• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 3 di 3
  1. #1
    monica123
    Ospite non registrato

    corso triennale counselor

    Ciao a tutti...una mia amica diplomata sta seguendo un corso triennale per counselor.....le hanno detto che dopo ci sara' un'iscrizione all'albo ed e' riconosciuto....io ho dei dubbi qualcuno di voi ne sa di piu'?Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

  2. #2
    HT Sirri
    Ospite non registrato

    Re: corso triennale counselor

    Originariamente postato da monica123
    Ciao a tutti...una mia amica diplomata sta seguendo un corso triennale per counselor.....le hanno detto che dopo ci sara' un'iscrizione all'albo ed e' riconosciuto....io ho dei dubbi qualcuno di voi ne sa di piu'?Grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee
    Che sia riconosciuto e' probabile, ma la domanda che mi sorge e': da chi?
    ;-)))

    A parte le battute, non mi risulta che il counselor sia una figura legalmente riconosciuta.
    Chiunque puo', anche andando dal notaio, costituire un albo professionale (nel senso di elenco di persone che asseriscono di svolgere un determinato lavoro), ma che questo sia una figura legalmente riconosciuta come tale il passo e' lungo.

    Altro discorso e' la serieta' e professionalita' di chi svolge un lavoro.

    Un esempio, giusto per capirsi: la figura dello psicoanalista legalmente parlando non esiste, in quanto la legge parla di psicologo e di psicoterapeuta.
    Cio' non toglie che esistano molti psicoanalisti (per la legge sono psicologi o psicoterapeuti), e che sicuramente molti di essi siano degli ottimi professionisti.

    Tu chiedigli gli estremi della legge che sancisce questo albo, e che regolamenta la professione di counselor..... credo proprio che non sappia risponderti.

    Un abbraccio,

    Stefano

  3. #3
    Partecipante L'avatar di topo1974
    Data registrazione
    24-06-2002
    Residenza
    brianza
    Messaggi
    56
    sono pienamente d'accordo!
    io mi sono iscritta ad una scuola di counselling e dopo sei mesi sono fuggita! mi facevano studiare testi che studiavano quelli dell'annessa scuola di psicoterapia, ma non potevo fare poi psicoterapia...insomma il tutto era un po' una confusione...non mi sentivo né carne né pesce...poi un giorno ad un residenziale avevano invitato gli ex allievi a parlare della loro esperienza e una di loro mi ha detto: "se mi chiedo a cosa mi è servita questa scuola, ho grosse difficoltà a trovare una risposta...so solo perchè l'ho finita: per non lasciare le cose a metà!"....in quel momento ho preso la mia borsa e me ne sono tornata a casa (e ti assicuro che nemmeno a me piace lasciare le cose a metà!)
    "le premesse sono come le piante dei piedi: non puoi vederle perché ci stai sopra."
    Gianfranco Cecchin

Privacy Policy