• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 15
  1. #1

    SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. Nardone

    Ho bisogno di voi,
    credo di aver scelto la mia scuola di specializzazione ... E' quella Breve Strategica prof. G. Nardone ..... C'è qualcuno che saprebbe darmi qualche testimonianza ????
    So che l’epistemologia di riferimento è quella costruttivista- interazionista, da P. Watzlawick e che si parla di un'efficacia ed un'efficienza della terapia molto alta tra l'85 e il 95 % dei casi in sole dieci sedute di tempo con l'utilizzo di protocolli di trattamento specifici per le differenti patologie... Mi sembra una buona garanzia

  2. #2

    Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. N

    Citazione Originalmente inviato da Margherita8473 Visualizza messaggio
    Ho bisogno di voi,
    credo di aver scelto la mia scuola di specializzazione ... E' quella Breve Strategica prof. G. Nardone ..... C'è qualcuno che saprebbe darmi qualche testimonianza ????
    So che l’epistemologia di riferimento è quella costruttivista- interazionista, da P. Watzlawick e che si parla di un'efficacia ed un'efficienza della terapia molto alta tra l'85 e il 95 % dei casi in sole dieci sedute di tempo con l'utilizzo di protocolli di trattamento specifici per le differenti patologie... Mi sembra una buona garanzia
    Ciao Margherita,
    posso darti la mia...frequento il secondo anno e mi trovo molto bene. La scuola è veramente spessa, c'è
    da studiare molto, però non in termini teorici, ma in termini pratici.
    La teoria infatti è ridotta all'osso e la scuola è quasi tutta focalizzata sul saper fare. I primi due anni si
    osservano le registrazioni video delle sedute, e si studiano i protocolli di trattamento, dal terzo anno
    si continua ad osservare il lavoro del prof. e si comincia a partecipare alle terapie come coterapeuti.
    Le percentuali di efficacia effettivamente sono quelle; per quanto riguarda la lunghezza delle terapie,
    sebbene lo sblocco sintomatologico avvenga nelle prime sedute, un percorso più lungo e dilazionato può
    essere destinato al consolidamento del cambiamento.
    Tutto questo naturalmente è legato a diversi fattori: personalmente ti posso dire che è un tipo di terapia
    che richiede a terapeuta una grande energia, dato che deve essere focalizzato sul cambiamento e deve
    esporsi in prima persona durante il trattamento. Il terapeuta passivo e tranquillo difficilmente può fare
    terapia strategica. Inoltre l'intervento è strutturato attorno all'analisi sia interattiva che logica dei
    meccanismi cibernetici che mantengono il problema. Questo richiede un modo di ragionare piuttosto
    rigoroso, che non lascia spazio a filosofismi.
    Detto questo, si impara, e si impara molto!
    Spero di esserti stato di aiuto,
    Giacomo

  3. #3
    Postatore Epico L'avatar di RosadiMaggio
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    Tra le Alpi e gli Appennini
    Messaggi
    11,960

    Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. N

    Inoltre l'intervento è strutturato attorno all'analisi sia interattiva che logica dei
    meccanismi cibernetici che mantengono il problema.
    Ciao Giacomo, mi puoi spiegare meglio questo passo ? Ti riferisci alla logica delle sequenze interattive che il pz stabilisce con il contesto e le persone per lu significative in esso ed ai feedback che riceve e che mantenono il suo problema o ad altro? Grazie
    Gaia

    Tessera n° 15 Club del Giallo

    Guardiana Radar del Gruppo insieme a Chiocciolina4

  4. #4

    Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. N

    Include le retroazioni che la persona riceve dal contesto e dalle persone significative ma anche quelle provenienti da sè stesso, dato che ognuno intrattiene una relazione anche con sè stesso.
    Inoltre viene approfondita la funzione delle logiche non ordinarie nel processo di mantenimento e di soluzione del problema. E' un argomento complesso, se lo vuoi approfondire ti consiglio il libro 'Solcare il mare all'insaputa del cielo', Nardone, Balbi.

