• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di kyarina85
    Data registrazione
    19-06-2008
    Residenza
    fano
    Messaggi
    158

    adulto con ritardo mentale

    Ciao a tutti! non sapevo dove inserire la mia domanda.. spero che qui qualcuno possa essermi d'aiuto!
    Secondo voi, quanto è possibile fare per riabilitare alcune capacità intellettive in un adulto 40enne?
    La situazione mi appare piuttosto complessa, dal momento che il ragazzo non ha mai fatto alcun percorso specifico in tutti questi anni, nè logopedisti, nè psicologi, tant'è che non ha una diagnosi specifica, nemmeno a livello di gravità del ritardo (l'unica terapia che segue è quella farmacologica, tramite neurologo e da piccolo ha avuto delle insegnanti di sostegno nei primi 3 anni di elementari) e non ha appreso alcuna abilità di scrittura, lettura e calcolo (riconosce soltanto alcune lettere dell'alfabeto e i numeri).
    Premesso che non ho alcuna specializzazione in ambito riabilitativo, e pensavo di suggerire un invio ad altre colleghe per il lavoro su questi ambiti, mi chiedo se le aspettative del padre (come il fatto che il figlio apprenda a leggere l'orologio, o che riesca a comprendere meglio i discorsi) siano realistiche o meno.
    Inoltre il genitore mi ha richiesto di fare un lavoro sulle emozioni con il figlio, che negli ultimi anni in casa è diventato "fastidioso", ossia mentre con gli estranei e gli operatori del centro diurno che frequenta è sempre molto tranquillo e acconsente a fare tutto quello che gli viene chiesto, in casa richiede attenzioni, chiede di essere portato a fare dei giri e si lamenta o si innervosisce quando le cose non gli stanno bene. Da queste parole che mi sono state riferite a me sembra che sia più spontaneo e normale in casa che fuori, dove forse si comporta in maniera più timida... quindi magari una psicoeducazione sull'assertività.. anche se mi pare che pure un lavoro con i genitori, tipo parent training per rispondere in maniera adeguata al figlio, non ci starebbe male... voi che dite? consigli su come procedere?

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di arwen
    Data registrazione
    04-07-2002
    Residenza
    in viaggio verso il Paradiso (o qualcosa che ci assomiglia)
    Messaggi
    3,739

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    Ciao
    Sposto la discussione nella sezione "psicologia clinica", mi sembra più generica delle altre e quindi più adatta al tema trattato
    Se ci sono problemi, mi puoi scrivere in privato

    A presto
    Chiara
    Dott.ssa Chiara Facchetti
    Ordine Psicologi della Lombardia n.12625


    Io credo che le pietre respirino. Non possiamo percepirlo con le nostre brevi vite.

    Siamo tutti nella fogna, ma alcuni di noi guardano alle stelle (Oscar Wilde)

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    ciao non so se può esserti utile....io a suo tempo feci il tirocinio in uncentro per disabili adulti. TUtti avevano più o meno l'età del tuo "paziente".

    C'era la psicologa che faceva dei colloqui con loro, ma i miglioramenti più importanti li avevano sul piano comportamentale....poco sul cognitivo.

    La struttura era divisa in laboratori, ognuno aveva le sue competenze, i suoi lavoretti da svolgere....e poi si nadava a vendere tutto al mercatino generale. Insomma, penso che l'obiettivo maggiore a 40 anni sia sempre l'autonomia....

    anche se...a 5, 10 o 20 anni si riscontrano risultati migliori. non diementichiamoci che il cervello è flessibile! Lo dicono gli studi delle attuali neuroscienze....quindi..non scoraggiarti..poniti obiettivi concreti e...buttati!

    Rispetto poi ai genitori...se lui ha 40 anni..i genitori ne avranno minimo 60...quindi cosa ti chiedono in particolare? cosa significa lavorare sulle emozioni per loro?..che deve stare buono buono seduto a una sedia???informati su questo!

    Comunque, ripeto io farei un educazione all'autonomia (così potrebbe, un giorno uscire solo, magari anche solo nelle vicinanze...)

    e parallelamente colloqui con genitori per capire la natura delle richieste.....
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    Ciao, concordo con Memole ed anche sull'esigenza assolutamente non secondaria di un bel lavoro con i genitori, proprio come dici tu, un parent training volto a sostenere o proprio co-costruire una relazione genitoriale quanto più adeguata e funzionale, capace di "vedere" il figlio reale (con una consapevolezza chiara della sua condizione), riconoscerne ed accettarne, oltre che cognitivamente anche e soprattutto emotivamente i bisogni, valorizzarne la relazione. Un bel lavoro sulle emozioni potresti farlo proprio con i genitori...

