• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13

Discussione: quasi psicologa!

  1. #1
    Partecipante L'avatar di marilu1312
    Data registrazione
    08-01-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    30

    quasi psicologa!

    ciao a tutti, in attesa dell'esame di abilitazione da fare a novembre vorrei proporre dei progetti in alcune scuole. Non avendo partita iva è possibile? ci sono alternative? come funziona tutto?
    grazie

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: quasi psicologa!

    No, non è possibile!

    Come psicologa puoi lavorare solo SE e QUANDO sarai abilitata! In bocca al lupo!
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  3. #3
    Partecipante L'avatar di marilu1312
    Data registrazione
    08-01-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    30

    Riferimento: quasi psicologa!

    Memole io intendevo senza fare riferimenti a test psicologici o altro che possa toccare la psicologia. grazie

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: quasi psicologa!

    si ho capito..ma come inquadreresti la cosa? come ti presenti? educatrice? ci vuol un titotlo! psicologa (purtroppo non lo puoi usare!)....................
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  5. #5

    Riferimento: quasi psicologa!

    Citazione Originalmente inviato da MEMOLEMEMOLE Visualizza messaggio
    si ho capito..ma come inquadreresti la cosa? come ti presenti? educatrice? ci vuol un titotlo! psicologa (purtroppo non lo puoi usare!)....................

    soprattutto bisogna che presenti i progetti a scuole con tanto Fondo di Istituto, perchè le scuole pubbliche attualmente hanno pochi soldi, è tutto un cercare finanziamenti all'esterno, anche gli educatori si pagano col Fondo di Istituto, che ogni anno diventa sempre meno, lo Stato non passa più nulla alle scuole, e le scuole sono assediate da proposte di Progetti di ogni tipo!

    quindi i collegi approvano i progetti gratis, in genere, o vanno a cercare finanziamenti alle banche.

    Passare dalle banche, magari, prima( scherzo:

    ah, sai da quali scuole dovresti passare? Da quelle private, quelle sì sono ricche e pagano!!!

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: quasi psicologa!

    ..esatto! concordo!
    il finanziamento che è palesemente scarno.....per cui ti conviene cercarti attivamente un "fondo"..(parlo per esperienza personale...i primi due anni a scuola ho lavorato quasi GRATIS!....lo scrivo tranquillamente...perchè credo che ci siamo venuti incontro: la scuola mi dava u n imborso spese e io...ottenevo VISIBILITA', COMPETENZA....)...

    Comunque a parte questo...davvero rischieresti di bruciarti!
    Nel senso che puoi tranmquillamente presentare progetti anche senza abilitazione..MA NON IN QUALITA' di psicologa!....
    IO il mio primo progetto l'ho presentato (e portato avanti) perchè ero laureata in psicologia (triennale) MA AVEVO l'abilitazione...(avevo sostenuto l'eds per la sez B...forse l'unica sciagurata che l'ha sostenuto!)

    La scuola è un istituzione pubblica e difficilmente (anzi MAI) accetta personale esterno che non abbia TUTTE le carte in regola per lavorare!...Detto questo..i progetti li presentano anche gli educatori, i pedagogisti, i terapisti.......quindi....resta solo da vedere..quale inquadramento tu hai!
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  7. #7
    Partecipante L'avatar di marilu1312
    Data registrazione
    08-01-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    30

    Riferimento: quasi psicologa!

    Beh, so come funziona per i finanziamenti (sono educatrice in una cooperativa per conto di un Comune) ma intanto volevo attivarmi diversamente, in modo autonomo...ma mi sa che devo attendere qualche altro mese! grazie

  8. #8

    Riferimento: quasi psicologa!

