• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4

Discussione: Informazione libera

  1. #1

    Informazione libera

    Nei mesi scorsi avevo letto su internet di un direttore di giornale che accusava il proprio editore di essere riuscito a cambiare gli articoli.
    Il mio primo pensiero è stato "come siamo caduti in basso", e inorridito dalla cosa ho cominciato a pensare male di tutta l'informazione che ci viene propinata ogni giorno.
    Più pensavo a questa cosa e più trovavo su internet conferma al fatto che "l'informazione libera", da molti non viene più considerata tale.
    Quando ormai avevo perso ogni speranza, ecco che nei giorni scorsi la mia homepage di libero mi propone il seguente articolo http://247.libero.it/rfocus/15471676...la-fangareggi/ (chiusura della vicenda dalla quale era partita tutta la mia ragionata) il quale mi restituisce un po' di credibilità verso i nostri mezzi stampa.
    Almeno per qualche giorno tornerò a credere che i giornalisti o direttori, scrivano quello che pensano e non per compiacere una persona piuttosto che un'altra.

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di joker.the.mad
    Data registrazione
    28-08-2010
    Residenza
    Italia, ed orgoglioso di esserci
    Messaggi
    3,530

    Riferimento: Informazione libera

    Citazione Originalmente inviato da francescorecchi Visualizza messaggio
    Nei mesi scorsi avevo letto su internet di un direttore di giornale che accusava il proprio editore di essere riuscito a cambiare gli articoli.
    Il mio primo pensiero è stato "come siamo caduti in basso", e inorridito dalla cosa ho cominciato a pensare male di tutta l'informazione che ci viene propinata ogni giorno.
    Più pensavo a questa cosa e più trovavo su internet conferma al fatto che "l'informazione libera", da molti non viene più considerata tale.
    Quando ormai avevo perso ogni speranza, ecco che nei giorni scorsi la mia homepage di libero mi propone il seguente articolo http://247.libero.it/rfocus/15471676...la-fangareggi/ (chiusura della vicenda dalla quale era partita tutta la mia ragionata) il quale mi restituisce un po' di credibilità verso i nostri mezzi stampa.
    Almeno per qualche giorno tornerò a credere che i giornalisti o direttori, scrivano quello che pensano e non per compiacere una persona piuttosto che un'altra.
    Con tutto il rispetto, credo tu non abbia recepito appieno il senso dell'articolo.... Il giudice non ha detto che l'editore del giornale non abbia mandato lui, all'insaputa del direttore, un articolo in stampa... Ha detto una cosa diversa: che anche qualora ciò si fosse verificato, la responsabilità sarebbe stata sempre comunque del direttore.... Insomma, il direttore rimane cornuto e mazziato....
    Che poi questa vicenda minimale, comunque conclusa, sarebbe stata sufficiente a farti credere che i giornalisti ( almeno quelli italiani: all'estero, spesso, è diverso...) siano liberi ed indipendenti, scusami ma mi sembra veramente incredibile...
    I giornalisti italiani sono in massima parte prezzolati, scrivono quello che conviene a chi gli passa tutti i mesi lauti compensi e lo fanno senza alcuna remora o vergogna, come neanche la più navigata meretrice.
    Il motivo?... Semplice, in Italia non esistono editori puri: e non esistono per il semplice motivo che sarebbe un'attività in perdita, visto che gli Italiani non leggono per abitudine inveterata.
    I giornali italiani sono, pertanto, quasi tutti ( le eccezioni si contano veramente sulla dita di una mano...) nelle mani di potenti gruppi economici od economico-politici ( gli unici che se lo possono permettere... ) che li hanno acquistati non per fare gli editori ma per difendere i loro interessi, più o meno legittimi, extra- editoriali. Capisci bene che, stando così le cose, sarebbe utopia pretendere che un giornalista faccia un'inchiesta seria per scoprire gli altarini a danno del proprio "padrone".
    Ultima modifica di joker.the.mad : 18-07-2012 alle ore 10.12.24

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di BigFish81
    Data registrazione
    11-06-2012
    Messaggi
    159

    Riferimento: Informazione libera

    Horacio Verbitsky, un giornalista e scrittore argentino un giorno disse:

    "Giornalismo è diffondere quello che qualcuno non vuole che si sappia, il resto è propaganda"

    (http://it.wikipedia.org/wiki/Horacio_Verbitsky)
    La conoscenza parla ma la saggezza ascolta (Jimi Hendrix)

  4. #4
    Partecipante
    Data registrazione
    11-10-2012
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    43

    Riferimento: Informazione libera

    L'informazione vera è ormai un miraggio in questo paese.

Privacy Policy