• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1

    Studiare psicologia e lavorare...

    Ciao a tutti! Ho 22 anni e sono di Verona. Ho bisogno di qualche dritta da parte di chi se ne intende più di me!
    Lavoro come impiegata a tempo pieno dal lunedì al venerdì, ma purtroppo non sono pienamente soddisfatta del mio lavoro e non sarà di certo il lavoro che voglio svolgere per tutta la vita. Quindi per questo motivo vorrei riprendere gli studi. Mi piace particolarmente psicologia e penso di essere portata per questo tipo di studi. L'unico problema è che non so da dove partire... mi spiego meglio: lavoro 8 ore, come posso frequentare le lezioni? So che ci sono anche università telematiche, ma sono veramente valide? Grazie in anticipo

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Per la frequenza non mi preoccuperei troppo.. nel senso che le facoltà di psicologia .. almeno la maggior parte non prevedono obbligo di frequenza e solo alcune hanno magari uno o pochi laboratori da seguire... Inoltre i lavoratori dipendenti hanno delle agevolazioni come 150 ore per poter seguire e sostenere esami, permessi, ferie.. e se uno vuole in qualche modo riesce ad organizzarsi..
    Conosco tante persone che si sono laureando senza frequentare per motivi di lavoro e vedendo il professore la prima volta solo ed esclusivamente la mattina dell'esame e si sono laureati tutti bene e abbastanza in tempo.. spesso anche più velocemente e con risultati maggiormente brillanti di studenti a tempo pieno... (questo è un dato che spesso è correlato anche ad una motivazione maggiore a finire gli studi in modo veloce e quindi ad impegnarsi maggiormente)...
    Per le università telematiche non ne ho idea.. però non ne ho sentito parlare sempre bene... ma credo che ci siano tutte le possibilità di potersi laureare in una università da non frequentante

  3. #3

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Ciao Valentina, io ho 46 anni e mi sono appena laureata alla triennale di Rovereto. Lavoro 8 ore al giorno, ho una casa e una famiglia, ma sono riuscita a laurearmi nei tempi previsti, con grande impegno e motivazione, occupando tutto il mio tempo libero a studiare (weekend, ferie, ...) Non c'è obbligo di frequenza, e alcuni prof mettono online le videolezioni, cosa graditissima per gli studenti lavoratori come noi.
    Ciao e auguri

  4. #4

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Citazione Originalmente inviato da Duccio Visualizza messaggio
    Per la frequenza non mi preoccuperei troppo.. nel senso che le facoltà di psicologia .. almeno la maggior parte non prevedono obbligo di frequenza e solo alcune hanno magari uno o pochi laboratori da seguire... Inoltre i lavoratori dipendenti hanno delle agevolazioni come 150 ore per poter seguire e sostenere esami, permessi, ferie.. e se uno vuole in qualche modo riesce ad organizzarsi..
    Conosco tante persone che si sono laureando senza frequentare per motivi di lavoro e vedendo il professore la prima volta solo ed esclusivamente la mattina dell'esame e si sono laureati tutti bene e abbastanza in tempo.. spesso anche più velocemente e con risultati maggiormente brillanti di studenti a tempo pieno... (questo è un dato che spesso è correlato anche ad una motivazione maggiore a finire gli studi in modo veloce e quindi ad impegnarsi maggiormente)...
    Per le università telematiche non ne ho idea.. però non ne ho sentito parlare sempre bene... ma credo che ci siano tutte le possibilità di potersi laureare in una università da non frequentante
    Ciao! Grazie mille per la risposta Mi sto informando un pochino....sarei molto interessata ad andare a Padova! Non c'è l'obbligo di frequenza e ne ho sentito parlare molto bene. Avere 150 ore di permessi per esami ecc è una vera fortuna! Mi andrebbe benissimo laurerarmi con calma, anche impiegando un anno in più. L'unica cosa che mi spaventa è il test d'ingresso: sono richieste materie che io non ho mai studiato alle superiori! Speriamo in bene!!