    Citazione Originalmente inviato da marilu1312 Visualizza messaggio
    Beh, so come funziona per i finanziamenti (sono educatrice in una cooperativa per conto di un Comune) ma intanto volevo attivarmi diversamente, in modo autonomo...ma mi sa che devo attendere qualche altro mese! grazie
    C'è una cosa molto importante che volevo condividere, io sono insegnante, voi siete psicologi, è banale, ma è comune: convincere dell'importanza di un progetto proposto, qui non l'ho mai sentito affrontare l'argomento.

    Quando ci si propone al prossimo con un proprio progetto di lavoro, e questo all'insegnante accade ogni anno e ogni giorno, è necessario essere convincenti presso l'uditorio che quanto si propone è utile e importante, questo naturalmente presuppone amore infinito per la propria materia o oggetto di intevento o di insegnamento, non basta il foglino scritto, ci vuole la presenza fisica con il proprio amore e il proprio convincimento interiore che quanto si farà, porterà da qualche parte, porterà un progresso)

    quindi, in bocca al lupo a conquistare l'uditorio-scuola))))magari trasmettete il motivo per cui avete scelto quel campo, è quello che vi farà guadagnare, non altro)

  9. #9
    Partecipante L'avatar di marilu1312
    Data registrazione
    08-01-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    30

    Riferimento: quasi psicologa!

    Ecco cara insegnante...hai centrato in pieno un argomento che volevo chiedere anche nel messaggio precedente!
    Lavoro tutti i giorni a contatto con le insegnanti, ma cosa fa sì che un progetto sia migliore di un altro? Non solo il credere in quel progetto, MA cosa gli insegnanti si aspettano da un progetto presentato da un soggetto esterno? Per esperienza molti insegnanti bocciano un progetto solo per il fatto di non avere qualcuno "tra i loro piedi" (scusate e passatemi il termine!) se non quando siano loro a guadagnarci in termini di ore straordinarie; al contrario, è un ottimo progetto (anche se pessimo) quando è presentato da un familiare o conoscente.
    Chi crede in un progetto, come potrà convincere questi insegnanti?

  10. #10
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: quasi psicologa!

    secondo me (ma qui..lavoro di fantasia....forse un insegnante saprebbe darci la risposta..ammesso che...gli convenga darcela!) un rpogetto migliore di un altro è quello che..riesce a far nascere la motivazione dello stesso!

    Mi metto dalla parte degli insegnanti...
    Hanno un budget limitato, tante ore da dedicare all'insegnamento(più programmazione, consiglio di classe, dei docenti etc etc) e mille progetti (di cui , diciamolo..alcuni sono interni per cui....partono più avvantaggiati)....

    perchè dovrebbero scegliere proprio il "mio"?

    io dico..perchè il MIO riesco a presentarlo facendo nascere l'esigenza dello stesso......boh..magari mi sbaglio ma secondo me è così...
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  11. #11

    Riferimento: quasi psicologa!

    Citazione Originalmente inviato da MEMOLEMEMOLE Visualizza messaggio
    secondo me (ma qui..lavoro di fantasia....forse un insegnante saprebbe darci la risposta..ammesso che...gli convenga darcela!) un rpogetto migliore di un altro è quello che..riesce a far nascere la motivazione dello stesso!

    Mi metto dalla parte degli insegnanti...
    Hanno un budget limitato, tante ore da dedicare all'insegnamento(più programmazione, consiglio di classe, dei docenti etc etc) e mille progetti (di cui , diciamolo..alcuni sono interni per cui....partono più avvantaggiati)....

    perchè dovrebbero scegliere proprio il "mio"?

    io dico..perchè il MIO riesco a presentarlo facendo nascere l'esigenza dello stesso......boh..magari mi sbaglio ma secondo me è così...
    Dunque, provo a rispondere, non è semplice, naturalmente all luce di quello che ho visto, prendetele come diciamo "curiosità"

    Intanto, bisogna capire su quale tavolo arrivano i progetti, a noi insegnanti del collegio arrivano già scremati, il discorso parte dalla scrivania del Dirigente, è lui con il suo entourage di collaboratori, che fa il bello e il cattivo tempo.

