• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5

Discussione: integrazione approcci

  1. #1
    Johnny
    Ospite non registrato

    integrazione approcci

    ciao a tutti, rieccomi con una mia curiosità epistemica

    secondo voi uno psicoterapeuta che ha una formazione psicoanalitica, può utilizzare tecniche di tipo comportamentale e cognitivista con i pazienti?
    mi spiego meglio: alcune tecniche comportamentali hanno un'efficacia ampiamente documentata contro certi disturbi (penso ad esempio alla desensibilizzazione o altre tecniche) quindi sarebbe assurdo non utilizzarle...e quindi io mi chiedo se un terapeuta le può utilizzare pur non essendo di formazione cognitivista, all'interno di un percorso più ampio di stampo psicoanalitico.


    Ho detto una cavolata?oppure vi risulta che venga fatto ?

  2. #2

    Riferimento: integrazione approcci

    A mio parere.... assolutamente si! Il punto è che un terapeuta con formazione psicoanalitica molto probabilmente non ha alcuna familiarità (o comunque non ne ha a sufficienza) con tecniche comportamentali. Sarebbe bello saper far tutto, ma nella pratica spesso non è possibile. Ma ti riferisci in particolare all' EMDR o è una domanda generale?

  3. #3
    Partecipante Super Esperto L'avatar di Lucio Regazzo
    Data registrazione
    16-08-2008
    Messaggi
    644

    Riferimento: integrazione approcci

    Citazione Originalmente inviato da Johnny Visualizza messaggio
    ciao a tutti, rieccomi con una mia curiosità epistemica

    secondo voi uno psicoterapeuta che ha una formazione psicoanalitica, può utilizzare tecniche di tipo comportamentale e cognitivista con i pazienti?
    mi spiego meglio: alcune tecniche comportamentali hanno un'efficacia ampiamente documentata contro certi disturbi (penso ad esempio alla desensibilizzazione o altre tecniche) quindi sarebbe assurdo non utilizzarle...e quindi io mi chiedo se un terapeuta le può utilizzare pur non essendo di formazione cognitivista, all'interno di un percorso più ampio di stampo psicoanalitico.


    Ho detto una cavolata?oppure vi risulta che venga fatto ?
    Se ha una formazione adeguata e lavora viso a viso, certamente sì.
    Ciao. Lucio
    Lucio Demetrio Regazzo

  4. #4
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: integrazione approcci

    Citazione Originalmente inviato da saretta.miss Visualizza messaggio
    Ma ti riferisci in particolare all' EMDR o è una domanda generale?
    in generale.

    Ritengo che la psicoanalisi e l'approccio psicodinamico forniscano un'eccellente spiegazione del funzionamento psichico sia sano che patologico.
    Trovo però che varie tecniche di psicoterapia di altre scuole (cognitivo-comportamentale ma anche altre) siano molto più efficaci della terapia psicoanalitica, almeno per certi tipi di sintomi e in certe fasi della terapia (all'inizio, ad esempio).

    Da qui mi chiedevo se, pur mantenendo l'inmpianto teorico e concettuale della psicoanalisi, sia possibile per un terapeuta utilizzare tecniche di diversa derivazione. A quanto pare si, si può fare.

  5. #5
    Partecipante Super Esperto L'avatar di lalangue
    Data registrazione
    27-12-2009
    Messaggi
    549

    Riferimento: integrazione approcci

    Dipende tanto anche da ciò che vuoi studiare: l'alleviamento sintomatico può essere un vantaggio per la terapia, che altrimenti ne verrebbe ostacolata (vedi gli psicofarmaci nelle patologie sullo spettro psicotico); il sintomo, tuttavia, tiene assieme un po' di cose che si potrebbe anche andare a sbirciare. Può darsi che la tricotillomania o l'onicofagia di un paziente siano il collante per tutta una serie di fantasie, di vissuti, di non-detti: sopprimendo l'uno, si perdono anche gli altri. Il rischio è di ridurre la terapia ad uno scambio concreto, ad un "ti spiego come stare bene". Lecita la conseguenza a lungo tratteggiata da Char_Lie: "per farmi stare bene, basterebbe invertire i poli: vieni tu da me e mi paghi".
    Citazione Originalmente inviato da complicata Visualizza messaggio
    Ma per caso la reincarnazione di Freud è Tinto Brass?
    La descrizione calzerebbe a pennello, manca solo il cubano..
    Sorella Psicoanalisi e Il Piccolo Mondo Antico

Privacy Policy