• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 3 di 6 PrimoPrimo 12345 ... UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 31 fino 45 di 76
  1. #31
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    11-09-2008
    Messaggi
    289

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    dA
    http://coordinamentopsicologi.wordpr...to/Specificare in tal senso l’articolo 5 significa, a nostro avviso, vincolarlo ad una legge deliberatamente interessata e strumentale che, siamo ottimisti, in futuro sarà probabilmente cambiata. L’articolo ci appare già, nella sua elegante versione originale, molto chiaro rispetto all’obbligo formativo.

    Come già ampiamente affermato in precedenti articoli e nel flash mob all’Ordine degli psicologi del Piemonte dello scorso 24 settembre 2012, siamo contrari alla formazione burocratizzata, coercitiva e finalizzata alla logica della crocetta più che all’acquisizione di conoscenza. Auspichiamo invece una formazione basata sull’impegno e l’etica individuale, sull’esperienza del LAVORO.

    La formazione psicologica richiederebbe protocolli di eccellenza chiari, che specifichino il monte ore necessario, i contenuti, le modalità di attuazione. Anche in questo caso, non sembra sensato comprimere una questione complessa e delicata in una breve frase composta con superficialità. Il cambiamento epocale che chiediamo è quello di una FORMAZIONE CONTINUA SOSTENIBILE che non foraggi quello che abbiamo definito cannibalismo professionale, gli ECM pagati degli strutturati da una parte, tra un crocetta e un buffet, e la corsa alla sopravvivenza precaria, tra un corso di specializzazione e nessuna possibilità lavorativa dall’altra. Per tali motivazioni il CPPP VOTERÀ NO ALLA MODIFICA DELL’ARTICOLO 5!!

    dal SIPAP
    http://www.sipap.org/index.php?optio...&view=article&
    .....tsiamo destinati a essere mangiati dai nostri stessi simili, che, più competenti (spero) e più in grado di essere accreditatori (sicuramente), acquisiranno strumenti in cui ci cannibalizzeremo economicamente e professionalmente; e ci affanneremo per convegni su temi che non ci interessano o con approcci in cui non ci riconosciamo, ma che ci daranno i tanto indispensabili e utili crediti. E se poi forniamo un servizio ugualmente scadente? Non importa, tanto siamo accreditati! Con buona pace della meritocrazia e libertà....
    Ultima modifica di simone11 : 08-06-2013 alle ore 21.00.16
    Simone

  2. #32
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da simone11 Visualizza messaggio
    una gran cavolata, l'articolo 1 e 21 ribadisce con forme più tangibili ciò che già c'era, mentre l'articolo 5 usa una forma elegante per far si che si sia OBBLIGATI alla formazione.
    questo darà gioia agli enti di formazione che già festeggiano.
    Caro Simone,

    in verità le scuole di formazione festeggerebbero a non far passare il 21... quello che - AD OGGI - permette in modo più agile di far formare a tecniche PSY anche chi PSY non è!

    l'art 5 riguarda l'obbligatorietà della formazione e dell'aggiornamento... cosa che già ad oggi compete ad OGNI professionista!
    non ha NULLA a che vedere con l'ECM (che è una vera bufalata come sistema)!

    in questo periodo su internet stanno girando tante cavolate, alcuni portatori di interesse (chi forma non psicologi) sta mettendo in circolo paranoie e strumentalizzazioni su questo referendum...

    qui maggior dettaglio: http://altrapsicologia.com/il-refere...punto/2013/06/

    chi conosce ALTRAPSICOLOGIA, che da anni si impegna a fianco dei colleghi ed a tutela degli psicologi, sa bene che l'associazione rappresenta posizioni affidabili!

    altri soggetti (tre in particolare) che stanno spammando internet per il NO... se vi metteste ad indagare la loro storia ed i gruppi che rappresentano, avreste una visione un attimo più intera e reale

    Io VOTO SI A TUTTI E TRE ED INVITO TUTTI VOI A VOTARE SI A TUTTI E TRE


    Nicola Piccinini
    Ultima modifica di crissangel : 09-06-2013 alle ore 14.00.19

  3. #33
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    11-09-2008
    Messaggi
    289

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Io VOTO SI A TUTTI E TRE ED INVITO TUTTI VOI A VOTARE SI A TUTTI E TRE


    Nicola Piccinini
    Chi consiglia di votare l'inasprimento delle sanzioni ha forse un interesse di parte? (ovvio mai lo ammetterebbe)
    per cui il buon senso consiglia di ignorarlo.
    ragazzi, pensateci, chi può votare un INASPRIMENTO delle sanzioni?
    chi vota si può mai essere dalla parte dei professionisti?
    NON facciamoci infinocchiare, il NO all'articolo 5 è per il buon senso!

