• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 6 di 6
  1. #1

    dubbio Comportamentismo

    Ciao Melody o Memole, M&M ahahm o chi altro, mi è venuto un dubbio su un concetto abb importante, spero mi possiate aiutare!!studiando il comportamentismo, ho sempre definito uno dei punti più importanti la mante come black box e il rifiuto toutcourt di indagare tutti gli stati mentali interni dell individuo (pensiero,coscienza,emoz,ecc) proprio perche interni, quindi non osservabili e quindi non indagabili scientificamente. Ma cercando altre informazioni ho trovato da più parti,anche su ops che ai rifiuta la coscienza e "l'oggetto di studio quale l'emozione, l'abitudine, l'apprendimento, la personalità, viene analizzato solo attraverso le loro manifestazioni osservabili nei termini di comportamenti emotivi, abitudinari, d'apprendimento, costitutivi della personalità ecc." Ed infatti è vero perchè cmq ad ex.Watson le emozioni le studia (piccolo albert)...Ma questo contraddice quello cho ho detto all' inizio, e non sarebbe un rifiuto dunque di tutti i proc mentali (perchè cmq si possono studiare tramite le manifestazioni comportamentali)ma solo della coscienza..Mi sono confuso! Grazie mille.
    Ultima modifica di FiloCohen : 05-05-2012 alle ore 05.30.25

  2. #2
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    30-09-2008
    Messaggi
    249

    Re: dubbio Comportamentismo

    provo a risponderti io, sperando di darti le informazioni corrette.

    il punto chiave del comportamentismo è l'idea della relazione S-R. Loro non dicono che i processi mentali, le emo, ecc, non esistono (altrimenti non si spiega perché SKinner parli di comportamento operante come intenzionale) ma semplicemente che non si possono vedere, e ciò che si vede è solo il comportamento. Quello che Watson studia nel caso del piccolo albert, è infatti proprio come varia il comportamento sulla base di un'associazione ripetuta tra due stimoli (SI -> rumore, SC -> ratto). La risposta è sempre e comunque il comportamento di paura, non l'emozione della paura. Il comportamento di paura è la operazionalizzazione di una cosa che non si può vedere, è la manifestazione osservabile di una cosa che non indago direttamente perché non la vedo, quindi mi è oscura.

  3. #3

    Re: dubbio Comportamentismo

    grazie ho capito!

  4. #4
    Postatore Epico L'avatar di MEMOLEMEMOLE
    Data registrazione
    18-02-2005
    Residenza
    provincia di Latina
    Messaggi
    8,320

    Riferimento: dubbio Comportamentismo

    è proprio così!esattamente come dice iamghost!!
    ." all'origine gli esseri umani erano doppi:possedevano 2 teste, 4gambe, 2 sessi uguali o diversi.Questa condizione cionferivaloro una grande forza e un ambizione tale che un giorno si lanciarono all'assalto del cielo.Allora zeus infuriato tagliò in due ciascuno di loro e da qual giorno ognuno è alla ricerca della sua metà!"
    .................

    nuovo regolamento: http://www.opsonline.it/help/
    ---------------------

    VENDITRICE ACCREDITATA DI OPSonline

  5. #5
    Matricola
    Data registrazione
    13-05-2008
    Messaggi
    17

    Riferimento: dubbio Comportamentismo

    Scusate un dubbio forse sciocco sempre riguardo al comportamentismo. Pavlov si può considerare un precursore del comportamentismo se non sbaglio, mentre Skinner e Thorndike sono veri e propri comportamentisti? Se ci fosse una domanda sul comportamentismo e le sue applicazioni, sarebbe corretto quindi parlare di apprendimento? E poi ho letto da qualche parte che anche Tolman sarebbe comportamentista... ma non tratta gli aspetti cognitivi dell'apprendimento?

  6. #6
    Matricola
    Data registrazione
    13-05-2008
    Messaggi
    17

    Riferimento: dubbio Comportamentismo

    Ok più o meno mi sono risposta, avevo fatto un po' di confusione... Skinner è proprio considerabile un comportamentista radicale in quanto, considerando la mente come una black box, non è proprio minimamente interessato a ciò che non è osservabile. Mentre Tolman è un neo-comportamentista, che si apre un po' al cognitivismo, considerando che l'apprendimento non avviene solo in funzione ad un rinforzo, ma avviene anche in seguito a esposizioni sistematiche, che implicano la creazione di una "mappa cognitiva" anche se in quel momento "non serve" (apprendimento latente). E' spiegato male ma è giusto?

Privacy Policy