• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 23

Discussione: Scrittura come Terapia

  1. #1

    Scrittura come Terapia

    Ho iniziato la terapia post razionalistica nel settembre 2009.
    I risultati dopo un anno non erano soddisfacenti.
    Stavo per mollare quando su consiglio del mio medico ho cominciato a scrivere della mia vita ed sentimenti
    Tutto e' diventato meno pesante ed difficile.
    Le sedute sono diventate meno monotone ed inutili.
    Con il mio medico e' iniziata la vera terapia.
    Finalmente comprendeva cosa provassi.
    Scrivendo potevo liberare la mia anima dai fantasmi dalla mia mente
    E' diventato un esercizio terapeutico importante.
    Secondo me con la scrittura,il paziente rompe il muro d'imbarazzo che puo' avere dovendosi aprire con un estraneo.
    Voi cosa ne pensate?

  2. #2

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Scrivere per prendere le distanze dal proprio passato. Scrivere per capire le proprie emozioni.
    Scrivere utile come confronto con il terapeuta.
    Il paziente scrivendo si sente piu' libero. Puo' mettersi a proprio agio
    Non ha fretta. E' meno ansioso.
    Puo' raccontare dettagli utili per capire.
    Espone primo a se stesso i problemi che lo bloccano
    Vede gli schemi sbagliati della propria vita.
    Sono Tornato per rimediare ai miei errori
    Il Ritorno di melvin e' un esercizio terapeutico
    La vita e' una fiction
    La diversita va difesa e tutelata

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di Blooby gosh
    Data registrazione
    25-08-2009
    Messaggi
    974

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Ognuno trova il metodo più confacente alla propria persona per migliorare il proprio disagio, quindi se scrivere ti aiuta, va benissimo. Sarebbe interessante, da affrontare in terapia, capire perchè scrivere è più facile che aprirsi verbalmente.
    Nasciamo tutti incendiari e moriamo pompieri

  4. #4
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    la scrittura viene comunemente usata come ausilio alla psicoterapia in molti casi di ansia/depressione e i suoi benefici sono stati studiati dal cognitivismo

  5. #5

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Personalmente la scrittura e' stata usata per uscire da una situazione di stallo.
    Il ragionamento del medico andava a battere sui miei blocchi
    Quante volte la terapia gira a vuoto?
    La scrittura e' lo spiraglio giusto per mettere nelle condizioni il paziente d'aprirsi
    Il terapeuta per quanto bravo non sara' mai leggere i pensieri del paziente
    Sono Tornato per rimediare ai miei errori
    Il Ritorno di melvin e' un esercizio terapeutico
    La vita e' una fiction
    La diversita va difesa e tutelata

  6. #6
    Partecipante Figo L'avatar di Blooby gosh
    Data registrazione
    25-08-2009
    Messaggi
    974

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Ma noi non leggiamo i pensieri, per quello ci sono le cartomanti con la sfera di cristallo. Noi lavoriamo sulle emozioni i pensieri che ci porta il cliente.
    Nasciamo tutti incendiari e moriamo pompieri

  7. #7

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Si ma il terapista spesso si fa convinto delle proprie idee. Non ascolta in profondita. Si ferma al generale.
    Ho conociuto medici perdonatemi troppo "tronfi" di se. Convinti d'avere la verita in tasca.
    Il paziente non e' solo caso clinico ne' un cliente
    E' un uomo che soffre. Ci vuole professionalita' intendiamoci ma l'umanita e' importante. Usando lo strumento della scrittura per il medico si puo' aprire un mondo che con le semplici sedute mai vedrebbe. Ci vuole umilta' e compassione.
    Sono Tornato per rimediare ai miei errori
    Il Ritorno di melvin e' un esercizio terapeutico
    La vita e' una fiction
    La diversita va difesa e tutelata

  8. #8
    Partecipante Leggendario L'avatar di Lyanne
    Data registrazione
    16-06-2007
    Residenza
    vivo a Genova
    Messaggi
    2,170

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Ciao Melvin II, quindi tu scrivi per conto tuo e poi porti le tue riflessioni scritte in seduta, le leggi e ne parlate insieme?
    Il rapporto con il tuo terapeuta è mediato e preparato da una specie di autoanalisi che tu fai prima? E' così oppure ho capito male?

