• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 8 di 8
  1. #1
    Iggy
    Ospite non registrato

    Questo è davvero TROPPO.

    Ho già riportato questo articolo in un thread adatto al riso, ma dal momento in cui la reazione meno degna di fronte a ciò che accade in Italia è una risata, lo ripropongo qui.
    Leggetelo tutto, e sappiate che il primo che mi verrà a dire che alle prossime elezioni confermerà a Berlusconi i suoi poteri di rappresentanza e tutela del popolo italiano, lo appellerò come cittadino italiano indegno e uomo irrispettoso della dignità umana. Bisogna avere un animo ignobile per appoggiare un simile "uomo".


    L'EDITORIALE
    Lo scudetto nella bara

    di VITTORIO ZUCCONI

    Negli anni più torvi della guerra fredda e di quella ossessione ideologica che stregò brevemente la democrazia americana con il volto di un senatore chiamato McCarthy, l'edificio di oscenità e di menzogne creato dalla caccia alla streghe crollò simbolicamente e definitivamente quando l'avvocato difensore di uno degli accusati chiese, in diretta televisiva, al senatore: "Ma lei non ha più alcun senso di dignità e di pudore?".

    Ci sarà qualcuno che avrà il coraggio di ripetere quella domanda, nell'Italia della televisione addomesticata e anestetizzata, al capo dell'esecutivo italiano, al nostro Presidente del Consiglio che festeggiava la propria miserabile gloriuzza in uno (scandaloso) torneo di pallone mentre i suoi soldati, i suoi fratelli d'Italia, si battevano per lui, per la stoltezza dellle sue decisioni di stratega dilettante?

    Esiste ancora qualche decenza, qualche comune senso del pudore e del rispetto umano, nel leader politico nazionale che preferisce dedicare un pomeriggio al Milan piuttosto che restare in quello studio a Palazzo Chigi dove noi cittadini lo abbiamo cortesemente inviato a spese e per conto nostro, per mostrare, per almeno creare l'impressione che le gambe di soldati italiani impegnati in battaglia siano più importanti delle gambe dei calciatori miliardari che hanno preso a pedate un pallone per lui?

    Sapevamo tutti, domenica pomeriggio che lo scontro di Nassiriya non era un incidente qualsiasi nè una "operazione di pace" andata storta, come la grottesca finzione ufficiale ancora pretende di definire la situazione dei nostri reparti combattenti nel sud dell'Iraq. Eppure la voglia propagandistica di sfruttare ancora una volta le pailettes di un successo sportivo, la vanagloria del tifoso e padrone che vuole apparire il condottiero trionfante di una infantile guerra sportiva vinta mentre è in corso la disfatta nella guerra reale è stata irresistibille. Non basta certamente per salvarsi la coscienza essere informati "minuto per minuto" come se la cronaca di una battaglia fosse l'equivalente di un radiocronaca calcistica e la vita di soldati spediti con l'inganno fosse assimilabile a un rigore o a un gol.

    Se a chi ci governa fosse rimasto un briciolo di quel pudore e di quella dignità che l'avvocato difensore delle vittime dell'inquisizione maccarthysta non trovò in quell'America tanto lontana e purtroppo tanto vicina, il solo atteggiamento dignitoso e realmente patriottico, anche se ormai inutile, sarebbe stato almeno evitare la festa dell'idiozia pallonara e rinchiudersi nel riserbo del padre che trema per la vita dei propri figli. George Bush, che pure del nostro Presidente sarebbe il maestro di pensiero e il protettore internazionale, ha rinunciato in questi giorni addirittura a partecipare alla cerimonia della laura delle figlie, uno dei momenti di maggiore e giusto orgoglio per un padre, per non creare l'impressione di rallegrarsi per successi privati mentre la famiglia americana subiva i traumi delle torture, dei rovesci militari e delle morti atroci degli ostaggi. Il nostro Presidente non ha rinunciato alla festa del Milan.

    I soldati italiani che combattono e muoiono in Iraq sotto la bandiera di una menzogna sfacciata portano cucito sulla manica uno scudetto tricolore, come la squadra che vince il campionato, ma per 18 di loro non ci saranno feste nè premi partita, nè sorrisi compiaciuti e servili di dirigenti tronfi e ciambellani e giullari convocati alla corte del signore. Per loro, soltanto le bare, fasciate nel patriottismo falso di chi li ha mandati a morire, ma, mentre morivano, preferiva "esultare".

    La sola coppa possibile, per quelli che restano ancora, sarebbe il ritorno a casa, da una missione falsa, non sconfitti dal nemico, ma da chi li ha adoperati come giocatori di quarta serie, come carne da cannone, senza decenza, senza dignità, senza verità. E ora dovranno subire anche l'ultima umiliazione della retorica patriottarda e impudente di chi accoglierà la bara, tra lacrime di coccodrillo e alè olè alè.

