• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1

    PSICOLOGIA DEL LAVORO in AZIENDA: 15FQ+ e simili

    Buongiorno a tutti,

    mi hanno chiesto di visionare un test (creato da una persona che lavora nell RU da molti anni ma NON è laureata in Psicologia) e di "approvarlo" (sostanzialmente con la legge Biagi lui non può più somministrarli, vorrebbe per questo la mia firma,di persona laureata in Psicologia).

    Il test è composto da 200 items ed è molto simile al 15fq+ utilizzato in Italia; alcune domande sono uguali, altre, tipo quelle che misurano la desiderabilità sociale nelle risposte sono poste male secondo me, quindi andrebbero riviste. Ora, so che per validare un test ci vogliono campioni ampi,standardizzazione e altro...ma mi chiedevo: posso (in termini legali e deontologici) dare l'ok per la somministrazione di questo test senza avere conseguenze di tipo legale ad esempio?? Il test viene fatto compilare ai dipendenti di un'azienda e il report viene consegnato solo al datore di lavoro (solo in alcuni casi anche al soggetto che si è sottoposto al test).

    Vi chiedo: posso approvarlo secondo voi? (non si tratta di somministrazione in grandi aziende o multinazionali ma piccole realtà). La persona che si è rivolta a me per questo test vorrebbe evitare di comprare altri test tipo il 15FQ+ o il 16PF di Cattell.

    Grazie!

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: PSICOLOGIA DEL LAVORO in AZIENDA: 15FQ+ e simili

    Uhm, io personalmente non colluderei con questa richiesta e non permetterei a queste persone di sfruttare la mia firma e la mia abilitazione per i loro comodi. In più, il motivo non mi pare né etico né scientificamente corretto: hanno fatto in casa uno pseudo-test, per non pagare un test già esistente e validato e vogliono che io "approvi" tutto questo? A Napoli direbbero "ccà, nisciuno è fesso". Il fatto che venga somministrato in una piccola impresa, non rende più leggera la responsabilità o meno grave la superficialità, non sono le dimensioni dell'azienda a incidere su questo. In più, loro lo chiamano "test", ma sappiamo benissimo che, scientificamente, non lo è affatto, non ne ha i requisiti minimi, è un raffazzonamento per risparmiare...quindi in realtà cosa andresti ad approvare? Il nulla che si sa benissimo essere il nulla? Vogliono proteggersi sotto la tua firma e usarla per pararsi il sederino in caso di necessità? Credo che deontologicamente non sia proprio un'azione fondata...e in ogni caso, se io venissi sottoposta a uno pseudo-test del genere, e volessi contestarlo, ci metterei poco...insomma dovresti sperare che il test non venga sottoposto a gente con un minimo di senso critico, o a gente rompiballe come lo sarei io. Magari non vai in galera, certo, ma ti piacerebbe cmq avere grane? Non è una richiesta sensata, e come tale, una volta fatta, tranquillo tranquillo non ci staresti. Ne vale la pena? Non farti manipolare...non creare un precedente, sennò la prox volta ti chiederanno di firmare la relazione psicodiagnostica basata sui tarocchi o sul segno zodiacale...E che ci stanno prendendo per fessi!!!
    Ah e cmq ora che ci penso sì, è contrario alla deontologia: l'articolo 5 viene completamente disatteso, anche il 6, 8, il 19 viene disatteso alla grande, pure parecchio il 22, il 25 alla grande...Insomma, magari non succede niente, ma possono anche essere ca..voli amari.
    Ultima modifica di ste203xx : 15-02-2013 alle ore 16.21.37

  3. #3
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: PSICOLOGIA DEL LAVORO in AZIENDA: 15FQ+ e simili

    Ha completamente ragione ste203xx e quoto quello che dice però volevo anche dire alcune cose, ovviamente il tipo detto finemente si vuole parare il culo, tu potresti proporgli come laureato in psicologia e iscritto all'ordine (dato che e' l'unica cosa che ci fa essere psicologi formalmente) di farlo te ovviamente non aggratisse... perche' e' comodo avere lo psicologo ti mette la firma e ti fai gli affari tuoi...
    Inoltre non metterei la mia firma su un test creato a caso da un non psicologo.. ci metto la mia firma voglio essere sicuro della fattura del prodotto per cui ci metto la faccia.
    Comunque ho diversi amici che lavorano nelle risorse umane in agenzie interinali, e anche aziende.. lo psicologo non ce l'ha quasi nessuno ma comprano i test all'OS tramite magari l'unico psicologo che ci lavora per ente e li somministrano loro.. e li somministrano tutti, laureati, non laureati , psicologi e non.. Poi lo scoring lo fa lo psicologo.. pero' da quanto mi dicono la situazione che teoricamente dovrebbe essere molto ben strutturata ed organizzata in realta' e' fatta molto all'acqua di rose...
    Ultima modifica di Duccio : 16-02-2013 alle ore 13.04.44

Privacy Policy