• Opsonline.it
  • Facebook
  • twitter
  • youtube
  • linkedin
Visualizzazione risultati 1 fino 5 di 5

Discussione: Un paradosso bioetico

  1. #1

    Un paradosso bioetico

    Salve ragazzi,
    Quello che vorrei proporvi è una questione bioetica paradossale. Stamattina ho pensato a come in un futuro la genetica potrebbe essere utilizzata per ridurre la diversità e controllare le persone, "correggendo" i difetti del DNA e portando la razza umana verso un futuro autoritario in cui non esiste altro che la normalità. Un'operazioen liberticida dalla quale la bioetica ci ha sempre messo in guardia. Mi è anche venuto in mente però, che recenti studi stanno iniziando a decifrare le basi genetiche della creatività, del senso di autoaffermazione, del desiderio di libertà. Immaginiamo adesso che in un futuro non troppo lontano gli embriologi siano in grado di manipolare queste variabili del genoma umano in modo che tutti i nuovi nati possano sviluppare queste capacità al massimo del loro potenziale. La genetica, quindi, utilizzata non per aumentare il controllo, ma proprio per garantire l'autonomia personale, l'elaborazione di nuove idee, la differenza individuale. Mettiamo anche, ai fini di questa discussione puramente teorica, che in questo processo non ci siano effetti collaterali e controindicazioni.

    A questo punto vi chiedo, saresete favorevoli o contrari a un tale genere di manipolazione genetica? Pensate che sarebbe comuqnue lesivo per la libertà e la dignità umana? Che sarebbe comunque uno strumento di controllo? Oppure potenziare quelle caratteristiche che fanno di ogni uomo un individuo diverso, libero e creativo, sarebbe qualcosa di auspicabile?
    Ultima modifica di Davidecannata : 07-11-2011 alle ore 17.29.42

  2. #2
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Tenaciaa
    Data registrazione
    05-06-2011
    Messaggi
    1,309

    Riferimento: Un paradosso bioetico

    Preferisco vedere X-MEN al cinema quindi no, la cosa non mi attira per nulla.
    Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio, il bisogno – Voltaire

  3. #3

    Riferimento: Un paradosso bioetico

    Aspetta, non ho mai detto che la cosa mi attira. Ma mi sembra una discussione più complessa degli x-man al cinema, visto che già stanno partendo terapie geniche (ad esempio contro il daltonismo) e che non è impossibile che entro non troppi anni potrebbe anche esserci una sorta di "Empowerment genetico". Ha un aspetto inquietante, ma quali sono i motivi per cui davvero potrebbe definirsi sbagliato?

  4. #4
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Distillers
    Data registrazione
    15-01-2005
    Residenza
    provincia di Torino
    Messaggi
    1,182
    Blog Entries
    2

    Riferimento: Un paradosso bioetico

    I motivi per cui è da ritenere sbagliato? Quanti ne vuoi?
    E' una cosa che al solo pensiero mette i brividi: diventare tutti una sorta di automi, anelare alla perfezione...dove andrebbe a finire la diversità che genera sviluppo? Che senso avrebbe sperimentarsi, conoscersi, imparare? E poi non dimentichiamo che l'uomo ha in sè una carica di cattiveria che viene gestita da secoli di educazione alla convivenza. Semmai dovessero crearsi davvero questi ubermensch come credi che andrebbe a finire?
    ...catastrofica? Solitamente sì, ma non in questo caso direi.
    «O siamo capaci di sconfiggere le idee contrarie con la discussione, o dobbiamo lasciarle esprimere. Non è possibile sconfiggere le idee con la forza, perché questo blocca il libero sviluppo dell'intelligenza.»
    Ernesto Guevara de la Sierna


    Il mio blog di ricette

  5. #5
    Partecipante Veramente Figo L'avatar di Tenaciaa
    Data registrazione
    05-06-2011
    Messaggi
    1,309

    Riferimento: Un paradosso bioetico

    Citazione Originalmente inviato da Davidecannata Visualizza messaggio
    Aspetta, non ho mai detto che la cosa mi attira. Ma mi sembra una discussione più complessa degli x-man al cinema, visto che già stanno partendo terapie geniche (ad esempio contro il daltonismo) e che non è impossibile che entro non troppi anni potrebbe anche esserci una sorta di "Empowerment genetico". Ha un aspetto inquietante, ma quali sono i motivi per cui davvero potrebbe definirsi sbagliato?

    Citando gli X-MEN credo di aver detto tutto.
    Se per te è riduttivo mi dispiace, sinceramente mi secca elencare il superfluo, credo che la differenza tra essere umano e queste specie di prodotti pseudoscientifici che l'onnipotenza della scienza vorrebbe creare sia abbastanza chiara, come anche tutta la questione etica.
    Ultima modifica di Tenaciaa : 09-11-2011 alle ore 13.46.42
    Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio, il bisogno – Voltaire

Privacy Policy