    I collegi invece sono composti da 50 o 100 persone che non si conoscono tutte, e devono fare alla svelta. ( non mi conviene dirlo, a ratificare)

    quindi tutto sta nel presentarlo ai Dirigenti, è lì su quel tavolo che si discutono le questioni economiche.

    Poi il Dirigente ha il dovere di proporceli e deve chiedere il nostro assenso collegiale, ma ci proporrà quelli fattibili economicamente, innanzitutto, e poi quelli che di solito riteniamo utili e che corrispondono alle linee nostro POF.

    E' chiaro che noi insegnanti siamo assediati dai problemi più svariati di disagio, di inserimento ecc, soprattutto noi della scuola dell'obbligo ( siamo un Comprensivo Primaria.Secondaria di 1° grado)

    Di solito, dopo che si è superato il problema economico di cui noi insegnanti non capiamo nulla onestamente, £se ci vine detto dal Dirigente "questo si può fare") allora lo valutiamo, ci vuole l'approvazione del Consiglio di classe, prima di quella del Collegio dei Docenti.

    I progetti prima passano dai Consigli di Classe, e poi dai Collegi. Il nepotismo è un po' difficile, perchè si potrebbe verificare prima, a livello di pressioni della Dirigenza, dopo sai, nessuno conosce nessuno, a meno che non si faccia il passaparola.

    Di solito c'è un insegnante a cui il Progetto preme di più, e allora insomma di solito non gli si rifiuta l'appoggio, se lui ritiene che sia utile, si fa.
    Poi una volta che anche il collegio lo ha approvato, è legge e il progetto si fa, ci sono progetti che riguardano le materie singole e progetti di tutti, e allora si fanno nelle ore di tutti.

    Che altro?

    chi arriva a scuola da esterno non puà stare da solo con i ragazzi, bisogna ci sia uno di noi a prendersi la responsabilità della classe, quindi noi confidiamo per esempio che faccia delle cose fattibili, che non ci sconvolga la mattinata, e qui...

    certamente se pensiamo che quando arriva lo psicologo a noi ci tocca lavorare il doppio) ci pensiamo

    bisogna che l'operatore esterno, poichè noi non sappiamo cosa propone nella pratica, ma solo su carta, prenda le redini in mano della situazione classe, e quindi bisogna che quando entra non ci dica tipo: "Li faccia stare buoni che io altrimenti non posso parlare", come ho visto fare per esempio persino a dei medici, da ridere, che venivano a fare educazione sanitaria, e noi lì in classe tutti tesi a controllare che fossero tranquilli, educati e silenziosi, questo è il famoso stress da "persona tra i piedi")))

    a volte capita che l'operatore esterno sia la prima volta che vede un gruppo di ragazzini, proviene da ambienti adulti, quindi va capito ed è vero che bisogna lavorare di più in quell'ora in cui c'è lui.

    Non credo sia il caso di uno psicologo, ma può capitare che magari proponga attività difficili, insolite, confusionarie, che ci mettono un po' sotto stress a tutti, tipo spostare i banchi, mettersi a sedere per terra, cose così..

    Lo dico perchè la scuola è un ambiente che si fonda su delle routines, delle regole che vengono faticosamente assimilate da tutti, entra il solito insegnante, è l'ora di.., si fa così, si prende il materiale tale, tizio dirà questo, è una roba di tutti i giorni che ci dà sicurezza.
    Ultima modifica di Giovanna11 : 07-10-2013 alle ore 15.51.28

  12. #12
    Partecipante Leggendario L'avatar di Haidy2009
    Data registrazione
    14-01-2009
    Messaggi
    2,406

    Riferimento: quasi psicologa!