    è da folli votare per l'inasprimento di una regola

    sul forum altrapsicologia censurano ogni opinione contraria al si (già quasto ci fa capire un po di cose)
    Ultima modifica di crissangel : 09-06-2013 alle ore 14.01.36
    Simone

  4. #34
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Secondo ed ultimo richiamo pubblico rivolto a tutti: come da Regolamento, evitare l'utilizzo eccessivo di grassetto e maiuscole o grafica che appesantisca la leggibilità. Il concetto è veicolabile ugualmente e chiaramente mediante l'impiego di caratteri semplici normalmente utlizzati nelle discussioni. Si prega altresì di indirizzare il confronto e la critica sempre ai concetti/argomenti e non alle persone.
    Chiunque ignori questo secondo avviso, anche se alla sua prima risposta, prenderà un cartellino di infrazione.

  5. #35
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da simone11 Visualizza messaggio
    ragazzi, pensateci, chi può votare un INASPRIMENTO delle sanzioni?
    chi vota si può mai essere dalla parte dei professionisti?
    NON facciamoci infinocchiare, il NO all'articolo 5 è per il buon senso!
    è da folli votare per l'inasprimento di una regola
    Il quadro è deprimente.
    Da una parte il Consiglio Nazionale che invia a 83000 psicologi italiani un referendum senza aver attivato a monte un dibattito e confronto partecipato tra gli iscritti. E così ci si vede piombare queste tre modifiche senza avere una visione chiara e veritiera
    Dall'altra gruppi che formano counselor che stanno facendo un sacco di disinformazione... puntanto a terrorizzare sull'art.5 per portare ad un NO complessivo, così da continuare a non aver vincoli nel formare pseudoprofessioni. Poi ci si mettono anche questi tizi dell'ultima ora che imbrattano internet, forum e social con informazioni distorte, parziali.

    Da anni mi impegno, dentro e fuori dagli Ordini, per informare i colleghi e per migliorare la nostra condizione professionale.
    Chi mi segue sa benissimo il lavoro che AltraPsicologia ha prodotto nel tempo, fuori da circuiti di interesse.

    In mezzo a questa gran cagnara, a chi si presenta dal nulla a buttare polverone e terrore, rispondo con una storia di anni di impegno a favore degli Psicologi. Se TEMPO e FATTI hanno un qualche valore, vi rinnovo l'invito a leggere la presentazione dei vari punti pubblicata da AltraPsicologia http://altrapsicologia.com/il-refere...punto/2013/06/

    Sapete chi siamo e cosa da anni facciamo.
    Dietro al NO ci sta il mercato della formazione di pseudoprofessioni che scimmiottano lo Psicologo

    L'art.5 NON ha nulla a che vedere con l'ECM e in assoluto non crea danno. Fra l'altro è la Legge e non gli Ordini a dire che qualunque professionista dovrà aggiornarsi nel corso della sua carriera.

    Come AltraPsicologia invitiamo i colleghi a votare SI a tutti e tre i punti.
    Informatevi e diffondete ai colleghi.






    Citazione Originalmente inviato da GIUNONE Visualizza messaggio
    Secondo ed ultimo richiamo pubblico rivolto a tutti: come da Regolamento, evitare l'utilizzo eccessivo di grassetto e maiuscole o grafica che appesantisca la leggibilità. Chiunque ignori questo secondo avviso, anche se alla sua prima risposta, prenderà un cartellino di infrazione.
    Gentile Giunone

    mi permetto di consigliarti di portare sempre il punto del regolamento in questione. L'intervento ne esce più lineare
    Probabilmente ti riferisci al 5.5. del http://www.opsonline.it/help/idx/0/030/article/

    Personalmente ho scritto UNA riga su una quindicina in maiuscolo ed ho grassettato QUALCHE parola. Se rientro pure io nel tuo discorso allora fate prima a togliere la possibilità di inserire il BOLG (da pannello di vb si può) ed a rivedere il regolamento.