  5. #5
    Postatore Epico L'avatar di RosadiMaggio
    Data registrazione
    10-02-2006
    Residenza
    Tra le Alpi e gli Appennini
    Messaggi
    11,960

    Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. N

    Ti ringrazio.
    Gaia

    Tessera n° 15 Club del Giallo

    Guardiana Radar del Gruppo insieme a Chiocciolina4

  6. #6
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    24-09-2011
    Messaggi
    99

    Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. Nardone

    Ciao a tutti,
    a seguito di questo post mi sono letta un libro a proposito della terapia breve strategica di Nardone e se per certi versi la trovo interessante per altri mi apre cento dubbi. Voi che frequentate o siete più informati di me, mi potete dipanare i miei dubbi? Ad esempio.. sono stati fatti studi a distanza di anni dalla cura? nel libro si parla solo di follow up a sei mesi. Il mio pensiero ricade sul fatto che dopo un periodo di tempo di adattamento, o all ' incombere di nuovi momenti critici di vita , il disturbo, che non è stato sradicato fin dalle origini si ripresenti magari sotto diversa forma o attraverso nuove difficoltà. Cosa potete dirmi?

  7. #7

    Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. N

    Ciao Elisa,
    in realtà in terapia breve strategica il follow up è molto importante. Una volta che il paziente dice di avere risolto il problema, viene comunque seguito a distanza di 3 mesi, sei mesi, un anno, in modo tale che, se ci fossero eventuali ricadute, il terapeuta può intervenire riaggiustando il tiro. Nella maggioranza dei casi il risultato raggiunto si mantiene nel tempo. Inoltre una volta che la persona ha acquisito un nuovo equilibrio funzionale, ovvero non solo si è prodotto un cambiamento nel rapporto che la persona ha con se stesso, con gli altri, col mondo, nella sua realtà , ma si è costituito un vero e proprio apprendimento, il nuovo equilibrio funzionale si sostituisce al precedente equilibrio patologico. La persona "all' imcombere di nuovi momenti critici", ( ahime' la vita ne è piena) è in grado di mettere in atto spontaneamente delle risposte "acquisite" che le permettono di superare il momento critico e di gestire con successo gli ostacoli. Una volta che si è imparato ad andare bene in bicicletta si può anche cadere qualche volta, ciò che conta è ritornare in sella continuando a pedalare sempre meglio

  8. #8
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    24-09-2011
    Messaggi
    99

    Re: Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Pro

    Citazione Originalmente inviato da Margherita8473 Visualizza messaggio
    Ciao Elisa,
    in realtà in terapia breve strategica il follow up è molto importante. Una volta che il paziente dice di avere risolto il problema, viene comunque seguito a distanza di 3 mesi, sei mesi, un anno, in modo tale che, se ci fossero eventuali ricadute, il terapeuta può intervenire riaggiustando il tiro. Nella maggioranza dei casi il risultato raggiunto si mantiene nel tempo. Inoltre una volta che la persona ha acquisito un nuovo equilibrio funzionale, ovvero non solo si è prodotto un cambiamento nel rapporto che la persona ha con se stesso, con gli altri, col mondo, nella sua realtà , ma si è costituito un vero e proprio apprendimento, il nuovo equilibrio funzionale si sostituisce al precedente equilibrio patologico. La persona "all' imcombere di nuovi momenti critici", ( ahime' la vita ne è piena) è in grado di mettere in atto spontaneamente delle risposte "acquisite" che le permettono di superare il momento critico e di gestire con successo gli ostacoli. Una volta che si è imparato ad andare bene in bicicletta si può anche cadere qualche volta, ciò che conta è ritornare in sella continuando a pedalare sempre meglio
    Ciao Margherita e grazie per la risposta. Un anno di follow up a parere mio non è sufficiente, patologie/sintomi che si instaurano su basi radicate nel profondo della persona se vengono ristrutturate e rese meno disadattabili x la vita prima o poi quel "profondo" che lavora sotto non si manifesterà nuovamente con nuovi linguaggi e cosi nuove tecniche da imparare?Se cosi, dimmi la tua opinione, rimangano persone legate a vita comunque a un rapporto terapeutico potenziale...
    inoltre mi sembra di capire che è un approccio che somiglia molto al decondizionamento ( che io uso con i cani! ) ma il ns cervello non è cosi lineare ...
    secondo te è coniugabile una terapia mirata al problem solving come questa con una terapia del profondo come la psicodinamica?

