• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 13 di 13

Discussione: Sbocchi lavorativi

  1. #1

    Sbocchi lavorativi

    Salve a tutti!!! Mi sono appena iscritta e ho già un quesito da porvi: a ottobre conseguirò la laurea triennale in scienze e tecniche psicologiche e non so bene ancora se proseguire con la magistrale o no, perciò vorrei sapere se e quali opportunità lavorative avrei con la sola laurea triennale...
    Con questo titolo sarei "Tecnico del reinserimento e dell'integrazione sociale - 3.4.5.2" e vorrei capire in quali imbiti potrei far richiesta di lavoro e se effettivamente avrei buone possibilità. Il mio interesse principale sarebbe proprio lavorare in comunità di recupero, con adulti, bambini e adolescenti in difficoltà, perciò la sola laurea triennale sembrerebbe bastare ma, qualcuno con più esperienza di me, sa dirmi se questo è vero??
    Grazie in anticipo x l'aiuto!

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Ciao, benvenuta (ho notato che ti sei iscritta da poco)

    Mi dispiace però darti una cattiva notizia....Con la laurea triennale in psicologia ci fai ben poco, e aggiungo che non è detto che se farai gli altri 2 anni previsti le cose possano migliorare!..
    Io, a suo tempo, feci la tua stessa ipotesi..mi sono fermata un anno, ho sostenuto anche l'eds (sezB) ma poi, un anno dopo..ho ricominciato......ad oggi, sono abilitata SEZA, iscritta all'albo, con vari corsi ed esperienze (no scuola di specializzazione perchè non potrei permettermela) e lavoricchio..ma da qui a dire che lavoro e che guadagno..beh..purtroppo ce ne vuole!
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  3. #3

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Grazie mille per il benvenuto!!! un po' meno per la "cattiva" notizia =(
    abbiamo scelto il mestiere sbagliato è?! visto che hai un po' di esperienza, che percorso mi consigli per poter lavorare nelle comunità di recupero, centri di accoglienza per supporto psicologico ecc??

  4. #4
    L'avatar di crissangel
    Data registrazione
    11-09-2006
    Residenza
    Veneto [behind an unbreakable window]
    Messaggi
    2,889
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Ciao
    oltre alla risposte che ti ha dato MEMOLE, ti segnalo alcune discussioni del forum relative a questo argomento: CLICK1 CLICK2 CLICK3
    Ultima modifica di crissangel : 03-12-2012 alle ore 23.44.36
    Sei un professionista? Servizio Supervisioni e E-book per professionisti

    Per la tua formazione post laurea, dai un'occhiata alle proposte di Opsonline:
    Corsi d'aula
    Corsi on line
    Webinar

    Regolamento Forum



    Innanzitutto, l'uomo normale è solo un'astrazione

  5. #5

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Grazie millissimo!! =)

  6. #6

    quali sbocchi professionali ha uno psicologo al giorno d'oggi?

    Ciao a tutti, non so se questa è la sezione giusta per esprimere i miei dubbi ma ci provo. Sono psicologa iscritta all'albo e ho lavorato per anni in una casa di riposo come educatore (ovviamente!), ora ho cambiato città di residenza e ho dovuto lasciare il lavoro. In realtà vorrei lavorare come psicologa (non come educatore!) con gli anziani. Mi sono resa conto di quanto possa fare uno psicologo in una RSA (riabilitazione cognitiva, ad esempio) ma mi chiedo: è possibile che non esista uno psicologo dipendente di una RSA?? Se apro una partita iva e propongo un progetto come libero professionista in una RSA poi, finito il progetto (a patto che venga accettato), cosa faccio? di psicologi ce ne sono tantissimi, dove vado a prendere i clienti?? Ho pensato anche di iscrivermi ad altri corsi, ad esempio ho visto un master on line in scienze cognitive, e un corso sull'utilizzo di test cognitivi (li ho somministrati durante il tirocinio) che sembrano interessanti, ma esiste un corso che garantisca un lavoro?
    scusatemi per le troppe domande e i dubbi, ma accetto volentieri i vostri consigli e suggerimenti.

  7. #7
    Partecipante Leggendario L'avatar di Lyanne
    Data registrazione
    16-06-2007
    Residenza
    vivo a Genova
    Messaggi
    2,170

    Riferimento: quali sbocchi professionali ha uno psicologo al giorno d'

    Citazione Originalmente inviato da crisalvo Visualizza messaggio
    Ciao a tutti, non so se questa è la sezione giusta per esprimere i miei dubbi ma ci provo. Sono psicologa iscritta all'albo e ho lavorato per anni in una casa di riposo come educatore (ovviamente!), ora ho cambiato città di residenza e ho dovuto lasciare il lavoro. In realtà vorrei lavorare come psicologa (non come educatore!) con gli anziani. Mi sono resa conto di quanto possa fare uno psicologo in una RSA (riabilitazione cognitiva, ad esempio) ma mi chiedo: è possibile che non esista uno psicologo dipendente di una RSA?? Se apro una partita iva e propongo un progetto come libero professionista in una RSA poi, finito il progetto (a patto che venga accettato), cosa faccio? di psicologi ce ne sono tantissimi, dove vado a prendere i clienti?? Ho pensato anche di iscrivermi ad altri corsi, ad esempio ho visto un master on line in scienze cognitive, e un corso sull'utilizzo di test cognitivi (li ho somministrati durante il tirocinio) che sembrano interessanti, ma esiste un corso che garantisca un lavoro?
    scusatemi per le troppe domande e i dubbi, ma accetto volentieri i vostri consigli e suggerimenti.
    Ciao, hai provato a scrivere anche nella stanza di Neuropsicologia? Considerando il settore che ti interessa, è probabile che anche là ci siano persone che possano darti suggerimenti appropriati.

