• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 2 di 2
  1. #1

    Ho fatto un sogno strano e quasi assurdo

    Andavo in una edicola,che era pure un bar,a comprare un giornale,nel sogno il prezzo era di 5,90 quando in realtà ne costa 7,90.comunque sia davo all'edicolante 10 euro e gli dicevo di darmi un gratta e vinci da 5 euro,perché credevo fosse quello con cui era più facile vincere,che così ero giusto con i soldi (anche qui invece è sbagliato perché il totale è di 10,90 non di soli 10 euro).comunque l'edicolante mi da un gratta e vinci,ma insieme anche una marea di carte da compilare,tipo quelle che ti fanno firmare in banca per capirsi,proprio per vendermi questo biglietto.dopo qualche tempo mi sono anche accorto che per tutto il sogno avevo sempre con me il mio vecchio peluche di quando ero bambino,anche dentro a questa specie di edicola.una volta uscito,non mi ricordo se alla fine il biglietto l'avessi effettivamente comprato,e dopo aver percorso un po' di strada sotto la pioggia,mi resi conto che non avevo più con me il mio peluche.disperato ritornai nel bar-edicola a cercarlo,ma era sparito nel nulla.e qui mi sono svegliato.
    devo dire che effettivamente avrei una mezza intenzione di giocare a qualche gioco tipo gratta e vinci,ho bisogno di un po' di soldi e anche una piccola vincita da poche migliaia di euro mi basterebbe.però finisce tutto qui,il resto non riesco a capire che senso abbia.sempre che ce l'abbia davvero.

  2. #2
    Matricola
    Data registrazione
    02-05-2010
    Messaggi
    15

    Riferimento: Ho fatto un sogno strano e quasi assurdo

    Proviamo a esplorare il sogno assieme. Il peluche di solito sta per la madre, una persona a cui tu sei molto legato. Nel sogno l'edicolaio, il banchiere, si comportano con te in maniera cortese e generosa: probabilmente questo ti fa piacere, ti fa sentire stimato. Proprio quando sei stimato da queste figure, si realizza la tua più grande paura: perdi l'appoggio, la madre.

    Potrebbe essere la realizzazione di un desiderio: vorresti chiedere un prestito o giocare al lotto (=rischiare di più nella vita, ma anche aprirti a nuove relazioni, a chi può darti qualcosa affettivamente), ma hai paura ad aprirti...forse perché tua madre la vedi come un ostacolo, forse perché sei tu che non riesci a separarti da lei. In questo caso entrambe le emozioni giocano un ruolo predominante: la paura che aprendoti, rischiando, tu possa perdere tua madre, e la realizzazione del desiderio che tua madre possa contare meno nelle tue scelte. Dietro la paura di perdere il peluche, c'è forse un desiderio inconscio di far si che conti di meno nelle tue scelte, nelle tue relazioni, che ti vincoli di meno. Non è facile senza associazioni libere capire quanto è corretto, però se sono ipotesi quelle che chiedi, queste sono le ipotesi che mi vengono in mente in base a quel po' che mi hai detto.
    Se, come dice Freud, il sogno è la realizzazione di un desiderio, la disperazione può cammuffare il piacere nascosto di perdere il peluche....infatti, come mai lo perdi proprio dopo aver comprato il biglietto? Perché hai fatto qualcosa che per la coscienza morale, per il super-io genitoriale, non si fa, e allora si perde l'appoggio del genitore. Sarebbe interessante, per avere conferma della correttezza dell'interpretazione, sapere a cosa ti serve il prestito, la vincita, e di cosa parla il giornale che hai comprato. Ciò che devi fare col prestito e i contenuti del giornale, in che modo sono valutati dai tuoi genitori, almeno secondo le tue fantasie?
    Ultima modifica di pincoblu : 01-02-2012 alle ore 21.00.47

Privacy Policy