• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4

Discussione: Feticismo del pene?

  1. #1

    Feticismo del pene?

    Cercando su Google qualche informazione sul feticismo sono arrivato alla pagina più immediata e banale, quella di Wikipedia.
    Ho trovato scritta questa cosa: "In sostanza, quindi, il feticista è colui che prova attrazione sessuale per qualcosa che fuoriesce dai canoni della sessualità tradizionale che presuppone i genitali quali oggetti libidici primari."
    Quindi se un uomo è attratto dal pene, senza essere troppo interessato alla persona che lo possiede, non sarebbe un feticista da quanto ho capito, perché in ogni caso il suo interesse non è rivolto a una parte del corpo come i piedi, o ad un oggetto, ma pur sempre ai genitali.
    Cosa ne pensate?

  2. #2
    L'avatar di claudia1976
    Data registrazione
    23-01-2005
    Residenza
    Lodi
    Messaggi
    455

    Riferimento: Feticismo del pene?

    Ciao...scusa ma il tuo nick ""...spero tu sia serio e non prenda in giro la community con questa domanda...

    Dunque, dipende cosa intendi con "uomo attratto dal pene", il feticismo presuppone la necessità di un oggetto specifico per raggiungere le varie fasi della risposta sessuale, senza il quale questa non si manifesta...
    ti cito anche: "Sigmund Freud (sulla scia di sessuologi del XIX secolo come Alfred Binet e Richard von Krafft-Ebing) usò il termine feticismo per descrivere una forma di parafilia dove la meta del desiderio è un oggetto inanimato o una parte specifica della persona"

    Un uomo attratto dal pene è certo da valutare in che modo lo sia, essere attratti da una parte del corpo e solo quella (tanto che solo quella si rende necessaria, non importa quanto e chi vi sia "intorno") presuppone comunque che la relazione sia con quella parte e non con la persona, a prescindere che sia un organo genitale o meno.

    Ad ogni modo l'interesse per i genitali del proprio sesso è meglio definito in Psicologia con il termine di omogenitalità, il che spiega come gli uomini possano essere attratti dai transessuali, in qualche modo psicologicamente non sono completamente uomini, e allo stesso tempo hanno il membro genitale maschile. In maniera controversa in sessuologia, è stato variamente interpretato come un segnale di omosessualità latente questo tipo di comportamento...ripeto in maniera controversa.

    Spero di avere risposto alla tua domanda.
    "Nessuno teme l'Inquisizione spagnola" (tratto da "Sliding doors")

  3. #3

    Riferimento: Feticismo del pene?

    Grazie per la tua risposta.
    Il mio "nick" è veritiero, nel senso che, come ho scritto nella sezione "Presentazioni", non sono un addetto ai lavori ma un uomo affetto da malattia mentale.
    Non sto prendendo in giro nessuno, ci mancherebbe.
    Quindi tu dici che anche l'essere attratti dall'organo genitale maschile è segno di feticismo, se non importa chi lo abbia, se un altro uomo o una transessuale.
    Io sono tra gli uomini attratti dal pene, e se fossi all'altezza vorrei avere una relazione con un uomo.
    Ma avendo dei problemi devo accontentarmi di rapporti a pagamento ogni tanto, e in quel caso vado con trans che hanno quello che mi piace, il pene, con un contorno che non mi interessa perché caratterizzato dal risultato di interventi chirurgici e cure ormonali.
    Parli di omogenitalità: se questa non sfocia in una voglia di relazione con la persona, si tratta di una forma di feticismo?
    Ciao

  4. #4
    L'avatar di claudia1976
    Data registrazione
    23-01-2005
    Residenza
    Lodi
    Messaggi
    455

    Riferimento: Feticismo del pene?

    Speravo di essere stata chiara prima, la risposta è SI. No lo dico io lo disse già Freud.
    "Nessuno teme l'Inquisizione spagnola" (tratto da "Sliding doors")

Privacy Policy