• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1

    per favore qualche chiarimento generale sulla facoltà?

    Salve a tutti! mi sono appena iscritta a questo forum che mi sembra proprio ben strutturato quest'anno frequenterò l'ultimo anno di liceo e sto valutando per dopo la facoltà di psicologia ,ma alcune cose, proprio le piu' elementari , non mi sono proprio chiarissime... per esempio ho visto che c'è il corso di laurea in "Scienze e tecniche psicologiche" in moltissime facoltà mentre in altre, oltre a quello, ce ne sono anche di più specifici come "psicologia cognitiva" , "psicologia dell'educazione" "psicologia delle relazioni" e così via... Ma se dopo tanto c'è comunque la specializzazione di due anni (magistrale), cosa cambia dal frequentare quello che ,se ho capito, è un corso piu' base come Scienze e tecniche psicologiche dal fare invece per esempio Psicologia dell'educazione? Cioè, chi fa Scienze e tecniche può accedere a tutti i corsi magistrali giusto?
    Conviene di piu' fare subito una triennale pi specifica o quella più generale? (Ripeto, non so esattamente se sia così la distinzione, è l'idea che mi sono fatta io ...correggetemi subito in caso! )

    Inoltre un'altra cosa che volevo sapere è la carriera lavorativa, perchè io so che uno dopo il 3+2 può fare ,dopo esame di stato e tirocinio, altri quattro anni per diventare terapista... ma a questo che alternative ci sono?

    vi ringrazio tantissimo!

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: per favore qualche chiarimento generale sulla facoltà?

    Ciao, allora con l'autonomia degli atenei e delle singole facoltà ognuna si gestisce come vuole.. questo ha fatto si che ogni facoltà di psicologia creasse offerte formative e corsi di laurea diversificati in base agli interessi accademici e alla formazione dei propri docenti.. Quindi nascono triennali e magistrali che spostano il focus su differenti ambiti... In generale possiamo comunque dire che queste differenze sono diciamo differenze didattiche e formative, una volta laureata alla triennale e poi alla magistrale , anno di tirocinio completato e esame di stato superato tu potrai essere abilitata e iscriverti all'albo e diventare quindi psicologa. In qualità di psicologa potrai in linea generale da un punto di vista giuridico operare in ogni campo della psicologia a prescindere dal tuo indirizzo.. Certo avrai delle competenze più in un settore ma nessuno ti vieta di ampliare, formarti ulteriormente, approfondire anche altri ambiti differenti dal tuo indirizzo di studio per poi spenderti in quel campo.
    Dopo la triennale comunque si può accedere generalmente, a meno di impedimenti specifici della tua facoltà di riferimento, ad ogni curriculum magistrale...
    Secondo me conviene sia per la triennale che la magistrale non scegliere indirizzi troppo specifici, dopo comunque la professione sarà orientata a tua discrezione a 360 gradi, e dovrai in ogni caso continuare a formarti ulteriormente... Quindi secondo me 5 anni troppo specifici ti restringono troppo il campo... Una formazione più eterogenea di permetterà di muoverti in maniera migliore...
    Dopo i 5 anni, tirocinio e esame di stato sei psicologa.
    Se vuoi diventare psicoterapeuta devi fare una scuola quadriennale in psicoterapia per avere il titolo di specialista in psicoterapia e fare la psicoterapeuta. Ma non è l'unica via.... Conta che è un percorso quadriennale che ti specializza in un preciso modello e che costa in media sulle 20 mila euro totali... Una volta comunque abilitato starà a te, alle esperienze che hai fatto, ai tirocini che ti avranno formata, alla formazione post universitaria in cui ti spenderai che può comprendere la scuola di specializzazione quadriennale che si diceva ora o anche altri tipi di esperienze... corsi, master, stage, ecc... In ogni caso una volta abilitata puoi aprire in linea teorica uno studio, avere pazienti.. certo bisogna che tu sappia cosa fare , come e avere imparato a farlo.. la scuola è uno dei modi.. sennò ci sono altre modalità di formazione con cui puoi acquisire delle precise competenze... Di sicuro per essere e chiamarti psicoterapeuta devi fare la scuola.. ma lo psicoterapeuta non è la sola figura deputata alla clinica, alla cura dei pazienti...
    Per il resto le possibilità sono spenderti con la libera professione in diversi campi.. per avere un quadro più completo ti consiglio la lettura di questo thread di orientamento alle matricole che feci anni fa...
    http://www.opsonline.it/forum/psicol...le-115480.html

  3. #3

    Riferimento: per favore qualche chiarimento generale sulla facoltà?

    Ok grazie mille! scusa se mi ripeto , ma quindi il non fare dopo i 4 anni di psicoterapia non mi impedisce di lavorare con i pazienti giusto? Insomma... una qualifica in psicoterapia in cosa ti abilita di più rispetto ad uno che non l'ha fatta ma lavora comunque con i pazienti ( un esempio qualsiasi a caso, immagino ce ne siano diversi!)? Che tipo di lavoro svolgono i due?

  4. #4
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: per favore qualche chiarimento generale sulla facoltà?

    Una volta psicologo puoi aprire uno studio e avere pazienti... non puoi definirti psicoterapeuta ma nessuno ti vieta di avere pazienti perchè secondo il codice lo psicologo fa abilitazione e riabilitazione e la riabilitazione è terapia....
    I 4 anni di specializzazione in psicoterapia ti fanno diventare specialista in psicoterapia e puoi definirti psicoterapeuta...
    Ma puoi formarti in tanti altri modi, corsi di formazione, tirocini, esperienze di stage, volontariati in ospedale e tanto altro ancora... La differenza è un'etichetta linguistica... il codice dice inoltre che non si può fare ciò in cui non ci si è formati ma nessuno ti vieta di formarti per altre vie, non per forza meno formative.... Conosco molte persone che dopo la laurea hanno fatto master di anni, corsi di formazione, esperienze varie ecc...tirocini.. hanno imparato un metodo, delle tecniche e le utilizzano con i pazienti.. Non si definiscono psicoterapeuti nè dicono di fare psicoterapia perchè è un'etichetta verbale ad appannaggio di chi ha fatto la psicoterapia... ma puoi fare terapia psicologica dato che nessuno può formalmente vietartelo... Gli ordini non chiariscono nè delimitano precisamente gli atti tipici della psicoterapia dalla terapia psicologica che rimane sfumata ...
    In ogni caso lo psicoterapeuta fa dopo l'abilitazione 4 anni di scuola in cui impara un determinato approccio, strumenti e tecniche secondo un determinato modello..
    Lo psicologo che decide di non fare la scuola può scegliere di seguire e fare esperienze formative differenti... magari mettendoci gli stessi anni.. e magari impara anche lui delle tecniche e degli strumenti... Quello che è necessario capire è che la scuola non è l'unica via anche se i docenti .. molti di essi che insegnano in scuole o le dirigono.. ci tengono a convincere del contrario gli studenti per ovvi motivi...

  5. #5
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: per favore qualche chiarimento generale sulla facoltà?

    Ti consiglio di leggere anche questo thread... mi rendo conto che la carne al fuoco è molta.. ma credo che sia necessario cercare di capire bene il tutto..
    http://www.opsonline.it/forum/psicol...go-150035.html

Privacy Policy