• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo
Visualizzazione risultati 1 fino 15 di 19
  1. #1
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2

    Proposta aborto di neonati

    "Se si permette l'aborto perché non deve essere ammissibile l'uccisione di un neonato?". E' l'incredibile presa di posizione di due bioeticisti italiani: Alberto Giubilini e Francesca Minerva. Secondo i due studiosi, i neonati così come i feti non hanno "lo status morale di una reale persona umana". Per quanto tempo dopo la nascita sarebbe lecito ammazzare i bambini? "Nei primi quindici giorni".


    Questo è quello che riporto da un sito...Questo è quello che potete leggere da altri siti...Cosa ne pensate?
    Dico subito la mia.....Sono contro l'aborto tranne in casi eccezionali, "molto eccezionali".
    Trattasi di conflitti psicologici nella donna, molto forti, quando la donna ha in grembo un bimbo frutto di no stupro ad esempio....Nessuno ne parla...Giusta la morale ma come la mettiamo nel caso da me portato in evidenza?
    Buona vita a tutti!

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Distillers
    Data registrazione
    15-01-2005
    Residenza
    provincia di Torino
    Messaggi
    1,182
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Sempre stata contro l'aborto, tranne in rari casi come quello da te citato. Non parliamo poi della frase di quei due imbecilli, perché mi sale il sangue alla testa.
    Esistono delle alternative all'aborto che non mettono fine alla vita di un bimbo, ma siccome siamo ancora nel medioevo non vengono nemmeno prese in considerazione.
    «O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.»
    Ernesto Guevara de la Sierna


    Il mio blog di ricette

  3. #3
    LucyVanPelt
    Ospite non registrato

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Arrivati a questo punto credo che nel Medioevo ci fosse molto più senno di quanto ce ne sia ora.
    Sono allibita...non ho davvero parole...
    A non avere "lo status morale di una reale persona umana" secondo me sono questi due geni qui.

  4. #4
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da Distillers Visualizza messaggio
    Sempre stata contro l'aborto, tranne in rari casi come quello da te citato. Non parliamo poi della frase di quei due imbecilli, perché mi sale il sangue alla testa.
    Esistono delle alternative all'aborto che non mettono fine alla vita di un bimbo, ma siccome siamo ancora nel medioevo non vengono nemmeno prese in considerazione.

    Credo che la cosa più atroce sia che questi 2 signori abbiano detto queste cose senza fare alcuna distinzione tra bambini desiderati e bambini imposti ( stupro, incesto ..). Il punto non è abortire "tranquillamente" entro le 2 settimane perchè il feto non è vita umana ben definita.....Il punto è: ma come si fa a fare di tutta un0erba un fascio? Sono contro l'aborto tranne in rari casi già citati da me. Io spero che simili bravate mediatiche non diventino tra 10-15 anni un modus vivendi di tante donne che pensano che entro i 15 giorni è ok abortire, tanto non è "peccato morale"...... Spero che qualcuno, a livello di mass media, dica subito la sua correggendo il tiro a queste frasi assassine ...qualcuno che abbia un peso mass mediale ( che so.....una star....un presidente...) Sì, perchè è così che si ragiona, con i mass media, anche se molti di noi non si sognerebbero mai di dire certe frasi sulla vita umana......purtroppo la comunicazione di massa , oggi , spesso è quasi un surrogato del medioevo....
    Buona vita a tutti!