    Grazie comunque per l'alert

    Nicola Piccinini

  6. #36
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    29-06-2009
    Residenza
    Catania
    Messaggi
    159

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da fattoriale Visualizza messaggio
    Hai assolutamente ragione sul fatto che un professionista dovrebbe sentire l'obbligo morale di aggiornarsi e questo indipendentemente da considerazioni di interesse economico, tuttavia il dovrebbe è d'obbligo perché la realtà e variegata e allo stesso modo lo sono le persone il cui atteggiamento verso il lavoro e l'aggiornamento professionale è influenzato da moltissime variabili, più o meno condivisibili ma comunque presenti...

    Vuoi un esempio? Ti puoi trovare a lavorare in un contesto in cui hai colleghi che percepiscono il tuo stesso stipendio, ma si impegnano molto meno di te e che a differenza di te non si formano a dovere, magari perché sfruttano le tue competenze anche per avanzare agli occhi di un datore di lavoro...per quanto tempo continueresti ad essere motivata nello spendere parte del tuo stipendio per pagarti la costosa formazione?

    Detto questo, mi sembra doveroso fare un distinguo tra il dipendente pubblico e il privato, lo Stato assume dipendenti al fine di garantire un diritto al cittadino, il diritto alla salute, per cui è nell'ottica della tutela del cittadino che obbliga i dipendenti ad uniformare la loro formazione a standard comuni.
    Tralasciamo il fatto che poi nella realtà non sono affatto uniformi, per i motivi che esponevo sopra e che non sto a ripetere, in ogni caso per quanto negativi per il singolo, in quanto obblighi fortemente penalizzanti, gli ECM sono l'esito di un intento meritorio dello Stato.

    Per il privato il discorso mi sembra diverso perché possono esserci due possibilità: che avverta l'esigenza di formarsi per obbligo morale, come dici tu, o che non senta affatto questo obbligo (non sto a giudicare se questo è giusto o sbagliato, ogni persona è il frutto del suo passato secondo me, e non sta a me dire se va bene o meno quello che fanno).
    In entrambi i casi è comunque suo interesse aggiornarsi, perché il suo lavoro gli garantisce la sopravvivenza e qualunque siano i suoi motivi si formerà senza esservi costretto da altri.

    Per quello che tu dici sul fatto che "lo Stato fa l'interesse del paziente/cliente, al quale il professionista deve garantire qualità ed efficienza" forse lo Stato, prima di pensare all'interesse del paziente obbligando i professionisti con una laurea ad aggiornarsi secondo il volere di altri, dovrebbe salvaguardare i cittadini regolamentando la professione e definendone meglio l'esercizio, perché mi risulta che ci sia molta gente che approfitta dell'attuale vaghezza delle norme per esercitare attività che dovrebbero essere di esclusiva pertinenza di psicologi con tanto di laurea.

    Non va dimenticato poi, come dicevo in altri post, che quando viene istituito un obbligo rimane tale anche in momenti in cui non potresti permettertelo...esempio quando ti sei appena iscritto all'Albo ma non lavori, o se sei malato per un lungo periodo;
    in questi casi non potresti ottemperare all'obbligo di "raccolta punti" (sopratutto se abiti in una zona d'Italia dove non vengono organizzati corsi di formazione) e incorreresti in sanzioni che ti penalizzerebbero ancora di più...

    Sinceramente a me non sembra giusto, anche perché nei periodi di inattività più o meno forzata puoi aggiornarti comunque per conto tuo tramite testi o altro, senza essere forzato a seguire corsi organizzati da provider accreditati secondo un calendario definito da altri e con contenuti non sempre commisurati all'impegno che richiedono.