  5. #5

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Citazione Originalmente inviato da franca68 Visualizza messaggio
    Ciao Valentina, io ho 46 anni e mi sono appena laureata alla triennale di Rovereto. Lavoro 8 ore al giorno, ho una casa e una famiglia, ma sono riuscita a laurearmi nei tempi previsti, con grande impegno e motivazione, occupando tutto il mio tempo libero a studiare (weekend, ferie, ...) Non c'è obbligo di frequenza, e alcuni prof mettono online le videolezioni, cosa graditissima per gli studenti lavoratori come noi.
    Ciao e auguri
    Ciao! Bè complimenti!! Non penso sia facile!! Ci vuole tanto impegno. Penso sia una bellissima soddisfazione per te! Ora cosa farai? Prosegui con gli studi?

  6. #6

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Citazione Originalmente inviato da Valentina992 Visualizza messaggio
    Ciao! Bè complimenti!! Non penso sia facile!! Ci vuole tanto impegno. Penso sia una bellissima soddisfazione per te! Ora cosa farai? Prosegui con gli studi?
    Mi sto informando, perchè non è facile entrare, fanno un conteggio basato sui voti degli esami di psicologia, e io a Padova e Rovereto non ho speranze di entrare :-(

  7. #7
    Matricola
    Data registrazione
    03-05-2014
    Messaggi
    28

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Se pensi di poter poi trasformare in un lavoro la tua laurea ti consiglierei di escludere le università telematiche: anche il semplice contatto con futuri colleghi potrebbe esserti utile in futuro per collaborazioni o altro.
    Magari, visto che hai anche l'handicap di essere in un'altra città rispetto all'università, potresti prendere in considerazione un part-time... sempre che questo sia possibile ovviamente.

  8. #8
    Partecipante Super Esperto L'avatar di sonica
    Data registrazione
    17-05-2002
    Residenza
    Pointe Noire, Congo
    Messaggi
    597

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Io invece non escluderei le telematiche a priori (ma consiglio di informarsi bene su quali sono le più valide, puoi iniziare da qui). Se non si ha la possibilità di frequentare le lezioni allora le telematiche sono un'ottima alternativa dato che danno la possibilità di farlo a qualunque ora.
    Anche io studiavo e lavoravo... in bocca al lupo!
    Quando stiamo andando su questa teera ???
    Dove stiamo facieendo su questa teera ???Se sei qui é perché te c'hai molta crisi, stai miagolando nel buio, vai a dentoni. Ti chiedi: Come mai, Come dove nel mondo, Dove chi, Perché quando?
    Ma la risposta, non la devi cercare fuori, la risposta é dentro di te, e peró é sbagliata!

  9. #9

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    io pensavo di fare la unimarconi mi sembra molto valida..

  10. #10
    Partecipante Super Esperto L'avatar di sonica
    Data registrazione
    17-05-2002
    Residenza
    Pointe Noire, Congo
    Messaggi
    597

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Citazione Originalmente inviato da pizzilligm Visualizza messaggio
    io pensavo di fare la unimarconi mi sembra molto valida..
    Confermo (dato che la frequento), ti invito però a non uscire fuori tema. Se volete maggiori informazioni sulla Marconi o altre telematiche potete aprire una discussione nella stanza apposita
    Quando stiamo andando su questa teera ???
    Dove stiamo facieendo su questa teera ???Se sei qui é perché te c'hai molta crisi, stai miagolando nel buio, vai a dentoni. Ti chiedi: Come mai, Come dove nel mondo, Dove chi, Perché quando?
    Ma la risposta, non la devi cercare fuori, la risposta é dentro di te, e peró é sbagliata!

