• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Neofita
    Data registrazione
    24-01-2011
    Messaggi
    4
    Blog Entries
    1

    magistrale psicologia del lavoro/psicologia del marketing

    ciao a tutti, per l'iscrizione alla magistrale sono interessata all'ambito lavoro, in particolare sono indecisa tra un corso di laurea maggiormente proiettato alla psicologia del lavoro e uno più orientato all'ambito del marketing e pubblicitario. vi espongo i miei dubbi:

    - mi è giunta voce che un laureato in psicologia del marketing (percorso che mi interessa maggiormente) ha maggiori difficoltà a superare l'esame di stato e iscriversi all'albo perchè all'esame non c'è una sezione specificatamente dedicata al marketing. qualcuno che ha affrontato questo percorso conferma queste voci?

    - qual è il reale impiego di un laureato in psicologia del marketing? ho paura che sia una figura marginale, nè carne nè pesce. inoltre ho sentito che uno psicologo del marketing non può svolgere compiti di uno psicologo del lavoro, come la selezione del personale e la somministrazione di test. qualcuno che ha affrontato questo percorso ha trovato sbocchi lavorativi?

    - per quanto riguarda psicologia del marketing, sarei interessata ad iscrivermi nella sede di milano bicocca (psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici) o della sapienza di roma (psicologia della comunicazione e del marketing). sapete se i corsi sono validi?

    Comprendo che le cose che vi ho chiesto sono troppe ma sarei felice se mi aiutaste anche solo rispondendo ad una domanda.
    Grazie in anticipo!

  2. #2
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,909

    Riferimento: magistrale psicologia del lavoro/psicologia del marketing

    Allora purtroppo la creazione di questi percorsi specialistici e magistrali con nomi svariati crea più confusione che altro...
    Come si chiami, psicologia del marleting, psicologia dell'età evolutiva, psicologia sociale, del lavoro e delle organizzazioni, psicologia sperimentale ecc.. dopo 5 anni, anno di tirocinio, esame di stato superato sei psicologo punto.. Che tu abbia fatto un indirizzo o un altro non è importante e hai comunque la possibilità teorica di poterti proporre in qualunque ambito come psicologo (selezione, formazione, clinica, sviluppo, sperimentale, orientamento, marketing ecc ecc).
    All'esame di stato le prove sono di abilitazione per la professione di psicologo .. quindi ci saranno alla prima temi più di ambito generale, sviluppo e sociale, alla seconda il progetto di intervento, alla terza quello specifico di indirizzo declinato nelle 4 macroaree (sviluppo, clinica, lavoro e sperimentale)... Quindi se un corso di laurea dà una preparazione così specifica e specializzante da non mettere in grado o mettere in difficoltà i laureati nel superamento dell'esame di stato significa che è un corso progettato male che non forma psicologi ma delle figure troppo specifiche... L'esame di stato è su temi comunque generali in cui tutti con una formazione psicologica di base possono orientarsi senza problemi a prescindere dal proprio orientamento e indirizzo. Nell'esame di stato comunque non ho mai sentito uscire temi sul marketing o argomenti relativi ad esso che non fossero magari raramente tracce sulla comunicazione...

    Nel marketing da quello che vedo non ci si lavora moltissimo come psicologi, sono richieste maggiormente figure provenienti da indirizzi economici o da scienze della comunicazione, per lo più nelle agenzie pubblicitarie ecc... Lo psicologo potrebbe fare moltissimo nella progettazione di campagne pubblicitarie e nella valutazione dei vari brand ecc ma purtroppo è un campo in cui ci si lavora molto poco e ancora non c'è la cultura dello psicologo che lavora in questo campo in Italia... Magari se uno riesce a promuoversi con un'ottica di autoimprenditorialità riesce a proporsi e nel tempo facendosi vedere in gamba riesce a farsi un giro e un nome.. ma è comunque un campo abbastanza difficile in tal senso... Pensa che un docente di psicologia ci disse che lui quando si proponeva alle aziende per fare consulenze (che siano di marketing o altro) glissava sempre sul fatto di essere psicologo proprio perchè non era ben visto sennò e si proponeva come consulente... poi nel cv c'era.. ma non si proponeva come psicologo... Insomma la situazione è tutt altro che facile..


    Una mia amica ha fatto il corso che dici a Milano.. chiedo come si è trovata e poi ti fo sapere

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di namtar24
    Data registrazione
    09-05-2007
    Residenza
    unknown
    Messaggi
    212

    Riferimento: magistrale psicologia del lavoro/psicologia del marketing

    Citazione Originalmente inviato da federica.d Visualizza messaggio
    - mi è giunta voce che un laureato in psicologia del marketing (percorso che mi interessa maggiormente) ha maggiori difficoltà a superare l'esame di stato e iscriversi all'albo perchè all'esame non c'è una sezione specificatamente dedicata al marketing. qualcuno che ha affrontato questo percorso conferma queste voci?

    - qual è il reale impiego di un laureato in psicologia del marketing? ho paura che sia una figura marginale, nè carne nè pesce. inoltre ho sentito che uno psicologo del marketing non può svolgere compiti di uno psicologo del lavoro, come la selezione del personale e la somministrazione di test. qualcuno che ha affrontato questo percorso ha trovato sbocchi lavorativi?

    - per quanto riguarda psicologia del marketing, sarei interessata ad iscrivermi nella sede di milano bicocca (psicologia dei processi sociali, decisionali e dei comportamenti economici) o della sapienza di roma (psicologia della comunicazione e del marketing). sapete se i corsi sono validi?
    1) no, direi di no; gli indirizzi di comunicazione e marketing prevedono nel loro piano di studi anche esami di psicologia del lavoro (o se non lo prevedono, si possono eventualmente sostenere come facoltativi). Poi all'esame di stato la terza prova, per il nostro indirizzo, prevede quasi sempre un argomento di formazione o di selezione (a roma per esempio escono sempre queste due cose) e ti garantisco che sono assolutamente fattibili.

    2) quasi nessuno; anche se sarai specializzata in comunicazione e marketing, le maggiori e concrete possibilità saranno nell'area risorse umane. Quindi niente pubblicità e ricerche di mercato (forse l'unica cosa che a volte richiedono sono gli interventi sulla comunicazione interna) ma selezione del personale, formazione aziendale, analisi del clima e dello stress lavoro-correlato.

    3) ti parlo di quella di roma, visto che la conosco personalmente. Come corsi e contenuti è abbastanza completa, ma a livello di organizzazione la sapienza non è molto efficiente.

Privacy Policy