    Dimenticavo di dire che tra gli obblighi a cui siamo tenuti nel sistema ECM c'è quello di formarsi con ampia percentuale dei 50 crediti nel tuo ambito di lavoro (mi sembra sia l'85%)...in pratica questo ha due spiacevoli conseguenze:
    se nel corso di un anno non ci sono sufficienti corsi o convegni che riguardino quel settore pur avendo intenzione di formarti sei fuori dale regole e sarai sanzionato;
    se ti interessa altro rispetto al tuo ambito abituale di lavoro, per "ampliare le vedute" sei liberissimo di farlo, ma non vale ai fini dell'accreditamento annuale.
    la mia era solo una considerazione sul discorso di sentirsi, come professionisti, "in dovere" di garantire un ottimo servizio al cliente, e questo "atteggiamento morale" è anche umano e professionale e fa anche l'interesse del professionista, perché se il professionista non è bravo nel suo lavoro , e qui parlo del libero professionista, nella vasta gamma di alternative, il paziente ne sceglie un altro!
    quando dici "Forse lo Stato, prima di pensare all'interesse del paziente obbligando i professionisti con una laurea ad aggiornarsi secondo il volere di altri, dovrebbe salvaguardare i cittadini regolamentando la professione", mi trovo d'accordissimo, il fatto è che la regolamentazione c'è, forse alcune cose andrebbero riviste e con qualche aggiustamento al Codice deontologico credo si voglia arrivare proprio a questo...dipende da quale ottica vediamo le riformulazioni proposte... Comunque sono del parere che tutti noi dobbiamo esprimere il nostro punto di vista con questo referendum e che quindi tutti dobbiamo sentirci chiamati in causa per dare i, nostro prezioso voto! Ancora non ho ricevuto il kit e non vedo l'ora che arrivi!
    §math
    a volte la realtà è più rassicurante...a volte è devastante..

  7. #37
    L'avatar di Melody82
    Data registrazione
    22-09-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,128

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    concordo sull'esigenza di votare NO all'art. 5.
    finché non mi saranno chiari i termini di questa "formazione continua", ma chiari nel senso di scritti nero su bianco dall'Ordine Nazionale, con precise indicazioni del fatto che tali corsi sarebbero
    - accessibili a tutti
    - gratuiti per tutti
    voterò NO ora e fino alla fine dei secoli.

    Amen
    *** Venditore Accreditato OpS per materiale completo EdS***

    1. Regolamento OpsOnline
    2. Testi consigliati per EdS
    3. Consigli 4a prova Orale EdS

  8. #38
    L'avatar di Melody82
    Data registrazione
    22-09-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,128

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da simone11 Visualizza messaggio
    dA
    http://coordinamentopsicologi.wordpr...to/Specificare in tal senso l’articolo 5 significa, a nostro avviso, vincolarlo ad una legge deliberatamente interessata e strumentale che, siamo ottimisti, in futuro sarà probabilmente cambiata. L’articolo ci appare già, nella sua elegante versione originale, molto chiaro rispetto all’obbligo formativo.

    Come già ampiamente affermato in precedenti articoli e nel flash mob all’Ordine degli psicologi del Piemonte dello scorso 24 settembre 2012, siamo contrari alla formazione burocratizzata, coercitiva e finalizzata alla logica della crocetta più che all’acquisizione di conoscenza. Auspichiamo invece una formazione basata sull’impegno e l’etica individuale, sull’esperienza del LAVORO.

    La formazione psicologica richiederebbe protocolli di eccellenza chiari, che specifichino il monte ore necessario, i contenuti, le modalità di attuazione. Anche in questo caso, non sembra sensato comprimere una questione complessa e delicata in una breve frase composta con superficialità. Il cambiamento epocale che chiediamo è quello di una FORMAZIONE CONTINUA SOSTENIBILE che non foraggi quello che abbiamo definito cannibalismo professionale, gli ECM pagati degli strutturati da una parte, tra un crocetta e un buffet, e la corsa alla sopravvivenza precaria, tra un corso di specializzazione e nessuna possibilità lavorativa dall’altra. Per tali motivazioni il CPPP VOTERÀ NO ALLA MODIFICA DELL’ARTICOLO 5!!

    dal SIPAP
    http://www.sipap.org/index.php?optio...&view=article&
    .....tsiamo destinati a essere mangiati dai nostri stessi simili, che, più competenti (spero) e più in grado di essere accreditatori (sicuramente), acquisiranno strumenti in cui ci cannibalizzeremo economicamente e professionalmente; e ci affanneremo per convegni su temi che non ci interessano o con approcci in cui non ci riconosciamo, ma che ci daranno i tanto indispensabili e utili crediti. E se poi forniamo un servizio ugualmente scadente? Non importa, tanto siamo accreditati! Con buona pace della meritocrazia e libertà....
    quoto e concordo al 100%
    *** Venditore Accreditato OpS per materiale completo EdS***

