• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2

Discussione: PNL, cos'è?

  1. #1
    Banned
    Data registrazione
    21-03-2008
    Residenza
    Salerno
    Messaggi
    1,546

    PNL, cos'è?

    Ho letto certe cose riguardo alla PNL, e da quel che sostengono i loro creatori questo approccio qua risulta utile per produrre un modello di apprendimento e riuscire ad appropriarsi in modo agevole di certe tecniche che usano certi psicoterapeuti (o altri individui) particolarmente dotati.

    ne

    Qua ne parla John Grinder.

    L'idea era pure buona, ma in pratica io personalmente dubito che si possa fare una cosa del genere senza fare esperimenti, perché è difficile individuare cosa risulta efficace e cosa inutile nel raggiungere uno scopo quando una persona agisce effettivamente.

    Ad esempio: su cosa bisogna focalizzare l'attenzione? Se notiamo che una certa donna in strada mostra le gambe e riceve più facilmente un passaggio (occhio e croce tutti capiamo quel che accade, ma fingiamoci per un attimo ignoranti ). Ecco, se si parte dall'ipotesi "il successo di questa donna è dipeso dal fatto che ha mostrato le gambe", modellando il suo comportamento e facendoglielo ripetere ed apprendere ad una donna bassa e tracagnotta, la cosa potrebbe risultare inutile. Il modellamento di un comportamento può essere corretto, ma è appunto il modellamento del comportamento che si credeva fosse quello efficace, è questa conoscenza qua quella più fondamentale e che spesso manca; non è detto sia facile individuare da cosa dipenda il successo di una certa persona.

    Una volta modellato il comportamento (che si è ipotizzato efficace nel contesto) bisogna riapplicarlo negli stessi contesti e fare esperimenti per andare a vedere se funziona davvero come l'originale.

    La parte veramente complicata, quando si ha a che fare con certe persone che riescono in determinate performance, (in cui si è osservato che hanno una probabilità di successo superiore alla media) è individuare quali debbano essere gli ingredienti essenziali e quali quelli inutili che permettono a queste persone di riuscire a fare quel che fanno, ed è una cosa tutt'altro che facile, tanto è vero che questo è stato uno degli ostacoli che hanno impedito all'intelligenza artificiale di progredire speditamente e si è passati dall'IA forte all'IA debole.

    Ad esempio oggi si sono riusciti a costruire sistemi per giocare a scacchi, che giocano anche meglio rispetto agli esseri umani che sono dei campioni in questo campo, ma non si è stati ancora capaci di costruire sistemi che giocassero in modo simile agli esseri umani, usando schemi analoghi di osservazione e risposta.

    Nell'esempio di sopra (quello della donna) non è difficile capire che ci vuole pure una bella donna affinché la cosa funzioni (col sesso maschile almeno) . Però in moltissimi altri casi individuare cosa risulta efficace, come e perché, può risultare molto difficile.
    Si capisce che una persona riesce a fare certe cose, ma il capire cosa fa di preciso che gli permette di farle è tutt'altro che facile e semplice, e non c'è nessuna disciplina che possa farcelo individuare senza fare esperimenti, prove, osservazioni e confronti.

    Oggi come viene considerata questa disciplina? Per gli psicologi rappresenta qualcosa di affidabile in ambito psicoterapeutico o rappresenta come al solito l'ennesimo insieme di idee un po' strampalate che vengono messe insieme per attirare un certo tipo di clientela?

    Saluti
    Ultima modifica di Char_Lie : 02-03-2012 alle ore 16.07.10

  2. #2
    Partecipante Esperto L'avatar di Empowered
    Data registrazione
    22-11-2010
    Residenza
    Foggia
    Messaggi
    442

    Riferimento: PNL, cos'è?

    Citazione Originalmente inviato da Char_Lie Visualizza messaggio
    Ho letto certe cose riguardo alla PNL, e da quel che sostengono i loro creatori questo approccio qua risulta utile per produrre un modello di apprendimento e riuscire ad appropriarsi in modo agevole di certe tecniche che usano certi psicoterapeuti (o altri individui) particolarmente dotati.

    ne

    Qua ne parla John Grinder.

    L'idea era pure buona, ma in pratica io personalmente dubito che si possa fare una cosa del genere senza fare esperimenti, perché è difficile individuare cosa risulta efficace e cosa inutile nel raggiungere uno scopo quando una persona agisce effettivamente.