    (La Repubblica)

  2. #2
    Angelus
    Ospite non registrato
    a parte le idee politiche in sè, che uno può condividere o non condividere, quello che mi terrorizza di quest'uomo è che manca del senso della misura e che a volte si comporta alla stregua di un bambino

  3. #3
    Iggy
    Ospite non registrato
    Difatti le idee politiche passano in secondo piano di fronte all'incommensurabile mancanza di senso del pudore e della misura di quest'uomo.

  4. #4

    Ireland Addicted
    L'avatar di arpista
    Data registrazione
    12-08-2002
    Residenza
    toscana in perenne trasferta!
    Messaggi
    5,068
    ... io non ho veramente parole!!! a me sinceramente fa paura quest'uomo, perchè è tremendamente furbo...

  5. #5
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Questa stanza di discussione si muove sul filo del rasoio rispetto alla policy del forum riguardante le personali ideologie politiche...

    Anch'io rimango perplesso (usiamo questo eufemismo) di fronte a tali comportamenti, tuttavia vi invito - al di là delle personali convinzioni politiche - a discutere sui fatti accaduti senza lasciarsi andare a considerazioni e valutazioni di merito sulla singola persona.
    Insomma, libertà di discussione e parola su fatti si, ma non di giudizio su singole persone... vi dico questo con rammarico, ma vi prego di mettervi anche nei panni di chi amministra la community...

    Grazie
    nico

  6. #6
    Iggy
    Ospite non registrato
    Originariamente postato da nico
    Questa stanza di discussione si muove sul filo del rasoio rispetto alla policy del forum riguardante le personali ideologie politiche...

    Anch'io rimango perplesso (usiamo questo eufemismo) di fronte a tali comportamenti, tuttavia vi invito - al di là delle personali convinzioni politiche - a discutere sui fatti accaduti senza lasciarsi andare a considerazioni e valutazioni di merito sulla singola persona.
    Insomma, libertà di discussione e parola su fatti si, ma non di giudizio su singole persone... vi dico questo con rammarico, ma vi prego di mettervi anche nei panni di chi amministra la community...

    Grazie
    nico
    Mi sembra giusto.
    Potrai però capire la rabbia che ho nei confronti di questi accadimenti, che gettano fango non sul singolo uomo, ma sull'intera comunità che egli rappresenta: 60 milioni di persone.
    Questo non ha nulla a che vedere con le ideologie politiche di Berlusconi o chi per egli, e nemmeno riguarda le opinioni degli utenti a riguardo. Questa è una grave mancanza di rispetto da parte di un rappresentante, che sta lasciando senza parole non solo l'Italia, ma mezzo mondo. Non è un discorso politico, sebbene abbia manifestato la mia rabbia con l'affermazione rivolta a una categoria di elettori, ma di buon senso, di dignità, dell'uno, e degli altri al seguito. Di fronte a un avvenimento del genere non mi interessa l'idea dell'uomo politico, mi interessa sottolineare che un uomo del genere non mi rappresenta in alcun modo.
    L'articolo si commenta da sé, io non ho che manifestato il mio sdegno. Spero non verrà inteso come un attacco alla politica di destra, che ha la parola "strumentalizzazione" troppo facile. Non c'è nulla da "strumentalizzare", è una vergogna e basta.

  7. #7
    Quest'uomo è un pericolo costante per la nostra nazione, non intesa come spazio delimitato politicamente ma come popolo. Ci stà già portanto sull'orlo dell'abisso (economicamente parlando) e ci mette continuamente in pericolo di attentati con le sue dichiarazioni meschine e stupide che lui fa a nome nostro e col sorriso stolto sulle labbra, tanto lui e la sua famiglia stanno e staranno sempre benissimo ed al sicuro. Non che altri siano tanto migliori di lui ma sicuramente questo è l'uomo peggiore per avere il comando supremo del nostro paese! Oltretutto si e ci ridicolizza costantemente davanti al resto del mondo (ma si può vedere un tale clown che fà di tutto per dare spettacolo davanti a telecamere e macchine fotografiche facendo corna ed altri gesti infantili a destra e a manca?) Questo è colui che ci rappresenta nel globo........wow..........
    Tutto il resto era già noto, non so chi lo abbia rivotato ma son convinta che molti di questi ultimi si siano pentiti. Non aggiungo altro o rischio di far chiudere il topic.

  8. #8
    Postatore Compulsivo
    Data registrazione
    08-12-2001
    Residenza
    Roma
    Messaggi
    3,834
    Originariamente postato da Iggy
    Mi sembra giusto.
    Potrai però capire la rabbia che ho nei confronti di questi accadimenti, che gettano fango non sul singolo uomo, ma sull'intera comunità che egli rappresenta: 60 milioni di persone.
    Caro Iggy,

    condivido anch'io il tuo stato d'animo e nel mio post non volevo certo cazziare nessuno... sai benissimo però come vanno le cose nel forum e come d'improvviso si possa saltare dalla frasca al palo... che fa molto peggio che dal palo alla frasca...

    Il mio era solo un post preventivo: continuiamo pure a parlare con indignazione dell'accaduto, ma senza andare sul personale anche perché, come altri hanno notato, le "evidenze sono talmente evidenti" che non serve spiattellarle nel forum!


Privacy Policy