    1. Regolamento OpsOnline
    2. Testi consigliati per EdS
    3. Consigli 4a prova Orale EdS

  9. #39

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da nico Visualizza messaggio
    Il quadro è deprimente.
    Da una parte il Consiglio Nazionale che invia a 83000 psicologi italiani un referendum senza aver attivato a monte un dibattito e confronto partecipato tra gli iscritti. E così ci si vede piombare queste tre modifiche senza avere una visione chiara e veritiera
    Dall'altra gruppi che formano counselor che stanno facendo un sacco di disinformazione... puntanto a terrorizzare sull'art.5 per portare ad un NO complessivo, così da continuare a non aver vincoli nel formare pseudoprofessioni. Poi ci si mettono anche questi tizi dell'ultima ora che imbrattano internet, forum e social con informazioni distorte, parziali.

    Da anni mi impegno, dentro e fuori dagli Ordini, per informare i colleghi e per migliorare la nostra condizione professionale.
    Chi mi segue sa benissimo il lavoro che AltraPsicologia ha prodotto nel tempo, fuori da circuiti di interesse.

    In mezzo a questa gran cagnara, a chi si presenta dal nulla a buttare polverone e terrore, rispondo con una storia di anni di impegno a favore degli Psicologi. Se TEMPO e FATTI hanno un qualche valore, vi rinnovo l'invito a leggere la presentazione dei vari punti pubblicata da AltraPsicologia http://altrapsicologia.com/il-refere...punto/2013/06/

    Sapete chi siamo e cosa da anni facciamo.
    Dietro al NO ci sta il mercato della formazione di pseudoprofessioni che scimmiottano lo Psicologo

    L'art.5 NON ha nulla a che vedere con l'ECM e in assoluto non crea danno. Fra l'altro è la Legge e non gli Ordini a dire che qualunque professionista dovrà aggiornarsi nel corso della sua carriera.

    Come AltraPsicologia invitiamo i colleghi a votare SI a tutti e tre i punti.
    Informatevi e diffondete ai colleghi.








    Gentile Giunone

    mi permetto di consigliarti di portare sempre il punto del regolamento in questione. L'intervento ne esce più lineare
    Probabilmente ti riferisci al 5.5. del http://www.opsonline.it/help/idx/0/030/article/

    Personalmente ho scritto UNA riga su una quindicina in maiuscolo ed ho grassettato QUALCHE parola. Se rientro pure io nel tuo discorso allora fate prima a togliere la possibilità di inserire il BOLG (da pannello di vb si può) ed a rivedere il regolamento.

    Grazie comunque per l'alert

    Nicola Piccinini
    Nicola, ti ringrazio per il tuo intervento, particolarmente assertivo… l’importante è mantenere toni tranquilli.

    Sono sicura che i colleghi saranno in grado di costruirsi una propria personale posizione sull'argomento, semplicemente leggendo gli articoli così come sono e con le modifiche che eventualmente dovrebbero subire.

    Ognuno si farà la propria idea e deciderà ciò che ritiene più consono, in maniera libera da ogni posizione e giudizio esterno.

    Un saluto

  10. #40
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da nico Visualizza messaggio

    Gentile Giunone

    mi permetto di consigliarti di portare sempre il punto del regolamento in questione. L'intervento ne esce più lineare
    Probabilmente ti riferisci al 5.5. del http://www.opsonline.it/help/idx/0/030/article/

    Personalmente ho scritto UNA riga su una quindicina in maiuscolo ed ho grassettato QUALCHE parola. Se rientro pure io nel tuo discorso allora fate prima a togliere la possibilità di inserire il BOLG (da pannello di vb si può) ed a rivedere il regolamento.

    Grazie comunque per l'alert

    Nicola Piccinini
    Ciao, nico. Non ho riportato il punto del Regolamento perchè sinceramente dò lo stesso per interamente e pienamente recepito, quindi senza bisogno di riferimento come se fosse un punto inedito di nuova lettura. Se però l'indicazione rende più recepibile e chiaro l'avvertimento, ben venga il riferimento che in questo caso afferisce al punto 5 e, per la precisione, al comma 5.
    L'avevrtimento, così come ho scritto, è rivolto a tutti ed ognuno è invitato a prenderne atto per quanto di competenza.
    Ciao e buona continuazione.