    Ad esempio: su cosa bisogna focalizzare l'attenzione? Se notiamo che una certa donna in strada mostra le gambe e riceve più facilmente un passaggio (occhio e croce tutti capiamo quel che accade, ma fingiamoci per un attimo ignoranti ). Ecco, se si parte dall'ipotesi "il successo di questa donna è dipeso dal fatto che ha mostrato le gambe", modellando il suo comportamento e facendoglielo ripetere ed apprendere ad una donna bassa e tracagnotta, la cosa potrebbe risultare inutile. Il modellamento di un comportamento può essere corretto, ma è appunto il modellamento del comportamento che si credeva fosse quello efficace, è questa conoscenza qua quella più fondamentale e che spesso manca; non è detto sia facile individuare da cosa dipenda il successo di una certa persona.

    Una volta modellato il comportamento (che si è ipotizzato efficace nel contesto) bisogna riapplicarlo negli stessi contesti e fare esperimenti per andare a vedere se funziona davvero come l'originale.

    La parte veramente complicata, quando si ha a che fare con certe persone che riescono in determinate performance, (in cui si è osservato che hanno una probabilità di successo superiore alla media) è individuare quali debbano essere gli ingredienti essenziali e quali quelli inutili che permettono a queste persone di riuscire a fare quel che fanno, ed è una cosa tutt'altro che facile, tanto è vero che questo è stato uno degli ostacoli che hanno impedito all'intelligenza artificiale di progredire speditamente e si è passati dall'IA forte all'IA debole.

    Ad esempio oggi si sono riusciti a costruire sistemi per giocare a scacchi, che giocano anche meglio rispetto agli esseri umani che sono dei campioni in questo campo, ma non si è stati ancora capaci di costruire sistemi che giocassero in modo simile agli esseri umani, usando schemi analoghi di osservazione e risposta.

    Nell'esempio di sopra (quello della donna) non è difficile capire che ci vuole pure una bella donna affinché la cosa funzioni (col sesso maschile almeno) . Però in moltissimi altri casi individuare cosa risulta efficace, come e perché, può risultare molto difficile.
    Si capisce che una persona riesce a fare certe cose, ma il capire cosa fa di preciso che gli permette di farle è tutt'altro che facile e semplice, e non c'è nessuna disciplina che possa farcelo individuare senza fare esperimenti, prove, osservazioni e confronti.

    Oggi come viene considerata questa disciplina? Per gli psicologi rappresenta qualcosa di affidabile in ambito psicoterapeutico o rappresenta come al solito l'ennesimo insieme di idee un po' strampalate che vengono messe insieme per attirare un certo tipo di clientela?

    Saluti
    Ciao Char_Lie, mi piace molto la lettura che dai alla PNL.
    Effettivamente penso anch'io che il "modellamento dell'eccellenza" non possa essere tutto come affermano alcuni.
    Esiste la cultura, esiste il contesto, esistono alcune differenze individuali (le strategie seduttive di Raul Bova non funzionano se le applico io, così come se applico le strategie di Messi non gioco come lui).
    Io credo che le idee di partenza siano delle buone idee, ma la PNL prima di essere una disciplina ben studiata e applicata con un metodo degno di questo nome sia diventato un marchio commerciale purtroppo.
    C'è chi dice falsità chiamandola "neuroscienza", chi la contrappone alla psicologia mentre il 90% delle affermazioni che fanno i testi originali della PNL riprendono a piene mani dalla psicologia, o mettono in pratica aspetti che la psicologia aveva evidenziato decenni prima...

    Quando ci sono pochi studi metodologicamente validi, e quando non c'è regolamentazione sull'uso della tecnica, aumentano esponenzialmente percorsi formativi che formano professionisti PNL in 3 giorni, e questo aumenta il numero di ciarlatani che in giro utilizza concetti non scientifici in maniera totalmente arbitraria.

    Da una parte dunque spesso si tende a svalutare la PNL e a considerarla un'americanata commerciale. Dall'altra c'è un crescente interesse per la PNL da parte degli studenti in psicologia, o comunque ci sono professionisti che sono assolutamente certi dell'efficacia della tecnica, quello che mi chiedo è perché non metterla alla prova con studi metodologicamente validi?

    Igor

Privacy Policy