• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5
  1. #1

    Psicologia clinica e psicoterapia

    Ciao a tutti, scusate che faccio questa domanda ma io sono psicologa di laurea breve e vorrei continuare il mi percorso frmativo, ma vorrei capire qualè la diferenza tra Psicologia clinica (tipo un master) e la professione dello psicoterapeuta. tutte due sono clinici, ma mi dite la specifica diferenza. Grazie.

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: Psicologia clinica e psicoterapia

    basandosi sul tariffario, la differenza sta nella psicoterapia. Il clinico può fare tutto, tranne psicoterapia, che sul tariffario impiega 3 voci (psicoterapia individuale, di coppia, di gruppo). Tutto vuol dire, sempre da tariffario: valutazione con colloqui, test e osservazioni, diagnosi, sostegno, consulenza, prevenzione, abilitazione, riabilitazione, progettazione, ecc ecc.

  3. #3

    Riferimento: Psicologia clinica e psicoterapia

    Ciao Ste,
    scusa cosa significa può fare tutto, tranne psicoterapia?
    in valutazione con colloqui, test e osservazioni, diagnosi, sostegno, consulenza, prevenzione, abilitazione, riabilitazione, progettazione, ecc ecc.
    non è sottointesa la psicoterapia? come si differenzia dal sostegno?
    Grazie 1000

  4. #4
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Psicologia clinica e psicoterapia

    Citazione Originalmente inviato da Metamaterico Visualizza messaggio
    in valutazione con colloqui, test e osservazioni, diagnosi, sostegno, consulenza, prevenzione, abilitazione, riabilitazione, progettazione, ecc ecc.
    non è sottointesa la psicoterapia? come si differenzia dal sostegno?
    il confine tra sostegno e psicoterapia non è sempre così netto.
    L'obiettivo della psicoterapia è aiutare il paziente a "guarire" da una patologia, cioè da una condizione che gli crea un profondo stato di disagio interiore e/o gli impedisce di svolgere una normale vita lavorativa, privata, sociale. In questo caso siamo nell'ambito della "patologia" e serve una psicoterapia. Per fare questo bisogna essere PSICOTERAPEUTI.

    Lo PSICOLOGO invece può aiutare tutte quelle persone che hanno un disagio al di sotto della soglia della patologia, cioè tutte quelle forme di disagio non così grave da compromettere la vita, aiutando il "cliente" (non paziente, ma cliente) a risolvere questioni e problemi in aree specifiche (lavoro, vita privata, relazioni, ecc...)...in poche parole lo psicologo può fare counseling e coaching, visto che adesso vanno di moda queste parole inglesi.
    Ultima modifica di Johnny : 15-12-2012 alle ore 16.16.54

  5. #5
    L'avatar di crissangel
    Data registrazione
    11-09-2006
    Residenza
    Veneto [behind an unbreakable window]
    Messaggi
    2,889
    Blog Entries
    4

    Riferimento: Psicologia clinica e psicoterapia

    Citazione Originalmente inviato da Metamaterico Visualizza messaggio
    in valutazione con colloqui, test e osservazioni, diagnosi, sostegno, consulenza, prevenzione, abilitazione, riabilitazione, progettazione, ecc ecc.
    non è sottointesa la psicoterapia? come si differenzia dal sostegno?
    Grazie 1000
    La psicoterapia è un intervento maggiormente mirato alla risoluzione di un problema, al cambiamento se vogliamo e trova applicazione nel campo della psicopatologia (non solo). Io parlo di cambiamento perchè come terapeuta sistemico cerco di accompagnare la persona che viene da me verso un livello di rielaborazione del problema per cui si presenta utlizzando delle tecniche specifiche attraverso cui condurre il colloquio, lavorando sulla generazione di sgnificati, sui diversi punti di vista, sugli effetti che un comportamento o un sintomo specifico comporta, sulla sua utilità. Su tali aspetti formulo delle ipotesi che guidano il mio intervento e che vanno verificate.
    La relazione con la persona fa sempre da cornice, ed è il mezzo più potente e imprescindibile attraverso cui si articola e si sviluppa il percorso di terapia. Il colloquio e la relazione sono naturalmente strumenti e modalità di lavoro che accomunano psicologo e psicoterapeuta, quindi la linea di confine tra i due interventi non è sempre così ben definita.

    Tutte le prestazioni che tu elenchi non rientrano in ciò che viene definita propriamente psicoterapia. Inoltre vi è una differenza sostanziale, al di là degli aspetti operativi e concettuali: il diploma di psicoterapia si ottiene dopo una scuola di specializzazione post laurea quadriennale (o quinquennale se scuola pubblica) e quindi, la disciplina che si va ad affrontare negli anni di scuola consiste, in parole povere, in una specializzazione in seguito alla quale inizierai ad acquisire (poi serve tanta pratica, un aggiornamento conitnuo e un supervisore con cui discutere i propri casi) delle competenze che sono differenti da quelle acquisite attraverso il corso di laurea, il tirocinio, l'esame di stato (e anche qui, vale lo stesso discorso: ci vuole pratica, aggiornamento continuo e supervisioni).

    Se facciamo riferimento al tariffario, troverai una miriade di prestazioni professionali che pertengono legalmente alla figura dello psicologo, da cui sono appunto escluse solo le voci che riguardano lo psicologo-psicoterapeuta. La psicologia è una disciplina molto complessa, con differenti ambiti di applicazione e anche in questo caso, il solo fatto che legalmente tu ti possa occupare di "tutto quello che il tariffario prevede" non significa tu sia in grado di farlo: molti aspetti si acquisiscono con la pratica o con corsi di formazione opportunamente mirati verso un determinato ambito: esempio, i disturbi specifici dell'apprendimento.

    Concludo questo mio post con una piccola (e solita) considerazione: un buon tirocinio e la possibilità di fare pratica durante di esso sono molto importanti per capire/accrescere le nostre competenze, per sperimentarci negli ambiti che più ci interessano e per cui ci sentiamo maggiormente portati. Poi si può decidere se scegliere altri percorsi di formazione, posto che l'aggiornamento è essenziale (letture, apporfondimenti, seminari e convegni). Lo psicoterapeuta non è "di più" rispetto ad uno psicologo, ha scelto un ulteriore percorso che conferisce titolo e competenze altre...come un buon master di secondo livello ti permette di perfezionare le tue competenze in un ambito più specifico.
    Ultima modifica di crissangel : 15-12-2012 alle ore 17.44.23
    Sei un professionista? Servizio Supervisioni e E-book per professionisti

    Per la tua formazione post laurea, dai un'occhiata alle proposte di Opsonline:
    Corsi d'aula
    Corsi on line
    Webinar

    Regolamento Forum



    Innanzitutto, l'uomo normale è solo un'astrazione

Privacy Policy