  11. #41
    Partecipante Leggendario L'avatar di Haidy2009
    Data registrazione
    14-01-2009
    Messaggi
    2,484

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Citazione Originalmente inviato da nico Visualizza messaggio
    Il quadro è deprimente.
    Da una parte il Consiglio Nazionale che invia a 83000 psicologi italiani un referendum senza aver attivato a monte un dibattito e confronto partecipato tra gli iscritti. E così ci si vede piombare queste tre modifiche senza avere una visione chiara e veritiera
    nico, bentornato su Ops
    Io personalmente non ho voluto votare per il sì proprio perchè la modifica apportata all'articolo 5 non è chiara. Condivido quanto dice Melody a tal proposito...


    Citazione Originalmente inviato da nico Visualizza messaggio

    Personalmente ho scritto UNA riga su una quindicina in maiuscolo ed ho grassettato QUALCHE parola. Se rientro pure io nel tuo discorso allora fate prima a togliere la possibilità di inserire il BOLG (da pannello di vb si può) ed a rivedere il regolamento.

    Nicola Piccinini

  12. #42
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    19-11-2009
    Messaggi
    315

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    ciao a tutti, anche io sono alle prese con la votazione...
    volevo capire una cosa però... ho letto piu volte in questa discussione che anche allo stato attuale delle cose c è l obbligo di formazione a livello legale..qualcuno potrebbe chiarirne i termini? chi e in quale modo controlla la nostra formazione attualmente, e in base a quale criterio si stabilisce se è adeguata o meno rispetto all'obbligo di legge di cui parlate? quali sarebbero le indicazioni in questo senso? scusatemi ma questa cosa mi ha colto alla sprovvista, io ero convinta che l obbligo di formazione fosse morale e deontologico, non legale da sanzione per inadempienza!
    Citazione Originalmente inviato da Haidy2009 Visualizza messaggio
    nico, bentornato su Ops
    Io personalmente non ho voluto votare per il sì proprio perchè la modifica apportata all'articolo 5 non è chiara. Condivido quanto dice Melody a tal proposito...




  13. #43
    Partecipante Super Figo L'avatar di fattoriale
    Data registrazione
    28-09-2010
    Residenza
    nel mondo di domani
    Messaggi
    1,516

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Caro nico,

    sono certa che il gruppo che rappresenti ha finalità del tutto "pulite", ma ti prego di spiegarmi tre punti che non mi sono chiari:

    -se come dici, "l'art 5 riguarda l'obbligatorietà della formazione e dell'aggiornamento... cosa che già ad oggi compete ad OGNI professionista!" perché è avvertita la necessità di costringere con ulteriori regole ad adempierlo?

    -perché sostieni che " Dall'altra gruppi che formano counselor che stanno facendo un sacco di disinformazione... puntanto a terrorizzare sull'art.5 per portare ad un NO complessivo, , sei sicuro che 83000 professionisti votino un SI o un NO a "pacchetto" in tre quesiti diversi senza ragionare?

    -da cosa ti deriva la certezza che art. 5 non ha (e non avrà in futuro) nulla a che vedere con l'ECM...non mi sembra di aver letto nessuna dichiarazione d'intenti su come si dovrà svolgere la formazione.


    (A me su quest'ultima cosa sembra invece molto probabile, considerato come normalmente funzionano le "faccende italiane" che coloro che dovranno decidere su "come" si affideranno ad un sistema già rodato da molti anni in medicina...tanto per risparmiare tempo e fatica)

    Ti ringrazio

  14. #44
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Io trovo francamente inquietante che un gruppo di professionisti voti sulla base di un "sentito dire", "ho il sospetto che", "siamo in Italia", ignorando i riferimenti normativi e informativi che sono stati ripetutamente indicati. Mi scuso per il tono seccato, ma leggendo alcuni dei commenti precedenti sono veramente basito.

