• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1

    consiglio urgente per matricola

    ciao a tutti!sono nuova del forum,mi sono iscritta perché vorrei avere qualche consiglio da chi è del mestiere.sono nuova una studentessa iscritta al primo anno di psicologia a bari, il problema è che non sono partita già molto motivata, e adesso sono in crisi ho letto da molte parti che le opportunità di lavoro per questa professione sono pochissime e vorrei sapere se è vero?perché sono indecisa se continuare o meno e se continuo che specialistica sarebbe meglio?grazie aspetto tante risposte grazie

  2. #2
    Partecipante L'avatar di eccì-eccì
    Data registrazione
    03-06-2008
    Messaggi
    38

    Riferimento: consiglio urgente per matricola

    che possiamo dirti? se tu stessa dichiari che non sei partita molto motivata e dopo 4 mesi ti senti in crisi forse fai bene a farti venire dei dubbi. Io credo che oggi come oggi non c'è certezza in nessun campo e questo, per prenderla in senso positivo, autorizza ciascuno a seguire le proprie passioni (anche se tradizionalmente non sono considerate vinventi sul mercato del lavoro) però la passione bisogna avercela perchè quello che hai intrappreso è un percorso molto lungo: 5 anni di università, 1 anno di tirocinio, l'incognita dell'esame di stato e poi, magari altri 4 anni di scuola di specializzazione non retribuita! Parlando di sbocchi professionali non ci sono molte speranze: la maggiorparte di noi lavora a progetto per anni e anni e arrotondando lo stipendio con qualcosa di non attinente alla materia, concorsi pubblici neanche a parlarne e settore privato piuttosto saturo... insomma per accettare tutto questo e perseverare nella professione bisogna essere proprio innamorati di questa disciplina! In bocca al lupo!

  3. #3
    L'avatar di Duccio
    Data registrazione
    25-06-2002
    Residenza
    Firenze
    Messaggi
    8,912

    Riferimento: consiglio urgente per matricola

    Beh io pero' non sono neanche d'accordo nel dire che e' difficile per tutti... E' vero che siamo in un momento di crisi , che non c'e' lavoro e blablabla solita zuppa che sento dire da almeno 15 anni.... pero' e' anche vero che ci sono lauree in cui trovi lavoro entro 6 mesi dalla laurea e altre ancora prima... quindi e' vero che e' difficile per tutti... ma ci sono lauree e professioni per cui e' un po' meno difficile...
    Ingegneria e lauree di ambito sanitario ad esempio hanno una altissima percentuale di assorbimento nel mondo del lavoro... e' innegabile e ho esempi davanti agli occhi ogni giorno... Psicologia e' dura, nel senso che e' una professione nata non da molto e che negli ultimi 20 anni si sta diciamo affacciando nel mondo del lavoro al di fuori della classica figura del terapeuta... deve combattere contro molte cose, l'usurpazione professionale e in primis l'ignoranza delle strutture e enti che non sanno bene cosa far fare allo psicologo che non sia per forza un clinico e/o un terapeuta...
    Ti dico come e' la situazione... fai 5 anni.. (togliti dalla testa l'idea di fare la triennale e basta, meglio e piu' fruttuoso in tal senso un diploma di ragioneria)... fai l'anno di tirocinio, dopodiche' fai l'esame di stato e ti iscrivi all'ordine e sei psicologo.
    Poi bisogna vedere una serie di variabili ... ma in generale ci vogliono sempre quei due tre anni minimo di lavoretti, stage, corsettini, tirocini ecc.. prima di farsi conosce, acquisire ulteriori e specifiche competenze e fare qualcosa di maggiormente strutturato.....
    Se poi vuoi fare la scuola di psicoterapia per diventare psicoterapeuta sono altri 4 anni .. chiaramente nei fine settimana... in genere due al mese per 4 anni... e diventi psicoterapeuta...
    Questa e' la realta'... e diciamo che la professione di psicologo va sempre di piu' verso l'essere una figura professionale volta alla libera professione, dimentichiamoci se non in minima percentuale dei casi un lavoro fisso e stabile dalle 8.30 alle 17.30... lo psicologo lavora generalmente in piu' contesti e in contemporanea....
    Poi sono dell'idea che sia una professione bellissima e complessa e che si deve fare solo se si ha un amore e una passione per la materia... I momenti di crisi sono normai e fisiologici non sono certo quelli che ti devono condizionare ma devi essere consapevole che e' un percorso lungo e impegnativo.. sia durante che dopo..

Privacy Policy