• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5

Discussione: diagnosi e test

  1. #1
    Partecipante Figo L'avatar di bella primavera
    Data registrazione
    17-01-2007
    Residenza
    roma
    Messaggi
    768

    diagnosi e test

    Una diagnosi clinica, fatta solamente su inferenze del terapeuta, quindi senza test diagnostici, secondo voi quanto può essere attendibile?
    graze

  2. #2
    L'avatar di crissangel
    Data registrazione
    11-09-2006
    Residenza
    Veneto [behind an unbreakable window]
    Messaggi
    2,889
    Blog Entries
    4

    Riferimento: diagnosi e test

    Ciao bella primavera (bella si, la primavera, qui c'è un freddo boia)

    la tua domanda è molto chiara, ma per capire se questa è la stanza giusta volevo chiederti se il riferimento è ad un percorso di tipo psicodiagnostico, ad un percorso di tipo clinico non necessariamente psicoterapico (con eventuale invio in seguito a diagnosi fatta "su inferenze") o ad un percorso di psicoterapia, visto che parli di terapeuta, in cui lo psicoterapeuta fa delle ipotesi diagnostiche sulla base dei colloqui.
    Sei un professionista? Servizio Supervisioni e E-book per professionisti

    Per la tua formazione post laurea, dai un'occhiata alle proposte di Opsonline:
    Corsi d'aula
    Corsi on line
    Webinar

    Regolamento Forum



    Innanzitutto, l'uomo normale è solo un'astrazione

  3. #3
    Partecipante Figo L'avatar di bella primavera
    Data registrazione
    17-01-2007
    Residenza
    roma
    Messaggi
    768

    Riferimento: diagnosi e test

    una psicoterapeuta che fa diagnosi cliniche riferite al Dsm, su colloqui clinici da lei effettuati, ma anche ascoltando o partecipando a delle supervisioni.
    Per entrare nello specifico, io frequento una scuola di specializzazione in psicoterapia, ma mi sembra che una delle psicoterapeute formatrici a volte faccia delle diagnosi troppo "tout court".

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: diagnosi e test

    Io sono di parte perché sto finendo il master biennale di psicodiagnostica e dopo aver investuto tutti 'sti soldi, mi roderebbe troppo negare l'utilità dei test (che cavolo di giustificazione ). Quindi direi: sono strumenti preziosi, ce li abbiamo, perché rinunciare? E' come se un medico facesse le analisi del sangue solo vedendo la persona: indubbiamente, dopo anni e anni di esperienza, dopo aver visitato migliaia di soggetti, già dall'aspetto pallido, ecc, saprebbe sicuramente intuire se una persona è sana o è carente di ferro, ha qualche malattia, ecc, però perché deve basarsi solo sulla sua pur valida esperienza e intuizione clinica, quando potrebbe prescivere l'analisi del sangue e avere così un riscontro più preciso e dettagliato, mettendo a disposizione del paziente tutti gli strumenti di cui la medicina dispone, per avere una visione quanto più ricca, completa e intersoggettivamente più valida? ...Mbè, l'avevo detto che ero di parte eh
    Cmq, a prescindere dal fatto che "se ci sono gli strumenti, e potrebbero dare ulteriori contributi alla visione del caso, non vedo perché non usarli", avrei da fare degli appunti: intanto, i test sono stra-difficili, pochissimi sanno usarli come Iddio comanda e in giro si vedono enormi pastrocchi, anche i prof del master ce ne hanno parlato...e parliamo di settori delicati come magari le ctu in ambito penale o minorile, con tanto di segnalazioni all'ordine (molte balzate anche sulla cronaca nazionale). Pastrocchi su pastrocchi. D'altronde, su un Roroschach basta poco per sballare tutto: metti che uno sbaglia una siglatura (succede anche ai più esperti), sballa quindi i calcoli del tabellone, sballano quindi le percentuali, sballa quindi l'interptetazione...insomma non ci vuole niente e uno prende fischi per fiaschi e a quel punto era meglio se i test non li avesse proprio fatti...a test usati male, male integrati tra loro, meglio un intuito clinico sostenuto da pluriennale esperienza, se proprio si deve. D'altronde pure per sapere fare bene i test, mica basta un master biennale...quello al massimo ti da una base assolutamente minima sulle procedure e occasioni di discutere degli errori che si fanno nei primi orribili protocolli somministrati ad amici tanto per esercitarsi, ma poi ci vogliono anni di pratica, di confronto costante e anche anni e anni di esperienza clinica. Insomma, penso, se la prof in questione, come unica risorsa ha la sua esperienza clinica pluriennale e diversificata, e non si è ultraspecializzata sui test, è melgio che le diagnosi le faccia sulla risorsa che possiede in misura maggiore piuttosto che improvvisarsi rorschachista e fare pastrocchi!
    Ultima modifica di ste203xx : 31-01-2013 alle ore 11.35.02

  5. #5
    Partecipante Figo L'avatar di Blooby gosh
    Data registrazione
    25-08-2009
    Messaggi
    974

    Riferimento: diagnosi e test

    La diagnosi clinica è la combinazione di più elementi vagliati con una diagnosi differenziale che depongono per una determinata diagnosi. I test sono elementi in più che entrano in questo processo, ma non per questo sono fondamentali per apporre diagnosi. Certo, se si tratta di psicologia legale il discorso cambia, perchè è previsto che occorre provare quanto si è affermato.
    Nasciamo tutti incendiari e moriamo pompieri

Privacy Policy