  8. #8
    Partecipante Assiduo L'avatar di roro1982
    Data registrazione
    19-06-2009
    Messaggi
    137

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Ho presentato un cv ad una RSA della mia zona,dopo che me l'ha suggerito un'addetta ai lavori,ma onestamente non ho nessuna esperienza lavorativa nell'ambito "geriatrico" e nella riabilitazione cognitiva.
    Come hai fatto a lavorare come educatore in una casa di riposo ?
    Hai l'abilitazione OSA ,OSS........ ?
    Ho presentato il cv ad una casa di riposo dove in passato ho avuto un'esperienza legata alla laurea triennale,cmq mi hanno guardato interdetti,dicendomi che la figura dello psicologo non è prevista nelle case di riposo,ma nelle RSA,come educatore non credo che sarei stata presa in considerazione non avendo nessuna delle abilitazioni elencate precedentemente.

  9. #9

    Riferimento: quali sbocchi professionali ha uno psicologo al giorno d'

    Citazione Originalmente inviato da Lyanne Visualizza messaggio
    Ciao, hai provato a scrivere anche nella stanza di Neuropsicologia? Considerando il settore che ti interessa, è probabile che anche là ci siano persone che possano darti suggerimenti appropriati.
    grazie mille. proverò a scrivere anche li

  10. #10

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Citazione Originalmente inviato da roro1982 Visualizza messaggio
    Ho presentato un cv ad una RSA della mia zona,dopo che me l'ha suggerito un'addetta ai lavori,ma onestamente non ho nessuna esperienza lavorativa nell'ambito "geriatrico" e nella riabilitazione cognitiva.
    Come hai fatto a lavorare come educatore in una casa di riposo ?
    Hai l'abilitazione OSA ,OSS........ ?
    Ho presentato il cv ad una casa di riposo dove in passato ho avuto un'esperienza legata alla laurea triennale,cmq mi hanno guardato interdetti,dicendomi che la figura dello psicologo non è prevista nelle case di riposo,ma nelle RSA,come educatore non credo che sarei stata presa in considerazione non avendo nessuna delle abilitazioni elencate precedentemente.

    ciao. Il mio contratto era per psicologo coordinatore del servizio animazione, ma in realtà il lavoro poi consisteva nel fare l'educatore. Per quanto si dica che lo psicologo nelle case di riposo è una figura fondamentale, per somministrare test cognivi, fare riabilitazione cognitiva, favorire l'ingresso dei nuovi ospiti, come sostegno per i familiari dei pazienti Alzheimer (io ho lavorato anche nel nucleo Alzheimer) ecc...in realtà le case di riposo non assumono psicologi, piuttosto contattano psicologi liberi professionisti per progetti di durata limitata, ad esempio per corsi di formazione del personale. Quello che chiedevo io era appunto quali sbocchi si possono avere al giorno d'oggi visto che gli psicologi non li assume nessuno! non so però se ho risposto alla tua domanda, comunque io per lavorare in una casa di riposo ho semplicemente inviato il cv ad una cooperativa sociale che aveva l'appalto di alcune case di riposo della mia zona (abitavo in provincia di cremona), poi, dopo qualche anno la struttura nella quale operavo ha chiuso l'appalto con la cooperativa e mi ha assunta alle sue dipendenze.

  11. #11
    Partecipante Assiduo L'avatar di roro1982
    Data registrazione
    19-06-2009
    Messaggi
    137

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Beata te che hai fatto tutte queste cose,io niente di niente,mi propongo ma nessuno mi chiama,intanto il tempo passa e non si fanno esperienze.
    Naturalmente non sono in grado di rispondere alle tue domande,sulla carta ci sarebbero diversi sbocchi poi in pratica......

  12. #12
    Partecipante Assiduo L'avatar di alessiuccia
    Data registrazione
    13-03-2007
    Messaggi
    224

    Riferimento: Sbocchi lavorativi

    Vedo che siamo tutti sulla stessa barca...

  13. #13

    Sbocchi lavorativi dopo la specialistica in clinica

    Ciao a tutti
    Sono al terzo anno di psicologia e pensavo di continuare con la magistrale in clinica per poi specializzarmi in psicoterapia. Dati i costi, però, ho escluso il percorso psicoterapeutico. Le mie domande sono:
    1) che sbocchi lavorativi posso avere conseguendo una laurea in psicologia clinica? O "obbliga" a apecializzarsi in psicoterapia?
    2) quali occupazioni si possono avere frequentando specialistiche che non siano cliniche?

    Scusate ma l'università non informa molto su questo e mi sento un po' spaesata e se prima ero convintissima di intraprendere un tipo di percorso psicologico, ora non lo sono più. Più che altro non vorrei iscrivermi a clinica e magari auto-chiudermi le porte dato che non potrò frequentare una scuola di psicoterapia, quindi vorrei prima informarmi su quello che effettivamente potrei svolgere.

    Grazie in anticipo

Privacy Policy