  11. #11
    La vita sognata L'avatar di Antonia
    Data registrazione
    31-12-2009
    Messaggi
    2,130

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Io ho dovuto rinunciare ad iscrivermi alla magistrale perché alla Sapienza i laboratori sono a frequenza obbligatoria e anche le lezioni hanno la frequenza "fortemente consigliata" il che equivale a dire che si deve frequentare, nei programmi infatti i prof aggiungono tesine che necessariamente hanno bisogno della frequenza per essere eseguite, non capisco perché non c'è un sistema univoco di frequenza in tutte le facoltà di psicologia.
    Alla triennale non era così, si poteva benissimo lavorare e studiare, sono amareggiata.
    Mi fanno male i capelli. (Amelia Rosselli)

  12. #12
    Partecipante Leggendario L'avatar di Lyanne
    Data registrazione
    16-06-2007
    Residenza
    vivo a Genova
    Messaggi
    2,170

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Citazione Originalmente inviato da Janebru Visualizza messaggio
    Io ho dovuto rinunciare ad iscrivermi alla magistrale perché alla Sapienza i laboratori sono a frequenza obbligatoria e anche le lezioni hanno la frequenza "fortemente consigliata" il che equivale a dire che si deve frequentare, nei programmi infatti i prof aggiungono tesine che necessariamente hanno bisogno della frequenza per essere eseguite, non capisco perché non c'è un sistema univoco di frequenza in tutte le facoltà di psicologia.
    Alla triennale non era così, si poteva benissimo lavorare e studiare, sono amareggiata.
    Ciao Janebru,
    non conosco la Sapienza, ma mi dispiace molto leggere della tua rinuncia
    Non ti conviene parlare con i docenti per i quali pensi che sia necessario frequentare le lezioni? Non necessariamente "fortemente consigliata" significa obbligatoria e non necessariamente per scrivere una tesina bisogna frequentare: l'importante è avere buone dritte dal docente e mantenere un contatto per eventuali dubbi (ad es. via mail).
    Per quanto riguarda i laboratori, è vero, la frequenza è obbligatoria per il 75% delle ore, però (questo in base alla mia esperienza), a volte i docenti formano diversi gruppi, cioè ripetono il laboratorio in periodi diversi, in modo da agevolare chi lavora (ad es. venerdì, oppure sabato mattina).
    Non so quali e quante variazioni dipendano dalle Facoltà, però il mio piccolo suggerimento è di andare a parlare con qualche docente, e, se ti è possibile, non rinunciare a proseguire gli studi.

  13. #13
    La vita sognata L'avatar di Antonia
    Data registrazione
    31-12-2009
    Messaggi
    2,130

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Grazie Lyanne per la risposta e l'incoraggiamento ma, oltre ai laboratori, alcune lezioni hanno proprio la frequenza obbligatoria e altre la frequenza fortemente consigliata e non frequentare temo renderebbe complicato uno studio che, dai programmi, intuisco già di per sé molto intenso (calcola che ogni esame è da 9 crediti), alla magistrale ci sono meno esami annuali, rispetto alla triennale, ma bei pesantucci da sostenere. Dai programmi la sensazione che ho è che i prof diano molta importanza alla frequenza. Poi, non so, magari mi sbaglio, mi piacerebbe che qualcuno iscritto alla magistrale alla Sapienza mi desse il suo parere da non frequentante su come riesce a gestire studio e non frequenza.
    Ultima modifica di Antonia : 27-10-2015 alle ore 19.59.46
    Mi fanno male i capelli. (Amelia Rosselli)

  14. #14

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Ciao Sonica. Sono nuovo del forum e volevo chiederti info sulla Marconi ma non mi fa inviare un messaggio privato direttamente a te! Come faccio?
    Citazione Originalmente inviato da sonica Visualizza messaggio
    Confermo (dato che la frequento), ti invito però a non uscire fuori tema. Se volete maggiori informazioni sulla Marconi o altre telematiche potete aprire una discussione nella stanza apposita

  15. #15
    Matricola
    Data registrazione
    14-04-2017
    Messaggi
    17

    Riferimento: Studiare psicologia e lavorare...

    Ciao,
    guarda io mi son laureato lavorando, non ne ho avuto la necessità, ma nel caso, al momento della iscrizione, puoi scegliere anche iscrizione come "studente lavoratore" con tutte le agevolazioni del caso.
    Buono studio!

Privacy Policy