    Citazione Originalmente inviato da Giovanna11 Visualizza messaggio

    ah, sai da quali scuole dovresti passare? Da quelle private, quelle sì sono ricche e pagano!!!
    Una precisazione riguardo a quanto dici sopra:
    è mentalità comune e distorta credere che le scuole private o meglio paritarie(mi riferisco a quelle gestite dai religiosi) siano scuole ricche. Certamente non tutti i cittadini possono pagare le rette delle scuole paritarie, ma sapete perché?
    Perché le rette delle scuole pubbliche sono più basse in quanto i costi sono coperti dalle tasse che lo Stato chiede ai cittadini.
    Per es. è da sapere, che un bambino alla scuola statale, allo Stato viene a costare di più di quanto costi in una scuola paritaria.
    Le scuole statali non riescono a soddisfare le domande di iscrizione, per cui le scuole paritarie (private e pubbliche) sono necessarie! Ma in questo periodo di crisi molte scuole private, tipo asili parrocchiali ma anche scuole di grado superiore sono costrette a chiudere perché lo Stato non da i contributi che spetterebbero di diritto! Lo stato, con le scuole paritarie risparmia ben 5.000 euro per alunno all’anno! Dati che potete trovare benissimo anche nel web. La scuola paritaria si trova a dover pagare tutto di tasca propria, e chi manda i figli alle scuole paritarie paga anche per mantenere il reddito della scuola pubblica. Se non si è informati su questo ci si informi presso il ministero della pubblica istruzione e su chi tiene i bilanci delle scuole paritarie, così solo si arriverà ad avere la giusta informazione.
    Inoltre nelle scuole paritarie non mancano alunni meno abbienti, con difficoltà di vario genere sostenuti totalmente dalla scuola stessa. Ne conosco personalmente, e so che è così.
    Ultima modifica di Haidy2009 : 07-10-2013 alle ore 17.36.16
    "Non importa se vai avanti piano, l'importante è che non ti fermi". Confucio

  13. #13

    Riferimento: quasi psicologa!

    Citazione Originalmente inviato da Haidy2009 Visualizza messaggio
    Una precisazione riguardo a quanto dici sopra:
    è mentalità comune e distorta credere che le scuole private o meglio paritarie(mi riferisco a quelle gestite dai religiosi) siano scuole ricche. Certamente non tutti i cittadini possono pagare le rette delle scuole paritarie, ma sapete perché?
    Perché le rette delle scuole pubbliche sono più basse in quanto i costi sono coperti dalle tasse che lo Stato chiede ai cittadini.
    Per es. è da sapere, che un bambino alla scuola statale viene a costare di più di quanto costi in una scuola paritaria.
    Le scuole statali non riescono a soddisfare le domande di iscrizione, per cui le scuole paritarie (private e pubbliche) sono necessarie! Ma in questo periodo di crisi molte scuole private, tipo asili parrocchiali ma anche scuole di grado superiore sono costrette a chiudere perché lo Stato non da i contributi che spetterebbero di diritto! Lo stato, con le scuole paritarie risparmia ben 5.000 euro per alunno all’anno! Dati che potete trovare benissimo anche nel web. La scuola paritaria si trova a dover pagare tutto di tasca propria, e chi manda i figli alle scuole paritarie paga anche per mantenere il reddito della scuola pubblica. Se non si è informati su questo ci si informi presso il ministero della pubblica istruzione e su chi tiene i bilanci delle scuole paritarie, così solo si arriverà ad avere la giusta informazione.
    Inoltre nelle scuole paritarie non mancano alunni meno abbienti, con difficoltà di vario genere sostenuti totalmente dalla scuola stessa. Ne conosco personalmente, e so che è così.

    va bene, la scuola paritaria offre molto di più della scuola pubblica, anche in termini di strutture, edifici, confort, attenzione, vi sono scuole paritarie meravigliose, tipo i collegi degli Scolopi a Firenze, altamente qualificati, o quelli dei Salesiani.
    Offrono molto, sì, sono migliori di noi, hanno laboratori informatici,sale mensa, sale di preghiera, campi da tennis, hanno i valori educativi della Scuola cattolica, insomma ben vengano.

Privacy Policy