  5. #5
    Partecipante Assiduo L'avatar di kyarina85
    Data registrazione
    19-06-2008
    Residenza
    fano
    Messaggi
    158

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    Grazie per le risposte!

    il ragazzo frequenta da 15 anni un centro diurno tutti i giorni, in cui fanno moltissime attività, tra cui anche danza, teatro, cucina, portano i ragazzi a fare la spesa, preparano cartelloni ecc.. e sembra piacergli molto stare li. inoltre conosco molto operatori che operano presso il centro e sono molto validi. Facendo attività basate sulla manipolazione o simili mi sembrerebbe di replicare un pò le stesse cose che fa già... o sbaglio?
    E' totalmente autosufficiente per la cura della sua persona, aiuta nelle faccende in casa, rifà i letti, e si reca al Centro da solo a piedi (sta a circa 100m dalla sua abitazione, eheh!).

    A me le richieste iniziali dei genitori sono sembrate proprio del genere che dici tu Memole.. che deve "star buono" come lo è con gli altri!
    E anche il fatto che non abbiano mai fatto nulla finora... e che il padre mi abbia espressamente detto "ho visto il suo depliant nella farmacia e mi son detto: è proprio qui dietro!perchè non andare!" che mi è sembrato come dire "già che è comodo allora facciamo qualcosa!"... a distanza di 10km arrivando nella cittadina più grande sarebbe pieno di psicologi e qualsiasi altri terapisti, se sentivano realmente l'esigenza di sostegno!
    Boh... mi hanno lasciato una strana sensazione... e non so se sarebbero disposti a lavorare anche su di loro... l'ho sentita un pò come uno "scaricamento" di responsabilità su qualcun'altro...

  6. #6
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    beh allora credo proprio che potresti fare un intevento parallelo con il ragazzo e genitori. Con i genitori potersti lavorare sull'idea di quel figlio ideale (come dice Giunone) e far capire ai genitori che se il figlio al centro sta "buono buono" è magari perchè moptivato, impegnato a far qualcosa di èpiacevole e adatto a lui.....

    ripeto: vista l'età dei genitori è dofficile fargleilo capire..ma tentar non nuoce!

    Altrimenti potresti NOn replicare le attività che fa al centro..ma potenziarle!

    Accordati con i terapistid el centro, programma con loro un programma alternativo che vada a potenziare le sue qualità...
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  7. #7
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di GIUNONE
    Data registrazione
    20-01-2005
    Residenza
    Iperuranio
    Messaggi
    1,443
    Blog Entries
    1

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    Ciao, Kyarina..Intanto complimenti per la tua capacità di analisi della domanda che ti porta a non agire collusivamente con le richieste insite nella domanda stessa di consulenza, ma a voler guradare dentro le relazioni, le fantasie e le emozioni che l'utente ti sta portando..Come hai già potuto carpire, il lavoro penso sia molto utile proprio con i genitori che ti stan facendo la richiesta, relativamente alla relazione ed alle loro difficoltà innanzitutto emotive e psicoaffettive insite nel loro rapporto genitoriale. E' probabile che stiano attraversando un momento di particolare difficoltà..Il figlio, come hai potuto constatare, è già ben impegnato e pare essere molto "performante" cioè adeguato nelle attività in cui è inserito. Potresti valutare poi con loro in che modo coinvolgerlo nel percorso da fare insieme. E' probabile che non siano abituati all'idea di poter avere uno spazio per se stessi, un luogo di riflessione, di espressione emotiva, di confronto, rielaborazione e sostegno, magari sinora lo han pensato solo per il figlio..e questa scoperta potrebbe essere una piacevole, anche se difficile, opportunità evolutiva per il loro nucleo familiare..
    Ultima modifica di GIUNONE : 02-06-2013 alle ore 19.28.09

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di kyarina85
    Data registrazione
    19-06-2008
    Residenza
    fano
    Messaggi
    158

    Riferimento: adulto con ritardo mentale

    Grazie ancora per i consigli!
    proverò a consultarmi anche con gli operatori allora.. e proporrò un percorso ai genitori...
    speriamo bene!

Privacy Policy