  9. #9

    Riferimento: Re: Riferimento: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE S

    Ciao Elisa,
    mi permetto di inserirmi anch'io. Nel tuo messaggio menzioni la psicodinamica e il comportamentismo: entrambi, in realtà, condividono l'idea che ci sia qualcosa "dentro" la persona (l'incoscio nel caso della psicoanalisi, una memoria che 'ricorda' l'associazione fra risposta condizionata e stimolo condizionato nel caso del comportamentismo) che fa sì che si verifichi un determinato comportamento; queste sono entrambe prospettive monadiche sul comportamento, nel senso che entrambe considerano comportamenti ed emozioni frutto di una dinamica o di una memoria propria della persona in quanto essere separato dagli altri.
    Forse saprai che alla base della terapia strategica ci sono gli studi della scuola di Palo Alto che hanno introdotto la cosiddetta 'prospettiva relazionale' in psicologia, che stabilisce che alla base delle emozioni e dei comportamenti non vi sono più delle 'strutture', quali l'incoscio o la memoria associativa, ma relazioni, le relazioni che l'individuo intrattiene con sè stesso, con gli altri e con il mondo. E' proprio a modificare queste relazioni che sono finalizzate le tecniche: è stata chiamata 'terapia del problem-solving' in quanto è finalizzata a risolvere il problema con cui la persona viene in seduta, non ad altri aspetti più legati alla propria crescita individuale.
    Non so bene quali tecniche ti abbiano ricordato il decondizionamento, ma devo dire che quando avevo iniziato a studiare anche a me una tecnica in particolare aveva fatto lo stesso effetto (anche se ti devo dire che bisogna stare molto attenti a generalizzare, esistono decine di tecniche e sono molto diverse le une dalle altre), ma questo derivava da una mia malcomprensione dei suoi principi di funzionamento.

    Credo che la strategica si possa tranquillamente coniugare con una terapia psicodinamica, a patto di ricordare che si tratta di approcci molto diversi anche da un punto di vista epistemologico.
    Spero di aver dipanato un po' di dubbi!
    Ciao e a presto....

  10. #10
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    24-09-2011
    Messaggi
    99

    Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. Nardone

    Ciao Lao,
    grazie per l ' intervento ogni info in piu mi è preziosa. Come spieghi tu so anche io delle origini della scuola di palo alto e dell'approccio relazionale, ma non concordo sul concetto di "monade" dell ' individuo cosi come concepito da un approccio psicodinamico. Anche queste diverse scuole tengono conto delle relazioni in cui siamo immersi, con la differenza forse ( sono qui a parlarne con voi x chiarirmi le idee x quanto possibile ) che vanno ad agire maggiormente sul vissuto dell'individuo verso il sè e verso l'altro, mentre le scuole ad approccio sistemico concentrano l'intervento sulle dinamiche relazionali. Ma torno a chiedermi, possibile che si arrivi a concepire filoni di pensiero ed epistemologie cosi diverse quando la persona e UNA ? Non esiste un percorso formativo che contempli un'intervento a 360gradi? PNEI compresa!

  11. #11

    Riferimento: Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Pro

    Ciao Elisa,
    credo che tu abbia ragione quando dici che le scuole psicodinamiche concentrino maggiormente l'attenzione sul vissuto dell'individuo, anche se forse sarebbe più specifico dire che la strategica si concentra sui pattern comunicativi relazionali ridondanti.
    Purtroppo non credo ci sia una scuola omnicomprensiva...credo che bisogna chiedersi che cosa si vuole da una scuola (ad esempio: un approccio teorico integrato e comprensivo oppure abilità tecniche o entrambi) e poi seguire
    quella che ci può fornire quello che cerchiamo.
    Per farti un esempio io ho scelto la strategica dopo aver osservato fino all'esasperazione tanti psicologi molto ferrati
    teoricamente ma incapaci di produrre un cambiamento nelle persone. Frequento quindi una scuola molto pratica
    (la migliore, a mio modesto parere, nel mostrare come 'impattare' un sistema e cambiarlo) ma molto scarna, anche
    se coerente, a livello teorico.
    A ognuno il suo, quindi...