  5. #5
    Johnny
    Ospite non registrato

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    dico la mia:
    quando ho letto la prima riga, mi sembrava una provocazione contro l'aborto, un ragionamento del tipo "perché il neonato no e il feto sì? Il feto è come il neonato"....invece mi sembra di aver capito che il ragionamento è l'opposto: "se si può abortire un feto, lo si può fare anche col neonato"

    a parte che i 2 personaggi dimostrano la loro ignoranza sulla vita intellettiva e affettiva del neonato, che già dal primo giorno di vita "interagisce" col mondo, anche se è una "interazione" molto particolare perché basata solo su alcuni dei 5 sensi....anzi questa interazione (è dimostrato) inizia nella vita intrauterina, quando il "bambino" (mi permetto di definirlo già così quando ancora è nel grembo materno) risponde alle stimolazioni esterne scalciando quindi esprimendo una propria volontà....

    dicevo, a parte questo, credo (e spero) che in casi come questi la sanzione sociale e il buon senso siano sufficienti per non dare troppo peso a questa cavolata.
    Nella nostra società comunque il pericolo che ragionamenti come questi prendano piede esiste perché le persone spesso si fidano ciecamente di "quello che dice la scienza", anche se poi queste "dicerie" non sono supportate da dati scientifici ma sono semplici opinioni di pseudo-esperti.
    Ultima modifica di Johnny : 29-02-2012 alle ore 19.15.49

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di joker.the.mad
    Data registrazione
    28-08-2010
    Residenza
    Italia, ed orgoglioso di esserci
    Messaggi
    3,530

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Quando leggo simili notizie sui giornali italiani, sono sempre portato a dubitare ed a cercare la "fonte" originaria da cui la notizia stessa é tratta...
    La fonte la trovate qui http://jme.bmj.com/content/early/201...11-100411.full : l'editore della rivista scientifica l'ha reso disponibile gratuitamente ( di solito gli articoli sono consultabili solo a pagamento ) proprio per rispondere alle polemiche sollevate dalle notizie filtrate sui quotidiani.
    Io, un po' masochisticamente, me lo sono letto tutto... Che dire?... Si tratta di un tipico articolo di una rivista riservata agli "addetti ai lavori", in questo caso filosofi ed esperti di bioetica. Le tesi sono esposte, bisogna riconoscerlo, anche in modo abbastanza efficace, anche se io ( metto subito le mani avanti prima che mi fuciliate...) non ne condivido neanche mezza... Peró di questo, e solo di questo si tratta: di una pura speculazione intellettuale, del tutto teorica ( e neanche molto nuova e originale, a giudicare dalla bibliografia riportata alla fine dell'articolo...) che doveva restare riservata al ristrettissimo "club" di persone che leggono quella rivista ( al massimo qualche centinaio in tutto il mondo...).
    Inserita nel circuito dei media, ed in modo anche un po' distorto, è chiaro che avrebbe suscitato il clamore che poi effettivamente ha provocato. E che credo per primi gli autori non desiderassero affatto.
    Insomma, il solito "scoop" scovato dai giornalisti per accendere una polemica, vendere qualche copia in piú ( e distrarre da problemi ben piú seri... ).
    Ultima modifica di joker.the.mad : 01-03-2012 alle ore 01.23.09

  7. #7
    Partecipante
    Data registrazione
    15-06-2010
    Messaggi
    49

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Questa e' l'argomentazione base dell'articolo:

    Both a fetus and a newborn certainly are human beings and potential persons, but neither is a ‘person’ in the sense of ‘subject of a moral right to life’. We take ‘person’ to mean an individual who is capable of attributing to her own existence some (at least) basic value such that being deprived of this existence represents a loss to her. This means that many non-human animals and mentally retarded human individuals are persons, but that all the individuals who are not in the condition of attributing any value to their own existence are not persons. Merely being human is not in itself a reason for ascribing someone a right to life.
    Visto che il feto e il neonato non sarebbero 'persone' secondo la definizione sarebbe possibile ucciderli. Non si prendono neanche la briga di spiegarci per quale motivo una 'persona' sarebbe un individuo che attribuisce alla propria esistenza un valore e perche' sarebbe lecito uccidere le 'non-persone'.

    Fosse stata sensata l'argomentazione sarebbe stata un ottimo argomento contro l'aborto.

