• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1

    Segreto professionale e registrazione delle sedute

    Salve!
    Ho un quesito da porre: come deve comportarsi lo Psicologo/Psicoterapeuta nel caso in cui un paziente (nel mio caso ex paziente) chieda di avere le registrazioni delle sedute effettuate, eventualmente per farne uso nell'ambito di una causa di separazione dal coniuge?
    Non ho trovato riferimenti normativi che chiariscano questo aspetto. Qualcuno mi può dare chiarimenti.
    Grazie
    Francesca

  2. #2

    Riferimento: Segreto professionale e registrazione delle sedute

    Per la normativa sulla privacy non puoi negare al paziente materiale che lo riguarda: infatti la privacy implica la corretta conservazione (oltre che riservatezza) di informazioni strettamente personali. Io tenterei però di dialogare con l'ex paziente, spiegandogli chel'uso che ne vuol fare è improprio, in quanto le registrazioni attengono a un ambito clinico ben diverso dall'ambito psicologico forense. Illsutrerei anche la via maestra per sollevare quanto vuole sollevare impropriamente con le registrazioni cliniche: una relazione di ctp. Se non cambia idea (purtroppo) dovrai consegnare il materiale.

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di Morgana-z
    Data registrazione
    27-01-2008
    Residenza
    nella terra in cui lo scirocco scompiglia i capelli e arruffa i pensieri
    Messaggi
    7,777
    Blog Entries
    128

    Riferimento: Segreto professionale e registrazione delle sedute

    Mi incuriosisce il fatto che si vogliano usare le registrazioni delle sedute di psicoterapia come prove in una causa in tribunale. O meglio, mi incuriosisce il fatto che il paziente dovrebbe sapere che lo psicoterapeuta non è l'avvocato e che le affermazioni fatte e le cose emerse in seduta riguardano le percezioni e le emozioni, i vissuti.
    Mi sembra più che altro morboso voler usare qualcosa di così intimo (che appunto non riguarda l'ambito forense ma quello clinico) come arma di vendetta. A questo punto sarebbe necessario lavorare con l'ex paziente sulle fantasie di vendetta con cui ha infarcito la terapia.
    Del resto, concordo con mariolino che ha espresso la procedura in modo molto chiaro.
    Quando la tempesta sarà finita, probabilmente non saprai neanche tu come hai fatto ad attraversarla e a uscirne vivo. Anzi, non sarai neanche sicuro se sia finita per davvero. Ma su un punto non c'è dubbio. Ed è che tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi era entrato.
    (Haruki Murakami)

  4. #4

    Riferimento: Segreto professionale e registrazione delle sedute

    Lo psicoterapeuta ha l'obbligo di consegnare le registrazioni al cliente .... se poi il cliente ne fa un uso strumentale? bella domanda .... a rigor d logica ne risponderà il cliente

Privacy Policy