  9. #9
    Partecipante Figo L'avatar di Blooby gosh
    Data registrazione
    25-08-2009
    Messaggi
    974

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Hai ragione quando dici che spesso i medici/psicologi seguono le loro idee e sono tronfi. Ma da professionisti così, le parole scritte hanno lo stesso impatto. Non è la forma che cambia la comprensione, ma la modalità con cui si guarda la persona.
    Hai ragione anche quando dici che ci vuole umanità. Io i "pazienti" li ho sempre chiamati "clienti" o "utenti", proprio per dare la dimensione di persone che soffono e non di esseri inferiori dinanzi al dio psicologo / medico.
    Nasciamo tutti incendiari e moriamo pompieri

  10. #10

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Gentile Cinzia,
    Si in accordo con il medico,ho cominciato a scrivere di me sui problemi che mi affliggevano. Cosi riuscivo a vedere meglio gli schemi mentali che si ripetevano. Era una forma di auto terapia. Ovviamente poi l'intervento del medico serve a fare chiarezza. E' piu' stimolante. Ci si confronta seriamente. Ero piu' coinvolto nelle sedute. Le parole erano meno vuote.
    Gentile Blooby
    Io penso che il ruolo del terapista sia delicato. Ho spesso sentito le lamentele dei pazienti sull'incapacita del medico d'ascoltare. Il medico secondo me ha bisogno di tempo per capire e comprendere chi ha di fronte. Secondo me la scrittura puo' essere un modo anche per guadagnare tempo prezioso.
    certo bisogna saper leggere. Ci vuole attenzione scrupolo.Il terapeuta deve instaurare subito fiducia con il paziente.
    Sono Tornato per rimediare ai miei errori
    Il Ritorno di melvin e' un esercizio terapeutico
    La vita e' una fiction
    La diversita va difesa e tutelata

  11. #11
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    io però non ho capito se quello che chiami "medico" è lo psicoterapeuta, lo psicologo, lo psicoterapeuta o che altro

  12. #12

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Nel mio caso intendo psichiatra/psicoterapeuta. Ma ovviamente il concetto lo possiamo estendere alla categoria dei medici in generale.
    Il medico deve fare un passo avanti nella comprensione del paziente.Lo psichiatra non deve solo vedere il paziente come una molecola a cui dare farmarci.La terapia deve scavare in profondita ma deve avere al centro l'anima del paziente. Bisogna rispettarne i tempi di apertura e dialogo
    Sono Tornato per rimediare ai miei errori
    Il Ritorno di melvin e' un esercizio terapeutico
    La vita e' una fiction
    La diversita va difesa e tutelata

  13. #13
    Partecipante Figo L'avatar di Blooby gosh
    Data registrazione
    25-08-2009
    Messaggi
    974

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Lascia perdere gli psichiatri / psicoterapeuti!!!!! solo psicologi psicoterapeuti. Dammi retta o dovrai scrivere la divina commedia prima che capiscano come ti chiami
    Nasciamo tutti incendiari e moriamo pompieri

  14. #14

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Non sono d'accordo. Uno psichiatra/psicoterapeuta quando il paziente ha bisogno anche di un supporto farmaclogico e' utile.
    Nel mio caso mi sentivo rassicurato d'avere un medico di fronte.
    La scrittura e' servita allo psichiatra per avere gli strumenti leggere il mio caso
    Io scrivendo anticipavo le sue domande.
    Ero uno libero scambio d'idee
    Era un confronto importante.
    Sono Tornato per rimediare ai miei errori
    Il Ritorno di melvin e' un esercizio terapeutico
    La vita e' una fiction
    La diversita va difesa e tutelata

  15. #15
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Scrittura come Terapia

    Citazione Originalmente inviato da Melvin II Visualizza messaggio
    Il medico deve fare un passo avanti nella comprensione del paziente.
    Nel mio caso mi sentivo rassicurato d'avere un medico di fronte.

    oltre a notare la contraddizione....come darti torto, più del 50% delle richieste che i pazienti fanno a medici di base nascondono aspetti di tipo psicologico, ed essendo i medici impreparati in ambito psicologico ricevono risposte inadeguate. Ricerca pubblicata qui in prima pagina.

    http://psy.it/allegati/g_2011_01.pdf

    Parlando in generale ovviamente, non entro nel caso specifico perché non lo conosco
    Ultima modifica di Johnny : 23-02-2013 alle ore 08.48.47

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy