• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 30
  1. #1
    L'avatar di Melody82
    Data registrazione
    22-09-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,128

    Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato per Psicologi

    ciao ragazzi! Raccolgo qui qualche mio piccolo suggerimento per l'orale, di modo che possa esser utile a tutti voi

    1. studiate il codice deontologico:
    non serve conoscere gli articoli a memoria, men che meno i loro codici numerici. L'importante è padroneggiarne il contenuto, dimostrare di saperci riflettere in maniera critica e fluida.
    Potrebbero richiedervi di risolvere una situazione-tipo, domandando ad esempio secondo voi quali articoli del codice vengono chiamati in causa dalle specifiche circostanze. Sarebbe dunque bene che, studiando, vi figuriate degli esempi da poter riportare, nel caso in cui ve ne chiedessero.

    2. preparatevi un discorso sul tirocinio:
    cosa avete fatto, dove, con chi, quando, che tipo di bagaglio esperienziale vi ha lasciato, ecc.
    Non dimenticate che il tirocinante può solamente osservare ciò che fa lo Psicologo Tutor, affiancarlo nelle sue attività, ma non ha facoltà di agire autonomamente. Nel caso in cui abbiate ad es. somministrato alcuni test, non dimenticate di specificare che al Vs. fianco c'era il tutor a supervisionarvi nelle suddette esercitazioni.

    3. riguardatevi cosa avete scritto nelle prime 3 prove:
    potrebbero venirvi richiesti alcuni chiarimenti, a partire da problemi di leggibilità della calligrafia a domande contenutistiche, inerenti ad es. al perché avete scelto proprio quella teoria, quegli autori ecc.
    Ricordatevi quindi di dare una significatività alle tracce che avete scritto, sapendone motivare gli aspetti contenutistici secondo la Vs. personale disposizione in merito. Non esiste un orientamento "giusto" ed uno "sbagliato"; il Vostro - se motivato in maniera congrua, coerente ed adeguata - andrà sempre e comunque benissimo.

    Se avete bisogno di un libro di testo, suggerisco
    Calvi, Gullotta "Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo"

    il Codice Deontologico è gratuitamente fruibile direttamente dal sito dell'Ordine Nazionale a questo link
    http://www.psy.it/codice_deontologico.html
    assieme a tanto altro utile materiale dell'Ordine, ad esempio http://www.psy.it/linee_guida.html

    ecco un link utile per chi fosse interessato a comprendere in quali possibili sanzioni può incorrere lo psicologo che infranga il CD
    http://www.humantrainer.com/domande-...ntologico.html

    NB: come evitare di perdersi in un bicchier d'acqua

    Non sarebbe possibile iscriversi a scuole di Specializzazione in Psicoterapia, senza aver prima ottenuto l'abilitazione.
    In maniera autorizzata ma informale, tuttavia, la maggior parte delle scuole accetta studenti, purché si abilitino entro il 1 anno.
    Tuttavia, per scrupolo, sarebbe meglio dire, se avete questo progetto... che è, per l'appunto, un progetto futuro,
    e come tale lo realizzerete solo dopo aver già ottenuto l'abilitazione.

    Detto questo ovviamente evitate di fare scena muta, uno dei pochi casi in cui si rischia o meglio ci si assicura la bocciatura all'orale, perché potrebbe far ragionevolmente pensare che avete improvvisato, copiato o quant'altro.
    Arrivati fin qui fate un bel respiro, mostratevi sicuri e professionali e si risolverà con un colloquio, tendenzialmente, di formalità.

    In bocca al lupo!
    Melody
    Ultima modifica di Melody82 : 23-01-2015 alle ore 17.55.47
    *** Venditore Accreditato OpS per materiale completo EdS***

    1. Regolamento OpsOnline
    2. Testi consigliati per EdS
    3. Consigli 4a prova Orale EdS

  2. #2
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Melody, aggiungo se posso:
    riguardatevi qualcosa sulla vostra tesi, sia triennale che specilistica.....
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  3. #3
    L'avatar di Melody82
    Data registrazione
    22-09-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,128

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    In effetti potrebbe capitare, benché sia più raro,che vi venga richiesto qualcosa sulla tesi di Laurea, specie se è stata sperimentale e l'avete utilizzata per inquadrare la 3 prova, o anche solo per curiosità.
    Basterà qualche frase di inquadramento, come fosse un abstract, da tenere a mente nel caso in cui vi domandassero che argomento ha indagato.
    In bocca al lupo a tutti
    Melody
    *** Venditore Accreditato OpS per materiale completo EdS***

    1. Regolamento OpsOnline
    2. Testi consigliati per EdS
    3. Consigli 4a prova Orale EdS

  4. #4
    L'avatar di Melody82
    Data registrazione
    22-09-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,128

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Aggiungo qualche altro suggerimento, dati gli aggiornamenti legislativi

    Come è cambiata la regolamentazione deontologica della nostra professione negli ultimi anni?


    La legge Bersani ha modificato gli ART.23 (Tariffe) + ART.40 (Pubblicità) del Codice Deontologico degli Psicologi in questo modo.

    Vecchio testo, Art. 23
    “Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale.
    In ambito clinico tale compenso non può essere condizionato all'esito o ai risultati dell’intervento professionale; in tutti gli ambiti lo psicologo è tenuto al rispetto delle tariffe ordinistiche, minime e massime.”


    Nuovo testo 23/9/06 - Art. 23
    “Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale. In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata all'importanza dell’opera e al decoro della professione.
    In ambito clinico tale compenso non può essere condizionato all'esito o ai risultati dell’intervento professionale; in tutti gli ambiti lo psicologo è tenuto a non superare le tariffe ordinistiche massime, prefissate in via generale a tutela degli utenti.
    Il testo unico della tariffa professionale degli psicologi, allegato sub lettera A al presente codice, è costituito quale parametro per la valutazione della misura del compenso richiesto ai sensi del comma 1 del presente articolo. Per ogni modifica o abrogazione relativa all’ allegato sub lettera A sarà competente il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ai sensi dell’art. 28 comma 6 lett. G) della L. 56/89, con la procedura prevista dal vigente Regolamento interno, senza l’obbligo di cui alla lettera c) del medesimo art. 28 comma 6.”

    Vecchio testo, Art. 40
    “Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, la pubblicità e l’informazione concernenti l’attività professionale devono essere ispirate a criteri di decoro professionale, di serietà scientifica e di tutela dell’immagine della professione.”


    Nuovo testo, Art. 40
    “Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dai competenti Consigli dell’Ordine. Il messaggio deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà scientifica ed alla tutela dell’immagine della professione. La mancata richiesta di nulla osta per la pubblicità e la mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituiscono violazione deontologica.”


    ADESSO: DECRETO LEGGE 24 GENNAIO 2012 - N.1 - "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività"


    "Art. 9 Disposizioni sulle professioni regolamentate
    1. Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico.
    2. Ferma restando l’abrogazione di cui al comma 1, nel caso di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compenso del professionista e’ determinato con riferimento a parametri stabiliti con decreto del ministro vigilante. Con decreto del Ministro della Giustizia di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze sono anche stabiliti i parametri per oneri e contribuzioni alle casse professionale e agli archivi precedentemente basati sulle tariffe. L’utilizzazione dei parametri nei contratti individuali tra professionisti e consumatori o microimprese da’ luogo alla nullità della clausola relativa alla determinazione del compenso ai sensi dell’articolo 36 del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206.
    3. Il compenso per le prestazioni professionali e’ pattuito al momento del conferimento dell’incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell’incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso, previamente resa nota al cliente anche in forma scritta se da questi richiesta, deve essere adeguata all'importanza dell’opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. L’inottemperanza di quanto disposto nel presente comma costituisce illecito disciplinare del professionista.
    4. Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista, rinviano alle tariffe di cui al comma 1.
    5. La durata del tirocinio previsto per l’accesso alle professioni regolamentate non potrà essere superiore a diciotto mesi e per i primi sei mesi, potrà essere svolto, in presenza di un’apposita convenzione quadro stipulata tra i consigli nazionali degli ordini e il ministro dell’istruzione, università e ricerca, in concomitanza col corso di studio per il conseguimento della laurea di primo livello o della laurea magistrale o specialistica. Analoghe convenzioni possono essere stipulate tra i Consigli nazionali degli ordini e il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione tecnologica per lo svolgimento del tirocinio presso pubbliche amministrazioni, all'esito del corso di laurea. Le disposizioni del presente comma non si applicano alle professioni sanitarie per le quali resta confermata la normativa vigente.
    6. All'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n.138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n.148, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) alla lettera c), il secondo, terzo e quarto periodo sono soppressi;
    b) la lettera d) e’ soppressa.
    7. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica."

    NELLA PRATICA: IL NOSTRO CODICE DEONTOLOGICO ATTUALE
    http://www.psy.it/codice_deontologico.html

    Articolo 23
    "Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale. In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata all'importanza dell'opera. In ambito clinico tale compenso non può essere condizionato all'esito o ai risultati dell'intervento professionale."

    Articolo 40
    "Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dai competenti Consigli dell'Ordine. Il messaggio deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà scientifica ed alla tutela dell'immagine della professione. La mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituisce violazione deontologica."


    *** Venditore Accreditato OpS per materiale completo EdS***

    1. Regolamento OpsOnline
    2. Testi consigliati per EdS
    3. Consigli 4a prova Orale EdS

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di LunaLibera
    Data registrazione
    20-07-2007
    Residenza
    in fondo al mare...con la testa tra le nuvole...
    Messaggi
    605

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Qualcuno è mai stato bocciato all'orale? Scene mute a parte...
    L'essere che io aspetto, non è reale. Come il seno materno per il poppante, io lo creo e lo ricreo continuamente a cominciare dalla mia capacità di amare, a cominciare dal bisogno che ho di lui; l'altro viene la dove io sto aspettando, la dove io l'ho già creato. E se lui non viene, io lo allucino: l'attesa è un delirio. R.Barthes

    Siate capaci si sentire nel profondo qualunque ingiustiza commessa nei confronti di chiunque in qualunque parte del mondo. E.Montale


  6. #6
    Partecipante Affezionato L'avatar di Lisa1969
    Data registrazione
    02-12-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    92

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    una domanda forse molto cretina, ma ci penso da tempo e visto che siete così gentili, magari mi date un chiarimento...
    nel caso clinico (III prova) la diagnosi va fatta da un punto di analisi psichiatrico, ossia riferendosi alla classificazione dei sintomi del DSM o da un punto di vista psicodinamico...visto che i testi consigliati per preparare la prova sono il Gabbard e altri, tutti psicodinamici...???!!
    grazie
    il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (Pascal)

  7. #7
    Partecipante Super Esperto L'avatar di delfino11
    Data registrazione
    27-06-2012
    Messaggi
    520

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Citazione Originalmente inviato da Lisa1969 Visualizza messaggio
    una domanda forse molto cretina, ma ci penso da tempo e visto che siete così gentili, magari mi date un chiarimento...
    nel caso clinico (III prova) la diagnosi va fatta da un punto di analisi psichiatrico, ossia riferendosi alla classificazione dei sintomi del DSM o da un punto di vista psicodinamico...visto che i testi consigliati per preparare la prova sono il Gabbard e altri, tutti psicodinamici...???!!
    grazie
    Ciao Lisa!
    Prima di analizzire il caso, devi sempre esplicitare il modello teorico cui fai riferimento, quindi DSM (che è ateorico) o psicodinamico (ad es. Gabbard) ma potrebbe anche essere cognitivo-comportamentale o altro, anche se è vero quello che dici, cioè che i più gettonati sono dsm e gabbard.
    In base al modello che scegli, imposterai la tua analisi dei sintomi, collegandoli a criteri o interpretazioni più dinamiche o altro, farai le tue ipotesi diagnostiche, elencherai gli approfondimenti diagnostici (colloqui, test ecc) ed eventuali trattamenti, suggerimenti ecc.
    Spero di esserti stata d'aiuto!

    P.S. Però se vuoi confrontarti meglio, ti conviene postare messaggi di questo tipo nella stanza della tua sede d'esame eds perchè questo thread è solo per consigli, suggerimenti, indicazioni per la 4^ prova.


    Niente è impossibile!

  8. #8
    Partecipante Affezionato L'avatar di Lisa1969
    Data registrazione
    02-12-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    92

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Grazie mille delfino 11, sto cercando di fare un po' di chiarezza prima di mettermi a studiare per l'eds...ho letto in alcuni post che si risponde alle domande anche in base al proprio indirizzo...cosa vuol dire?? che se hai la magistrale in sviluppo non tocchi l'area clinica e se sei laureato in psic del lavoro non parli di sviluppo??? Ho un anno di tempo, ma la confusione è tanta.... :/
    e quando tu dici "in base al modello che scegli imposterai la tua analisi dei sintomi" cosa intendi?? che posso decidere io se utilizzare solo l'aspetto psichiatrico e coronarlo con i test e terapie farmacologiche (ma non siamo psichiatri...!! :O ) o scegliere l'aspetto psicodinamico e parlare della psicoterapia e dei meccanismi di difesa??
    Mi sa che devo stud prima l'ABC dell'esame e poi i contenuti!!!!

    cmq grazie se vorrai spiegarmi meglio come è strutturato, perchè come ved, brancolo nel buio!!!
    il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (Pascal)

  9. #9
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    avviso del moderatore:

    ciao Lisa,
    ti avviso che questa discussione nasce come vedi per la prova orale dell'eds, quindi ti invito a scrivere le cose altrove, aprendo nel caso non fosse presente una dicussione per la 3 prova! così eviterai di incorrere in cartellini e sanzioni varie! grazie per la collaborazione!
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  10. #10
    Partecipante Affezionato L'avatar di Lisa1969
    Data registrazione
    02-12-2005
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    92

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    ok, grazie, non mi ero neanche accorta di essere in un forum non idoneo...ero troppo presa dai miei dubbi!!
    Grazie cmq a chi mi ha risposto!
    il cuore ha le sue ragioni che la ragione non conosce (Pascal)

  11. #11

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    scusate è tutto chiarissimo. l'unica cosa che non comprendo è se successivamente al decreto Monti (e quindi articolo 9 della legge 27/2012) si è tenuto il referendum di cui parla l'articolo 28 comme 6 lettera c della legge 56/89?

    Citazione Originalmente inviato da Melody82 Visualizza messaggio
    Aggiungo qualche altro suggerimento, dati gli aggiornamenti legislativi

    Come è cambiata la regolamentazione deontologica della nostra professione negli ultimi anni?


    La legge Bersani ha modificato gli ART.23 (Tariffe) + ART.40 (Pubblicità) del Codice Deontologico degli Psicologi in questo modo.

    Vecchio testo, Art. 23
    “Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale.
    In ambito clinico tale compenso non può essere condizionato all'esito o ai risultati dell’intervento professionale; in tutti gli ambiti lo psicologo è tenuto al rispetto delle tariffe ordinistiche, minime e massime.”


    Nuovo testo 23/9/06 - Art. 23
    “Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale. In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata all'importanza dell’opera e al decoro della professione.
    In ambito clinico tale compenso non può essere condizionato all'esito o ai risultati dell’intervento professionale; in tutti gli ambiti lo psicologo è tenuto a non superare le tariffe ordinistiche massime, prefissate in via generale a tutela degli utenti.
    Il testo unico della tariffa professionale degli psicologi, allegato sub lettera A al presente codice, è costituito quale parametro per la valutazione della misura del compenso richiesto ai sensi del comma 1 del presente articolo. Per ogni modifica o abrogazione relativa all’ allegato sub lettera A sarà competente il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi ai sensi dell’art. 28 comma 6 lett. G) della L. 56/89, con la procedura prevista dal vigente Regolamento interno, senza l’obbligo di cui alla lettera c) del medesimo art. 28 comma 6.”

    Vecchio testo, Art. 40
    “Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, la pubblicità e l’informazione concernenti l’attività professionale devono essere ispirate a criteri di decoro professionale, di serietà scientifica e di tutela dell’immagine della professione.”


    Nuovo testo, Art. 40
    “Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dai competenti Consigli dell’Ordine. Il messaggio deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà scientifica ed alla tutela dell’immagine della professione. La mancata richiesta di nulla osta per la pubblicità e la mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituiscono violazione deontologica.”


    ADESSO: DECRETO LEGGE 24 GENNAIO 2012 - N.1 - "Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività"


    "Art. 9 Disposizioni sulle professioni regolamentate
    1. Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico.
    2. Ferma restando l’abrogazione di cui al comma 1, nel caso di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compenso del professionista e’ determinato con riferimento a parametri stabiliti con decreto del ministro vigilante. Con decreto del Ministro della Giustizia di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze sono anche stabiliti i parametri per oneri e contribuzioni alle casse professionale e agli archivi precedentemente basati sulle tariffe. L’utilizzazione dei parametri nei contratti individuali tra professionisti e consumatori o microimprese da’ luogo alla nullità della clausola relativa alla determinazione del compenso ai sensi dell’articolo 36 del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206.
    3. Il compenso per le prestazioni professionali e’ pattuito al momento del conferimento dell’incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell’incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento alla conclusione dell’incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso, previamente resa nota al cliente anche in forma scritta se da questi richiesta, deve essere adeguata all'importanza dell’opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. L’inottemperanza di quanto disposto nel presente comma costituisce illecito disciplinare del professionista.
    4. Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista, rinviano alle tariffe di cui al comma 1.
    5. La durata del tirocinio previsto per l’accesso alle professioni regolamentate non potrà essere superiore a diciotto mesi e per i primi sei mesi, potrà essere svolto, in presenza di un’apposita convenzione quadro stipulata tra i consigli nazionali degli ordini e il ministro dell’istruzione, università e ricerca, in concomitanza col corso di studio per il conseguimento della laurea di primo livello o della laurea magistrale o specialistica. Analoghe convenzioni possono essere stipulate tra i Consigli nazionali degli ordini e il Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione tecnologica per lo svolgimento del tirocinio presso pubbliche amministrazioni, all'esito del corso di laurea. Le disposizioni del presente comma non si applicano alle professioni sanitarie per le quali resta confermata la normativa vigente.
    6. All'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011, n.138, convertito, con modificazioni, dalla legge 14 settembre 2011, n.148, sono apportate le seguenti modificazioni:
    a) alla lettera c), il secondo, terzo e quarto periodo sono soppressi;
    b) la lettera d) e’ soppressa.
    7. Dall'attuazione del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica."

    NELLA PRATICA: IL NOSTRO CODICE DEONTOLOGICO ATTUALE
    http://www.psy.it/codice_deontologico.html

    Articolo 23
    "Lo psicologo pattuisce nella fase iniziale del rapporto quanto attiene al compenso professionale. In ogni caso la misura del compenso deve essere adeguata all'importanza dell'opera. In ambito clinico tale compenso non può essere condizionato all'esito o ai risultati dell'intervento professionale."

    Articolo 40
    "Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dai competenti Consigli dell'Ordine. Il messaggio deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà scientifica ed alla tutela dell'immagine della professione. La mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituisce violazione deontologica."



  12. #12
    Matricola L'avatar di giuffysossy
    Data registrazione
    29-05-2013
    Residenza
    Torino
    Messaggi
    15

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Citazione Originalmente inviato da Melody82 Visualizza messaggio
    ciao ragazzi! Raccolgo qui qualche mio piccolo suggerimento per l'orale, di modo che possa esser utile a tutti voi

    1. studiate il codice deontologico:
    non serve conoscere gli articoli a memoria, men che meno i loro codici numerici. L'importante è padroneggiarne il contenuto, dimostrare di saperci riflettere in maniera critica e fluida.
    Potrebbero richiedervi di risolvere una situazione-tipo, domandando ad esempio secondo voi quali articoli del codice vengono chiamati in causa dalle specifiche circostanze. Sarebbe dunque bene che, studiando, vi figuriate degli esempi da poter riportare, nel caso in cui ve ne chiedessero.

    2. preparatevi un discorso sul tirocinio:
    cosa avete fatto, dove, con chi, quando, che tipo di bagaglio esperienziale vi ha lasciato, ecc.
    Non dimenticate che il tirocinante può solamente osservare ciò che fa lo Psicologo Tutor, affiancarlo nelle sue attività, ma non ha facoltà di agire autonomamente. Nel caso in cui abbiate ad es. somministrato alcuni test, non dimenticate di specificare che al Vs. fianco c'era il tutor a supervisionarvi nelle suddette esercitazioni.

    3. riguardatevi cosa avete scritto nelle prime 3 prove:
    potrebbero venirvi richiesti alcuni chiarimenti, a partire da problemi di leggibilità della calligrafia a domande contenutistiche, inerenti ad es. al perché avete scelto proprio quella teoria, quegli autori ecc.
    Ricordatevi quindi di dare una significatività alle tracce che avete scritto, sapendone motivare gli aspetti contenutistici secondo la Vs. personale disposizione in merito. Non esiste un orientamento "giusto" ed uno "sbagliato"; il Vostro - se motivato in maniera congrua, coerente ed adeguata - andrà sempre e comunque benissimo.

    Se avete bisogno di un libro di testo, suggerisco
    Calvi, Gullotta "Il Codice Deontologico degli Psicologi commentato articolo per articolo"

    il Codice Deontologico è gratuitamente fruibile direttamente dal sito dell'Ordine Nazionale a questo link
    http://www.psy.it/codice_deontologico.html
    assieme a tanto altro utile materiale dell'Ordine, ad esempio http://www.psy.it/linee_guida.html

    NB: come evitare di perdersi in un bicchier d'acqua

    Non sarebbe possibile iscriversi a scuole di Specializzazione in Psicoterapia, senza aver prima ottenuto l'abilitazione.
    In maniera autorizzata ma informale, tuttavia, la maggior parte delle scuole accetta studenti, purché si abilitino entro il 1 anno.
    Tuttavia, per scrupolo, sarebbe meglio dire, se avete questo progetto... che è, per l'appunto, un progetto futuro,
    e come tale lo realizzerete solo dopo aver già ottenuto l'abilitazione.

    Detto questo ovviamente evitate di fare scena muta, uno dei pochi casi in cui si rischia o meglio ci si assicura la bocciatura all'orale, perché potrebbe far ragionevolmente pensare che avete improvvisato, copiato o quant'altro.
    Arrivati fin qui fate un bel respiro, mostratevi sicuri e professionali e si risolverà con un colloquio, tendenzialmente, di formalità.

    In bocca al lupo!
    Melody
    Ciao Melody, volevo sapere cosa si intende nell'articolo 31 per "Autorità Tutoria".. è per caso l'autorità giudiziaria??
    Un'altra cosa: volevo chiederti qual'è la differenza tra lo psicologo che lavora nel pubblico e lo psicologo che lavora nel privato, è una domanda che potrebbero farmi dato che ho svolto il tirocinio in entrambi gli ambiti (CSM e un istituto di psicoterapia che fa anche formazione per i tirocinanti di psicologia)..magari tu aggiungeresti delle cose che a me non vengono in mente, e preferisco prepararmi prima piuttosto che trovarmi a fare scena muta!!!
    Grazie!!!

  13. #13
    Partecipante Affezionato L'avatar di FilippaF
    Data registrazione
    14-07-2013
    Residenza
    padova
    Messaggi
    84

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    Ciao!
    Una domanda "futile" a livello organizzativo.. Io sto preparando l'esame per novembre 2013.. So che gli scritti saranno intorno al 20-21.. Pensando Ottimisticamente di passare gli scritti, l'orale e' sempre entro 15gg/mese ovvero prima di natale???
    Perché dovrei organizzare le ferie al lavoro per fare poi una vacanza.. 😎
    e volevo capire se c'è il rischio che l'orale possa essere a gennaio..
    Grazie

  14. #14

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    L orale sarà sicuramente a gennaio...forse anche oltre..

  15. #15
    L'avatar di Melody82
    Data registrazione
    22-09-2007
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,128

    Riferimento: Come affrontare la 4 prova (orale) dell'Esame di Stato pe

    dipende dalla sede, ognuna ha i suoi tempi
    *** Venditore Accreditato OpS per materiale completo EdS***

    1. Regolamento OpsOnline
    2. Testi consigliati per EdS
    3. Consigli 4a prova Orale EdS

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy