• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    Neofita L'avatar di AChiaraR
    Data registrazione
    18-11-2012
    Residenza
    Cogliate
    Messaggi
    1

    Studio di counseling psicologico nella propria abitazione

    Gentili colleghi, sono una giovane psicologa ed avrei intenzione di aprire uno studio di counseling psicologico nella mia abitazione (provincia MB). Volevo avere informazioni precise sulle varie norme (ad esempio sicurezza, igiene, accesso ecc.) che devono essere rispettate, dal momento che dall'ordine, dall'ASL e dai commercialisti ricevo risposte piuttosto evasive. Per favore qualcuno può aiutarmi od espormi la propria esperienza? Grazie a tutti in anticipo!!!

  2. #2
    Partecipante
    Data registrazione
    13-09-2005
    Residenza
    Milano
    Messaggi
    57

    Riferimento: Studio di counseling psicologico nella propria abitazione

    Ti suggerisco di contattare il tuo ordine di riferimento!
    Cmq, Credo si possa fare se lo spazio è adeguato e riservato... Forse l'ideale sarebbe avere un doppio ingresso, in modo da non fare transitare nemmeno il paziente nella abitazione...

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    13-03-2005
    Residenza
    roma
    Messaggi
    128

    Riferimento: Studio di counseling psicologico nella propria abitazione

    problemi grossi nn dovrebbero essercene...io l'ho fatto. I problemi da affrontare sono: targa, privacy...per mettere la targa per esempio nel mio comune nn c'è bisogno di chissà quale autorizzazione, però bisogna and all'ufficio tecnico a dichiarare che una parte dell'abitazione verrà adibita a studio professionale e questo va ad incidere sulla quota della tassa per la spazzatura...però credo che dipenda dai comuni, devi cheidere la tuo comune,..poi effettivamente un altro problema è la privacy, quindi spero che il tuo appartamento sia fatto in modo da assicurare la privacy sia dei pz che della tua famiglia...ideale sarebbe doppio ingresso, io nn ce l'ho, ma abito in casa solo con mia mamma e la stanza che ho adibito a studio è la prima di un lungo corridoio, quindi nn si vede il resto della casa...il mio studio non è purtroppo molto accessibile ai disabili perchè al secondo piano di un palazzo senza ascensore, ma credo che questo è limitante per me, che nn potrò vedere disabili, ma nn credo possa precludere l'attività.
    In bocca al lupo

Privacy Policy