    E' spaventoso che due ragazzi di forse neanche 30 anni scrivano delle cose del genere. Viene da chiedersi cosa li motivi. Certo non la passione per la filosofia viste le tesi che, almeno nell'esposizione che ne danno gli autori, sono argomentativamente inconsistenti.

  8. #8
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da joker.the.mad Visualizza messaggio
    Quando leggo simili notizie sui giornali italiani, sono sempre portato a dubitare ed a cercare la "fonte" originaria da cui la notizia stessa é tratta...
    La fonte la trovate qui http://jme.bmj.com/content/early/201...11-100411.full : l'editore della rivista scientifica l'ha reso disponibile gratuitamente ( di solito gli articoli sono consultabili solo a pagamento ) proprio per rispondere alle polemiche sollevate dalle notizie filtrate sui quotidiani.
    Io, un po' masochisticamente, me lo sono letto tutto... Che dire?... Si tratta di un tipico articolo di una rivista riservata agli "addetti ai lavori", in questo caso filosofi ed esperti di bioetica. Le tesi sono esposte, bisogna riconoscerlo, anche in modo abbastanza efficace, anche se io ( metto subito le mani avanti prima che mi fuciliate...) non ne condivido neanche mezza... Peró di questo, e solo di questo si tratta: di una pura speculazione intellettuale, del tutto teorica ( e neanche molto nuova e originale, a giudicare dalla bibliografia riportata alla fine dell'articolo...) che doveva restare riservata al ristrettissimo "club" di persone che leggono quella rivista ( al massimo qualche centinaio in tutto il mondo...).
    Inserita nel circuito dei media, ed in modo anche un po' distorto, è chiaro che avrebbe suscitato il clamore che poi effettivamente ha provocato. E che credo per primi gli autori non desiderassero affatto.
    Insomma, il solito "scoop" scovato dai giornalisti per accendere una polemica, vendere qualche copia in piú ( e distrarre da problemi ben piú seri... ).

    Innanzitutto , complimenti per il tuo agire da ispettore delle notizie mass-mediali: credo sia una buona prassi e penso mi documenterò, anch'io, in tal senso. Vero è che spesso ci sono speculazioni giornalistiche, vero è che non c'è nulla di scientificamente approvato, eppure il "seme della discordia" viene posto, eppure molti non vanno a sviscerare le notizie come fai tu.....Dunque, credo ci sia il rischio sociale di bersi ste cose da parte di tante donne fragili e di agire di conseguenza....
    E poi, mi domando, il clamore che viene suscitato finisce lì o è l'incipit di nuovi scenari sociali che, in modo subdolo, si vuole iniziare , appunto, a legittimare con un primo tassello ( il dubbio) ?
    Hai ragione poi a dire che ci sono questioni gravi su cui discutere oggi..che poi siano più gravi....uhm...non so.....Lo scoop in sè è meno grave...anzi.. come direbbe Dante "Non ti curar di loro ma guarda e..passa.." Invece, la questione aborto-non aborto..beh....è un problema morale oggi di notevole peso.....Non credi?
    Buona vita a tutti!

  9. #9
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da luca london Visualizza messaggio
    Questa e' l'argomentazione base dell'articolo:



    Visto che il feto e il neonato non sarebbero 'persone' secondo la definizione sarebbe possibile ucciderli. Non si prendono neanche la briga di spiegarci per quale motivo una 'persona' sarebbe un individuo che attribuisce alla propria esistenza un valore e perche' sarebbe lecito uccidere le 'non-persone'.

    Fosse stata sensata l'argomentazione sarebbe stata un ottimo argomento contro l'aborto.

    E' spaventoso che due ragazzi di forse neanche 30 anni scrivano delle cose del genere. Viene da chiedersi cosa li motivi. Certo non la passione per la filosofia viste le tesi che, almeno nell'esposizione che ne danno gli autori, sono argomentativamente inconsistenti.
    L'essere umano si vuole affermare disconfermando l'altro. Avviene sempre, ogni giorno, in modo più o meno palese..in un istante , con una frase, o in anni, mediante guerre più o meno nascoste. Io la vedo così, tentativi di affermarsi, di far parlare di sè....dando poco valore all'altro..
    Buona vita a tutti!

  10. #10
    Postatore Compulsivo L'avatar di joker.the.mad
    Data registrazione
    28-08-2010
    Residenza
    Italia, ed orgoglioso di esserci
    Messaggi
    3,530

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da luca london Visualizza messaggio
    Questa e' l'argomentazione base dell'articolo:



    Visto che il feto e il neonato non sarebbero 'persone' secondo la definizione sarebbe possibile ucciderli. Non si prendono neanche la briga di spiegarci per quale motivo una 'persona' sarebbe un individuo che attribuisce alla propria esistenza un valore e perche' sarebbe lecito uccidere le 'non-persone'.

    Fosse stata sensata l'argomentazione sarebbe stata un ottimo argomento contro l'aborto.

    E' spaventoso che due ragazzi di forse neanche 30 anni scrivano delle cose del genere. Viene da chiedersi cosa li motivi. Certo non la passione per la filosofia viste le tesi che, almeno nell'esposizione che ne danno gli autori, sono argomentativamente inconsistenti.
    Ribadisco: sono in totale disaccordo con tali tesi che sono lontane mille miglia dal mio modo di essere e di pensare.
    Volevo solo sottolineare, e di questo sono convinto, che si trattava solo di una ( inutile e demente...) elucubrazione teorica di questi due "autori"... Elucubrazione che sarebbe passata sotto silenzio, circondata dal piú totale disinteresse qualora, come mille altre piú o meno astruse che si possono trovare su riviste consimili ( se leggi la bibliografia riportata in fondo all'articolo ti accorgi che tesi simili sono state sostenute piú volte in passato anche da altri autori ), fosse rimasta confinata nello stretto recinto a cui era destinata.
    P.s. C'é da dire, comunque, che questi due ricercatori che vivono e lavorano all'estero sono la prova che non sempre la "fuga dei cervelli" é cosa cattiva...
    Almeno l'Italia non si potrà intestare l' "onore" di aver sovvenzionato questa ricerca...[/QUOTE]
    Ultima modifica di joker.the.mad : 01-03-2012 alle ore 15.42.28

  11. #11
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da joker.the.mad Visualizza messaggio
    Ribadisco: sono in totale disaccordo con tali tesi che sono lontane mille miglia dal mio modo di essere e di pensare.
    Volevo solo sottolineare, e di questo sono convinto, che si trattava solo di una ( inutile e demente...) elucubrazione teorica di questi due "autori"... Elucubrazione che sarebbe passata sotto silenzio, circondata dal piú totale disinteresse qualora, come mille altre piú o meno astruse che si possono trovare su riviste consimili ( se leggi la bibliografia riportata in fondo all'articolo ti accorgi che tesi simili sono state sostenute piú volte in passato anche da altri autori ), fosse rimasta confinata nello stretto recinto a cui era destinata.
    P.s. C'é da dire, comunque, che questi due ricercatori che vivono e lavorano all'estero sono la prova che non sempre la "fuga dei cervelli" é cosa cattiva...
    Almeno l'Italia non si potrà intestare l' "onore" di aver sovvenzionato questa ricerca...
    [/QUOTE]

    Buona vita a tutti!

  12. #12

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    In realtà, il pensiero di questi due bioeticisti non è per nulla originale. Il concetto era stato espresso molto tempo prima da Peter Singer (se ne può trovare testimonianza in un suo libro dal titolo "Etica Pratica"): con una serie di ragionamenti ed esempi molto forti, cerca di spiegare perchè egli ritiene l'eutanasia e l'aborto due pratiche da non demonizzare.


    L'etica della sacralità della vita una “malata terminale”

    Le idee di Singer sull'eutanasia e sull'aborto hanno infiammato i dibattiti bioetici, tante le accuse, le proteste, fino alle manifestazioni di chi non voleva il filosofo animalista che legittimava l'infanticidio come docente di filosofia morale a Princeton. Singer affronta questi temi così delicati con quella chiarezza espositiva che appartiene al suo stile, ma con gli stessi accenti polemici e provocatori che rendono pungente la sua semplice scrittura, e le soluzioni che Singer prospetta per problemi quali l'aborto, l'eutanasia, non ottengono forti rifiuti solo tra i sostenitori di posizioni conservatrici, ma sono difficilmente digeribili anche da chi proviene da ambienti più liberali, perché vanno a scardinare completamente le fondamenta stesse delle nostre convinzioni morali.
    Le tesi “ scandalo” di Singer sostengono che uccidere non è sempre sbagliato e che non tutte le vite hanno lo stesso valore, questo perchè egli rifiuta di attibuire un valore assoluto alla vita, il che non significa che la vita non abbia un valore elevato o che non sia grave uccidere, ma significa che nel caso fossimo costretti ad uccidere qualcuno non dovremmo guardare alla razza, al sesso o alla specie ma solo alla volontà e al desiderio o meno di continuare a vivere del soggetto in questione e della qualità della vita che questi condurrebbe.
    Su queste basi Singer sostiene l'eutanasia: sostituendo all'etica della “ sacralità della vita” un'etica della “ qualità della vita” secondo la quale non è la vita in sé ad essere sacra, ma è il mio progetto di vita ad essere assolutamente intoccabile, le mie scelte come essere senziente, autocosciente e capace di pianificare il proprio futuro, e tra queste scelte potrebbe esserci quella di non continuare a vivere in condizioni di particolare sofferenza che non rispecchiano il modo in cui avevo scelto di condurrre la mia vita. Si schiera poi a favore dell'aborto, come mezzo per evitare la sofferenza inutile, quando si può evitare, proprio all'inizio, al momento della nascita del bambino, quando questi non è un essere senziente, non ha autocoscienza, né desiderio di continuare a vivere quindi la sua vita non ha più valore di quella di un qualsiasi essere non umano senziente ed autocosciente, “ provocare la morte di un bambino disabile non equivale moralmente a provocare la morte di una persona. A volte non è per niente sbagliato.” questo è un passo che viene citato spesso per mettere sotto accusa Singer, ma spesso le sue idee sono state travisate o mal comprese, quando Singer parla di “persona” si riferisce ad “ un essere capace di pensare il futuro, di avere bisogni e desideri ” i bambini appena nati non hanno niente di tutto ciò, di conseguenza uccidere un bambino, malato o meno, è meno grave che uccidere un essere con il senso del tempo e dell'esistenza, cioè un essere che vuole continuare a vivere, naturalmente Singer non ha mai negato il fatto che rimanga una cosa terribile da fare, ma in alcuni casi l'aborto, soprattutto se si tratta di bambini disabili, permetterebbe la nascita di bambini con una maggiore opportunità di felicità.


    Fonte: http://www.filosofico.net/petersinger.htm

    Si tratta ovviamente di posizioni molto controverse e scottanti. Mai come in questi casi l'etica filosofica si è spinta verso posizioni così ardite.
    "And all my armour falling down, in a pile at my feet
    And my winter giving way to warm, as I'm singing him to sleep"

  13. #13
    Postatore Compulsivo L'avatar di joker.the.mad
    Data registrazione
    28-08-2010
    Residenza
    Italia, ed orgoglioso di esserci
    Messaggi
    3,530

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da DreamOfSheep Visualizza messaggio
    In realtà, il pensiero di questi due bioeticisti non è per nulla originale. Il concetto era stato espresso molto tempo prima da Peter Singer (se ne può trovare testimonianza in un suo libro dal titolo "Etica Pratica"): con una serie di ragionamenti ed esempi molto forti, cerca di spiegare perchè egli ritiene l'eutanasia e l'aborto due pratiche da non demonizzare.


    L'etica della sacralità della vita una “malata terminale”

    Le idee di Singer sull'eutanasia e sull'aborto hanno infiammato i dibattiti bioetici, tante le accuse, le proteste, fino alle manifestazioni di chi non voleva il filosofo animalista che legittimava l'infanticidio come docente di filosofia morale a Princeton. Singer affronta questi temi così delicati con quella chiarezza espositiva che appartiene al suo stile, ma con gli stessi accenti polemici e provocatori che rendono pungente la sua semplice scrittura, e le soluzioni che Singer prospetta per problemi quali l'aborto, l'eutanasia, non ottengono forti rifiuti solo tra i sostenitori di posizioni conservatrici, ma sono difficilmente digeribili anche da chi proviene da ambienti più liberali, perché vanno a scardinare completamente le fondamenta stesse delle nostre convinzioni morali.
    Le tesi “ scandalo” di Singer sostengono che uccidere non è sempre sbagliato e che non tutte le vite hanno lo stesso valore, questo perchè egli rifiuta di attibuire un valore assoluto alla vita, il che non significa che la vita non abbia un valore elevato o che non sia grave uccidere, ma significa che nel caso fossimo costretti ad uccidere qualcuno non dovremmo guardare alla razza, al sesso o alla specie ma solo alla volontà e al desiderio o meno di continuare a vivere del soggetto in questione e della qualità della vita che questi condurrebbe.
    Su queste basi Singer sostiene l'eutanasia: sostituendo all'etica della “ sacralità della vita” un'etica della “ qualità della vita” secondo la quale non è la vita in sé ad essere sacra, ma è il mio progetto di vita ad essere assolutamente intoccabile, le mie scelte come essere senziente, autocosciente e capace di pianificare il proprio futuro, e tra queste scelte potrebbe esserci quella di non continuare a vivere in condizioni di particolare sofferenza che non rispecchiano il modo in cui avevo scelto di condurrre la mia vita. Si schiera poi a favore dell'aborto, come mezzo per evitare la sofferenza inutile, quando si può evitare, proprio all'inizio, al momento della nascita del bambino, quando questi non è un essere senziente, non ha autocoscienza, né desiderio di continuare a vivere quindi la sua vita non ha più valore di quella di un qualsiasi essere non umano senziente ed autocosciente, “ provocare la morte di un bambino disabile non equivale moralmente a provocare la morte di una persona. A volte non è per niente sbagliato.” questo è un passo che viene citato spesso per mettere sotto accusa Singer, ma spesso le sue idee sono state travisate o mal comprese, quando Singer parla di “persona” si riferisce ad “ un essere capace di pensare il futuro, di avere bisogni e desideri ” i bambini appena nati non hanno niente di tutto ciò, di conseguenza uccidere un bambino, malato o meno, è meno grave che uccidere un essere con il senso del tempo e dell'esistenza, cioè un essere che vuole continuare a vivere, naturalmente Singer non ha mai negato il fatto che rimanga una cosa terribile da fare, ma in alcuni casi l'aborto, soprattutto se si tratta di bambini disabili, permetterebbe la nascita di bambini con una maggiore opportunità di felicità.


    Fonte: http://www.filosofico.net/petersinger.htm

    Si tratta ovviamente di posizioni molto controverse e scottanti. Mai come in questi casi l'etica filosofica si è spinta verso posizioni così ardite.
    Beh, mi paiono posizioni un po' diverse da quelle di cui stiamo parlando nel thread, però...
    Io, personalmente, sono, per esempio, del tutto favorevole all'eutanasia... Ritengo essere un imprenscindibile diritto dell'individuo quello di stabilire fino a punto sia d'accordo nel procrastinare la propria morte a prezzo di indicibili sofferenze e/o di una riduzione inaccettabile della qualità della propria vita.
    Cosí come, senza arrivare al punto di considerare sic et sempliciter "un diritto" l'aborto, ritengo anche che lo Stato non debba avere un atteggiamento punitivo nei confronti delle donne che sono costrette ( questo sarebbe bene sempre ribadirlo: nessuna donna é mai felice di uccidere la vita che ha il grembo, se lo fa è perchè non ha altra scelta...) ad abortire.
    I nostri due Autori, fortunatamente emigrati in terra straniera, sostengono, peró, ben altro... Che, per esempio, sia lecito uccidere un bambino con malformazioni, con handicap psico-fisici o, addirittura, anche sano: basta che la sua esistenza in vita costituisca una fonte di sofferenza o, persino, solo di disagio per i genitori ( chissà se è contemplato il caso che pianga troppo?... ).
    E questo é, a mio avviso, inaccettabile... E nulla c'entra con eutanasia ed aborto, ma, piuttosto, con ideologie anche queste tutt'altro che nuove: le propugnavano già piú di 70 anni fa i nazisti, prima con le teorie eugenetiche e poi, direttamente, nei campi di sterminio.

  14. #14
    Super Postatore Spaziale L'avatar di sinonimo
    Data registrazione
    21-07-2005
    Residenza
    Palermo
    Messaggi
    2,880
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Citazione Originalmente inviato da joker.the.mad Visualizza messaggio
    Beh, mi paiono posizioni un po' diverse da quelle di cui stiamo parlando nel thread, però...
    Io, personalmente, sono, per esempio, del tutto favorevole all'eutanasia... Ritengo essere un imprenscindibile diritto dell'individuo quello di stabilire fino a punto sia d'accordo nel procrastinare la propria morte a prezzo di indicibili sofferenze e/o di una riduzione inaccettabile della qualità della propria vita.
    Cosí come, senza arrivare al punto di considerare sic et sempliciter "un diritto" l'aborto, ritengo anche che lo Stato non debba avere un atteggiamento punitivo nei confronti delle donne che sono costrette ( questo sarebbe bene sempre ribadirlo: nessuna donna é mai felice di uccidere la vita che ha il grembo, se lo fa è perchè non ha altra scelta...) ad abortire.
    I nostri due Autori, fortunatamente emigrati in terra straniera, sostengono, peró, ben altro... Che, per esempio, sia lecito uccidere un bambino con malformazioni, con handicap psico-fisici o, addirittura, anche sano: basta che la sua esistenza in vita costituisca una fonte di sofferenza o, persino, solo di disagio per i genitori ( chissà se è contemplato il caso che pianga troppo?... ).
    E questo é, a mio avviso, inaccettabile... E nulla c'entra con eutanasia ed aborto, ma, piuttosto, con ideologie anche queste tutt'altro che nuove: le propugnavano già piú di 70 anni fa i nazisti, prima con le teorie eugenetiche e poi, direttamente, nei campi di sterminio.
    Sì, l'idea non è nuova, sta semplicemente ritornando ....a livello di mass media. Solo che oggi simili frasi veicolate dai mass media, da internet , possono avere una risonanza molto forte, arrivare a far notizia in ogni angolo del mondo.... a influenzare donne fragili e infelici , donne instabili di mente, donne sane di mente etc...e non è aspetto da sottovalutare
    Buona vita a tutti!

  15. #15
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Tenaciaa
    Data registrazione
    05-06-2011
    Messaggi
    1,309

    Riferimento: Proposta aborto di neonati

    Agghiacciante.
    Casi simili mi fanno dispiacere di vivere in un paese dove è permessa la libertà di espressione.
    Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio, il bisogno – Voltaire

Pagina 1 di 2 12 UltimoUltimo

Privacy Policy