• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 4 di 4
  1. #1
    Partecipante Assiduo L'avatar di Starletta
    Data registrazione
    12-06-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    235

    Volontariato/frequenza in ospedale

    Ciao a tutti,
    avevo quasi raggiunto la meta, quando purtroppo mi sono ritrovata con un pugno di mosche in mano
    Già, ero quasi riuscita ad ottenere la possibilità di "lavorare" (si fa per dire) al fianco di una neuropsicologa nel reparto di neurochirurgia infantile, dove lavoro da un pò come ludoterapeuta. IL mio sogno era quello di imparare a somministrare i test, ad osservare i bambini e scrivere dei report, a conoscere meglio il funzionamento del cervello e le patologie correlate, ma adesso scopro che lei, in quanto borsista, non può risultare come mia tutor e non c'è nessun altro che possa farlo. Insomma, sono proprio rimasta a piedi! Che fare?
    Stavo così pensando di fare domanda da qualche altra parte, ma mi prenderanno mai in considerazione??????
    Io sono laureata in Psicologia, ho l'abilitazione, lavoro come ludoterapeuta ... pensate che possa presentarmi in un qualsiasi altro ospedale per svolgere uno stage? il punto è che forse non si può nemmeno chiamare stage, mi hanno detto che si chiama frequenza .... ma io non conosco nessuno, non ho proprio idea di come potermi muovere, avreste un suggerimento??

  2. #2
    Postatore Compulsivo L'avatar di ste203xx
    Data registrazione
    04-08-2003
    Residenza
    Latina-Roma
    Messaggi
    3,140

    Riferimento: Volontariato/frequenza in ospedale

    ciao starletta, ma la possibilità che è sfumata...era un vero e proprio lavoro, retribuito, oppure era tutto "gratis et amor dei"? Perché in tal caso, non hai perso niente, o melgio, se ci tenevi a fare esperienza gratis, ciò che hai perso, lo puoi avere lo stesso, si chiama frequentazione scientifica, basta fare domanda all'istituto dove vuoi proporti e pagarti l'assicurazione (in media, 300 euro a semestre, ma ovviamente varia da caso a caso). Se già sei inserita nell'ambiente come ludoterapeuta, magari puoi farti segnalare strutture disponibili dai medici interni, cmq avere una referenza e uno sponsor o un mediatore è sempre meglio che presentarti da sola come esterna. Altrimenti, appunto, ti proponi da sola come esterna, facendo il tour di tutti gli istituti che fanno neuro o quelo che ti piace, sono centinaia su Roma, e molti sono sempre lieti di avere manodopera qualificata a costo zero

  3. #3
    Partecipante Assiduo L'avatar di Starletta
    Data registrazione
    12-06-2008
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    235

    Riferimento: Volontariato/frequenza in ospedale

    Ciao Ste203xx, lì non avrei lavorato con una retribuzione, ma in maniera totalmente gratuita. Parlando con la psicologa Lei mi ha detto che non sapeva come aiutarmi, quindi deduca che non sappia nemmeno indirizzarmi altrove, non so ..... Per ora ho dato uno sguardo in giro su internet, ma non so proprio come presentarmi. In alcuni ospedali prendono solo studenti Potrei provare a chiedere, come dici tu, a qualche medico dell'ospedale in cui lavoro. Se mi proponessi in alcuni studi privati?
    Grazie 1000

  4. #4

    Re: Volontariato/frequenza in ospedale

    Ciao starletta,
    scusa se ti disturbo ma ho visto dal post che hai scritto che tu tempo fa ti trovavi nella mia stessa situazione attuale. io ora ho appena finito la triennale e qst anno mi vorrei cominciare a dare da fare per arricchire il cv e fare esperienza pratica. se leggi questo messaggio ti chiedo per favore di contattarmi su questo post o privaatamente
    per raccontarmi la tua esperienza ed eventualmente come sei riuscita a risolvere
    grazie mille

Privacy Policy