    1. Il referendum sull'articolo 5 è dovuto al fatto che la Legge 56/89 prevede un referendum tra gli iscritti per ogni cambiamento, anche solo di una virgola del Codice Deontologico; in questo caso la cosa è paradossale perchè la modifica è imposta espressamente da una Legge dello Stato (DPR 137/2012, art.7; prego andare a leggerlo).

    2. Spero di no, ma dal livello acritico di certe cose che si leggono in giro per la Rete temo in alcuni casi di sì.

    3. Hai letto l'articolo di Zanon che spiega bene questo punto ? ECM è diverso da Formazione Continua in Psicologia.
    Leggi questo:http://www.federicozanon.eu/formazio...gli-psicologi/

    Evitiamo, vi prego "luoghi comuni" e "complottismi": si parla di normative che riguardano tutti i professionisti italiani, di cui gli psicologi sono solo una piccolissima parte. Informiamoci davvero, per cortesia.


    Citazione Originalmente inviato da fattoriale Visualizza messaggio
    Caro nico,

    sono certa che il gruppo che rappresenti ha finalità del tutto "pulite", ma ti prego di spiegarmi tre punti che non mi sono chiari:

    -se come dici, "l'art 5 riguarda l'obbligatorietà della formazione e dell'aggiornamento... cosa che già ad oggi compete ad OGNI professionista!" perché è avvertita la necessità di costringere con ulteriori regole ad adempierlo?

    -perché sostieni che " Dall'altra gruppi che formano counselor che stanno facendo un sacco di disinformazione... puntanto a terrorizzare sull'art.5 per portare ad un NO complessivo, , sei sicuro che 83000 professionisti votino un SI o un NO a "pacchetto" in tre quesiti diversi senza ragionare?

    -da cosa ti deriva la certezza che art. 5 non ha (e non avrà in futuro) nulla a che vedere con l'ECM...non mi sembra di aver letto nessuna dichiarazione d'intenti su come si dovrà svolgere la formazione.


    (A me su quest'ultima cosa sembra invece molto probabile, considerato come normalmente funzionano le "faccende italiane" che coloro che dovranno decidere su "come" si affideranno ad un sistema già rodato da molti anni in medicina...tanto per risparmiare tempo e fatica)

    Ti ringrazio

  15. #45
    Partecipante Esperto
    Data registrazione
    28-05-2004
    Messaggi
    329

    Riferimento: Referendum codice deontologico psicologi occhio!!!!

    Simone: mi spieghi, gentilmente e con argomenti (non slogan) in cosa esattamente consisterebbe questo "interesse di parte" che "non può mai essere ammesso" ? E da parte di chi (dettagliatamente) ? E per quale motivo, e come, questo presunto "inasprire sanzioni" (non c'entra niente con l'articolo 5, ma tant'è) sarebbe legato a "interessi di parte" ? Ti prego davvero di rispondermi in maniera dettagliata, perchè mi incuriosisce davvero.

    Il voto all'articolo 5 non inasprisce proprio niente: l'obbligo di legge, e il fatto che il mancato adempimento configura illecito disciplinare per tutti i professionisti italiani (avvocati, veterinari, geologi, psicologi, ingegneri, ecc.), come è già stato spiegato diverse volte, è già attivo per tutti, e non cambierà minimamente se vincono i No: un referendum interno di categoria non cambia nemmeno una virgola di una Legge dello Stato.

    Questi sono dati di fatto, e sarebbe opportuno iniziare a discutere in maniera argomentata a partire dai dati oggettivi, non da teorie personali, sospetti vari e accuse generiche di follia a chi non la pensa come te.

    Citazione Originalmente inviato da simone11 Visualizza messaggio
    Chi consiglia di votare l'inasprimento delle sanzioni ha forse un interesse di parte? (ovvio mai lo ammetterebbe)
    per cui il buon senso consiglia di ignorarlo.
    ragazzi, pensateci, chi può votare un INASPRIMENTO delle sanzioni?
    chi vota si può mai essere dalla parte dei professionisti?
    NON facciamoci infinocchiare, il NO all'articolo 5 è per il buon senso!

    è da folli votare per l'inasprimento di una regola

    sul forum altrapsicologia censurano ogni opinione contraria al si (già quasto ci fa capire un po di cose)

Pagina 3 di 6 PrimoPrimo 12345 ... UltimoUltimo

Tags for this Thread

Privacy Policy