  12. #12

    Riferimento: Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Pro

    Citazione Originalmente inviato da laotzu84 Visualizza messaggio
    Ciao Elisa,
    Per farti un esempio io ho scelto la strategica dopo aver osservato fino all'esasperazione tanti psicologi molto ferrati
    teoricamente ma incapaci di produrre un cambiamento nelle persone. Frequento quindi una scuola molto pratica
    (la migliore, a mio modesto parere, nel mostrare come 'impattare' un sistema e cambiarlo) ma molto scarna, anche
    se coerente, a livello teorico.
    A ognuno il suo, quindi...
    In quanto a "scarna a livello teorico" scusami ma non sono per nulla d'accordo.
    Ci dimentichiamo forse tutti gli studi sulla comunicazione umana, la pragmatica della comunicazione, gli studi di Palo Alto , l'opera di Watzlawick, le teorie del costruttivismo, l'ipnosi di M. Erickson, l'approccio sistemico-relazionale, lo studio delle logiche e se vogliamo andare ancora più indietro nel tempo lo studio delle antiche tradizioni elleniche della retorica dei sofisti e cinese dell'arte dello stratagemma, ovvero le antiche arti di risolvere apparentemente irrisolvibili situazioni mediante l'uso di stratagemmi e modi di comunicare suggestivi e persuasori.
    C'è molto da studiare a livello teorico e molto da imparare!!!

  13. #13
    Partecipante Affezionato
    Data registrazione
    24-09-2011
    Messaggi
    99

    Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Prof. Nardone

    .. ieri facevo questa ulteriore riflessione: mentre la psicodinamica è utilizzabile sia x dist.psicotici che x dist. nevrotici, la terapia breve strategica è applicabile solo a disturbi con sintomatologia a livello nevrotico o comunque non invalidanti totalmente il soggetto, giusto ragazzi? Correggetemi se sbaglio! Voglio dire nelle mie zone non esistono psicoterapeuti in ambito psichiatrico che la utilizzano, sono tutti psicodinamici o relazionali, cosi come l approccio cognitivo comportamentale non lo trovi in psichiatria ma sopratutto nei disturbi alimentari. E' lo stesso per il vs indirizzo? ovvero prettamente rivolto ad ambito privato e/o aziendale?

  14. #14

    Riferimento: Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Pro

    X Margherita:
    Completamente d'accordo.
    Ultima modifica di laotzu84 : 10-04-2013 alle ore 16.36.35

  15. #15

    Riferimento: Re: SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA Pro

    Citazione Originalmente inviato da elisa801 Visualizza messaggio
    .. ieri facevo questa ulteriore riflessione: mentre la psicodinamica è utilizzabile sia x dist.psicotici che x dist. nevrotici, la terapia breve strategica è applicabile solo a disturbi con sintomatologia a livello nevrotico o comunque non invalidanti totalmente il soggetto, giusto ragazzi? Correggetemi se sbaglio!
    Io ti correggo dal momento che anche un disturbo da attacchi di panico può diventare molto invalidante se la persona che ne è affetta non riesce più a uscire di casa o se non riesce nemmeno a stare sola in casa. Così come una ragazzina che smette di mangiare sino a perdere 20 kg in meno di un mese, questo è un problema invalidante.
    Oppure il DOC che costringe la persona ad eseguire continuamente rituali i quali impediscono il normale svolgimento della vita quotidiana è un disturbo invalidante. Ma per tutte queste patologie i risultati, della Terapia Breve Strategica, sono sorprendenti. E' appena uscito un libro molto interessante Ossessioni, Compulsioni, Manie dove vengono descritti i protocolli di trattamento specifici su questi disturbi. I protocolli di trattamento permettono di intervenire in maniera efficace, efficente, replicabile, predittiva,trasmissibile anche nelle psicosi o presunte tali.

Privacy Policy