• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 7 di 7
  1. #1
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    20-11-2009
    Messaggi
    193

    confusione sullo psicologo giuridico

    Salve a tutti.. sono un po confusa.. ma c'è un corso di laurea apposito? cosa bisogna fare? dove si trovano i corsi di laurea per essere uno psicologo in ambito giuridico? A me hanno detto che non esiste un corso specifico ma che bisogna fare dei master però mi chiedo quale sia il corso di laurea magistrale migliore per poter poi continuare inq uesto campo. Qualcuno riesce a darmi delle delucidazioni?

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: confusione sullo psicologo giuridico

    no non è una laurea apposita, è un approfondimento, un ambito tra l'altro molto vasto. In genere in moltissime uni, nel piano di studi triennale o magistrale, c'è sempre un esame di psico giuridica, poi chi vuole approfondire e lavorare nel campo, è consigliabile che continui a formarsi anche dopo, attraverso corsi specifici, ma considera non sono neanche obbligatori, nel senso che molti psicologi che fanno ad esempio i CTU nei tribunali, non hanno fatto alcun corso, ma semplicemente conoscevano il giudice e il giudice li ha chiamati come consulenti proprio in virtù del rapporto di fiducia con loro (e la legge lo consente!). Se vuoi focalizzarti su questo ambito, il corso di laurea più adatto può essere un corso clinico, in quanto per fare perizie, valutazioni, ecc, è consigliabile avere un'ottima preparazione clinica, oppure un corso evolutivo se ti orienti di più in ambito minorile. Inoltre un'altra distinzione da tener presente è tra ambito civile o penale, perché sono due approcci spesso diversi, talvolta i master in psico giuridica trattano entrambe perché vogliono dare una panoramica di entrambe i settori, con il rischio però di non approfondire nessuno dei due e quindi richiedere un ulteriore approfodimento successivo. Quindi se sei orientata, valuta, anche leggendo libri e manuali, come quelli di Gulotta, se sei orientata più per adulti o bambini, e più per ambito civile o penale (per ambito penale non pensare però alla criminologia da telefilm perché un conto è la tv e un conto è la realtà). Inoltre se conosci qualcuno, tipo avvocati, medici legali, giudici, è meglio, perché gli incarichi vengono da loro e tendono a darli a persone che conosco e che sono nelle loro cerchie di conoscenze.

  3. #3
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    20-11-2009
    Messaggi
    193

    Riferimento: confusione sullo psicologo giuridico

    Grazie mille... che risposta celere cmq anche informandomi in giro mi hanno detto le stesse cose.. ho chiesto anche ad un mio amico avvocato e mi ha detto che su questa figura c'è un po il ''mangia mangia'', raccomandazioni e compagnia bella. Io, per la magistrale, sarei orientata a far il corso di psicologia cognitica applicata che cè a bologna. Secondo te va bene? sembra un corso che apre abbastanza strane però no vorrei fare un buco nell'acqua!

  4. #4
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: confusione sullo psicologo giuridico

    ciao batterfly, non ho capito la domanda, il corso va bene...per cosa? E' un corso neuropsicologico, molto spesso in ambito civile, per il risarcimento del danno biologico-psichico, si fa una batteria di test che include anche test neuro, ma non solo, quindi può prepararti su quell'aspetto, ma non su tutto. Se sei più orientata agli adulti, sia ambito civile che penale, generalmente è indicato un corso clinico perchè occorre maneggiare bene concetti clinici, psicopatologici, test, ecc, quindi è indicata una base clinica unita poi ad altrettanta esperienza clinica che potrai magari iniziare a fare scegliendo anche il giusto tirocinio. Se sei orientata all'ambito minori, è indicato un corso evolutivo, quello neuro ti dà strumenti neuro, ma non sono sufficienti di per sé per una valutazione su questini minorili. Riguardo alle strade specifiche dell'indirizzo neuro pova a chiedere anche nel forum apposito, purtroppo di per sé nessun corso apre automaticamente strade, e in ogni caso anche negli altri ambiti, se si conoscono persone già addentro che posso anche solo segnalarti opportunità (che si vengono a sapere solo tramite passaparola), è sempre meglio, sennò c'è la libera professione, ma è un terno al lotto.

  5. #5
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    20-11-2009
    Messaggi
    193

    Riferimento: confusione sullo psicologo giuridico

    chiedevo se il corso in psicologia cognitiva applicata va bene uguale nel caso in cui volessi orientarmi in un futuro nel campo giuridico. Da ciò che mi dici tu il corso di clinica sarebbe meglio però io mi sto laureando in psicobiologia e di clinica so pochissimo e in realtà non mi interessa nemmeno :-/ cioè che vorrei sapere è ''se scelto una magistrale in neuroscienze o psicologia cognitiva applicata questo vincola il mio orientamento versp la psicologia giuridica o è abbastanta elastico da potermi permettere (magari attraverso un master) di intraprendere anche questo lavoro?''

    La domanda è un po contorta.. me ne rendo conto...

  6. #6
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: confusione sullo psicologo giuridico

    nono, non vincola nulla, una volta che sei abilitata puoi scegliere di approfondire quello che vuoi, sei psicologa a tutti gli effetti e quindi autorizzata ad operare in tutti gli ambiti psi anche non corrispondenti al tuo indirizzo di studi. Però certo se non ti piace la clinica, valuta bene, poiché per operare bene in ambito giuridico, sia civile che penale, sia adulti che minorile, sono strategiche ottime conoscenze cliniche e possibilmente anche esperienze, ad esempio per siglare e interpetare un rorschach, che è il test re nelle valutazioni, non basta conoscere il test, sarebbe meglio avere molta familiarità proprio con la clinica. Questo è solo un esempio, insomma senza clinica-clinica è come dire che devo costruire una casa incrollabile (le perizie devono essere meno attaccabili possibile), però la costruisco facendo solo 2 pareti, senza il tetto, senza il pavimento ecc, cioè quell 2 pareti possono essere fatte benissimo ma non bastano a chiamarla "casa", non so se mi sonospiegata. Anche se non è richiesto di fare terapia (quindi non serve assolutamente la scuola di specializzazione), i concetti sono generalmente molto clinici, anche nella valutazione del danno biologico-psichico, dove è un po' più utile anche una parte neuro, perché solo la parte neuro poi diventa una cosa abbastanza incompleta. Cmq se stai finendo la triennale avrai modo e tempo ancora di definire meglio gli obiettivi e valutare le risorse che possiedi e quelle eventualmente da acquisire
    Ultima modifica di ste203xx : 17-02-2012 alle ore 17.40.37

  7. #7
    Partecipante Assiduo
    Data registrazione
    20-11-2009
    Messaggi
    193

    Riferimento: confusione sullo psicologo giuridico

    Citazione Originalmente inviato da ste203xx Visualizza messaggio
    nono, non vincola nulla, una volta che sei abilitata puoi scegliere di approfondire quello che vuoi, sei psicologa a tutti gli effetti e quindi autorizzata ad operare in tutti gli ambiti psi anche non corrispondenti al tuo indirizzo di studi. Però certo se non ti piace la clinica, valuta bene, poiché per operare bene in ambito giuridico, sia civile che penale, sia adulti che minorile, sono strategiche ottime conoscenze cliniche e possibilmente anche esperienze, ad esempio per siglare e interpetare un rorschach, che è il test re nelle valutazioni, non basta conoscere il test, sarebbe meglio avere molta familiarità proprio con la clinica. Questo è solo un esempio, insomma senza clinica-clinica è come dire che devo costruire una casa incrollabile (le perizie devono essere meno attaccabili possibile), però la costruisco facendo solo 2 pareti, senza il tetto, senza il pavimento ecc, cioè quell 2 pareti possono essere fatte benissimo ma non bastano a chiamarla "casa", non so se mi sonospiegata. Anche se non è richiesto di fare terapia (quindi non serve assolutamente la scuola di specializzazione), i concetti sono generalmente molto clinici, anche nella valutazione del danno biologico-psichico, dove è un po' più utile anche una parte neuro, perché solo la parte neuro poi diventa una cosa abbastanza incompleta. Cmq se stai finendo la triennale avrai modo e tempo ancora di definire meglio gli obiettivi e valutare le risorse che possiedi e quelle eventualmente da acquisire
    Grazie.... mi sento meglio dopo le tue risposte molto piu rilassata

Privacy Policy