti conoscere es: da enti, scuole e associazioni bisogna telefonare alle associazioni che potenzialmente potrebbero essere interessate ad un eventuale tuo progetto, "inventare" una proposta da fare loro su come tu e la tua professionalità potrebbero essere loro utili idem per la pubblicità, bisogna pensare di investire un pochino in biglietti da visita, qualche brochure, organizzare un evento gratuito nella tua zona per farti conoscere da potenziali pazienti

    ti posso suggerire di investire
    1) nella formazione, ma nel senso più concreto del termine, in percorsi, letture o eventi formativi che ti lascino in mano qualcosa e non solo teorie e nebbia
    2) su ciò che hai fatto finora, magari non avrai lavorato come psicologa ma avrai acquisito senz'altro competenze che rientreranno nel mondo del sociale e dei servizi alla persona..prova a recuperare queste competenze e a capire come tradurle nel versante psicologico, eventualmente colmando con la formazione eventuali buchi che ti mancano
    3) su te stessa, perchè per presentarti alle associazioni o per pubblicizzarti per trovare pazienti devi essere sicura di te, convincente, il tuo interlocutore deve "sentire" che le competenze le hai e che puoi essere un valido collaboratore..nessuno accetta di collaborare con una persona insicura, titubante o che sembra lei stessa la prima a non credere a ciò che dice e al progetto che presenta

    spero di non averti spaventato la strada è dura e spesso bisogna fare salti mortali, tornare a casa tardi, tollerare di fare un po' di volontariato se ti può aiutare a conoscere meglio la realtà che ti propone di farlo e a colmare il "vuoto" di questi anni in cui hai fatto altro

    in bocca al lupo,
    Chiara
    Ultima modifica di arwen : 25-06-2015 alle ore 16.29.39
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  3. #3

    Riferimento: Reinventarsi un lavoro dopo 10 anni

    Ciao Chiara, ti ringrazio molto per avere risposto! A quanto pare la situazione è parecchio dura, come quando la avevo lasciata, o forse peggio...tu hai mai pensato di diventare psicoterapeuta? Sinceramente, pensi che possa essere spendibile come titolo? Aprendo uno studio, intendo. So bene come è la situazione nel pubblico, purtroppo. Il mio timore è di fare tanti sacrifici e spendere molti soldi per, senz'altro qualcosa che mi piace, ma che comunque potrebbe rivelarsi un ennesimo pezzo di carta inutilizzabile. Questo timore nasce dal numero sempre crescente di psicoterapeuti...ma davvero c'è posto per tutti? Dico questo con molta tristezza. :-((( Sto valutando seriamente se farla...vicino a me ci sarebbe una scuola sistemica integrata che non sembra male...non so proprio. Grazie di cuore per avere risposto. Sei stata molto carina.

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: Reinventarsi un lavoro dopo 10 anni

    ciao
    io sono psicoterapeuta
    guarda, sarò molto diretta: oggi i titoli e la formazione hanno un valore limitato. Puoi avere 100 specializzazioni diverse, ma se non ti fai pubblicità e non ti muovi attivamente per promuoverti, pubblicizzarti ed "inventare" progetti e attività, le tue specializzazioni non servono a nulla la scuola di psicoterapia ti dà un metodo per interpretare i casi che ti capiteranno, sia in studio privato che in qualunque contesto ti troverai a lavorare, NON per darti lavoro... ripeto, l'unica è darsi da fare concretamente per promuoversi, e piuttosto che studiare psicologia studiarsi un po' di marketing o quantomeno iniziare ad interrogarsi su questì'aspetto

    in bocca al lupo per tutto
    Chiara
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  5. #5

    Riferimento: Reinventarsi un lavoro dopo 10 anni

    Grazie mille per la tua sincerità. Cosa ne pensi/pensate dei master in mediazione familiare? Li trovate spendibili? Anche nel lavoro libero professionale intendo...grazie ancora

  6. #6
    Partecipante Leggendario L'avatar di Lyanne
    Data registrazione
    16-06-2007
    Residenza
    vivo a Genova
    Messaggi
    2,170

    Riferimento: Reinventarsi un lavoro dopo 10 anni

    Ciao,
    io credo che sia importante che tu metta a fuoco che cosa ti piacerebbe approfondire e secondo quale modello, in modo da dare un taglio preciso a ciò che approfondirai. Ad es. ti interessa il campo dell'infanzia, della relazione madre -bambino (mi viene in mente questo perché hai detto che lavori al nido, quindi con bambini molto piccoli) o vorresti approfondire un ambito diverso? Hai in mente un modello di riferimento, innanzitutto perché ti ci ritrovi e lo senti tuo? Io partirei da questo e ci rifletterei. Credo che la preparazione teorica, lo studio che sta alla base a ciò che scegliamo e dà un senso a ciò che desideriamo e facciamo (si spera) sia fondamentale.
    Nel frattempo mi informerei se come dipendente (comunale?) a tempo indeterminato puoi fare domanda per le 150 ore e se ci sono altri tipi di permessi di cui puoi usufruire per lo studio e/o la frequenza di attività formative.

Privacy Policy